Anonymous in manette per la cybervendetta

Il musicista e hacktivista statunitense Deric Lostutter rischia fino a 10 anni di carcere. Aveva partecipato a un'incursione digitale contro due ragazzi accusati di violenza sessuale

Roma – Rischia una condanna decisamente più pesante di quella stabilita nello scorso marzo contro i due atleti della Steubenville High School , inchiodati da un giudice in Ohio per lo stupro di una giovanissima studentessa. Originario del Kentucky, lo smanettone Deric Lostutter ha ammesso il suo diretto coinvolgimento nella vendetta hacktivista #OccupySteubenville , scatenata dal celebre collettivo Anonymous contro il sito ufficiale dei fan della squadra di football della stessa scuola statunitense .

Pochi giorni fa , un nugolo di agenti federali aveva effettuato un raid presso l’abitazione di Lostutter a Winchester, con il conseguente sequestro di apparecchiature informatiche e una console Xbox. Il giovane hacker ha ora confessato le sue scorribande cibernetiche con il soprannome di KYAnonymous , fino a oggi nascosto dietro la solita maschera di Guy Fawkes in un minaccioso video pubblicato su YouTube e soprattutto sul sito rollredroll.com , tentando di obbligare i due studenti-atleti a chiedere scusa alla ragazza violentata e fare ammenda per la condivisione di immagini e commenti sui principali social network .

Anche noto come Shadow – Lostutter ha fondato l’etichetta discografica Nightshade Records con cui è stato pubblicato il suo primo album hip hop – KYAnonymous si era legato al collettivo hacktivista dopo la visione del documentario We Are Legion . Nel mirino degli inquirenti federali per l’attacco al sito rollredroll.com , il giovane smanettone rischia un totale di 10 anni di carcere , dieci volte la pena inflitta al primo dei due footballer accusati di violenza sessuale e diffusione di immagini pedopornografiche su Internet. ( M.V. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti