Arrestiamo gli utenti di Napster

di Lamberto Assenti. L'ultima trovata è beccare chi usa il sistemone e mandargli la polizia a casa. Per scoraggiare la pirateria via file-sharing. La nuova tesi dell'industria discografica porterà ad una sua più rapida dissoluzione
di Lamberto Assenti. L'ultima trovata è beccare chi usa il sistemone e mandargli la polizia a casa. Per scoraggiare la pirateria via file-sharing. La nuova tesi dell'industria discografica porterà ad una sua più rapida dissoluzione


Roma – Chi usa software e ambienti di file-sharing per scambiare file musicali o altri contenuti protetti? Con uno spider adatto, intrufolato nei più frequentati spazi di scambio, si potrebbero rintracciare tonnellate di indirizzi IP e poi associare gli indirizzi agli utenti. Infine si potrebbero ottenere dalle magistrature dei singoli paesi ove risiedono i maniaci del file-sharing le autorizzazioni necessarie a sequestrare il materiale pirata, condendo magari il tutto con il sequestro del computer e una bella multa.

Fantascienza? Lo era, fino a poche settimane fa, quando la polizia belga ha iniziato a compiere dei raid nelle case di alcuni utenti di Napster. Utenti che avrebbero diffuso e scaricato materiale pirata e che sarebbero stati individuati e denunciati dalla prode “International Federation of Phonografic Industry” (IFPI), una delle massime espressioni associative della multi-industria della discografia.

L’approccio repressivo è rivoluzionario. Anziché colpire la povera azienda Napster, colpevole solo di aver sviluppato un software che segna una svolta concettuale senza precedenti per la Rete, i discografici sembrano pronti a dedicarsi ad un nuovo sport: il tiro al piccione.

I blitz in Belgio hanno condotto all’esame dei contenuti dei computer e degli altri supporti digitali trovati nelle case dei fuorilegge. Per cercare prove che denuncino la loro attività di pirati e contraffattori.

Un’operazione che la IFPI ha sponsorizzato e che verrà presto ripetuta su più larga scala. Il software utilizzato per individuare i “criminali”, hanno detto quelli della IFPI, è in grado di rintracciare i downloaders più accaniti a gruppi di migliaia ogni giorno. Una volta ottenuto l’IP di ciascuno e da lì il nome degli utenti, tutto quello che deve fare la IFPI è contattare le autorità di polizia competenti e far partire denunce e blitz.

Inutile dire che questa politica repressiva, se verrà effettivamente portata alle sue estreme conseguenze, non solo accelererà il processo di sviluppo di Freenet e delle altre sottoreti che garantiscono l’anonimato ma anche provocherà un nuovo imperioso distacco tra utente-consumatore e casa discografica. Comprare un album equivarrebbe a finanziare la repressione. L’anticamera della morte per l’industria discografica. Un’anticamera nella quale potremmo cominciare con l’organizzare un festino, in attesa del lieto evento.

Lamberto Assenti

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

16 02 2001
Link copiato negli appunti