App Store, capovolgimento a pagamento?

Cupertino ha messo un team di 100 sviluppatori al lavoro sulla trasformazione del motore di ricerca interno all'App Store. In parte sono stati traslati dal progetto iAD

Roma – Secondo alcune indiscrezioni Apple avrebbe messo un “team segreto” a lavorare su un progetto per venire a capo del sempre più complicato App Store: il numero sempre maggiore di proposte, infatti, congestionerebbe l’offerta non permettendo al momento agli utenti di trovare la soluzione migliore per le proprie necessità.

Il team sarebbe addirittura composto da un centinaio di persone, segno che la questione è particolarmente urgente a Cupertino: tra loro ci sarebbero diversi sviluppatori (tra cui il dirigente Todd Teresi) precedentemente impegnati nel progetto di advertising iAd, che invece avrebbe perso di appeal.

Tra le proposte di cui al momento si parla ci sono diversi metodi per rendere prioritarie alcune visualizzazioni, tra cui quella di prevedere una quota da pagare per far stare in prima fila la propria app : una soluzione che avrebbe evidenti similitudini con Google AdWords.

Pur trattandosi ancora di pure indiscrezioni, senza dettagli ed eventuali tempistiche di approvazione, gli sviluppatori – che devono sostenere già spese per promuovere le proprie app e che hanno a che fare principalmente con un mercato che premia il free ed il freemium – hanno espresso già preoccupazione per quello che viene visto solo come un ulteriore costo che peserà su di loro.

Oltre a questa soluzione, peraltro, Apple sembra stia studiando altre funzionalità per migliorare la ricerca da aggiungersi alle selezioni già effettuate da parte di Cupertino delle app migliori o di quelle più vendute.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • iRoby scrive:
    Ho votato PD e me ne vanto
    Dico io, vado a votare, voto PD mi faccio la foto e poi la mostro e me ne vanto. Mi faccio dare del cretino!Dovrebbe essere il buon senso di tutti non passare per idioti mostrando per quale partito d'accatto si è votato, no invece c'è un nuovo tipo di cretino all'orizzonte, il cretino 2.0
    • Bowser scrive:
      Re: Ho votato PD e me ne vanto
      , il cretino
      2.0Il cretino 2.0 e' quello che crede che le tecnologie risolvono i problemi dell'uomo invece ogni cosa nuova crea immancabilmente tutta una nuova serie di altri problemiIl cretino 2.0 crede che la tecnologia gli sara' d'aiuto ma anche in questo caso gli andra' tutta a sfavore, di solito va a favore dei potenti e a sfavore dei deboliIl cretino 2.0 crede che le tecnologie migliorino la societa' e i rapporti, le societa' piu' avanzate tecnologicamente sono quelle con il tasso piu' alto di suicidi, un americano su due fa uso di psicofarmaci, a forza di interfacciarsi con strumenti elettronici molti giovani non sono piu' in grado di relazionarsi normalmente con altri individui o lo fanno con grande difficolta' mentre per i loro nonni era una cosa del tutto naturale
      • iRoby scrive:
        Re: Ho votato PD e me ne vanto
        La tecnologia è stata inserita all'interno dei bisogni creati dopo la depressione del '29 quando il nipote di Freud andò in USA ad insegnare la psicologia inventata dallo zio.Si sono creati dei bisogni finti e la gente corre a comprare perché crede di averne bisogno.La tecnologia utile è invece quella per la costituzione della società cibernetica, ossia sgravare l'uomo di tutte quelle attività noiose o pericolose e lasciarlo libero di manifestare se stesso e le proprie virtù.Il cellulare o smartphone va preso come strumento di comunicazione interpersonale, e non status-symbol da mostrare e cambiare con quello nuovo ogni anno.Lì diventi schiavo di un bisogno, cioè quello di apparire e quindi essere accettato da un società di cretini 2.0Sono alcuni dei motivi per cui seleziono attentamente le mie amicizie tra quelli che non hanno il problema di apparire e non ti giudicano in base a come sei vestito e ciò che possiedi. Ma per ciò che sei, hai da dire, insegnare, ciò che sai fare, l'aiuto e il sostegno che puoi dare. E come tale ti apprezzano e sono pronti a ricambiarti.
