Anche AMD pronta per Linux a 64 bit

AMD scalpita per iniziare i lavori di porting del kernel Linux sulla sua architettura a 64 bit, ma prima di questo dovrà aprire la sua licenza e adeguarsi alle regole della comunità open source. Per AMD Linux è una priorità


Sunnyvale (USA) – A circa un paio di settimane dall’apertura del sito x86-64.org , AMD si dice prontissima per iniziare il porting del kernel Linux sulla sua architettura a 64 bit. Per AMD il Pinguino è divenuto una priorità, sia per il ruolo strategico che nei prossimi anni rivestirà nel settore dei server, sia considerando che Microsoft non ha ancora fatto sicuro il supporto a x86-64 in Windows.

Ma prima di far partire i lavori, l’azienda si è impegnata a “correggere” la sua licenza “chiusa”, che nei giorni scorsi aveva suscitato non poche polemiche, e rispettare i termini della licenza GPL per i tool GNU che AMD ha intenzione di distribuire insieme al proprio SDK.

Nonostante queste piccole gaffe da “principiante” del mondo open source, AMD sembra aver già catturato l’attenzione di un buon numero di sviluppatori: l’obiettivo è quello di mettere a punto una versione stabile del kernel Linux x86-64 in tempo per il lancio, durante la seconda metà del 2002, della famiglia di CPU Hammer a 64 bit.

Dapprima uscirà Clawhammer, un processore dedicato al mercato desktop di fascia alta, alle workstation ed ai server dual-processor; subito dopo farà capolino Sledgehammer, la prima CPU di AMD pensata per il mercato dei server di fascia alta (a 4 e 8 vie).

Entrambe le CPU saranno fabbricate con una tecnologia Silicon-On-Insulator (SOI) a 0,13 micron che consentirà, insieme all’aumento delle prestazioni e alla diminuzione dei consumi, di portare la dimensione del chip a soli 100 mm². Secondo AMD questo influenzerà anche il fattore prezzo: Clawhammer potrebbe infatti costare addirittura meno degli attuali Duron e aprire dunque ufficialmente l’era dei 64 bit anche nel mercato desktop. Ma gli OEM sembrano meno ottimisti di AMD e prevedono che le CPU a 64 bit non avranno un immediato impatto sul mercato.

Nel frattempo dall’altro capo del filo, in casa Intel, continuano i lavori sulla già avanzata versione del kernel IA-64 di Linux a cui è stato appena aggiunto il supporto per McKinley, il successore di “vorrei ma non posso” Itanium.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Basta essere coerenti...
    Non ce problema. Bisogna affrontare il problemadal giusto punto di vista.E' davvero utile la posta elettronica oggi?Se la risposta è si basta cambiare browser oppureclient di posta elettronica.
  • Anonimo scrive:
    che merda
    di sistema per fare installare a tutti outlook.se non arriva posta da client outlook perdo il subject? preferisco perdere ie6.sto tanto bene con la 5
    • Anonimo scrive:
      Re: che merda
      - Scritto da: davex
      di sistema per fare installare a tutti
      outlook.Ma credi che sia davvero così? Non pensi che semplicemente sia un problema della beta?Giampaolo Bellavite
      • Anonimo scrive:
        Re: che merda


        Ma credi che sia davvero così? Non pensi che semplicemente sia un problema della beta?Conoscendo MS, no, sicuramente e' fatto apposta...
        • Anonimo scrive:
          Re: che merda
          - Scritto da: Obelix
          Conoscendo MS, no, sicuramente e' fatto
          apposta...Ragazzi, mi sa che siamo alla paranoia. Posso capire che un programmatore "sprechi" 3 Mb per nascondere il pinball in un foglio elettronico; posso capire (fino a un certo punto) che chi fa più di un programma tende a fare in modo che si parlino in modo "preferenziale"; non posso capire, però, come credi che un tizio possa sperare che, nascondendo il soggetto di un messaggio, la sua ditta possa trarne profitto.E' come se un produttore di autoradio ne facesse una che ti resetta la centralina dell'iniezione. Come ho già detto in precedenza: quante ne venderebbe?"Conoscendo" Microsoft, dovresti sapere che (nel bene e nel male) è grazie a loro se hai potuto scrivere questo post. Se non ti viene in mente il perchè... pensaci un po'... e ti verrà.Ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: che merda
            - Scritto da: @ngel
            Ragazzi, mi sa che siamo alla paranoia.
            Posso capire che un programmatore "sprechi"
            3 Mb per nascondere il pinball in un foglio
            elettronico; posso capire (fino a un certo
            punto) che chi fa più di un programma tende
            a fare in modo che si parlino in modo
            "preferenziale"; non posso capire, però,
            come credi che un tizio possa sperare che,
            nascondendo il soggetto di un messaggio, la
            sua ditta possa trarne profitto.
            E' come se un produttore di autoradio ne
            facesse una che ti resetta la centralina
            dell'iniezione. Come ho già detto in
            precedenza: quante ne venderebbe?

            "Conoscendo" Microsoft, dovresti sapere che
            (nel bene e nel male) è grazie a loro se hai
            potuto scrivere questo post. Se non ti viene
            in mente il perchè... pensaci un po'... e ti
            verrà.

