Anonymous, vendetta per Aaron Swartz

Il celebre collettivo hacker defaccia il sito governativo della U.S. Sentencing Commission, scelto come bersaglio simbolico. Il sito del MIT abbattuto per la seconda volta, pare per mano di LulzSec

Roma – “Due settimane fa, una linea è stata oltrepassata. Due settimane fa, Aaron Swartz è stato ucciso. Ucciso perché aveva affrontato una sfida impossibile. Ucciso perché obbligato a giocare un gioco impossibile da vincere”. Anticipata nell’ennesimo proclama diramato dai membri di Anonymous, l’operazione Last Resort ha scelto la statunitense Sentencing Commission come bersaglio simbolico della vendetta digitale per la tragica morte dell’hacker.

Tra le principali agenzie governative negli States , la U.S. Sentencing Commission (USSC) si occupa della distribuzione di specifiche linee guida per l’emissione di sentenze in ambito federale. Nel mirino della procura nel distretto del Massachusetts, Aaron Swartz avrebbe rischiato fino a 35 anni di carcere per l’incursione informatica nell’archivio JSTOR, da cui erano fuoriusciti ben 4 milioni di documenti tra paper e journal accademici.

Con il solito attacco DDoS , i membri di Anonymous hanno abbattuto il sito ussc.gov , rendendolo inaccessibile per diverse ore. In una seconda offensiva, il celebre collettivo hacker è riuscito a defacciare la homepage del sito governativo a stelle e strisce, trasformandola in un videogame molto simile al classico Asteroids. Infine, l’ormai ubiqua maschera di Guy Fawkes con la classica firma non perdoniamo, non dimentichiamo .

In una successiva serie di avvisi su Twitter, gli anonimi hanno dichiarato di essere in possesso di numerose informazioni sensibili relative alle attività – professionali e personali – di alcuni giudici statunitensi. Mentre LulzSec ha rivendicato una seconda incursione contro le infrastrutture DNS del MIT – è però apparsa l’improbabile firma di Sabu , il leader consegnatosi ai federali – Anonymous ha promesso la pubblicazione di documenti riservati trafugati dal sito della Sentencing Commission .

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • aid85 scrive:
    cloud senza cloud nel cloud del cloud ?
    Ma come senza cloud ???BTSync è cloud !! Quello vero !! Mico quello che millanta Telecom Italia per le aziende che è niente meno che semplice server !!L'equivalente in cartelle della condivisione di file con BitTorrent. Punto.Semplice e non so per quale motivo compare solo adesso!
  • Izio01 scrive:
    Ma è ottimo!
    Devo esaminare il programma con calma, una di queste sere.Non mi interessa la condivisione di film o roba simile, ma se funziona bene, è la volta che disdico tutti i vari DropBox, SkyDrive eccetera per quanto riguarda la propagazione dei dati tra il mio PC di casa e quello dell'ufficio, e l'acXXXXX dai vari terminali mobili.
    • Alpha scrive:
      Re: Ma è ottimo!
      come ho detto sopra, utile per condividere... ma DOVE archivi i file?I sistemi cloud di terze parti, a parte il rischio sicurezza (inesistente se cripto io i file), di forniscono un SERVIZIO.
      • Izio01 scrive:
        Re: Ma è ottimo!
        - Scritto da: Alpha
        come ho detto sopra, utile per condividere... ma
        DOVE archivi i
        file?
        I sistemi cloud di terze parti, a parte il
        rischio sicurezza (inesistente se cripto io i
        file), di forniscono un
        SERVIZIO.Bè, sul mio NAS. Ovvio che dovrei tenere acceso il mio router, il NAS e passare da un servizio DDNS. Vale comunque la pena di provare, no?
        • Alpha scrive:
          Re: Ma è ottimo!
          se hai un server privato fai quello che vuoi, indipendentemente da bittorrent... skydrive,dropbox,mega sono servizi, se hai il tuo ferro puoi farlo privato (ownlcloud o simili), ma non capisco la frase (parafrasata) "figo! così butto via skydrive" ...
          • Izio01 scrive:
            Re: Ma è ottimo!
            - Scritto da: Alpha
            se hai un server privato fai quello che vuoi,
            indipendentemente da bittorrent...
            skydrive,dropbox,mega sono servizi, se hai il tuo
            ferro puoi farlo privato (ownlcloud o simili), ma
            non capisco la frase (parafrasata) "figo! così
            butto via skydrive"
            ...Come ti dicevo, a me interessa tenere determinati file sincronizzati su più PC, e disponibili all'occorrenza su smartphone e tablet. Il mio router possiede una funzione di cloud sync ma è farlocca, ti vogliono far passare da un simil-DropBox di Asus, con relativi costi e problematiche di privacy.Col NAS e anche col router posso già aprire un server FTP, e ok, ma questo non mi dà la sincronizzazione automatica a due vie tra i vari PC. Se questo software mi permettesse di creare un simil-DropBox basato sul mio ferro, farebbe al caso mio. Se invece fosse solo un sistema di sharing, allora niente, non mi servirebbe.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Ma è ottimo!
            contenuto non disponibile
          • Izio01 scrive:
            Re: Ma è ottimo!
            - Scritto da: unaDuraLezione
            - Scritto da: Izio01


