Apple, denuncia in salsa di Siri

Nuova accusa cinese per Cupertino, stavolta costretta a difendere il suo assistente vocale

Roma – Neanche il tempo di archiviare il caso Proview con al centro la proprietà del marchio iPad, che Apple deve ancora vedersela con i tribunali cinesi: stavolta motivo del contendere è Siri.

Dalla parte dell’accusa l’azienda di Shangai Zhizhen Network Technology: questa ha sviluppato una propria tecnologia di assistenza vocale e ha ottenuto nel 2006 un brevetto relativo ad essa.

Xhizhen dice di aver precedentemente provato a contattare Apple per risolvere la questione fuori dai tribunali, ma di non aver ricevuto risposta in quella occasione: ora conta di ottenere un accordo di almeno 60milioni di dollari .

Apple, nel frattempo, è impegnata in Cina anche in difesa di Snow Leopard, marchio rivendicato da un’azienda chimica.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Antonio Mela scrive:
    Sarà...
    ...ma a me quella sembra la camminata di uno vittima di un ictus.Molto meglio ad esempio gli esemplari prodotti da Boston Dynamics tipo petman, che non ha nemmeno bisogno delle rotelline per stare in piedi da solo.
  • attonito scrive:
    le gambe, ok ma manca il torace
    ok, le gambe che camminano in modo natirale, ma per essere un movimento naturale devono anche mettere il resto del copro che pesando, determina postura e andatura delle gambe. Lavorare solo sulle gambe non basta, secondo me.STANCO DELLA PUBBLICITA' SUL WEB? INSTALLA PRIVOXY
Chiudi i commenti