Project Fi, Google è un operatore mobile

Mountain View ufficializza il suo nuovo servizio di telefonia mobile, un'offerta dotata di caratteristiche insolite per il settore e corredata da tante promesse. Limitati, per il momento, i partner e il bacino di utenza interessati

Roma – Le indiscrezioni dei giorni passati si sono trasformate in realtà concreta e Google ha ora ufficialmente svelato Project Fi , il nuovo servizio di telefonia virtuale che Mountain View offre agli utenti. La corporation promette connettività wireless veloce, affidabile e soprattutto conveniente, sensibilmente meno costosa rispetto ai piani della concorrenza.

Il debutto di Google in versione MVNO (mobile virtual network operator) si basa prima di tutto sulla partnership con i carrier Sprint e T-Mobile, che forniscono l’infrastruttura di rete a Project Fi, ed è quindi dedicato in via esclusiva agli utenti americani.

Altra “esclusiva” è il supporto per il phablet Nexus 6, unico terminale compatibile con il nuovo servizio. A parte l’esborso non proprio minimo necessario all’acquisto del phablet di Motorola, i costi per l’accesso a Project Fi includono l’acquisto di un piano “Fi Basics”, dal costo di 20 dollari al mese con chiamate ed SMS illimitati, e un piano dati dal costo di 10 dollari per Gigabyte al mese.

Il piano dati, rispetto alla concorrenza, presenta caratteristiche uniche : all’utente viene richiesto di pagare solo la banda effettivamente utilizzata ed è prevista una compensazione in denaro direttamente sul conto per i dati non consumati. Il piano dati, come anticipato , è utilizzabile anche all’estero, in più di 120 paesi, anche se la velocità di connessione è limitata a 256Kbps (3G) e le chiamate fuori dal paese ospite costano 20 centesimi al minuto: il roaming zero accarezzato dall’Europa e che non riesce a mettere d’accordo gli operatori del Vecchio Continente potrebbe accelerare sotto la spinta delle proposte di Google, segnala il Commissario Oettinger.

Google, inoltre, riferisce di aver implementato una particolare tecnologia a livello di scheda SIM per fornire un passaggio dalla rete mobile a quella WiFi senza interruzioni, e per quanto riguarda la copertura WiFi la corporation parla di “più di un milione” di hotspot gratuiti e aperti in giro per gli States.

Per il momento Project Wi-Fi è un servizio accessibile solo su invito, ma come per tutte le iniziative di Google è capace di infiammare il dibattito sui piani per il futuro o la portata potenzialmente dirompente dell’offerta sul business dei carrier mobile.
Certo è che il piano dati con pagamenti proporzionali ai consumi è destinato a gettare scompiglio nel tradizionale pasteggio degli operatori di rete con i soldi degli utenti – negli USA e forse anche altrove – mentre fra le tante questioni aperte dall’annuncio di Project Fi ci sono quelle sulla copertura relativamente ridotta dell’offerta iniziale, l’effettiva portata della connettività WiFi “gratuita” e l’impatto dell’utilizzo dell’infrastruttura “cloud” di Mountain View per la gestione dei numeri telefonici e dei flussi di comunicazione vocale e testuale.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Leguleio scrive:
    Ma quindi
    ... Il pregiudicato Peter Sunde voleva utilizzare la fama di condannato per violazione della legge sul diritto d'autore per raccogliere fondi per un'applicazione?Questo è un tipo di fama che le donazioni non le attira di certo.
    • ... scrive:
      Re: Ma quindi
      - Scritto da: Leguleio
      ... Il pregiudicato Peter Sunde voleva utilizzare
      la fama di condannato per violazione della legge
      sul diritto d'autore per raccogliere fondi per
      un'applicazione?
      Questo è un tipo di fama che le donazioni non le
      attira di
      certo.La sua fama, meritatissima è di tecnico eccezionale.Hai presente cosa significa la parola 'scalare' in accezione informatica?In tre gatti, quelli di TPB sono riusciti a far scalare una piattaforma configurando in modo meraviglioso hardware molto economico.
    • panda rossa scrive:
      Re: Ma quindi
      - Scritto da: Leguleio
      ... Il pregiudicato Peter Sunde voleva utilizzare
      la fama di condannato per violazione della legge
      sul diritto d'autore per raccogliere fondi per
      un'applicazione?
      Questo è un tipo di fama che le donazioni non le
      attira di
      certo.Curioso: esattamente le stesse parole che che disse il candidato sindaco di Marina di Sotto De Santis, nei confronti del suo avversario Cetto La Qualunque.
      • Leguleio scrive:
        Re: Ma quindi


        ... Il pregiudicato Peter Sunde voleva
        utilizzare

        la fama di condannato per violazione della
        legge

        sul diritto d'autore per raccogliere fondi
        per

        un'applicazione?

