AOL ottiene maxirisarcimento antispam

Clamorosa la decisione con cui un tribunale americano le ha assegnato 7 milioni di dollari per lo spam reiterato di un'azienda che ha inviato più di un miliardo di messaggi


Roma – Arriva da Alexandria, in Virginia, la notizia di quello che appare il più imponente risarcimento mai assegnato ad un provider per lo spam che un’azienda ha riversato sugli utenti dei suoi servizi internet.

Il tribunale distrettuale locale, infatti, ha assegnato ad America Online la bellezza di 7 milioni di dollari per il miliardo e più di messaggi che CN Productions ha inviato agli utenti AOL dal 1999.

Secondo il giudice l’attività di CN Networks, che nonostante avesse già perduto una causa con AOL nel 1999 ha continuato le proprie operazioni spammatorie, è equiparabile a quella di un vero e proprio “spam ring”, di un’organizzazione dedita cioè a profittare dell’abuso perpetrato attraverso la posta elettronica.

Comprensibile la soddisfazione di AOL. “Questa – ha spiegato il vicepresidente dell’azienda e consigliere generale Randall Boe – rappresenta una vittoria legale importante nella battaglia contro lo spam e invia un messaggio chiaro agli spammer”.

Secondo AOL, CN Productions si è resa responsabile di almeno un quarto dello spam “per adulti” ricevuto dai propri utenti. Uno spam a luci rosse, dunque, che – fatte le debite moltiplicazioni – in questi anni avrebbe superato nel complesso addirittura i quattro miliardi di messaggi, spediti ai soli utenti AOL.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Vertigo scrive:
    Io devo ancora capire...
    cosa c'entra la dmca con la legislazione russa...da quando la riaa ha l'autorizzazione di applicare all'estero leggi americane?ma che stronzata!!!!!!!!!!!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    +europa - america
    siamo ormai una federazione di stati che cammina da se?ebbene, ho sempre sostenuto che se facessimo ficcar meno il naso agli USA nei nostri affari, godremmo di un gran bel periodo di libertà, alla larga da monopoli e col vento a favore sulla ricerca; allora si, che il povero bill e quei formattati di americanucoli, sapete dove lo potrebbero piazzare il loro windows??no comment :=
  • Anonimo scrive:
    caso informatico di oslo
    io sono dell'opinione che se non siamo in dittatura mondiale poco ci manca
    • Anonimo scrive:
      Re: caso informatico di oslo

      io sono dell'opinione che se non siamo in
      dittatura mondiale poco ci mancaoramai lo penso anch'io.teniamo conto che la Norvegia ha un bel legame con gli statiuniti. non sono pappa e ciccia ma comunque vanno molto daccordo. il motivo di questa amicizia non mi è chiaro, ma sarà forse per i giacimenti di petrolio nel mar del Nord ? boh, comunque oramai anche se non ufficialmente gli states governano la maggior parte di questo pianeta.che tristezza.
  • Anonimo scrive:
    Domanda da 100 dobloni....
    Ho installato un lettore DVD per PCnelle proprieta' mi si dice che posso sostituire il codiceregionale "solo" 5 volte....Attualmente non e' selezionato,ma poi che si fa? si butta il lettoreo si tiene l'ultimo codice regionale?scusate l' OFF-TopicTnXCulastisce Nobile Veneziano
    • LraiseR scrive:
      Re: Domanda da 100 dobloni....
      Si tiene l'ultimo selezionato, a meno di sostituire il codice nel firmware del lettore con una versione illegale (ma che non ha la limitazione)
      • Anonimo scrive:
        Re: Domanda da 100 dobloni....
        - Scritto da: LraiseR
        Si tiene l'ultimo selezionato, a meno di
        sostituire il codice nel firmware del
        lettore con una versione illegale (ma che
        non ha la limitazione)Domandona:ma è illegale secondo una *vera* legge ben precisa o è illegale secondo il parere del produttore?
  • Anonimo scrive:
    la legge della colt?
    a parte tutte le considerazioni sul diritto poter fare quello che si vuole con i propri dvd (tranne ridistribuirli, ovviamente)....a parte l'assurdità dell'accusa di capeggiare una "rete criminale internazionale" (ha condiviso del [suo] codice! sacrilegio!)...perchè questo tipo deve essere processato per un reato che nel suo paese NON ESISTE???forse ha commesso crimini contro l'umanità?sembra che un paese non abbia diritto a una propria legislazione sui diritti/doveri dei "consumatori del digitale".la dmca deve valere dappertutto... così è deciso.speriamo che chi giudicherà non si pieghi a questa logica.anche santilicheri darebbe torto alla mpaa! : )
    • Anonimo scrive:
      Re: la legge della colt?
      Santi Licheni, aiutateci voi!!!
      • Anonimo scrive:
        La legge del $!
        I seri sistemi giuridici europei si apprestano ad operare secondo norme americane... Globalizzazione?
        • Anonimo scrive:
          Re: La legge del $!
          La direttiva EUCD è pressochè una copia del DMCA. Se dovesse passare definitivamente e verrà "recepita" dagli membri, quello che c'è scritto sulla copertina del prodotto avrà valore di legge. Ad esempio ho un CD dove c'è scritto che è vietato prestarlo. Inapplicabile ? Beh, con Palladium spione non sarà più sicuro ascoltare la musica sul computer, ma c'è anche di peggio :((
    • Anonimo scrive:
      Re: la legge della colt?
      ... la legge dei $(=colt) contro un ragazzino di 15 anni ... chi è il criminale ? Ecco cosa succede quando il potere dei $ è in mano a degli incompetenti ...
    • Giambo scrive:
      Re: la legge della colt?
      - Scritto da: Anonimo
      perchè questo tipo deve essere processato
      per un reato che nel suo paese NON ESISTE???
      forse ha commesso crimini contro l'umanità?Perche' ci sono dietro gli americani ? Perche' se non l'avesse processato la Norvegia sarebbe stato prelevato da un commando "iu-es-sei" e incarcerato assieme ai talebani a Guantanamo ?Boh ?
    • vegeta scrive:
      Re: la legge della colt?
      beh un modo per processarlo l'hanno trovato
    • Anonimo scrive:
      Re: la legge della colt?
      Ma che legge della colt ,qui siamo tornati ancora più indietro nel tempo !!!Non vi sembra essere nel '600 , quando chi osava dire o fare un qualcosa di "diverso" a quanto dicevano i potenti , veniva torturato e bruciato ,finchè questi ritrattava o moriva.I periodi oscuri dell inquisizione!Oggi è la stessa cosa , anzi , peggio :se uccidi un tuo simile , in meno di 2 anni te la cavi ( se non anche di meno !!!)ma se violi un sistema di sicurezza , copi "illegalmente"( secondo i punti di vista di certi)materiale protetto di TUA proprietà ( cioè che hai regolarmente pagato !!!) o inventi una cosa cosi semplice che annulla un qualcosa che i "potenti"hanno inventato a suon di dollaroni......inventori piratoni , state all'erta ,che vi sbattono dentro e non vi tirano piu fuorivola condor !!! vola ..........
Chiudi i commenti