AntiSec fa visita al sito di Casaleggio

La divisione italiana del collettivo LulzSec contro il sito ufficiale della Casaleggio Associati. Invocata trasparenza e cambio di strategia per il M5S. Nessun dato sottratto, dicono i cracker

Roma – La falange hacktivista AntiSec contro il sito ufficiale della Casaleggio Associati, vittima dell’ennesima operazione di defacciamento con l’inconfondibile sagoma Lulz a troneggiare in homepage. “Ciao Beppone, Casaleggio e carissimo SysAdmin – ha esordito il collettivo hacker in un breve comunicato pubblicato su ZeroBin – A quanto pare il caveau non era blindato abbastanza e un pirata avido e sanguinario ha fatto irruzione! Saccheggi e scorribande, ecco ciò che un pirata apprezza di più”.

Indirizzata al “guru informatico” del Movimento 5 Stelle (M5S) Gianroberto Casaleggio, l’offensiva cibernetica non avrebbe portato al trafugamento di contenuti o dati personali, limitandosi al semplice divertimento . “Sareste estremamente più popolari e benvoluti se la smetteste di dedicarvi unicamente a faide interne e a decidere chi è la persona non grata della settimana – continuano i membri di AntiSec – State diventando il cancro che vi eravate ripromessi di eliminare”.

Dopo il flop delle cosiddette quirinarie – le elezioni online per scegliere il candidato al Quirinale erano slittate per una manomissione esterna del sistema – la rivendicazione hacktivista ha posto una sola domanda: “Quirinarie, il futuro é la rete, e vi fate pwnare così??? Offrite anche servizi di IT Security, è uno scherzo? It’s very very lulzy”. Il gruppo ha poi preso le distanze da quei “pagliacci degli hacker del PD”, responsabili delle intrusioni informatiche all’interno degli account di posta elettronica di alcuni tra i principali esponenti del nuovo movimento politico italiano. ( M.V. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • prova123 scrive:
    Non bisogna provare a fare niente.
    Loro hanno distribuito l'aggiornamento e a loro spese mi rimettono apposto la console gratuitamente, non basta la rottura di maroni. L'alternativa è che le console non siano da aggiornare !! Si mette la patch al gioco, non alla console!!
    • Sg@bbio scrive:
      Re: Non bisogna provare a fare niente.
      Se hanno un software interno le console per gestire il gestibile è ovvio che si possa aggiornare con il tempo. Semmai, visto che la ps3 ha diverse incarnazioni, mi domando come abbiano eseguito i test....
      • prova123 scrive:
        Re: Non bisogna provare a fare niente.
        L'aggiornamento del sistema è stata una bella invenzione solo per vendere prima di avere un sistema stabile e consolidato. Invece con l'aggiornamento online si concedono il lusso di vendere un dispositivo instabile, ma a prezzo pieno ... tanto ci sono gli aggiornamenti. Bisogna dire basta con gli aggiornamenti online: io compro una console e questa deve funzionare senza aggiornamenti. Se c'è un problema deve essere bypassato dai giochi/applicativi. Dire basta significa semplicemente non acquistare console che richiedono PER UN QUALSIASI MOTIVO la connessione ad internet.
        • Wooden Pussy scrive:
          Re: Non bisogna provare a fare niente.
          non acquistare
          console che richiedono PER UN QUALSIASI MOTIVO la
          connessione ad
          internet.Mi sa che ti ci va la macchina del tempo :-)Ormai pure quelle portatili vanno su internet. Più che per gli aggiornamenti per i vari store dove fanno milioni..
          • prova123 scrive:
            Re: Non bisogna provare a fare niente.
            Da secoli il mercato è interazione tra domanda e offerta, l'offerta si deve adeguare alla domanda ... altrimenti è denaro buttato al vento da parte di chi offre.
        • bancai scrive:
          Re: Non bisogna provare a fare niente.
          gli aggiornamenti hanno senso per i primi anni, poi mi sa che diventano sempre più "controlli utente"
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Non bisogna provare a fare niente.
            Oppure aggiungere nuove funzionalità...
          • prova123 scrive:
            Re: Non bisogna provare a fare niente.
            Oppure dopo che la console è stata venduta togliere funzionalità ... vedi Linux ...http://www.dday.it/redazione/4936/Linux-su-PS3-ora-davvero-finita.html
          • Sg@bbio scrive:
            Re: Non bisogna provare a fare niente.
            Vero, ma sony e sempre stata XXXXX.
          • prova123 scrive:
            Re: Non bisogna provare a fare niente.
            Già che ci siamo ricordiamo il precedente dei dati delle carte di credito preservati come una cassetta di patate sul ciglio della campagna ...RIcordiamo inoltre le videocamere Sony il cui obiettivo si appannava con climi caldo umidi ... anche qui gravi problemi di test ...
Chiudi i commenti