ANPR: online il nuovo portale per comuni digitali

ANPR: online il nuovo portale per comuni digitali

È online il nuovo portale dell'Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR) che permette ai cittadini di accedere ai propri dati anagrafici.
È online il nuovo portale dell'Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR) che permette ai cittadini di accedere ai propri dati anagrafici.

Era il primo punto del decalogo del comune digitale. Da pochi giorni è finalmente online il nuovo portale che permette di accedere all’Anagrafe Nazionale della Popolazione Residente (ANPR). Si tratta di una novità molto importante per i cittadini perché sarà possibile accedere ai propri dati e utilizzare vari servizi senza andare fisicamente all’anagrafe comunale.

ANPR: quasi 8.000 comuni digitali

ANPR è un progetto del Ministero dell’Interno. Il Dipartimento per la trasformazione digitale si occupa del coordinamento tecnico-operativo, mentre il portale è stato sviluppato da Sogei (società in-house del Ministero dell’economia e delle finanze). Ad oggi hanno aderito 7.407 comuni per un totale di 63.497.094 cittadini. Altri 77 comuni hanno già pianificato la data di ingresso, mentre i restanti 419 dovrebbero aderire entro fine anno. Lo stato di avanzamento può essere seguito su questa pagina.

ANPR consente ai comuni di interagire con le altre amministrazioni pubbliche, evitando duplicazioni di documenti e garantendo maggiore certezza del dato anagrafico e, al tempo stesso, la tutela dei dati personali dei cittadini. Non sarà più necessario fornire le stesse informazioni a diverse amministrazioni, in quanto sono già in loro possesso.

In alto a destra c’è il pulsante “Servizi al cittadino”. Utilizzando SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale), CIE (Carta d’Identità Elettronica) o CNS (Carta Nazionale dei Servizi) è possibile accedere al servizio per consultare, scaricare e stampare i propri dati anagrafici (ad esempio generalità, stato di famiglia, estremi atto di nascita) e richiedere autocertificazioni sostitutive.

A partire dal 15 aprile 2021 è stata avviata una sperimentazione in otto comuni (Bari, Barletta, Bergamo, Firenze, Lecco, Milano, Prato e Torino) che consente ai cittadini di richiedere la modifica dei dati. Successivamente verranno aggiunti altri servizi, tra cui l’emissione di certificati e la procedura per il cambio di residenza.

Fonte: ANPR
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

20 04 2021
Link copiato negli appunti