Apple, ambizioni da operatore virtuale (UPDATE)

Cupertino starebbe negoziando con i carrier statunitensi e europei per un progetto da sviluppare sul lungo periodo. Magari per estendere l'offerta della sua SIM virtuale. Apple è intervenuta per smentire

UPDATE: Apple è intervenuta per smentire le indiscrezioni. Una portavoce Ha dichiarato a Reuters di “Non aver avviato alcuna trattativa né di avere alcun piano di lanciare un MVNO.

Roma – Secondo indiscrezioni riportate da Business Insider Apple sarebbe interessata a tentare la strada per diventare un vero e proprio operatore mobile (MVNO, mobile virtual network operator ).

I dirigenti di Cupertino sarebbero in trattativa con diverse telco europee e statunitensi per offrire direttamente agli utenti propri servizi di connettività mobile.

Non si tratta di una iniziativa per colmare il digital divide rilanciando la connettività degli operatori locali per diffondere l’uso della Rete e l’adozione di servizi online, a differenza di Project Loon di Google con i suoi palloni aerostatici e da Internet.org di Facebook. Quella di Apple, così come il Project Fi di Google, destinato per ora agli Stati Uniti, ha l’obiettivo di offrire un servizio telefonico e di connettività.

Apple starebbe conducendo i primi test del proprio servizio negli Stati Uniti e non prevederebbe la costruzione delle infrastrutture di connessione, ma l’ottenimento dai carrier principali della connessione in leasing da rivendere ai propri utenti: un progetto – in ogni caso – con una prospettiva di lungo periodo e di cui non si prevede il lancio prima di cinque anni .

Più che slegarsi completamente dalle condizioni di prezzo degli operatori, dunque, l’obiettivo di Apple è quello di ottenere il controllo sulle connessioni, in modo tale da poter offrire ai propri utenti un pacchetto unico che andrebbe a completare e potenziare i servizi della sua SIM virtuale, lanciata scorso ottobre . Apple potrebbe consentire ai propri utenti di fruire di connettività mobile passando tra i servizi dei diversi gestori partner dell’iniziativa, a seconda della qualità locale del servizio.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Gigio scrive:
    USA
    Cioè, non ho capito, lo hanno mandato negli USA disarmato? veramente?
  • Paolo scrive:
    diritti
    Interessante invece.Hanno creato qualcosa che prima non esisteva, affidandolo al mondo e rinunciando esplicitamente (anche a posteriori) a qualsiasi meccanismo di protezione o tutela.Al povero robot è ancora andata bene... esseri umani in una situazione simile se la sarebbero vista peggio!
    • fuffaro scrive:
      Re: diritti
      - Scritto da: Paolo
      Interessante invece.
      Hanno creato qualcosa che prima non esisteva,
      affidandolo al mondo e rinunciando esplicitamente
      (anche a posteriori) a qualsiasi meccanismo di
      protezione o
      tutela.
      Al povero robot è ancora andata bene... esseri
      umani in una situazione simile se la sarebbero
      vista
      peggio!Secondo me se fosse passato per Napoli o dintorni, non ne sarebbe saputo più nulla. :p
  • Etype scrive:
    Irobot
    Diciamo che l'esperimento più stupido ed inutile di questo non lo potevano trovare,pensavano che il mondo era pieno di brave persone con buoni intenti ?
    • a b c scrive:
      Re: Irobot
      saranno utili i tuoi di esperimenti
    • anverone99 scrive:
      Re: Irobot
      - Scritto da: Etype
      Diciamo che l'esperimento più stupido ed inutile
      di questo non lo potevano trovare,pensavano che
      il mondo era pieno di brave persone con buoni
      intenti
      ?In Europa e in Canada almeno si'
  • Sg@bbio scrive:
    Le solite capre.
    Non c'è molto d'aggiungere.
Chiudi i commenti