Amazon: indagine per pratiche anticoncorrenziali

Amazon: indagine per pratiche anticoncorrenziali

Anche l'autorità antitrust del Regno Unito ha avviato un'indagine su sospette pratiche anticoncorrenziali di Amazon nella vendita dei prodotti.
Anche l'autorità antitrust del Regno Unito ha avviato un'indagine su sospette pratiche anticoncorrenziali di Amazon nella vendita dei prodotti.

La Competition and Markets Authority (CMA) ha avviato un’indagine su possibili pratiche anticoncorrenziali di Amazon nella vendita dei prodotti e nella raccolta di dati dei venditori di terze parti. Si tratta dell’analoga indagine avviata dalla Commissione Europea a fine 2020, i cui risultati non saranno validi nel Regno Unito, in quanto il paese non è più parte dell’Unione europea.

Amazon sotto indagine anche in UK

Come è noto, Amazon vende i suoi prodotti e offre un servizio di logistica a venditori di terze parti. L’autorità antitrust del Regno Unito ha avviato un’indagine per verificare se la posizione dominante dell’azienda viene sfruttata per distorcere la concorrenza, dando un vantaggio sleale al proprio business retail o ai venditori che usano i suoi servizi.

L’indagine della CMA verrà focalizzata su tre aree: come Amazon raccoglie e usa i dati dei venditori di terze parti, quali sono i criteri di scelta dei prodotti mostrati nel “Buy Box” e quali sono i criteri per la scelta dei prodotti Prime. Si tratta solo di un’indagine iniziale (fase 1) che prevede la richiesta di informazioni e la raccolta dei feedback dalle parti interessate.

Come detto, la Commissione Europea aveva avviato un’indagine simile. Il Financial Times conferma le indiscrezioni di metà giugno. Amazon permetterà ai venditori di terze parti di accedere a più informazioni che potranno essere utili per la vendita dei prodotti sulla piattaforma. L’accordo con la Commissione europea dovrebbe essere sufficiente per porre fine all’indagine.

Il Parlamento europeo ha approvato ieri il Digital Markets Act (Legge sui mercati digitali) che impedisce ad Amazon di favorire i suoi prodotti e servizi a danno della concorrenza. In caso di violazione sono previste sanzioni fino al 20% delle entrate globali.

Aggiornamento

Così Amazon Corporate ha annunciato a commento dell’indagine della Competition and Markets Authority:

Lavoreremo a stretto contatto con la CMA durante la loro indagine, anche se crediamo di aver sempre lavorato duramente per aiutare le piccole imprese che vendono su Amazon ad avere successo, il che è nel loro e nel nostro interesse. Restiamo orgogliosi del continuo supporto che forniamo alle aziende di tutte le dimensioni in tutto il Regno Unito. Oltre il 50% di tutti i prodotti venduti su Amazon proviene da piccole imprese e le vendite dei nostri partner di vendita continuano a crescere più rapidamente delle vendite al dettaglio di Amazon. Ora ci sono più di 65.000 piccole e medie imprese nel Regno Unito che vendono su Amazon, supportando oltre 175.000 posti di lavoro in tutto il paese.

Questo articolo contiene link di affiliazione: acquisti o ordini effettuati tramite tali link permetteranno al nostro sito di ricevere una commissione.

Fonte: Gov.uk
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 6 lug 2022
Link copiato negli appunti