Apple e il limbo di iMessage

Il sistema di messagistica di Cupertino non è perfetto. E l'azienda lo avrebbe anche ammesso con alcuni clienti. Ora c'è chi prova a imbastire una class action, in attesa di una soluzione

Roma – I messaggi risultano consegnati, ma non sono mai arrivati al destinatario: il problema che pare affliggere il sistema di messaggistica di Apple, iMessage, ha radici antiche e strettamente legate al suo meccanismo di funzionamento. Il risultato è che parecchi utenti lamentano la sparizione delle comunicazioni teoricamente ricevute , soprattutto nei casi in cui sia stata compiuta una migrazione iOS-Android: la frustrazione cresce e, per tagliare la testa al toro, in California è stata anche varata una class action per venire a capo della faccenda.

iMessagge è il protocollo di scambio di messaggi di testo creato da Apple per il proprio ecosistema: funziona su smartphone e tablet con iOS, e si interconnette anche con i Mac. Il suo meccanismo di funzionamento ricorda vagamente quello di WhatsApp: si registra il numero di telefono nel sistema (tipicamente durante l’attivazione di un dispositivo), e da quel momento viene associato all’account Apple. I messaggi diretti verso quel numero (o indirizzo email) transitano sui canali creati da Cupertino : il loro invio avviene tramite la connessione dati, quindi gratuitamente se si è sottoscritto un abbonamento a tale scopo, e sono consegnati più o meno contemporaneamente su tutti i device abbinati allo stesso account. Il problema pare essere generato, tuttavia, proprio dal meccanismo di registrazione: creando situazioni paradossali che solo in alcuni casi si riesce a sanare.

Se tra i propri contatti un utente registrato ad iMessage decide di cambiare terminale, per esempio passando a un cellulare Android, il sistema continuerà a considerare il suo numero di telefono come appartenente al servizio: i messaggi a lui indirizzati verranno consegnati tramite iMessage (facilmente identificabili tramite il colore azzurro), invece che transitare sul normale percorso SMS. La causa del disservizio pare sia legata alla mancata “de-registrazione” durante la migrazione da iOS ad Android: Apple continua a considerare quel numero come un numero iMessage, almeno per 90 giorni filati prima di verificare nuovamente l’effettiva affiliazione, dunque tutto il testo inviato finisce in un limbo dal quale non è possibile recuperarli.

Alcuni utenti affermano di essere riusciti a cavarsi dagli impicci provvedendo a disabilitare la propria registrazione ad iMessage : ciò è possibile compiutamente, tuttavia, soltanto se si conserva ancora il terminale originario. In caso contrario, se per esempio si è venduto il telefono a qualcun altro e prima non si è disattivato iMessage, potrebbe non essere possibile sanare definitivamente il problema: la questione non pare avere (ancora) contorni del tutto definiti, e l’autentica natura di questo bug sfugge ancora alla definizione rigorosa necessaria a trovare una soluzione.

Apple sarebbe al corrente della faccenda, ma non avrebbe pronta alcuna ricetta per fare fronte alla seccatura: l’unica indicazione fornita è, per l’appunto, disattivare iMessage. Secondo gli ex-clienti incappati nella questione, e ora sul piede di guerra con la proposta di una class action , Apple avrebbe mancato di avvisare di questa eventuale difficoltà nel passaggio ad altro sistema, contravvenendo alle regole sulla concorrenza .

Luca Annunziata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Plauto scrive:
    Basta con i cracker!!
    Fanno ingrassare. Molto meglio i biscotti.
  • Guybrush scrive:
    Per la redazione
    Nel sottotitolo si legge botneR invece di botneT.Potete correggere?Buona giornata.
    • Damien scrive:
      Re: Per la redazione
      - Scritto da: Guybrush
      Nel sottotitolo si legge botneR invece di botneT.
      Potete correggere?

      Buona giornata.E menomale che la t ce l'hanno messa, senno sai che ridere. ;)
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: Per la redazione
      grazie, curioso refuso
  • ruppolo scrive:
    Piccola distrazione...
    ...ci si è dimenticati di citare il sistema operativo di questo mezzo milione di PC zombizzati... ah, a proposito... anche di citare che sono mezzo milione. Di PC con WINDOWS!
    • Damien scrive:
      Re: Piccola distrazione...
      - Scritto da: ruppolo
      ...ci si è dimenticati di citare il sistema
      operativo di questo mezzo milione di PC
      zombizzati... ah, a proposito... anche di citare
      che sono mezzo milione. Di PC con
      WINDOWS!Dato che Windows è installato nel 90% dei computer mondiali, per la legge dei grandi numeri, mi pare ovvio che sia così.
      • krane scrive:
        Re: Piccola distrazione...
        - Scritto da: Damien
        - Scritto da: ruppolo

        ...ci si è dimenticati di citare il sistema

        operativo di questo mezzo milione di PC

        zombizzati... ah, a proposito... anche di citare

        che sono mezzo milione. Di PC con WINDOWS!
        Dato che Windows è installato nel 90% dei
        computer mondiali, per la legge dei grandi
        numeri, mi pare ovvio che sia così.E' proprio per combattere queste ignoranze che andrebbe scritto molto spesso, che poi magari uno crede che faccia il problema sia la diffusione e non che sia storicamente "il colabrodo" :D
  • prova123 scrive:
    "tutte altamente preparate dal punto di
    vista tecnico-informatico" ... embè ... se lo dice la polizia postale ... bontà loro!!
    • provaSaSa scrive:
      Re: "tutte altamente preparate dal punto di
      - Scritto da: prova123
      vista tecnico-informatico" ... embè ... se lo
      dice la polizia postale ... bontà
      loro!!avrai i tuoi buoni motivi per avere questi dubbi, e' possibile che li conosci anche le qualita' di tutti i componenti, non metto in dubbio bonta' tua ci farai sapere anche i motiviinvece io sono daccordo con l'autore dell'articolo la polizia postale italiana e' molto preparata
      • prova123 scrive:
        Re: "tutte altamente preparate dal punto di
        ho scritto che la polizia postale non sia preparata ... e per fortuna che ho scritto una frase di solo un rigo ...
        • provaSaSa scrive:
          Re: "tutte altamente preparate dal punto di
          si, ma allora che messaggio volevi dare con quella frase di solo un rigo se non c'era l'ironia di chi la pensa al contrario? forse era meglio stare con le dita a riposo?
    • Funz scrive:
      Re: "tutte altamente preparate dal punto di
      - Scritto da: prova123
      vista tecnico-informatico" ... embè ... se lo
      dice la polizia postale ... bontà
      loro!!La mia impressione invece è che la polpost sia molto competente. Molto di più dei nostri legislatori... direi che il rapporto tra le competenze tende all'infinito :p
  • unaDuraLezione scrive:
    Perfetto.
    contenuto non disponibile
    • collione scrive:
      Re: Perfetto.
      vabbè dai, è la solita sparata delle "forze dell'ordine" per giustificare lo stipendioin primo luogo vorrei far notare che produrre software RAT non è reato in sèdetto ciò, molto probabilmente, il creatore di quel software verrà rilasciato con tante scuse e qualche bel risarcimento milionario ( in euro, che pagheranno i contribuenti )poi bisognerà vedere quanti di quegli "acquirenti/utilizzatori" sono realmente tali, e quanti sono invece vittime della botnete anche qui, errore giudiziario, rilascio e tante scuse con annesso risarcimentocomunque dovrebbero imparare dai cinesi, che lasciano gli hacker a briglia sciolta e gli permettono di crescere professionalmente e servire il loro Paese dell'esercito popolareinvece qui fanno leggi anti-hacker, invece di fare leggi per arrestare le multinazionali fetecchione che mettono in commercio delle vere e proprie groviere
      • cogllione scrive:
        Re: Perfetto.
        - Scritto da: collione
        comunque dovrebbero imparare dai cinesi, che
        lasciano gli hacker a briglia sciolta e gli
        permettono di crescere professionalmente e
        servire il loro Paese dell'esercito
        popolare
        fa un favore hai mai pensato che potresti andare direttamente li in Cina a verificare come funziona e possibilmente trattenerti per un po di tempo e renderti utile?posso assicurarti che qui non sentiremo la mancanza di interventi di questo genere
      • provaSaSa scrive:
        Re: Perfetto.
        - Scritto da: collione
        vabbè dai, è la solita sparata delle "forze
        dell'ordine" per giustificare lo
        stipendioio dico invece che e' la tua ad essere una sparata gratuita e banalese volessi esserlo anche io direi che hai inviato il tuo intervento per giustificare la tua scarsa comprensione dell'importanza dei contenuti dell'articolo

        in primo luogo vorrei far notare che produrre
        software RAT non è reato in
        sèe dove lo avresti letto che qualcuno e' stato arrestato o deunciato per produzione di RAT? forse per uso o fini illeciti?

        detto ciò, molto probabilmente, il creatore di
        quel software verrà rilasciato con tante scuse e
        qualche bel risarcimento milionario ( in euro,
        che pagheranno i contribuenti
        )certo, esiste la probabilita'

        poi bisognerà vedere quanti di quegli
        "acquirenti/utilizzatori" sono realmente tali, e
        quanti sono invece vittime della
        botnet
        non mi dire che sotto sotto vorresti proporti come risolutore perche' pensi che non sappiano fare bene il loro mestiere?
        e anche qui, errore giudiziario, rilascio e tante
        scuse con annesso
        risarcimento
        certo. esiste la probabilita'
        comunque dovrebbero imparare dai cinesi, che
        lasciano gli hacker a briglia sciolta e gli
        permettono di crescere professionalmente e
        servire il loro Paese dell'esercito
        popolarequesta e' buona

        invece qui fanno leggi anti-hacker, invece di
        fare leggi per arrestare le multinazionali
        fetecchione che mettono in commercio delle vere e
        proprie
        grovierequesta e' ancora meglio
      • riprovo a dire la mia scrive:
        Re: Perfetto.
        @ collionehai mai pensato di trasferirti definitivamente in cina?
      • riprovo a dire la mia scrive:
        Re: Perfetto.
        @ collionehai mai pensato di andare a vivere in cina
Chiudi i commenti