            Ciao.Grazie a chi??????L'unica cosa di cui ringrazio M$ e' di avermi talmente nauseato che ho scoperto altri S.O.Ora mi sento libero di usare qualsiasi programma, e di vedere i bug (sugli altri S.O.)DAVVERO come un "errore" di programmazione e non un modo per nascondere l'inadeguatezza di un S.O. come solo Winzozz puo' essere.Se poi pensi che il "bug" succede solo con i messaggi NON spediti da outlook e, magari, DI SOLO TESTO, altro che pensare a male !!!!!!!!!!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: che merda
            Siete dei buffoni... Chi vuole scommettere che nella versione definitiva di IE questi bugs saranno spariti ???
        • Anonimo scrive:
          Re: che merda
          Conosci MS in che senso? Ci lavori dentro? Conosci i progettisti? Hai accesso a qualche informatore privilegato?Mi sa che ogni tanto qualcuno da fiato alla bocca.- Scritto da: Obelix


          Ma credi che sia davvero così? Non pensi
          che semplicemente sia un problema della
          beta?
          Conoscendo MS, no, sicuramente e' fatto
          apposta...
  • Anonimo scrive:
    Sarà un caso?
    Sarà un caso che i prodotti Microsoft sembrano funzionare meglio (bene mi sembra eccessivo) con gli altri prodotti Microsoft e malissimo con gli altri?Chi vorrà mandare una e-mail non HTML ad un possessore di Outlook dovrà usare Outlook!E io pago, diceva Totò...
    • Anonimo scrive:
      Re: Sarà un caso?
      Beh...io non ho mai visto nessun prodotto di una casa costruttrice andare bene con quella prodotta da un "avversario"...per fare un esempio....i caricabatterie della nokia vanno bene per i telefonini Motorola? od un altro esempio...o freni della porsche vanno bene per la Ferrari ?E' inutile...nessuna azienda produttrice farà un sistema che posso andare bene anche per altri prodotti di una casa concorrente (sempre che questo non sia un prodotto costruito secondo delle norme, ed outlook non mi sembra un prodotto normato).Io non ragiono come se il prodotto sia un prodotto informatico in quanto non me ne intendo di informatica . (magari aspetto un qualche post a carattere COSTRUTTIVO che mi possa fare chiarezza)Eppoi...a voi Outlook non va bene? Non si fa altro che cambiare client di posta...come a me non va bene IE e di conseguenza uso Opera 5.2 (che consiglio almeno di provare ;-) ) questo discorso vale ancora di piu' se questo sistema non è a pagamento (come secondo me è I.e oppure O.E.)see YaAlbiz_1999®
      • Anonimo scrive:
        Re: Sarà un caso?
        - Scritto da: albiz_1999®
        Beh...io non ho mai visto nessun prodotto di
        una casa costruttrice andare bene con quella
        prodotta da un "avversario"...per fare un
        esempio....i caricabatterie della nokia
        vanno bene per i telefonini Motorola? od un
        altro esempio...o freni della porsche vanno
        bene per la Ferrari ?la differenza sta nel fatto che il formato delle e-mail è descritto da uno standard, i carica batterie no...guarda caso, la maggior parte dei client e-mail concorrenti non interpretano le mail in html, quindi, solitamente, chi voleva spedire una lettera ed essere sicuro che fosse leggibile anche su altri client e sistemi, la scriveva in plain text... con questo "bachetto" ora non è leggibile neppure in questo caso......mi ricorda troppo il bug (appositamente inserito) che faceva bloccare win3.1 se veniva installato sopra a dr-dos...
        Eppoi...a voi Outlook non va bene? Non si fa
        altro che cambiare client di posta...ok, poi qualcuno con il nuovo outlook ti manda un mail in plain text e tu non riesci a leggerla......ma forse sono paranoico e questo è veramente un bug non voluto che verrà aggiustato nella versione finale...
        • Anonimo scrive:
          Re: Sarà un caso?

          ...mi ricorda troppo il bug (appositamente
          inserito) che faceva bloccare win3.1 se
          veniva installato sopra a dr-dos...si possono aggiungere anche le estensioni che ha aggiunto la MS alla propria versione di Kerberos, estensioni non standard che creano problemi se si cerca di allestire una rete mista... (se qualcuno ne sa di più mi corregga...)purtoppo, quella di de-standardizzare è una pratica molto comune alla MS.a tal proposito, date un occhiata a questi documenti (se non l'avete già fatto):http://www.opensource.org/halloween/halloween1.htmlhttp://www.opensource.org/halloween/halloween2.html
      • Anonimo scrive:
        Re: Sarà un caso?
        - Scritto da: albiz_1999®
        Beh...io non ho mai visto nessun prodotto di
        una casa costruttrice andare bene con quella
        prodotta da un "avversario"...per fare un
        esempio....i caricabatterie della nokia
        vanno bene per i telefonini Motorola? od un
        altro esempio...o freni della porsche vanno
        bene per la Ferrari ?Freni o caricabatterie li possono progettare come vogliono: i client email devono sottostare a specifiche norme (rfc...) quindi non li puoi fare come vuoi, o almeno li fai come vuoi basta che funzionino secondo certe regole.Già M$ aveva fatto male OE (tutti i client email nel subject di un reply mettono Re:, OE metteva R: o Ri: a seconda dei casi... conseguenza: nei newsgroup non si capiva più un cacchio perchè i msg scritti con OE non si accodavano ai thread corrispondenti...
        E' inutile...nessuna azienda produttrice
        farà un sistema che posso andare bene anche
        per altri prodotti di una casa concorrente
        (sempre che questo non sia un prodotto
        costruito secondo delle norme, ed outlook
        non mi sembra un prodotto normato).Vedi sopra... non lo è ma dovrebbe ;o)
        Eppoi...a voi Outlook non va bene? Non si fa
        altro che cambiare client di posta...come a
        me non va bene IE e di conseguenza uso OperaDifatti io uso eudora... cmq ricrediti su IE: dalla versione 5.0 è il miglior browser esistente, no doubt.
        • Anonimo scrive:
          Re: Sarà un caso?

          Difatti io uso eudora... cmq ricrediti su
          IE: dalla versione 5.0 è il miglior browser
          esistente, no doubt.no.e' il browser che renderizza meglio la maggior parte delle pagine e basta.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sarà un caso?
            - Scritto da: uno che si e' rotto di linux
            no.
            e' il browser che renderizza meglio la
            maggior parte delle pagine e basta.Scusa!!!!!! scusa se è poco.E poi il fatto che tecnicamente sia scadente è una tua opinione e basta.e firmati col tuo nome!!!
          • Anonimo scrive:
            Re: Sarà un caso?

