Android su Intel, il benchmark è truccato?

Polemiche sulle performance superiori del SoC Atom montato dal Lenovo K900 rispetto alla CPU del Samsung Galaxy S4. Una versione aggiornata di AnTuTu riporta ARM in vetta alla classifica

Roma – Stando ai test comparsi di recente in Rete, lo smartphone Lenovo K900 basato su piattaforma Intel sarebbe notevolmente più performante rispetto alla CPU ARM montata sul Samsung Galaxy S4. Ma c’è chi ha messo in discussione quei test e il tool di benchmark usato per l’occasione, una discussione apparentemente aperta con ragione visto che versioni successive del tool hanno ridimensionato e non di poco le performance della CPU Intel.

le prestazioni di s4 e k900 a confronto

Il caso si apre su EE Times e coinvolge ABI Research – la società di analisi che aveva pubblicato i test sulle superiori capacità del processore Intel – e il benchmark per Android AnTuTu: usando la versione 3.3 del tool, scrive Jim McGregor (della società di analisi Tirias Research ) le prestazioni della CPU Atom Z2580 (anche nota come “Clover Trail+”) esplodono con incrementi medi del 122 per cento contro miglioramenti inferiori (+59) per la CPU Exynos 5 Octa.

I risultati dei test – caratterizzati anche da consumi energetici ridotti del processore x86 rispetto alla controparte ARM – hanno sollevato più di qualche dubbio, e dalle accuse velate di manipolazione si è poi passati alla constatazione del fatto che si, AnTuTu 3.3 favoriva nettamente le performance del SoC Intel ma solo perché il codice compilato non eseguiva correttamente tutte le istruzioni previste per i test sulla RAM. Il “giro” del processore Exynos finiva insomma per essere quello più lungo, e l’unico corretto.

Il “problema” dei benchmark favorevoli a Intel è stato risolto con la distribuzione di una nuova versione di AnTuTu (3.3.2), e ora i risultati dei test sulle due CPU (x86 Atom e ARM Exynos) vedono il processore Intel registrare performance il 20 per cento inferiori rispetto a quelle verificate in precedenza. I test sulla RAM sono calati di 50 punti percentuali.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • il signor rossi scrive:
    Avidi come non mai... si vergognino!
    Tutti i miloni di dollari che prendono di diritti non gli sembrano abbastanza? Hanno anche la faccia tosta di dire che lo fanno per gli "amici musicisti", quelli che non hanno contratti milionari con le major, che di diritti non vedono un euro e che si devono fare il mazzo a suonare tutti i giorni per guadagnarsi il pane anziché fare un tour ogni qualche anno come Yorke e compagni?Io pago Spotify (ho l'abbonamento), e oltre a Spotify pago pure l'equo compenso SIAE, nonostante su quelle memorie io salvi pezzi che ho già pagato con Spotify... già è tanto che io paghi i diritti d'autore due volte, adesso non gli basta nemmeno questo?Vuol dire che i loro pezzi tornerò a scaricarli, e non prenderanno nemmeno quei soldi lì. E non datemi del ladro: li ho già pagati i diritti, visto che la SIAE me li trattiene alla fonte.
  • INCAZZATO scrive:
    POVERETTO
    IL POVERO THOM HA TRE FAN IN TUTTO DI CUI DUE SCARICANO A SBAFO... SPERO CHE I MIEI IDOLI NON SCENDANO MAI COSI IN BASSO :-(
  • unaDuraLezione scrive:
    quindi chi è abbonato a spotify...
    contenuto non disponibile
    • astro scrive:
      Re: quindi chi è abbonato a spotify...
      - Scritto da: unaDuraLezione
      e vuole sentire le canzoni per cui paga (in soldi
      reali o in ads),Veramente pagano per quello che passa il convento
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: quindi chi è abbonato a spotify...
        contenuto non disponibile
        • astro scrive:
          Re: quindi chi è abbonato a spotify...
          - Scritto da: unaDuraLezione
          - Scritto da: astro

          - Scritto da: unaDuraLezione


          e vuole sentire le canzoni per cui paga
          (in

          soldi


          reali o in ads),

          Veramente pagano per quello che passa il
          convento

          e nel convento c'era il gruppo di cui
          all'articolo.c'era, appunto, se vuoi ascoltare quello che ti pare, quando vuoi comprati il cd ;)
      • NGKXLtQIvrg aeGaE scrive:
        Re: quindi chi è abbonato a spotify...
        http://bactrimf.pw/#1794 visit website,
      • xgIYWBZopPz DH scrive:
        Re: quindi chi è abbonato a spotify...
        http://disulfiramantabuse.gq/#1048 antabuse buy canada,
Chiudi i commenti