  • Toni scrive:
    Fumo
    Referendum sulle trivelle.Con tutti i problemi gravi che abbiamo, un Pil al rovescio, una crescita sotto zero, un debito pubblico che trascinerà come una valanga tutti noi nel fango, una classe politica di accattoni incompetenti e venduti, una burocrazia mostrusamente smisurata che frena ogni innovazione e persino il vivere comune, tasse a livelli impossibili da sostenere, pensioni da fame che creeranno eserciti di pensionati in miseria, aziende in fuga, cervelli in fuga e ricerca primaria quasi azzerata, ingresso di milioni di poveri e ignoranti (grazie a politici incapaci e corrotti che hanno scatenato queste migrazioni), aziende piccole e grandi che chiudono una dopo l'altra, scuola allo sbando, strade bucherellate che fanno decine di morti e centinaia di feriti (oltre che a rallentare la circolazione e quindi l'economia), ecc.Con tutto questo ci occupiamo di trivelle con un referendum che ci costa un patrimonio.E con quale veemenza le fazioni si e le fazioni no si scannano.Davvero ci meritiamo di essere presi per i fondelli in questo modo?Siamo davvero così ciechi e ottusi?
    • panda rossa scrive:
      Re: Fumo
      - Scritto da: Toni
      Con tutto questo ci occupiamo di trivelle con un
      referendum che ci costa un
      patrimonio.Ci costa perche' l'accorpamento con le amministrative non sarebbe convenuto a questo governo in combutta coi petrolieri.
      E con quale veemenza le fazioni si e le fazioni
      no si
      scannano.
      Davvero ci meritiamo di essere presi per i
      fondelli in questo
      modo?
      Siamo davvero così ciechi e ottusi?Vai a votare SI, cosi' farai arrivare al governo un importante segnale.Se invece il tuo segnale e' il menefreghismo, allora ti sta bene che il ministro infili degli ementamenti ad personam nei progetti di legge, da far votare notte tempo e subito dopo telefoni all'amichetto per tranquillizzarlo sui suoi unti affari.
      • tryvh scrive:
        Re: Fumo
        Questo referendum mi puzza. I punti da prendere in considerazione sono due:1) Non si vieta la trivellazione in mare, ma solo in una fascia protetta di circa 20km (fai il conto delle miglia marine). Però a meno che un giacimento non sia esattamente al centro di questa fascia può essere raggiunto con una trivellazione orizzontale.2) Una concessione petrolifera è un contratto. La società fa una valutazione del giacimento, decide quanto ne può ricavare sul lungo periodo, quanto vuole investire e poi chiede la concessione. Se lo stato dopo anni cambia le carte in tavola l'azienda, che aveva investito tot, ci perde. Puoi trovare tutte le belle motivazioni che vuoi, ma è contro la legge internazionale.Secondo me alla fine sarà una grande fregatura. Si chiudono i giacimenti quando il prezzo del petrolio è basso. Si pagano i danni alle aziende petrolifere e dopo un pò di anni si danno nuove concessioni sul confine della fascia protetta e si riprende a sfruttare i giacimenti.
        • annusatore scrive:
          Re: Fumo
          - Scritto da: tryvh
          Questo referendum mi puzza.Per me invece puzzate voi piddini. Siete al soldo di massoni, 'ndranghetisti, delinquenti di UE e BCE, lobbisti, e solo nell'ultimo anno avete avuto un centinaio di indagati. Fate veramente schifo, siete la feccia della società italiana, bisognerebbe identificarvi uno per uno e scaraventarvi in mare a calci in XXXX.Comunque ognuno nel proprio piccolo deve far di tutto per spazzarvi via. Io nel posto in cui lavoro ne ho già fatti licenziare due di voi, se tutto va bene prima dell'estate siamo a 3.