            Scusa!!!!!! scusa se è poco.e' pochissimo.
            E poi il fatto che tecnicamente sia scadente
            è una tua opinione e basta.prova a leggere ntbugtraq poi capisci cosa puo' fare, alle volte, un sito "malizioso" al tuo pc se lo visiti con quell'affare.
            e firmati col tuo nome!!!e tu datti una calmata.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sarà un caso?
            - Scritto da: uno che si e' rotto di linux
            prova a leggere ntbugtraq poi capisci cosa
            puo' fare, alle volte, un sito "malizioso"
            al tuo pc se lo visiti con quell'affare.e se hai icq, e se usi netscape, e se ti colleghi a un server napster, e se usi vnc, e se giochi a quake 3, e...Insomma, tutto è pericoloso...E ti ricordo che se in un'azienda visitano un sito che tu definisci "malizioso" poi non possono venirmia dire che non se la sono cercata!cmq reinstalli tutto e in 1 ora te la cavi... (installazione del so sui client da 2000 server)
          • Anonimo scrive:
            Re: Sarà un caso?/2

            e tu datti una calmata.Guarda che io SONO calmo......e mi pare che siamo andati anche un po' OT...
          • Anonimo scrive:
            Re: Sarà un caso?


            e' il browser che renderizza meglio la maggior parte delle pagine e basta.No. E' il browser per cui sono fatte le pagine.E' lo stesso discorso di OutLook: i server non-MS danno pagine 'uguali' a tutti, i server MS usano pagine che IE rende meglio...
          • Anonimo scrive:
            Re: Sarà un caso?
            - Scritto da: obelix


            e' il browser che renderizza meglio la
            maggior parte delle pagine e basta.
            No. E' il browser per cui sono fatte le
            pagine.Infatti. Io scrivo pagine ottimizzate per IE ed è logico che con lui vanno meglio. Anche un tempo c'era, vi ricordate?? tutti i siti avevano quella gif "ottimizzato per Netscape, 800x600"...
            E' lo stesso discorso di OutLook: i server
            non-MS danno pagine 'uguali' a tutti, i
            server MS usano pagine che IE rende
            meglio...Questa è la cazzata della settimana. I server MS danno, come i server non-MS, solo le pagine che gli metti dentro.Se io scrivo una pagina ottimizzata per IE e la metto a disposizione con websphere, tu *potresti* (sottolineo il condizionale) vederla non correttamente con netscape...
          • Anonimo scrive:
            Re: Sarà un caso?
            - Scritto da: obelix


            e' il browser che renderizza meglio la
            maggior parte delle pagine e basta.
            No. E' il browser per cui sono fatte le
            pagine.
            E' lo stesso discorso di OutLook: i server
            non-MS danno pagine 'uguali' a tutti, i
            server MS usano pagine che IE rende
            meglio...Questa è proprio forte..!Ce lo vedi un produttore di pneumatici a fare gomme triangolari? Quante ne venderebbe?
          • Anonimo scrive:
            Re: Sarà un caso?
            - Scritto da: @ngel
            Questa è proprio forte..!
            Ce lo vedi un produttore di pneumatici a
            fare gomme triangolari? Quante ne
            venderebbe?microsoft le fa da una vita e a quanto pare riesce anche a venderle (meglio: trova polli che le comprano)
          • Anonimo scrive:
            Re: Sarà un caso?
            - Scritto da: munehiro
            microsoft le fa da una vita e a quanto pare
            riesce anche a venderle (meglio: trova polli
            che le comprano)Beh, "polli" sono un po' tantini rispetto ai "non-polli"...EVIDENTEMENTE, anche i mozzi sono triangolari. Ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sarà un caso?
            - Scritto da: @ngel
            - Scritto da: munehiro

            microsoft le fa da una vita e a quanto
            pare

            riesce anche a venderle (meglio: trova
            polli

            che le comprano)

            Beh, "polli" sono un po' tantini rispetto ai
            "non-polli"...
            EVIDENTEMENTE, anche i mozzi sono
            triangolari.

            Ciao.
            No, semplicemente vi hanno convinto che le gomme DEVONO essere triangolari altrimenti non "girano" sulle "loro" strade...
          • Anonimo scrive:
            Re: Sarà un caso?
            - Scritto da: uno che si e' rotto di linux
            no.
            e' il browser che renderizza meglio la
            maggior parte delle pagine e basta.E perchè, tu col browser cos'altro ci fai?Ah, ho capito. Forse parli del supporto agli script... Mai provato a far funzionare qualcosa in JavaScript con un Netscape? Eh.. Eh.. EH...! Buona fortuna.
      • Anonimo scrive:
        Re: Sarà un caso?
        - Scritto da: albiz_1999®
        Beh...io non ho mai visto nessun prodotto di
        una casa costruttrice andare bene con quella
        prodotta da un "avversario"...per fare un
        esempio....i caricabatterie della nokia
        vanno bene per i telefonini Motorola? Entrambi si possono attaccare alla stessa presa di corrente. Inoltre con un telefonino Nokia posso chiamare un mio amico con il Motorola, senza che la mia voce venga cancellata.Esiste una cosa che si chiama standard, grazie al quale internet è diventato quello che è (con buona pace di MSN), e tale standard deve essere rispettato.Una divagazione: il formato Word, Excel ecc... NON sono standard, anche se viene usato da molti. Si tratta di formati proprietari, le cui specifiche sono segrete. Di conseguenza NON dovrebbero essere usate su internet. Questo molti non lo sanno, di sicuro non lo sa il webmaster del ministero dell'industria.
        Io non ragiono come se il prodotto sia un
        prodotto informatico in quanto non me ne
        intendo di informatica . (magari aspetto un
        qualche post a carattere COSTRUTTIVO che mi
        possa fare chiarezza)Come ti ho appena spiegato, internet è diventato un fenomeno planetario grazie alla standardizzazione dei formati e dei protocolli di trasmissione.
        Eppoi...a voi Outlook non va bene? Non si fa
        altro che cambiare client di posta...come a
        me non va bene IE e di conseguenza uso Opera
        5.2 (che consiglio almeno di provare ;-) )
        questo discorso vale ancora di piu' se
        questo sistema non è a pagamento (come
        secondo me è I.e oppure O.E.)Su questo non c'è dubbio (in tutti i posti dove ho lavorato, la prima cosa che ho fatto è stato disabilitare outlook come client predefinito), il fatto è che pressochè tutti i pc vengono venduti con quel prodotto installato, e, di conseguenza, quasi tutti lo usano. Se (quando?) MS inventerà un protocollo di trasmissione mail non standard, tutti gli utenti che usano quella roba invieranno mail non standard (già lo fanno, per esempio con R: al posto di Re:, oppure con la signature sbagliata...), e allora cominceranno a dire che l'unico client mail decente è outlook ecc... ecc...E' necessario che tutti capiscano queste cose, per la salvaguardia della libertà su internet.CiaoDiego
        • Anonimo scrive:
          Re: Sarà un caso?
          Grazie. Finalmente un intervento ragionevolmente imparziale, di sicuro calmo e comprensibile. - Scritto da: Diego


