ARCore, AR per gli smartphone Android

La nuova piattaforma di Google esce dalla beta e si presenta ai proprietari dei 100 milioni di gadget mobile: un parco macchine che dovrebbe garantire fortune migliori dell'oramai defunto progetto Tango

Roma – È arrivata la prima major release di ARCore , piattaforma per la realtà virtuale/aumentata ideata da Google come erede tecnologico e commerciale di Project Tango . Una tecnologia che appena arrivata alla versione 1.0 può già vantare un livello di compatibilità interessante con gli smartphone basati sull’OS Android.

Stando a quanto comunica Google , infatti, ARCore è giù supportata da 100 milioni di cellulari androidi appartenenti ai seguenti modelli: Google Pixel, Pixel XL, Pixel 2, Pixel 2 XL, Samsung Galaxy S8, Galaxy S8+, Galaxy Note8, Galaxy S7, Galaxy S7 edge, LG V30, V30+, ASUS Zenfone AR, OnePlus 5.

ARCore necessita di una configurazione hardware-software specifica e non può quindi essere compatibile con la totalità dei dispositivi Android, ma Google rassicura sulle prospettive future dicendo di essere già al lavoro con i partner (Huawei, Motorola, Sony, Xiaomi, ASUS e altri) per estendere a nuovi modelli la suddetta compatibilità.

Per chi invece ha la “fortuna” di possedere un gadget compatibile , con ARCore 1.0 si aprono le porte a nuove modalità di interazione con tanto di pupazzetti animati in 3D inseriti nel mondo reale, oppure con la possibilità di usare lo smartphone come una telecamera mobile in un mondo totalmente fittizio.

Un’altra novità importante di ARCore 1.0 è il debutto della piattaforma in Cina, paese in cui l’azione commerciale di Google è estremamente limitata – senza servizi ne app Play – ma che in ogni caso potrà accedere alla nuova AR grazie alle partnership strette dal colosso dell’advertising con i produttori locali come Huawei, Xiaomi e Samsung.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • xte scrive:
    Mhhh
    Non so quanto siano diversi dal politico tipo di qualsiasi paese in termini tecnologici... E questo dovrebbe far pensare, in particolare quando tutta o quasi l'informazione del mondo passa da certi strumenti, proprietari, e praticamente monovendor.
    • surak 2.0 scrive:
      Re: Mhhh
      - Scritto da: xte
      Non so quanto siano diversi dal politico tipo di
      qualsiasi paese in termini tecnologici... EIl tipo non è un politico ma solo un consulente politico simpatizzante...chi lo paga
      questo dovrebbe far pensare, in particolare
      quando tutta o quasi l'informazione del mondo
      passa da certi strumenti, proprietari, e
      praticamente
      monovendor.In teoria ci sarebbero un apparato di sicurezza che provvede a fornire mezzi sicuri e istruzioni anche al politico incapace, ma in questo caso il tipo era un libero cittadino privato su cui hanno indagato in modo particolare in cerca di qualcosa contro Trump.Se lo facessero a tutti i politici ed affini..probabilmente non se ne salverebbe uno.Quanto all'incapacità come non ricordare la Clinton che usa il suo telefono privato per parlare con i governanti e servizi da Segretario di Stato (lì sì...istruita e fornita di mezzi di sicurezza, ma poi la tipa beveva, come non ricordare le risate ed i balli sguaiati, e se ne dimenticava)
      • Izio01 scrive:
        Re: Mhhh
        - Scritto da: surak 2.0
        - Scritto da: xte

        Non so quanto siano diversi dal politico tipo di

        qualsiasi paese in termini tecnologici... E

        Il tipo non è un politico ma solo un consulente
        politico simpatizzante...chi lo paga


        questo dovrebbe far pensare, in particolare

        quando tutta o quasi l'informazione del mondo

        passa da certi strumenti, proprietari, e

        praticamente

        monovendor.

        In teoria ci sarebbero un apparato di sicurezza
        che provvede a fornire mezzi sicuri e istruzioni
        anche al politico incapace, ma in questo caso il
        tipo era un libero cittadino privato su cui hanno
        indagato in modo particolare in cerca di qualcosa
        contro Trump.
        Se lo facessero a tutti i politici ed
        affini..probabilmente non se ne salverebbe
        uno.
        Quanto all'incapacità come non ricordare la
        Clinton che usa il suo telefono privato per
        parlare con i governanti e servizi da Segretario
        di Stato (lì sì...istruita e fornita di mezzi di
        sicurezza, ma poi la tipa beveva, come non
        ricordare le risate ed i balli sguaiati, e se ne
        dimenticava)Ottima analisi, concordo pienamente.
Chiudi i commenti