Apple: multa di 1 milione di euro per abuso di App Store

Apple: multa di 1 milione di euro per abuso di App Store

Apple ha ricevuto una multa di 1 milione di euro in Francia per pratiche illegali applicate su App Store nei confronti degli sviluppatori. a
Apple ha ricevuto una multa di 1 milione di euro in Francia per pratiche illegali applicate su App Store nei confronti degli sviluppatori. a

Apple è da poco finita al centro di una vera e propria bufera in Francia, dove l’azienda della “mela morsicata” ha ricevuto una multa di 1 milione di euro a causa dell’imposizione di alcune pratiche ritenute illegali nei confronti degli sviluppatori francesi che hanno pubblicato le loro applicazioni su App Store.

Apple: multa da 1 milione di euro in Francia per l’App Store

La Corte commerciale di Parigi non ha avanzato ulteriori richieste nei confronti di Apple, ma solo ed esclusivamente il pagamento della cifra stabilita. Questo perché tra non molto le politiche del gruppo di Cupertino saranno inevitabilmente soggette a modifiche con il Digital Markets Act, entrato in vigore il giorno 1 novembre 2022, ma la cui applicazione effettiva avverrà a partire dalla primavera del prossimo anno. Con esso, infatti, non sarà più tollerata in alcun modo la posizione di controllo esercitata dall’azienda sul suo ecosistema.

Apple, comunque, ha fatto sapere che ricorrerà in appello, visto che ritene che l’App Store abbia aiutato gli sviluppatori francesi a condividere le loro passioni e la loro creatività con il mondo intero e che lo store rappresenta un ambiente sicuro e fidato per i consumatori.

Chiaramente, per quanto possa apparire ingente, la multa che è stata assegnata ad Apple non è in realtà particolarmente gravosa per l’azienda, la quale è abituata a gestire situazioni molto più impegnative di questa, ma si tratta comunque dell’ennesimo segnale di come le autorità europee stiano sempre più in allerta per l’operato del colosso di Cupertino, in particolare relativamente ad App Store.

Fonte: Reuters
Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 20 dic 2022
Link copiato negli appunti