Anonymous: tribunali, attivismo e nudi

Il collettivo di hacktivisti sempre al centro della scena tra accuse di cospirazione, colpi bassi ai "nemici" della libertà di parola. E l'invito a manifestare a Wall Street

Roma – Le autorità di polizia del Regno Unito proseguono indefesse sulla strada della persecuzione giudiziaria dei presunti membri del collettivo Anonymous: la prima “vittima” del contrasto britannico agli hacktivisti mono-volto si chiama Peter Gibson, studente ventiduenne accusato di cospirazione ai fini di imbastire un attacco DDoS contro PayPal e altri importanti istituti finanziari internazionali.

Gibson, originario della città di Hartlepool, era stato arrestato nella retata anti-Anonymous dei mesi scorsi a seguito degli attacchi subiti dai succitati servizi finanziari nel dicembre del 2010 . Per la Polizia Metrolopolitana di Londra il ragazzo è uno dei responsabili del fattaccio, ed è al momento il primo e l’unico accusato formalmente a fronte dei sei uomini arrestati in precedenza – cinque dei quali ancora nelle mani della Met.

E mentre in Gran Bretagna le autorità di governo pensano a come costringere i social network a collaborare sulla discussa strada del blocco delle comunicazioni online in caso di nuove rivolte dopo i fatti di Londra , il collettivo Anonymous chiama a raccolta i suoi sostenitori e dà il ben servito a chi ha provato a inibire la protesta e la libertà di parola attraverso veri e propri atti di censura tecnologica.

Il prossimo obiettivo di Anonymous non è online ma AFK, visto che il gruppo si è unito agli appelli già lanciati da Adbusters e Culture Jammers per l’occupazione della zona antistante Wall Street e le altre piazze finanziarie mondiali. Il 17 settembre Anonymous invita i suoi sostenitori a “portare le tende” per occupare in pianta stabile Wall Street, nella speranza che la protesta contro il capitalismo finanziario dilaghi anche altrove.

Anonymous ha poi trovato il tempo per regolare i conti con il portavoce di BART Linton Johnson: il PR della società di trasporti accusata di aver bloccato le comunicazioni cellulari per paura di proteste nella Bay Area è caduto vittima di un colpo basso , consistente nella pubblicazione di un suo nudo in compagnia di un altro uomo: e pare proprio che il principale responsabile (ancorché involontario) del leak sia proprio Johnson stesso.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • f.s. scrive:
    lancio
    fallito!
  • ninjaverde scrive:
    Ghiacciaya?
    Regione ghiacciata della Siberia?Fino ad un paio di giorni fa in Siberia vi erano 40° C.In inverno vi sono anche -40° ma adesso di certo non è ghiacciata... :)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 27 agosto 2011 12.59-----------------------------------------------------------
  • Paolo T. scrive:
    Sempre più giù...
    Finita la competizione sul piano politico, finisce anche l'interesse per lo spazio. Da quanto l'industria spaziale russa è bloccata? E gli americani, che stanno a pensare a Marte come Flash Gordon? E gli europei, che su Galileo hanno accumulato anni di ritardo? E gli strani incidenti in serie ai satelliti che devono studiare i cambiamenti climatici, che non causano nessuna rimostranza nella popolazione (che pure quel materiale ha profumatamente pagato)?
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Sempre più giù...
      Sarà la Cina ad arrivare su Marte...
      • OldDog scrive:
        Re: Sempre più giù...
        - Scritto da: uno qualsiasi
        Sarà la Cina ad arrivare su Marte...Scordatelo. Con il debito statunitense ed europeo sul gobbo non c'è denaro per missioni "d'immagine" per cui, a meno di innovazioni tecniche importanti, non vedremo nessun essere umano su Marte nella nostra vita.Le sonde automatiche faranno sempre meglio il loro lavoro, e ce ne faremo una ragione.
        • Incubo Notturno scrive:
          Re: Sempre più giù...
          - Scritto da: OldDog
          a meno di innovazioni
          tecniche importanti, non vedremo nessun essere
          umano su Marte nella nostra
          vita.Mi spiace per te, che hai 97 anni :(
          • Mela avvelenata scrive:
            Re: Sempre più giù...
            - Scritto da: Incubo Notturno
            - Scritto da: OldDog

            a meno di innovazioni

            tecniche importanti, non vedremo nessun
            essere

            umano su Marte nella nostra

            vita.

            Mi spiace per te, che hai 97 anni :(Sarebbero soldi buttati...l'uomo non ha bisogno di esplorare lo spazio per almeno altri 1000 anni!
          • Akiro scrive:
            Re: Sempre più giù...
            bhe, sul bisogno di cercar un altro pianeta andrei cauto, dato che rischiamo di far la fine che fa l'uomo in Wall-e.Certo che se anche l'uomo andasse su marte servirebbe a risolvere il problema di fame e povertà nel mondo? non credo.
          • OldDog scrive:
            Re: Sempre più giù...
            - Scritto da: Incubo Notturno
            - Scritto da: OldDog

            a meno di innovazioni

            tecniche importanti, non vedremo nessun
            essere

            umano su Marte nella nostra

            vita.

            Mi spiace per te, che hai 97 anni :(Mi spiace per te, che evidentemente sei in quell'età in cui credi che i soldi siano stampati dai bancomat e il cui concetto di bilancio è chiedere soldi in casa quando hai finito la mancetta settimanale. Guarda, sono cresciuto amando la ricerca spaziale e la fantascienza, quindi spero sempre in una grande innovazione, ma purtroppo per ora non ci sono prospettive per un volo umano sostenibile verso altri pianeti.
    • Funz scrive:
      Re: Sempre più giù...
      - Scritto da: Paolo T.
      Finita la competizione sul piano politico,
      finisce anche l'interesse per lo spazio. Da
      quanto l'industria spaziale russa è bloccata? E
      gli americani, che stanno a pensare a Marte come
      Flash Gordon? E gli europei, che su Galileo hanno
      accumulato anni di ritardo? E gli strani
      incidenti in serie ai satelliti che devono
      studiare i cambiamenti climatici, che non causano
      nessuna rimostranza nella popolazione (che pure
      quel materiale ha profumatamente
      pagato)?E' che la nostra civiltà sta iniziando la discesa lungo la china del declino. Un po' come l'antica Roma che pian piano ha dovuto abbandonare i suoi ambiziosi progetti di conquista, e si è trincerata dietro il suo limes. Sappiamo come è finita.
Chiudi i commenti