          - Scritto da: albiz_1999®

          Beh...io non ho mai visto nessun prodotto
          di

          una casa costruttrice andare bene con
          quella

          prodotta da un "avversario"...per fare un

          esempio....i caricabatterie della nokia

          vanno bene per i telefonini Motorola?

          Entrambi si possono attaccare alla stessa
          presa di corrente. Inoltre con un telefonino
          Nokia posso chiamare un mio amico con il
          Motorola, senza che la mia voce venga
          cancellata.
          Esiste una cosa che si chiama standard,
          grazie al quale internet è diventato quello
          che è (con buona pace di MSN), e tale
          standard deve essere rispettato.
          Una divagazione: il formato Word, Excel
          ecc... NON sono standard, anche se viene
          usato da molti. Si tratta di formati
          proprietari, le cui specifiche sono segrete.
          Di conseguenza NON dovrebbero essere usate
          su internet. Questo molti non lo sanno, di
          sicuro non lo sa il webmaster del ministero
          dell'industria.


          Io non ragiono come se il prodotto sia un

          prodotto informatico in quanto non me ne

          intendo di informatica . (magari aspetto
          un

          qualche post a carattere COSTRUTTIVO che
          mi

          possa fare chiarezza)

          Come ti ho appena spiegato, internet è
          diventato un fenomeno planetario grazie alla
          standardizzazione dei formati e dei
          protocolli di trasmissione.


          Eppoi...a voi Outlook non va bene? Non si
          fa

          altro che cambiare client di posta...come
          a

          me non va bene IE e di conseguenza uso
          Opera

          5.2 (che consiglio almeno di provare ;-) )

          questo discorso vale ancora di piu' se

          questo sistema non è a pagamento (come

          secondo me è I.e oppure O.E.)

          Su questo non c'è dubbio (in tutti i posti
          dove ho lavorato, la prima cosa che ho fatto
          è stato disabilitare outlook come client
          predefinito), il fatto è che pressochè tutti
          i pc vengono venduti con quel prodotto
          installato, e, di conseguenza, quasi tutti
          lo usano. Se (quando?) MS inventerà un
          protocollo di trasmissione mail non
          standard, tutti gli utenti che usano quella
          roba invieranno mail non standard (già lo
          fanno, per esempio con R: al posto di Re:,
          oppure con la signature sbagliata...), e
          allora cominceranno a dire che l'unico
          client mail decente è outlook ecc... ecc...

          E' necessario che tutti capiscano queste
          cose, per la salvaguardia della libertà su
          internet.

          Ciao
          Diego
          • Anonimo scrive:
            Re: Sarà un caso?
            - Scritto da: dectop
            Grazie. Finalmente un intervento
            ragionevolmente imparziale, di sicuro calmo
            e comprensibile. gia'.. peccato che restera' un abbaiare alla luna. Quando avremo client di posta che si scambiano messaggi in .doc criptati con chiave segreta microsoft (embedded nel client di posta) con un protocollo tutto suo, solo via M$ exchange (altrimenti il messaggio verra' droppato da un postfix "fuori standard") allora chi sara' nello "standard"? la massa di utilizzatori di OE o il popolo degli aderenti agli standard _veri_ che usa l'rfc come riferimento per le comunicazioni? E ovviamente, ci sara' qualcuno che dira' che gli altri client di posta sono schifezze, perche' non rispettano gli "standard" di casa microsoft.io proporrei una cosa. Diffida e impedimento alla diffusione commerciale di qualsiasi entita' che modifichi o adotti uno standard senza rendere nuovamente pubbliche le specifiche. Credo che forse in questo modo si potrebbe finalmente giocare ad armi pari.O dobbiamo iniziare a temere che le macchine M$ win facciano una "internet a parte" di proprieta' di microsoft ?Ad ogni modo, per tornare in topic, penso che quello espresso nell'articolo sia un semplice bug. D'altro canto a redmond ne sanno produrre in grande quantita' e dai comportamenti piu' stravaganti e bizzarri. Uniamo a qyesto il fatto che e' una beta e il risultato e' quello. Insomma, nessuno e' perfetto, e le beta esistono proprio per togliere gli ultimi bachi palesi rimasti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sarà un caso?
            - Scritto da: munehiro

            gia'.. peccato che restera' un abbaiare alla
            luna. Quando avremo client di posta che si
            scambiano messaggi in .doc criptati con
            chiave segreta microsoft (embedded nel
            client di posta) con un protocollo tutto
            suo, solo via M$ exchange (altrimenti il
            messaggio verra' droppato da un postfix
            "fuori standard") allora chi sara' nello
            "standard"? la massa di utilizzatori di OE o
            il popolo degli aderenti agli standard
            _veri_ che usa l'rfc come riferimento per le
            comunicazioni? E ovviamente, ci sara'
            qualcuno che dira' che gli altri client di
            posta sono schifezze, perche' non rispettano
            gli "standard" di casa microsoft.Per questo l'informazione è importante. Se qualcuno vi manda un mail fuori standard, chiedete di rimandarvela, spiegategli come fare, rompete le p@##e fino a quando non lo capiscono. Questo vale anche e soprattutto per gli enti istituzionali e della pubblica amministrazione che pubblicano documenti in formato word o excel.
            io proporrei una cosa. Diffida e impedimento
            alla diffusione commerciale di qualsiasi
            entita' che modifichi o adotti uno standard
            senza rendere nuovamente pubbliche le
            specifiche. Credo che forse in questo modo
            si potrebbe finalmente giocare ad armi pari.Non si tratta di una guerra tra questo o quel prodotto, ma semplicemente della difesa della libertà di tutti.Per diffidare delle cose fuori standard bisogna sapere che sono fuori standard. Sai che molti considerano un merito della MS l'aver creato degli standard? Ci credi? Quando li sento gli chiedo: "a parte ODBC, quali altri?" :-)))
            O dobbiamo iniziare a temere che le macchine
            M$ win facciano una "internet a parte" di
            proprieta' di microsoft ?Ci hanno già provato e non ci sono riusciti.
            Uniamo a qyesto il fatto che e' una beta e
            il risultato e' quello. Insomma, nessuno e'
            perfetto, e le beta esistono proprio per
            togliere gli ultimi bachi palesi rimasti.Perfettamente d'accordo su questo, ma l'articolo mi è servito per esternare le mie turbe telematico-filosofiche :-)CiaoDiego
          • Anonimo scrive:
            Re: Sarà un caso?
            - Scritto da: munehiro
            gia'.. peccato che restera' un abbaiare alla
            luna. Quando avremo client di posta che si
            scambiano messaggi in .doc criptati con
            chiave segreta microsoft (embedded nel
            client di posta) con un protocollo tutto
            suo, solo via M$ exchange (altrimenti il
            messaggio verra' droppato da un postfix
            "fuori standard") allora chi sara' nello
            "standard"? la massa di utilizzatori di OE o
            il popolo degli aderenti agli standard
            _veri_ che usa l'rfc come riferimento per le
            comunicazioni?Minchia! Non ti pare un po' esagerato? Guarda che siamo in regime di libero mercato (almeno in buona parte del mondo): se qualcuno è in grado di creare qualcosa di buono e lo riesce a diffondere e, soprattutto, riesce a far fare soldi a chi lo usa... vince e buon per lui.Lo scenario che hai descritto come fosse la fine del mondo ce l'hai intorno tutti i giorni e nemmeno te ne rendi conto. Prova un po' ad entrare in Internet (libera e accessibile a tutti) utilizzando un protocollo diverso dal TCP/IP... e vedi se non esiste già di fatto un qualche tipo di "cospirazione planetaria" che impedisce a te, paladino delle libertà, di comunicare col resto del mondo utilizzando il protocollo XYZ/K, bello, stabile, a forma di pinguino e magari nato dal sacrosanto lavoro di uno stuolo di programmatori "aperti" e tutti amici... ;-
            The Matrix has you... Non ti senti già dentro uno di quei bozzoli?Purtroppo (almeno per te, sembra) al mondo ci sono le regole, e queste servono a far sì che il tizio eschimese parli con l'ugandese senza doversi prima inventare nulla. O a te per farti usare il bancomat; o la macchina; o il telefonino (ce l'hai, vero? -- "Cacchio, perchè non ho il sorgente del suo S.O.? AARGH! Non è OPEN! ANATEMA!"); o il frullatore (mai provato a infilare una spina tonda in un buco quadrato? O a fare andare il tostapane a noccioline invece che a corrente elettrica? Come te li fai i toast, tu?). Forse sarebbe bello se si potesse fare quello che si vuole... ma, forse, questo varrebbe solo se si sta chiusi in una stanza a parlare con uno specchio.
            io proporrei una cosa. Diffida e impedimento
            alla diffusione commerciale di qualsiasi
            entita' che modifichi o adotti uno standard
            senza rendere nuovamente pubbliche le
            specifiche. Credo che forse in questo modo
            si potrebbe finalmente giocare ad armi pari.E già... tutto un mondo di gioia e spensieratezza, vero?
            O dobbiamo iniziare a temere che le macchine
            M$ win facciano una "internet a parte" di
            proprieta' di microsoft ?O dobbiamo tremare rendendoci conto che TUTTI i computer esistenti funzionano basandosi su un dispotico e oppressivo SISTEMA BINARIO?Se funziona, perchè no? Sicuramente si può fare di meglio... domani... ma intanto perchè incazzarsi? 10010010011110101001110101010.....
            Ad ogni modo, per tornare in topic, penso
            che quello espresso nell'articolo sia un
            semplice bug. D'altro canto a redmond ne
            sanno produrre in grande quantita' e dai
            comportamenti piu' stravaganti e bizzarri.
            Uniamo a qyesto il fatto che e' una beta e
            il risultato e' quello. Insomma, nessuno e'
            perfetto, e le beta esistono proprio per
            togliere gli ultimi bachi palesi rimasti.Parole sante.Ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sarà un caso?
            - Scritto da: @ngel
            Minchia! Non ti pare un po' esagerato?
            Guarda che siamo in regime di libero mercato
            (almeno in buona parte del mondo): se
            qualcuno è in grado di creare qualcosa di
            buono e lo riesce a diffondere e,
            soprattutto, riesce a far fare soldi a chi
            lo usa... vince e buon per lui.Con tutte le limitazioni del caso."Tifenteremo patroni ti mondo!!!"
            Lo scenario che hai descritto come fosse la
