Apple potenzia i MacBook Pro

Da Cupertino arrivano nuovi modelli di notebook di fascia alta capaci di incrementare le performance e, in alcuni casi, ridurre i consumi energetici. Sui 15 pollici debuttano i display con retroilluminazione a LED

Cupertino (USA) – Similmente a quanto fatto lo scorso maggio con la sua famiglia di notebook entry-level, ieri Apple ha aggiornato le configurazioni hardware dei MacBook Pro potenziandone processore, memoria RAM e di massa, e sezione grafica. Nello stesso tempo, la casa della Mela ha ridotto il prezzo dei suoi portatili professionali di 100 euro tondi tondi .

Tutti i MacBook Pro includono ora un processore Core 2 Duo con frquenza di clock di 2,2 o 2,4 GHz, 2 GB di memoria DDR2 SDRAM a 667 MHz, hard disk da 120 o 160 GB con velocità di 5400 RPM, scheda grafica GeForce 8600M GT , e masterizzatore SuperDrive 8x.

I due modelli da 15 pollici sono tra i primissimi notebook sul mercato ad adottare un display con retroilluminazione a LED , una tecnologia che, rispetto alle tradizionali lampade al neon, è più ecologica (non fa uso di mercurio), consuma meno energia e fornisce immagini più nitide e contrastate.

Oltre che per l’adozione di un processore più veloce e di un hard disk più capiente, il MacBook Pro da 15 pollici di fascia più alta si distingue dal modello entry-level anche per l’impiego di una scheda grafica con il doppio di memoria video, pari a 256 MB. Il prezzo al pubblico dei due portatili è di 1.899 euro e 2.399 euro.

Il MacBook Pro con schermo da 17 pollici (senza LED) costa invece 2.699 euro , e condivide il resto delle caratteristiche hardware con il modello top da 15 pollici: processore da 2,4 GHz, hard disk da 160 GB e GeForce 8600M GT con 256 MB di memoria GDDR3.

Le opzioni BTO (build-to-order) includono la possibilità di montare un hard disk da 160 GB e 7200 RPM o uno da 250 GB e 4200 RPM, fino a 4 GB di memoria SDRAM DDR2, alimentatore Apple MagSafe Airline, modem USB Apple, display widescreen lucido, schermo da 17 pollici da 1.920 x 1.200 punti e AppleCare Protection Plan.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Di ME scrive:
    falla grave di Firefox
    che sara' corretta probabilmente entro domani e che in tutti i casi colpisce se usi firefox su Windows e non se usi lo stesso su Linux.
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: falla grave di Firefox
      contenuto non disponibile
    • Guglielmo Cancelli scrive:
      Re: falla grave di Firefox
      Non so cosa suggerisca l'impressione che Linux sia immune, ma da una rapida scorsa dell'unica fonte autorevole, cioè https://bugzilla.mozilla.org/show_bug.cgi?id=376473 , si ricavano queste due notizie:1. La vulnerabilità è stata TESTATA solo su Windows, ma nulla esclude che sia multi-piattaforma (nessune si è curato di verificare, probabilmente perchè come dice unaDuraLezione se Windows è vulnerabile tutto il resto passa in secondo piano)2. Il problema è noto da più di due mesi
  • unaDuraLezione scrive:
    fatemi capire...
    contenuto non disponibile
    • Guglielmo Cancelli scrive:
      Re: fatemi capire...
      Unico fattore di mitigazione: disabilitare JavaScript.Se ti sembra troppo drastico, disabilitare JavaScript su tutti i siti esclusi quelli di cui ti fidi e dove non puoi farne a meno. L'unico strumento per farlo in maniera affidabile è l'estensione per Firefox chiamata NoScript, http://noscript.net
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: fatemi capire...
      contenuto non disponibile
    • Guglielmo Cancelli scrive:
      Re: fatemi capire...
      Se vuoi approfondire, questo articolo del nuovo Mozilla Security Blog:http://blog.mozilla.com/security/2007/06/05/zalewski-reports-bug-in-firefox/contiene il punto di vista di Mozilla e i link ai bug report in cui le parti (incluso zalewski) stanno discutendo le strategie di risoluzione.Nota l'aggiornamento in basso: si paventa l'ipotesi che le due falle possano essere usate in combinazione aumentandone l'efficacia, e petanto non si esclude che anche la severità del rischio venga rivalutata.
  • Guglielmo Cancelli scrive:
    NoScript
    Che invidia! http://noscript.netGC III
  • Sgabbio scrive:
    Opera immune ?
    A quanto Pare Opera non ha queste vulnerabilità. C'è da stare tranquilli per ora... Spero.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 06 giugno 2007 00.22-----------------------------------------------------------
  • Steve Ballmer scrive:
    LE FIAMME INFERNALI DI FIREFOX
    Oggi ho deciso di provare Linux. Sono andato a informarmi un LUG e mi hanno consigliato gNewSense , in quanto è la distro ufficiale della FSF, mentre Ubuntu contiene spyware. Inoltre me ne hanno venduta una copia. Erano 87 floppy... Di fronte alle mie lamentele mi è stato detto di accontentarmi in quanto BSD (una vecchia versione di Linux) è tuttora distribuito su schede perforate.Dopo l'istallazione sono subito rimasto colpito negativamente: la GUI era un antiquato desktop bidimensionale 16 colori 640x480. E non c'era neppure un browser integrato!!! Dopo aver consultato a lungo i forum opensource ho trovato un progamma chiamato "firefox 1.5" (IE è già alla ver. 8...bello!).Tale prodotto si è però rivelato una delusione: non supportava minimamente gli standards W3C come ActiveX, VBScript e Passport.NET.Tentando di navigare sul sito "www.microsoft.com" entrava in un funzione un Sistema di Censura che scombussolava il layout della pagina rendendola illeggibile e infine dirottava la navigazione su siti legati all'Ideologia Marxista. Infine sono rimasto traumatizzato quando, inserendo per sbaglio l'url "about:mozilla", lo schermo si è riempito di scritte Sataniche e versi del Corano.Allora mi sono posto la domanda: "perché mai dei programmatori dovrebbero implementare un nuovo browser quando Windows ne integra già uno? Sta forse in questo misterioso Book of Mozilla la risposta?" Per chi mi aiuterà a districarmi in questo arcano, 10 licenze in regalo* (win)(win)(win)(win)(win) [*di Microsoft Bob s'intende] -----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 06 giugno 2007 00.23-----------------------------------------------------------
  • IL COMITATO scrive:
    NOTIZIA OUT TO DATE
    l'abbiamo postata ieri notte: 25 ore prima, tratta da the register.
Chiudi i commenti