Athlon 64, 64 bit in formato desktop

AMD conserva l'ormai ben conosciuto marchio Athlon per la sua futura generazione di chipponi a 64 bit dedicati ai PC desktop e dei notebook. Già mostrata una versione di Unreal Tournament 2003 che gira su Athlon 64
AMD conserva l'ormai ben conosciuto marchio Athlon per la sua futura generazione di chipponi a 64 bit dedicati ai PC desktop e dei notebook. Già mostrata una versione di Unreal Tournament 2003 che gira su Athlon 64

Las Vegas (USA) – “Athlon 64”. Questo il nome di battesimo ufficiale che AMD ha dato a Clawhammer, la versione per PC desktop e notebook della sua futura e ormai imminente famiglia di chip a 64 bit. Il chipmaker ha dunque preferito continuare ad identificare le sue CPU dedicate al mercato di massa con un marchio, Athlon, ormai largamente conosciuto in tutto il mondo.

?Il marchio AMD Athlon 64 sfrutta la conoscenza e la reputazione dei processori AMD Athlon e fa immediatamente comprendere agli utenti le prestazioni e la superiorità tecnica di una potenza di elaborazione a 64-bit? ha affermato Ed Ellett, vice presidente client business segment di AMD Computation Products Group.

Com’è noto, i processori Hammer dedicati ai server e alle workstation hi-end porteranno invece il nome di Opteron e, a differenza degli Athlon 64, supporteranno il multiprocessing.

Mentre l’Opteron andrà a rivaleggiare più o meno direttamente con l’Itanium di Intel, l’Athlon 64 non trova eguali nell’offerta della concorrenza: come afferma AMD, il suo nuovo chip si prospetta infatti come “il primo e il solo processore x86 a 64 bit per desktop e notebook”.

Come gli Opteron, anche gli Athlon 64 saranno basati sulla nuova architettura ibrida di AMD a 32/64 bit denominata ” x86-64 “, una tecnologia che, come in passato si è più volte detto, consente di eseguire contemporaneamente applicazioni a 64 e 32 bit “senza – sostiene AMD – alcuna diminuzione delle prestazioni”.

?Sta diventando inevitabile – ha affermato Ellett – l?introduzione di sistemi di calcolo a 64-bit, che superano le limitazioni intrinseche dei sistemi da 32-bit”.

Ecco quali sono, secondo AMD, i vantaggi che gli utenti desktop possono trarre dal passaggio verso i 64 bit. AMD spiega che alcuni dei più importanti benefici apportati dalla sua tecnologia a 64 bit consisteranno in “un più rapido download delle applicazioni e un miglior multi-tasking. Gli utenti potranno inoltre visualizzare immagini molto realistiche, disporre di suoni più ricchi in applicazioni di intrattenimento digitale come i giochi, la riproduzione di filmati video e audio”.

Migliorare il multi-tasking è quanto promette di fare anche la tecnologia Hyper Threading che Intel si appresta ad introdurre nei Pentium 4 , e già da qualche tempo disponibile sugli Xeon. Almeno inizialmente, però, sia l’Hyper Threading di Intel che i 64 bit di AMD potrebbero portare ben pochi benefici agli utenti desktop: in entrambi i casi, infatti, è necessario che il software venga ottimizzato o completamente riscritto, e questo richiederà tempo. Tale situazione ricorda un po ‘ – anche se le tecnologie di cui si parla sono assai differenti – quello che accadde con l’introduzione, da parte di Intel, del set di istruzioni esteso MMX, poi seguito dalle istruzioni 3DNow di AMD: due tecnologie che, per diverso tempo, vennero considerate dai produttori di software poco più di una trovata di marketing.

Uno dei benefici più sbandierati dell’architettura ibrida x86-64 è quella di preservare gli investimenti già effettuati dalle aziende nel software e nell’hardware a 32 bit.

?Né i clienti dei PC né coloro che sviluppano applicazioni vogliono dover ricominciare tutto da capo”, ha detto Ellett. “Vogliono la garanzia della compatibilità con i prodotti precedenti, per proteggere i loro attuali investimenti. Il futuro processore AMD Athlon 64 è basato sugli standard esistenti, garantisce quindi la protezione degli investimenti e riduce il costo complessivo di sviluppo e di gestione?.

Gli Athlon 64 adotteranno il bus HyperTransport di AMD, oggi utilizzato solo sui server, e un controllo di memoria integrato che, secondo il chipmaker di Sunnyvale, dovrebbe ridurre le latenze di accesso alla memoria.

I primi sistemi ad integrare l’Athlon 64 dovrebbero arrivare sul mercato all’inizio della prossima primavera, seguiti a ruota dai primi sistemi basati su Opteron.

Durante la giornata di ieri, presso il Comdex, AMD ha fatto la dimostrazione di una versione a 64 bit del gioco Unreal Tournament 2003 ( qui la recensione), sviluppata da Epic Games, su una piattaforma basata sul processore Athlon 64.

Mark Rein, vice presidente di Epic Games, ha già annunciato che la versione a 64 bit del loro ultimo videogioco la si potrà trovare sugli scaffali dei negozi in concomitanza con il lancio sul mercato dell’Athlon 64.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

20 11 2002
Link copiato negli appunti