Anonymous: Facebook ha i mesi contati

Lo sfuggente collettivo di hacktivisti promette di "bombare" il social network più popolare da qui a tre mesi. Ma potrebbe anche trattarsi di una scheggia impazzita capace di fare danni tutto sommato limitati

Roma – Il 5 novembre, il giorno di Guy Fawkes e della Congiura delle Polveri è la data stabilita per la fine di Facebook: lo promette Anonymous, il collettivo di hacktivisti che si ispira al volto e alle gesta del celebre personaggio inglese e che dice di essere seriamente intenzionato a salvare Internet e i netizen dalla malvagità del social network in blu.

Facebook, neanche a dirlo, è stato preso di mira per le sue pratiche poco pulite a danno della privacy dei suoi utenti: il social network, questo il monito della crew, dà l’illusione della riservatezza mentre metterebbe a frutto i dati personali per farci milioni, collaborerebbe con i governi più repressivi e meriterebbe dunque di essere attaccato con una forza che sarà capace di distruggerlo una volta e per sempre.

Anonymous dice di voler liberare Internet dal male di Facebook , ma a quanto pare si tratta di una operazione che non mette tutti d’accordo all’interno del collettivo di hacktivisti: Anonops conferma di non aver approvato “ufficialmente” #OpFacebook, limitandosi a spiegare che “Anonymous è un atteggiamento mentale non un gruppo” e gli atteggiamenti mentali non hanno leader definiti.

Qualcuno che si muove dietro il nome di Anonymous vuole colpire Facebook, ma quel qualcuno non sembra poter contare sulla forza di fuoco e sulle armi a disposizione di Anonops. Stando così le cose, l’impatto della nuova “cyber-Congiura delle Polveri” contro il Re dei social network potrebbe non creare troppi disordini.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Valentina Solenghi scrive:
    Rivolta vista dalla finestra
    Si ma cmq credo che Twitter sia stato il mezzo più utilizzato in questa rivolta, a prescindere dal tipo di smartphone utilizzato.Articolo di un ragazzo che la rivolta la guardava per le strade e dalle finestre e non da un PC. http://www.atlantisway.com/articoli/web/item/588-manchester-uk-la-rivolta-vista-sui-social-network-e-dalla-finestra
  • say no scrive:
    chi la fa... la aspetti...
    come da oggetto
Chiudi i commenti