            fine del mondo ce l'hai intorno tutti i
            giorni e nemmeno te ne rendi conto. Prova un
            po' ad entrare in Internet (libera e
            accessibile a tutti) utilizzando un
            protocollo diverso dal TCP/IP... e vedi se
            non esiste già di fatto un qualche tipo di
            "cospirazione planetaria" che impedisce a
            te, paladino delle libertà, di comunicare
            col resto del mondo utilizzando il
            protocollo XYZ/K, bello, stabile, a forma di
            pinguino e magari nato dal sacrosanto lavoro
            di uno stuolo di programmatori "aperti" e
            tutti amici... ;-
            Mi sembra sia evidente la differenza tra lo standard TCP/IP e il non standard .docMi sembravi d'accordo su questo.
            Purtroppo (almeno per te, sembra) al mondo
            ci sono le regole, e queste servono a far sì
            che il tizio eschimese parli con l'ugandese
            senza doversi prima inventare nulla.Esatto. Stiamo parlando di STANDARD. Il formato .doc con cui molti inviano mail NON è standard. Punto.
            Forse sarebbe bello se si potesse fare
            quello che si vuole... ma, forse, questo
            varrebbe solo se si sta chiusi in una stanza
            a parlare con uno specchio.Di nuovo d'accordo. Ergo, non usare formati proprietari (anche se molti li usano).
            E già... tutto un mondo di gioia e
            spensieratezza, vero?No, ma internet continuerà ad esistere.
            O dobbiamo tremare rendendoci conto che
            TUTTI i computer esistenti funzionano
            basandosi su un dispotico e oppressivo
            SISTEMA BINARIO?
            Se funziona, perchè no? Sicuramente si può
            fare di meglio... domani... ma intanto
            perchè incazzarsi?
            10010010011110101001110101010.....Ancora!Il sistema binario è:1. Utilizzabile liberamente da tutti2. Perfettamente documentatoIl formato .doc è1. Proprietario2. Dalle specifiche segreteConclusione: io posso (se sono abbastanza figo) costruirmi una macchinetta che produce bit in modo da poter navigare in internet.Non posso invece costruire un aggieggio che legga e scriva il formato .doc, senza l'autorizzazione del suo proprietario.Chiara la differenza?CiaoDiego
          • Anonimo scrive:
            Re: Sarà un caso?
            - Scritto da: @ngel
            giorni e nemmeno te ne rendi conto. Prova un
            po' ad entrare in Internet (libera e
            accessibile a tutti) utilizzando un
            protocollo diverso dal TCP/IP... e vedi se
            non esiste già di fatto un qualche tipo di
            "cospirazione planetaria" che impedisce a
            te, paladino delle libertà, di comunicare
            col resto del mondo utilizzando il
            protocollo XYZ/K, bello, stabile, a forma di
            pinguino e magari nato dal sacrosanto lavoro
            di uno stuolo di programmatori "aperti" e
            tutti amici... ;-
            protocollo ip : rfc 791protocollo icmp: rfc 792protocollo udp : rfc 768protocollo tcp : rfc 793sono _standard_ aperti e disponibili a tutti. non proprietari. Se tu vuoi usare il protocollo XYZ/K, nessuno ti impedisce di usarlo, ma per usarlo su internet non avresti successo. Se pero' inizi a dire che il protocollo XYZ/K e' di proprieta' di microsoft corporation e improvvisamente non entri piu' in rete se non usi quel protocollo (e per usarlo devi pagargli delle royalty oppure usare esclusivamente M$ win2342 al modico prezzo di 2000 $) allora credo che la cosa seccherebbe anche a te.
            The Matrix has you... Non ti senti già
            dentro uno di quei bozzoli?io no. uso linux
            Purtroppo (almeno per te, sembra) al mondo
            ci sono le regole, e queste servono a far sì
            che il tizio eschimese parli con l'ugandese
            senza doversi prima inventare nulla. benissimo. Abbiamo scelto l'inglese. No problem. ma non credo che il governo inglese ti imponga di prendere la cittadinanza brittanica (e pagare le tasse per la regina) se parli inglese ad una conferenza.
            O a te
            per farti usare il bancomat; o la macchina;
            o il telefonino (ce l'hai, vero? --
            "Cacchio, perchè non ho il sorgente del suo
            S.O.? AARGH! Non è OPEN! ANATEMA!"); o il
            frullatore (mai provato a infilare una spina
            tonda in un buco quadrato? O a fare andare
            il tostapane a noccioline invece che a
            corrente elettrica? Come te li fai i toast,
            tu?). Forse sarebbe bello se si potesse fare
            quello che si vuole... ma, forse, questo
            varrebbe solo se si sta chiusi in una stanza
            a parlare con uno specchio.questo e' un discorso che hai partorito in un attimo in cui non sapevi cosa dire ... e difatti si vede.
            E già... tutto un mondo di gioia e
            spensieratezza, vero?no... tutto un mondo che rispetta gli standard.Lingua, matematica, tcp/ip, telefonia, gsm, umts. O forse era meglio quando gli arabi scrivevano 4 e i romani IV ?Lo sai vero che il DNA si scrive uguale in tutto il mondo? L'acido solforico, il cloruro di sodio. Se tu vuoi chiamare il sodio (simbolo chimico Na) tiruciovio (simbolo chimico Tcv) , nessun problema. Nessuno ti impedisce di farlo, ma tutta la comunita' scientifica ti ridera' dietro, perche' c'e' uno standard aperto che si chiama Tavola periodica degli elementi su cui la IUPAC, una commissione sugli standard, ha preso una decisione univoca e aperta. Vediamo se riesci a immaginare un mondo in cui i giapponesi scrivono le formule in un modo, gli americani in un altro e i tedeschi in un altro ancora.. e poi vediamo se muori ancora di poliomelite e sifilide.
            O dobbiamo tremare rendendoci conto che
            TUTTI i computer esistenti funzionano
            basandosi su un dispotico e oppressivo
            SISTEMA BINARIO?anche quello non e' affatto oppressivo. Se riesci a implementare un chip che lavora con piu' livelli di stato, nessun problema. Dovrai solo adattare lo strato ad alto livello. Pero' non mi risulta che nessuno possieda la numerazione binaria ed impedisca agli altri di usarla, cosa che invece con il formato wma, il doc, e molti altri accade, tutti i giorni.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sarà un caso?
            - Scritto da: munehiro