        Questo è un tipo di fama che le donazioni
        non
        le

        attira di

        certo.

        Curioso: esattamente le stesse parole che che
        disse il candidato sindaco di Marina di Sotto De
        Santis, nei confronti del suo avversario Cetto La
        Qualunque.Oh, in Italia abbiamo visto al ballottaggio uno zoppo che sfidava uno storpio, la cosa non farebbe notizia. :)Ma Sunde abita in Svezia, e il mercato a cui si rivolge i precedenti penali li guarda, a differenza degli elettori italiani. Fra un servizio di messaggeria criptato e l'altro, opterà per quello gestito da persone incensurate.
        • panda rossa scrive:
          Re: Ma quindi
          - Scritto da: Leguleio


          ... Il pregiudicato Peter Sunde voleva

          utilizzare


          la fama di condannato per violazione
          della

          legge


          sul diritto d'autore per raccogliere
          fondi

          per


          un'applicazione?


          Questo è un tipo di fama che le
          donazioni

          non

          le


          attira di


          certo.



          Curioso: esattamente le stesse parole che che

          disse il candidato sindaco di Marina di
          Sotto
          De

          Santis, nei confronti del suo avversario
          Cetto
          La

          Qualunque.

          Oh, in Italia abbiamo visto al ballottaggio uno
          zoppo che sfidava uno storpio, la cosa non
          farebbe notizia.
          :)
          Ma Sunde abita in Svezia, e il mercato a cui si
          rivolge i precedenti penali li guarda, a
          differenza degli elettori italiani. Fra un
          servizio di messaggeria criptato e l'altro,
          opterà per quello gestito da persone
          incensurate.Quindi di che ti stai a preoccupare?Non c'e' bisogno del maloox questa volta.
        • bully scrive:
          Re: Ma quindi
          - Scritto da: Leguleio


          ... Il pregiudicato Peter Sunde voleva

          utilizzare


          la fama di condannato per violazione
          della

          legge


          sul diritto d'autore per raccogliere
          fondi

          per


          un'applicazione?


          Questo è un tipo di fama che le
          donazioni

          non

          le


          attira di


          certo.



          Curioso: esattamente le stesse parole che che

          disse il candidato sindaco di Marina di
          Sotto
          De

          Santis, nei confronti del suo avversario
          Cetto
          La

          Qualunque.

          Oh, in Italia abbiamo visto al ballottaggio uno
          zoppo che sfidava uno storpio, la cosa non
          farebbe notizia.
          :)
          Ma Sunde abita in Svezia, e il mercato a cui si
          rivolge i precedenti penali li guarda, a
          differenza degli elettori italiani. Fra un
          servizio di messaggeria criptato e l'altro,
          opterà per quello gestito da persone
          incensurate.Eh già, il mercato di quelli che come te guardano la fedina penale e non si curano inimamente di sondare l' operato.Buon faccialibro a te, lì i padroni sono incensurati.
    • Funz scrive:
      Re: Ma quindi
      - Scritto da: Leguleio(*) ma quindi non si dice :p
      ... Il pregiudicato Peter Sunde voleva utilizzare
      la fama di condannato per violazione della legge
      sul diritto d'autore per raccogliere fondi per
      un'applicazione?ma quindi(*) il pregiudicato Peter Sunde non potrà per il resto della vita lavorare in qualsiasi campo, nemmeno quelli che con il diritto d'autore altrui non c'entrano niente come la messaggistica?Se valesse questo principio, ai nostri cari politici oltre che vietare di amministrare ancora la cosa pubblica, gli vieteremmo di toccare più denaro di quanto ci stia in un salvadanaio (in monetine).
      Questo è un tipo di fama che le donazioni non le
      attira di
      certo.ma il grande pubblico che ne sa di chi è Sunde?E chi sa chi è Sunde, si lascia dissuadere dai precedenti? Per me è il contrario, è una ottima reputazione la sua.
Chiudi i commenti