Android, l'invasione delle app infette

Milioni di utenti avrebbero scaricato un nuovo trojan diffusosi attraverso un pacchetto di 13 applicazioni a sfondo ludico. Trafugati dati personali e numeri di telefono?

Roma – Avrebbe colpito milioni di utenti del sistema operativo mobile di Google, scalando rapidamente la classifica delle infezioni più estese tra i meandri di Android. Il trojan noto come Android.Counterclank sarebbe stato installato involontariamente attraverso un gruppo di 13 applicazioni a sfondo videoludico .

Versione aggiornata del trojan Tonclank , il malware è stato identificato dagli esperti di Symantec, società specializzata in sicurezza informatica. Il codice maligno sarebbe stato incluso nel pacchetto software Apperhand, su 13 applicazioni mobile come ad esempio Deal & Be Millionaire o Sexy Girls Photo Game .

Sempre secondo Symantec , la nuova versione del trojan avrebbe permesso la fuga dei dati personali – in primis numeri di telefono e seriali dei singoli dispositivi – appartenenti ai downloader delle applicazioni. Nel caso di Deal & Be Millionaire , il malware permetterebbe senza autorizzazione attività come la rimozione di determinate icone sullo schermo . (M.V.)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • MacGeek scrive:
    Buon tecnico, non significa buon leader
    Rubinstein è un tipo come Wozniak, un genio dell'hardware.Ma poi si è montato la testa e ha creduto di poter guidare un'azienda tecnologica. Puntando oltretutto su qualcosa di cui non era particolarmente competente: il software, cioè WebOS.E quindi ha portato Palm alla disfatta e all'inevitabile vendita. E poi ha fallito anche in HP.Mi ricorda un po' Schwartz, l'ultimo CEO di SUN. Un bravo ragazzo, ma senza le capacità di condurre un'azienda delle dimensioni di SUN, decretandone la fine.Comunque Rubinstein non morirà di fame. I suoi fantastiliardi si li è già incassati quando lavorava per Jobs.
Chiudi i commenti