            Lo sai vero che il DNA si scrive uguale in
            tutto il mondo? L'acido solforico, il
            cloruro di sodio. Se tu vuoi chiamare il
            sodio (simbolo chimico Na) tiruciovio
            (simbolo chimico Tcv) , nessun problema.Ok in linea di principio concordo sul fatto di seguire gli standard. D'accordissimo.Pero':1) Non puoi obbligare a diffondere il formato di un file (.DOC per es.) solo perchè è diffuso. E' una forzatura, mi sembra l'idea di togliere qualche straniero ad una squadra solo perchè sta vincendo (io la vedo cosi').2) Se qualcuno non segue gli standard può farlo anche per convinzioni personali. La notazione romana venne soppiantata da quella araba perchè più efficiente per i calcoli. Proprio per la matematica esistono più convenzioni, per esempio le sommatorie le puoi scrivere in più modi (conv. di Einstein per esempio... o cose simili). L'importante è capirsi.Anche nella chimica c'erano più notazioni, no? Per indicare una molecola organica, ma anche nomi diversi (esempio acido muriatico o cloridrico, correggimi se sbaglio). C'è ancora oggi questo problema?Ad ogni modo, secondo me è importante O seguire gli standard OPPURE proporne di nuovi, DISTINTI. Certo non implementarli e poi modificarli (Vedi Java-MS).Se poi, per analogia con Java, invece .NET e affini non piacciono, beh sono problemi MS. Vorrà dire che sarà un esperimento fallito. Ma è suo diritto provare.Almeno NON è Java taroccato, Almeno ha un nome diverso. E' una cosa diversa. Ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sarà un caso?
            - Scritto da: munehiro
            O dobbiamo iniziare a temere che le macchine
            M$ win facciano una "internet a parte" di
            proprieta' di microsoft ?c'hanno già provato, msn all'inizio il progetto era proprio questo, ma gli è andata buca...
      • Anonimo scrive:
        Re: Sarà un caso?
        - Scritto da: albiz_1999®
        Beh...io non ho mai visto nessun prodotto di
        una casa costruttrice andare bene con quella
        prodotta da un "avversario"...per fare un
        esempio....i caricabatterie della nokia
        vanno bene per i telefonini Motorola? od un
        altro esempio...o freni della porsche vanno
        bene per la Ferrari ?
        Guarda che qui si sta parlando di un client di posta elettronica, che deve essere concepito (per definizione) per essere "compatibile" col resto del mondo. E, comunque, il punto non è questo. Qui si sta parlando di software in versione Beta, "dato in giro" alla gente proprio per spremerlo e tirarne fuori i bachi. E' normale che abbia qualche problema.
        E' inutile...nessuna azienda produttrice
        farà un sistema che posso andare bene anche
        per altri prodotti di una casa concorrente
        (sempre che questo non sia un prodotto
        costruito secondo delle norme, ed outlook
        non mi sembra un prodotto normato).
        ?!?!? "Normato"? A quali "norme" ti riferisci? ?!?!? Se parli delle "norme" della posta elettronica (standard, protocolli, ecc.), beh... mi sa che Outlook e compagnia bella siano proprio quelli che le "norme" le implementino più di tutti. Mai provato a leggere un messaggio di posta che è passato per un client Eudora? Hai visto che fine fanno le lettere accentate?
        Io non ragiono come se il prodotto sia un
        prodotto informatico in quanto non me ne
        intendo di informatica . (magari aspetto un
        qualche post a carattere COSTRUTTIVO che mi
        possa fare chiarezza)
        Qual'è la domanda?
        Eppoi...a voi Outlook non va bene? Non si fa
        altro che cambiare client di posta...come a
        me non va bene IE e di conseguenza uso Opera
        5.2 (che consiglio almeno di provare ;-) )
        questo discorso vale ancora di piu' se
        questo sistema non è a pagamento (come
        secondo me è I.e oppure O.E.)?!?!?!? IE a pagamento? ?!?!? E come, scusa? Mi sembra che sia proprio Opera che ti spara i banner pubblicitari!
        • Anonimo scrive:
          Re: Sarà un caso?
          - Scritto da: @ngel
          Guarda che qui si sta parlando di un client
          di posta elettronica, che deve essere
          concepito (per definizione) per essere
          "compatibile" col resto del mondo. Esatto.
          E, comunque, il punto non è questo. Qui si sta
          parlando di software in versione Beta, "dato
          in giro" alla gente proprio per spremerlo e
          tirarne fuori i bachi. E' normale che abbia
          qualche problema.Esatto. Io credo sinceramente che si tratti di problemi, ma come diceva un tizio "A pensare male si fa peccato, ma ci si azzecca quasi sempre"
          ?!?!? "Normato"? A quali "norme" ti
          riferisci? ?!?!? Se parli delle "norme"
          della posta elettronica (standard,
          protocolli, ecc.), beh... mi sa che Outlook
          e compagnia bella siano proprio quelli che
          le "norme" le implementino più di tutti.Non so cosa intendi per "compagnia bella", ma Outlook di sicuro non è standard: di default invia mail in HTML, mette R: al posto di Re:, divide la signature dal resto del corpo del messaggio con -- (senza lo spazio successivo), utilizza un formato mime modificato per gli allegati...
          Mai provato a leggere un messaggio di posta che
          è passato per un client Eudora? Hai visto
          che fine fanno le lettere accentate?Uso Eudora dall'ufficio, non mi risulta nessun problema.CiaoDiego
          • Anonimo scrive:
            Re: Sarà un caso?

