App Store, bloccata l'Intifada

Accolte le proteste di Israele, l'applicazione è stata rimossa perché in violazione delle linee guida che proibiscono contenuti offensivi

Roma – Apple ha accolto le rimostranze di Israele e rimosso l’app “ThirdIntifada” accusata di istigazione alla violenza contro lo Stato israeliano .

L’app, che svolgeva una funzione di aggregazione di contenuti Web e notizie fortemente critiche nei confronti di Israele, invitava anche gli utenti ad attendere una terza “Intifada”, la sollevazione dei popoli arabi contro la presenza dello Stato ebraico in Palestina.

Per questo Apple ha convenuto che violasse le linee guida di App Store che vietano “riferimenti o commenti offensivi o diffamatori nei confronti di gruppi etnici, culturali o religiosi”.

Israele aveva già ottenuto il blocco della pagina Facebook con lo stesso titolo .

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ginoy PC scrive:
    Non è l'arma finale?
    Diavolo di un Google.Questo mi spiegherebbe perché Google Talk è fermo.GTalk e Skype diventerebbero improvvisamente anziani e tutte le piattaforme, mobili e no,n si prenderebbero mano nella mano e correrebbero felici verso il domani. :(
    • krane scrive:
      Re: Non è l'arma finale?
      - Scritto da: Ginoy PC
      Diavolo di un Google.
      Questo mi spiegherebbe perché Google Talk è fermo.
      GTalk e Skype diventerebbero improvvisamente
      anziani e tutte le piattaforme, mobili e no,n si
      prenderebbero mano nella mano e correrebbero
      felici verso il domani.
      :(E la criptazione lato client ???
      • Ginoy PC scrive:
        Re: Non è l'arma finale?


        E la criptazione lato client ???Qualcosa l'HTML5 lo prevede:The data is hashed in such a way that it cannot be modified in transit. That data is encrypted so that it cannot be read in transit.These security mechanisms rely in part on a key that is negotiated over the signalling channel; as such, the security is only as strong as the security of the signaling channel. Authors are encouraged to use TLS to protect the signalling channel and the page(s) hosting the application, and are encouraged to secure the host used to relay the signalling channel.http://goo.gl/oIKWq
Chiudi i commenti