          • ktbh scrive:
            Re: Fumo
            Annusi, annusi, senti la puzza dei piddini, ma non la puzza di fregatura del referendum.Perfetto esempio di essere facilmente manipolabile e totalmente asservito al sistema.
    • Sg@bbio scrive:
      Re: Fumo
      - Scritto da: Toni
      Referendum sulle trivelle.
      Con tutti i problemi gravi che abbiamo, un Pil al
      rovescio, una crescita sotto zero, un debito
      pubblico che trascinerà come una valanga tutti
      noi nel fango, una classe politica di accattoni
      incompetenti e venduti, una burocrazia
      mostrusamente smisurata che frena ogni
      innovazione e persino il vivere comune, tasse a
      livelli impossibili da sostenere, pensioni da
      fame che creeranno eserciti di pensionati in
      miseria, aziende in fuga, cervelli in fuga e
      ricerca primaria quasi azzerata, ingresso di
      milioni di poveri e ignoranti (grazie a politici
      incapaci e corrotti che hanno scatenato queste
      migrazioni), aziende piccole e grandi che
      chiudono una dopo l'altra, scuola allo sbando,
      strade bucherellate che fanno decine di morti e
      centinaia di feriti (oltre che a rallentare la
      circolazione e quindi l'economia),
      ecc.
      Con tutto questo ci occupiamo di trivelle con un
      referendum che ci costa un
      patrimonio.
      E con quale veemenza le fazioni si e le fazioni
      no si
      scannano.
      Davvero ci meritiamo di essere presi per i
      fondelli in questo
      modo?
      Siamo davvero così ciechi e ottusi?Io direi che con il benaltrismo, non si va da nessuna parte. Con questa storia del "c'è ben altro di cui pensare", non si affrontano mai i vari problemi di questo paese.
      • Omino Blu scrive:
        Re: Fumo
        Che commenti superficiali e anche un po' insensati.
        • Sg@bbio scrive:
          Re: Fumo
          - Scritto da: Omino Blu
          Che commenti superficiali e anche un po'
          insensati.Il mio ? PErchè ?
          • Omino Blu scrive:
            Re: Fumo
            Non voglio prendere le posizioni di nessuno, ma a fronte di una denuncia abbastanza particolareggiata (per un forum) fatta dall'utente Toni, la risposta è stata una striminzita generalizzazione, non solo tua ma anche di panda rossa.Che non tocca il problema sollevato, e cioè la manipolazione cui siamo sottoposti, con l'appoggio dei media amplificatori.Perché non ci sono stati referendum (o azioni precise con relazione continua sui risultati) sulle cose menzionate (e molte altre non menzionate) che hanno una importanza IMMEDIATA per il benessere dei cittadini?Certo che le trivelle sono importanti, ma rispetto agli altri problemi sono SECONDARIE.
          • NN figlio di NN scrive:
            Re: Fumo
            - Scritto da: Omino Blu
            Perché non ci sono stati referendum (o azioni
            precise con relazione continua sui risultati)
            sulle cose menzionate (e molte altre non
            menzionate) che hanno una importanza IMMEDIATA
            per il benessere dei
            cittadini?Riguardo al Referendum il motivo è semplicemente che su tantissimi argomenti non è possibile indire referendum.Per cui alla fine passano i referendum solo su argomenti di contorno.
          • NN figlio di NN scrive:
            Re: Fumo
            Senza dimenticare poi tutti i referendum passati che sono stati bellamente ignorati dai nostri politici.Tanto per dirne due:- finanziamento pubblico ai partiti- abolizione di vari ministeri
          • scovatore di troll scrive:
            Re: Fumo
            - Scritto da: Omino Blu
            Non voglio prendere le posizioni di nessuno, ma a
            fronte di una denuncia abbastanza
            particolareggiata (per un forum) fatta
            dall'utente ToniIl tuo post (prima che cambiassi nickname) era una colossale sequela di generiche XXXXXXX degne di una XXXXXXXXXXXXXX piddin-renziana, non una "denuncia particolareggiata".