            Non so cosa intendi per "compagnia bella",Intendevo Outlook e Outlook Express...
            ma Outlook di sicuro non è standard: di
            default invia mail in HTML, mette R: al
            posto di Re:, divide la signature dal resto
            del corpo del messaggio con -- (senza lo
            spazio successivo), utilizza un formato mime
            modificato per gli allegati...Ach! Hai ragione. Riguardo alla R: o al Ri:, l'avevo notato ma non mi ha infastidito più di tanto... comunque è giusto: non è standard.
            Uso Eudora dall'ufficio, non mi risulta
            nessun problema.Mi riferisco a mesi e mesi di corrispondenza con un cliente di Bologna passati a interpretare mail del tipo "Ciao ► molto che [...] per la cittÆ ß─} ...". Loro dicono che hanno il problema con tutti i loro corrispondenti e che dipende da Eudora. Sarà vero? Ma, forse, da loro è solo configurato male...Ciao.

            Ciao
            Diego
          • Anonimo scrive:
            Re: Sarà un caso? /2
            - Scritto da: Diego
            Non so cosa intendi per "compagnia bella",
            ma Outlook di sicuro non è standard: di
            default invia mail in HTML, mette R: al
            posto di Re:, divide la signature dal resto
            del corpo del messaggio con -- (senza lo
            spazio successivo), utilizza un formato mime
            modificato per gli allegati...Comunque mi sembra che tutti questi aspetti siano personalizzabili in Outlook... è che, per default, ne vengono presentati di fuori dal comune.Ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: Sarà un caso? /2
            - Scritto da: @ngel
            Comunque mi sembra che tutti questi aspetti
            siano personalizzabili in Outlook... è che,
            per default, ne vengono presentati di fuori
            dal comune.Onestamente non lo conosco benissimo, ma ho sentito dire che se aggiungi a mano lo spazio dopo il -- della signature, outlook te la cancella.Comunque il problema è che il default non è standard. L'utente normale, appena riesce ad inviare una mail, non tocca più nulla nella configurazione, e quindi invia messaggi fuori standard, magari senza saperlo. Se nessuno glielo dice arriveremo a scambiarci messaggi cifrati decifrabili solo da questo o da quel software :-(E' per questo che secondo me è più importante che l'utente medio diventi "un po' più evoluto" piuttosto che i programmi diventino a prova di idiota; altrimenti avremo una massa di idioti che usano la rete...E con questo sono andato definitivamente OT.CiaoDiego
    • Anonimo scrive:
      Re: Sarà un caso?
      - Scritto da: FF
      Sarà un caso che i prodotti Microsoft
      sembrano funzionare meglio (bene mi sembra
      eccessivo) con gli altri prodotti Microsoft
      e malissimo con gli altri?
      Chi vorrà mandare una e-mail non HTML ad un
      possessore di Outlook dovrà usare Outlook!Ma cosa stai dicendo? Stiamo parlando di software in beta!L'hai installato? L'hai provato? Hai dato un contributo? No? E allora...!E, comunque, no: non è un caso. C'è un disegno ben preciso dietro questo fatto: è un complotto a livello interplanetario teso alla destabilizzazione dei governi e a favorire il proliferare di caste di opinionisti monotematici come non se ne erano mai viste prima...Alien fa proseliti...
      • Anonimo scrive:
        Re: Sarà un caso?
        - Scritto da: @ngel
        - Scritto da: FF

        Sarà un caso che i prodotti Microsoft

        sembrano funzionare meglio (bene mi sembra

        eccessivo) con gli altri prodotti
        Microsoft

        e malissimo con gli altri?

        Chi vorrà mandare una e-mail non HTML ad
        un

        possessore di Outlook dovrà usare Outlook!

        Ma cosa stai dicendo? Stiamo parlando di
        software in beta!
        L'hai installato? L'hai provato? Hai dato un
        contributo? No? E allora...!

        E, comunque, no: non è un caso. C'è un
        disegno ben preciso dietro questo fatto: è
        un complotto a livello interplanetario teso
        alla destabilizzazione dei governi e a
        favorire il proliferare di caste di
        opinionisti monotematici come non se ne
        erano mai viste prima...

        Alien fa proseliti...Per i programmatori "seri" le versioni Beta sono versioni "quasi" definitive dove i bug da scoprire sono quelli piu' difficili,insidiosi e non uno "svarione" come quello qui commentato.Comunque, se metti insieme i vari "bug" (parlo delle informazioni contenute nei file .doc/.xls ecc., trasmissioni di informazioni a tua insaputa verso mamma Redmond ecc. ecc.) ce n'e' da pensare.....Meditate gente, meditate......
    • Anonimo scrive:
      Re: Sarà un caso?
      Ma allora non capite proprio un cazzo... Sapete cosa significa "BETA" ?!
    • Anonimo scrive:
      Re: Sarà un caso?
      - Scritto da: FF
      Sarà un caso che i prodotti Microsoft
      sembrano funzionare meglio (bene mi sembra
      eccessivo) con gli altri prodotti Microsoft
      e malissimo con gli altri?Mai sentito parlare di beta? Sai, sono quei prodotti non ancora rilasciati che possono avere qualche baco.

      E io pago, diceva Totò...Sei l'unico al mondo. Per gli altri IE è gratis. Anzi credo che a Microsoft stiano cercando di fare un culo così proprio per il fatto che IE è gratis.
Chiudi i commenti