ARM passa a 64bit

Il chipmaker britannico svela la nuova architettura ARMv8 che entro un paio d'anni metterà 64bit al servizio di server e computer
Il chipmaker britannico svela la nuova architettura ARMv8 che entro un paio d'anni metterà 64bit al servizio di server e computer

Per il momento chi intende scommettere sui server ARM, in alternativa alla classica architettura x86, deve accontentarsi di soluzioni che lavorano soltanto a 32bit. Il chipmaker britannico si prepara però a correggere il tiro, aggiungendo il supporto alla virtualizzazione per sistemi operativi e software che sfruttano i 64bit.

La nuova architettura ARMv8 introdurrà un nuovo set d’istruzioni (AArch64) dedicato a questo tipo di elaborazione, ma continuerà a supportare anche l’attuale set. La possibilità di lavorare in due modalità assicurerà la retrocompatibilità e aiuterà la migrazione del software già esistente.

Tralasciando un momento il discorso server, è ovvio che con una soluzione di questo tipo ARM potrà corteggiare meglio anche i computer tradizionali e i tablet equipaggiati con il sistema operativo Windows 8 , già compatibile con il set AArch64. In ogni caso bisognerà attendere fino al 2014 per vedere gli ARMv8 in azione. Periodo in cui, potrebbe addirittura affacciarsi sul mercato Windows 9 .

Il comunicato riferisce che i partner ARM come Nvidia, Calxeda e Marvell, sono comunque già al lavoro per mettere in moto il cambiamento e sviluppare software, lato server, che sia in grado di sfruttare pienamente queste nuove preziose istruzioni.

Roberto Pulito

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

31 10 2011
Link copiato negli appunti