AMD, un nuovo SDK per le GPU

Programmazione semplificata e una maggiore interoperabilità con le DirectX 10. E' quanto offre il nuovo software development kit per le GPU ATI

Roma – AMD lo scorso venerdì ha rilasciato una versione aggiornata del proprio software development kit (SDK) per i processori grafici della linea ATI. Secondo l’azienda, Stream SDK 1.4 semplifica la programmazione delle proprie GPU e potenzia le funzionalità di GPGPU.

Il nuovo SDK migliora la gestione e la condivisione dei dati, e amplia l’interoperabilità con le API DirectX 10 di Microsoft. Quest’ultima migliora va soprattutto a beneficio degli sviluppatori di giochi per Windows, ma AMD afferma che Stream SDK 1.4 fornisce molte novità anche a chi sviluppa applicazioni tecnico-scientifiche e sfrutta le GPU come unità di calcolo general purpose.

In particolare, AMD ha esteso il supporto alle configurazioni multi-GPU, ha introdotto numeri di tipo intero a 8 e 16 bit, ha ottimizzato i trasferimenti da e verso la memoria ed ha aggiunto il supporto alle asynchronous stream write call.

AMD ha infine introdotto nel proprio SDK la tecnologia necessaria per trarre vantaggio dalle migliorie di Brook+, un noto linguaggio di programmazione GPGPU sviluppato dalla Stanford University.

Stream SDK v1.4 può essere scaricato gratuitamente da qui .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • iRoby scrive:
    Palm, non Microsoft
    Non credo proprio che M$ potrà o vorrà comprare Palm, e se lo farà sarà solo per chiuderla.Perché webOS è basato su Linux, in un certo senso M$ si troverà a vendere un concorrente del suo Windows Mobile. Oppure si troverà a vendere Linux... E ciò è proprio quello che vogliono evitare.
    • dandan scrive:
      Re: Palm, non Microsoft
      Sono d'accordo, Microsoft la escluderei a priori, non avrebbe senso acquisire Palm per il nuovo OS dato che Microsoft ha già il proprio OS basato su una piattaforma diversa; allo stesso tempo non avrebbe senso acquisire Palm per farla morire dato che non mi sembra che sia più un concorrente così temibile.Per motivi simili escluderei dall'acquisizione tutte le società che hanno già un loro OS, quindi Nokia e RIM.Samsung ed LG sembrano stare bene a braccetto con Microsoft e WinMo.SonyEricsson è sull'orlo del baratro e non me la vedo a fare acquisizioni...In pratica l'unica papabile mi sembra Dell, da un po' di tempo dice di voler entrare nel settore e tra tutte le grandi, anche nei pc, sembra quella che ha più voglia di sdoganarsi da Microsoft ...vedremo
  • anonimo scrive:
    Per la redazione
    Il primo device basato su webos arriverà entro la fine di giugno di quest'anno come più volte confermato da Palm e Sprint e non tra un anno!!!
Chiudi i commenti