Assoprovider contro LaMiaImpresaOnLine

Chiesto l'intervento dell'Agcom: a preoccupare, in particolare, la posizione dominante di Google e Seat-Paginegialle
Chiesto l'intervento dell'Agcom: a preoccupare, in particolare, la posizione dominante di Google e Seat-Paginegialle

Assoprovider ha segnalato all’Autorità Garante per la Concorrenza ed il Mercato LaMiaImpresaOnLine , progetto promosso da Google in partnership con PosteItaliane, Register.it e Seat Paginegialle.

LaMiaImpresaOnLine offre una piattaforma unica (gratuita per un anno) per registrare un dominio, creare un sito per un’azienda e pubblicizzarlo online e, secondo quanto riferisce Assoprovider, violerebbe gli articoli 2 e 3 della legge n. 287/1990 a tutela della concorrenza: il primo riguardante l’abuso di posizione dominante e il secondo la costituzione di un’intesa restrittiva della concorrenza .

Il problema secondo l’associazione è che con servizi come questo Mountain View si mette in concorrenza diretta in settori che al contempo serve con il suo motore di ricerca: per cui rischia seriamente di configurare un collo di bottiglia verso i suoi prodotti grazie al monopolio nella ricerca online .

Per quanto riguarda poi la costituzione di un’intesa restrittiva della concorrenza, si configurerebbe perché accanto a Google vi sono altre aziende che coprono altri livelli del settore pubblicità online come PosteItaliane (monopolista), Register.it e Seat Paginegialle (leader nel settore degli elenchi abbonati e nella raccolta pubblicitaria).

Proprio per questo Assoprovider accusa l’operazione di anticoncorrenzialità a discapito in particolare delle Web agency italiane e dei Web designer, e ha chiesto all’autorità italiana antitrust di verificare la situazione che rischia di “alterare la libera concorrenza fra imprese, senza eliminarla forse, ma certamente limitandola fortemente”.

Claudio Tamburrino

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti