Apple iOS, la cura con il buco

Cupertino distribuisce una nuova versione del suo sistema operativo mobile chiudendo le porte a bachi e jailbreak. Ma un nuovo meccanismo di sblocco non autorizzato è già pronto. E anche Samsung, nel suo piccolo, si sblocca
Cupertino distribuisce una nuova versione del suo sistema operativo mobile chiudendo le porte a bachi e jailbreak. Ma un nuovo meccanismo di sblocco non autorizzato è già pronto. E anche Samsung, nel suo piccolo, si sblocca

Apple ha avviato la distribuzione del tanto atteso iOS 6.1.3 , nuova release del sistema operativo mobile che va a correggere bachi e vulnerabilità assortite divenute – in queste settimane – molto popolari tra gli utenti. Il tana libera tutti è finito, ma altri bug già si profilano all’orizzonte.

Tra le migliorie apportate da iOS 6.1.3, quelle certamente più attese sono l’eliminazione del problema con il blocco dello schermo (e relativa password) e la messa fuori gioco del jailbreak di evasi0n , uno dei tool di “sblocco” dei gadget Apple sin qui più popolari e longevi.

In effetti iOS 6.1.3 affronta con efficacia entrambe le problematiche , e nel “changelog” dell’aggiornamento Apple si premura di indicare evad3rs – autori del jailbreak di cui sopra – come responsabili della scoperta di vari bachi nel codice del sistema, nel kernel e nella gestione dei collegamenti USB.

L’installazione dell’aggiornamento è ovviamente consigliata a tutti, meno quegli utenti interessati a usare un iCoso sbloccato: in quest’ultimo caso sarà necessario continuare a usare iOS 6.1.2 in attesa di un nuovo metodo di jailbreaking funzionante. Perché la scoperta di ulteriori vulnerabilità in iOS è solo questione di tempo, come dimostra l’individuazione – a un solo giorno di distanza dal rilascio di iOS 6.1.3 – di un nuovo metodo per bypassare il blocco dello schermo su certi modelli di iPhone, servendosi della funzionalità Voice Control ed espellendo la SIM card durante una chiamata.

A quanto pare nessuno degli OS mobile più popolari – installati sugli smartphone più venduti – sembra essere immune a questo problema, e i produttori non si dimostrano sempre abbastanza pronti a reagire. Anche nel caso del Samsung Galaxy S III (Android) c’è la possibilità di eliminare il blocco e accedere a tutte le applicazioni e i dati presenti sul telefonino. Occorre un tempismo notevole, ma il risultato è a dir poco disastroso dal punto di vista della sicurezza e della privacy. Lo stesso vale per l’analoga falla di Android testata su un Samsung Galaxy Note II.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

21 03 2013
Link copiato negli appunti