            Come ti dicevo, a me interessa tenere
            determinati

            file sincronizzati su più PC, e disponibili

            all'occorrenza su smartphone e tablet. Il mio

            router possiede una funzione di cloud sync
            ma
            è

            farlocca, ti vogliono far passare da un

            simil-DropBox di Asus, con relativi costi e

            problematiche di

            privacy.

            Col NAS e anche col router posso già aprire
            un

            server FTP, e ok, ma questo non mi dà la

            sincronizzazione automatica a due vie tra i
            vari

            PC. Se questo software mi permettesse di
            creare

            un simil-DropBox basato sul mio ferro,
            farebbe
            al

            caso mio. Se invece fosse solo un sistema di

            sharing, allora niente, non mi

            servirebbe.


            Te l'ha scritto sopra: c'è già owncloud (
            http://owncloud.org/features/
            )
            E concordo con lui che il cloud è diverso dalla
            condivisione.

            BitTorrentSynch è utile per gestire la
            condivisione privata fra cerchie senza dipendere
            da
            nessuno.
            Il cloud invece necessita di macchine sempre up
            con buona banda e versioni client per tutte le
            piattaforme e
            device.Hai ragione, me l'ha scritto sopra e mi era sfuggito, ops!Però di questo nuovo sistema ho letto la paroletta magica: NAS. OwnCloud sembra aver bisogno di un PC... più o meno, qua qualcuno è riuscito ad installarlo su un NAS:http://forum.owncloud.org/viewtopic.php?f=3&t=2061Tenere sempre acceso il PC no, non mi fido in mia assenza e consumerebbe troppo. Dovrò investigare il funzionamento di questo tool per capire se sia possibile farlo funzionare via NAS.Grazie a entrambi per le dritte :)
  • AxAx scrive:
    Non c'è nulla da fare...
    La maggioranza della gente vuole condividere i files con sicurezza e non saranno certo le majors a poter fermare questa tendenza.Le software houses potranno (forse) difendersi un po' rilasciando le nuove applicazioni solo su cloud online, ma non vedo come la case discografiche e cinematografiche potranno.
    • rockroll scrive:
      Re: Non c'è nulla da fare...
      Condivido quanto dici, ed aggiungo che questo sistema di condivisione "privata" mi appare molto più logico e sicuro di ogni forma di cloud e di ogni pensata dei cyberlocker. Mi sta bene che DotCom dia qualche bella mazzata alle majors del caso, ma per conto mio lo sharing lo farei solo col sistema prospettato in questo articolo; il problema può essere solo la scarsità di materiale in condivisione non centralizzata. Quanto alle ineffabili majors che si credono le padrone del mondo, il loro declino è inevitabile, non tanto per colpa delle condivisioni (che taluni amano schiamare pirateria...), quanto per colpa delle produzioni attuali che non sono più, creativamente parlando, al livello della disco e filmo grafia fin qui prodotta, che basta ed avanza 10 volte e che nessuno di noi vivrà abbastanza per visionarne una pur minima parte.
      • Alpha scrive:
        Re: Non c'è nulla da fare...
        sono 2 sistemi totalmente diversi. come si puo' anche solo paragonare l'archiviazione su sitemi propri o su sitemi cloud?Questo meccanismo è utile per la CONDIVISIONE non per L'ARCHIVIAZIONE, e sono 2 cose ben distinte.ma oggi i sistemi informatici si valutano solo sul loro grado di facilitare la pirateria...Vuoi essere sicuro? ti compri il tuo ferro e te lo gestisci come vuoi. Lo puoi fare da quando esiste internet...
        • armstrong scrive:
          Re: Non c'è nulla da fare...
          - Scritto da: Alpha
          Vuoi essere sicuro? ti compri il tuo ferro e te
          lo gestisci come vuoi. Lo puoi fare da quando
          esiste
          internet...QUOTO
Chiudi i commenti