    • iniziatore scrive:
      Re: Fumo
      Da qualche parte bisogna iniziare. Iniziamo con le trivelleE poi visto che siamo su punto informatico con l'abolizione obbligatiria del software closed nella pubblica amministrazione
    • Tanto non pago comunque scrive:
      Re: Fumo
      - Scritto da: Toni
      Siamo davvero così ciechi e ottusi?No no, qui lo scemo sei solo tu. Non so se piddino o forzaitaliota, ma comunque scemo.
  • Zara Thustra scrive:
    Incredibols
    E' chiaro che viviamo in un mondo repressivo.E lo stato in cui vivo ha 150.000+ leggi e regolamenti a dimostrarlo.Il numero di leggi è inversamente proporzionale alla civiltà degli abitanti, come dovrebbe essere ovvio a chiunque (ma non lo è).Francia circa 7.000, Germania circa 5.000, Inghilterra circa 3.000, purtroppo tutte in fortissimo e velocissimo aumento.Reprimere conviene, educare assolutamente no.E forse è meglio così, se educare significa appiattire ogni individuo a un comportamento standardizzato, come in parte è nel mondo "industrializzato", specialmente nordico e anglosassone.Infine non esiste democrazia e non esiste privacy: sono entrambi specchietti per allodole-cittadini superficiali, che senza rendersene conto si fanno manipolare da chiunque ne abbia l'intenzione e la capacità.Un esempio? (solo un esempio....)I partiti politici.Non basta il partito dello stare meglio tutti?No, ci vogliono i partiti di destra, centro, sinistra, centrodestra, centrosinistra. estrema destra, estrema sinistra, i democratici, i repubblicani, i laburisti, i conservatori, i......E tutti, come nell'infanzia, a tenere per il partito del cuore, tutti contro tutti.Basta con Marx.Iniziamo a cooperare e a toglierci dai piedi quei malati di menti che governano stati e aziende, e i loro burocrati altrettanti malati, o forse di più.Siamo governati da malati di mente, e il risultato lo vediamo in ogni cosa e in come stiamo distruggendo il pianeta.Gente, non basta l'evidenza?
    • Tanto non pago comunque scrive:
      Re: Incredibols
      - Scritto da: Zara Thustra
      Gente, non basta l'evidenza?L'evidenza di che? Del fatto che sei rinXXXXXXXXto?
  • panda rossa scrive:
    L'importante e' andarci a votare.
    La cosa impotante e' andare a votare.Soprattutto andare a votare a questo referendum, visto che il governo, prima ha deciso di buttare via soldi per non accorparlo con le prossime amministrative, poi consiglia apertamente l'astensione.Per cui andiamo tutti a votare, in modo che questo governo che nessuno ha eletto capisca il significato della parola DEMOCRAZIA.Poi, se uno vuole pure farsi il selfie mentre vota, sono solo affaracci suoi.
    • pippuz scrive:
      Re: L'importante e' andarci a votare.
      - Scritto da: panda rossa
      La cosa impotante e' andare a votare. [...]Sono d'accordo sull'andare a votare.
      Per cui andiamo tutti a votare, in modo che
      questo governo che nessuno ha eletto [...]Nessuno ha mai eletto nessun governo in Italia, almeno dal 1946 ad oggi. Al massimo, sono stati eletti dei parlamenti (anche con metodi discutibili, tipo l'attuale), mai governi. Nei 70 di Repubblica Italiana, ci sono stati 63 (!) governi diversi, nessuno eletto.
      Poi, se uno vuole pure farsi il selfie mentre
      vota, sono solo affaracci suoi.Sì, come no. Compravendita del voto? Voto obbligato sotto minaccia? Ma in quale mondo vivi?
    • iRoby scrive:
      Re: L'importante e' andarci a votare.
      Per l'acqua fu uguale, siamo andati tutti al referendum per l'acqua pubblica.Come è finita?
Chiudi i commenti