Australia, attacco alla polizia pirata

Una software company britannica denuncia il dipartimento di polizia dello stato del New South Wales, accusato di aver sfruttato una copia pirata di un gestionale per l'archiviazione dei dati relativi ai criminali

Roma – A scatenare il fuoco legale sono stati i vertici di Micro Focus, società produttrice di software in terra britannica. Il dipartimento di polizia del New South Wales (stato australiano) avrebbe sfruttato per almeno un decennio una copia pirata di un gestionale per archiviare i dati relativi alle attività criminali .

Lo sfruttamento illecito del software noto come Computerised Operational Police System (COPS) dovrebbe dunque essere punito con l’astronomica multa di 10 milioni di dollari australiani, circa 7 milioni di euro . Secondo le accuse, il dipartimento di polizia locale avrebbe implementato il gestionale su 16mila computer, dopo un accordo di licenza valido per 6500. (M.V.)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Pianeta Video 2000 scrive:
    ...
    Finchè si tratta solo di software... Tutto il resto si noleggia in videoteca altrimenti interviene l'FBI!!!
    • iome scrive:
      Re: ...
      - Scritto da: Pianeta Video 2000
      Finchè si tratta solo di software... Tutto il
      resto si noleggia in videoteca altrimenti
      interviene l'FBI!!!Ma scerzi o credi veramente a quello che dici?
  • Luco da mobile e sloggato scrive:
    Tiitolo fuorviante
    Dal titolo si capisce che è legittimo rivendere il software mentre leggendo l'articolo si evince che non si può a meno che non sia consentito dalla licenza...
    • ThEnOra scrive:
      Re: Tiitolo fuorviante
      e aggiungo: tenetevi stretti i cd/dvd/file d'installazione!
    • 1xor1 scrive:
      Re: Tiitolo fuorviante
      Non so se è il titolo fuorviante o l'articolo, fatto sta che non ho capito nulla.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 26 aprile 2012 18.44-----------------------------------------------------------
  • ThEnOra scrive:
    Mmm... mi sfugge qualcosa...
    Se non si esaurisce il diritto di distribuzione, la usedSoft può ri-vendere solo la licenza ma non può fare le copie del supporto d'installazione: e l'utente come fa? Ahhhh, ma per quello basta attingere dai torrent...
    • MeX scrive:
      Re: Mmm... mi sfugge qualcosa...
      no o semplicemente vendi anche il disco originale che hai ottenuto con la licenza.
      • ThEnOra scrive:
        Re: Mmm... mi sfugge qualcosa...
        Questo si, l'avevo già capito. Forse non sai chi è UsedSoft. Ti vendono le licenze SW con un atto notarile svizzero!
  • evilripper scrive:
    Videogiochi usati
    Certo che per rivendere giochi acquistati su steam non è molto agevole bisognerebbe creare un account per ogni gioco.
    • attonito scrive:
      Re: Videogiochi usati
      - Scritto da: evilripper
      Certo che per rivendere giochi acquistati su
      steam non è molto agevole bisognerebbe creare un
      account per ogni
      gioco.steam nasce apposta per tenerti per le palle. preferisco tenere il mio scroto lontano dalle lora avide mani e comprare solo roba che una volta in mio possesso, ne posso fare quel che mi pare. installarla rivenderla regalarla bruciarla senza dove rendere conto a nessuno.
      • Allibito scrive:
        Re: Videogiochi usati
        - Scritto da: attonito
        - Scritto da: evilripper

        Certo che per rivendere giochi acquistati su

        steam non è molto agevole bisognerebbe creare un

        account per ogni

        gioco.

        steam nasce apposta per tenerti per le palle.
        preferisco tenere il mio scroto lontano dalle
        lora avide mani e comprare solo roba che una
        volta in mio possesso, ne posso fare quel che mi
        pare. installarla rivenderla regalarla bruciarla
        senza dove rendere conto a
        nessuno.Non esistono opere o sw che puoi farne quel che vuoi, diciamo che tu fai quel che vuoi, ma permetterlo è altra cosa.
        • panda rossa scrive:
          Re: Videogiochi usati
          - Scritto da: Allibito
          Non esistono opere o sw che puoi farne quel che
          vuoi, Esistono!
        • Videoteca Krane Rossa scrive:
          Re: Videogiochi usati
          - Scritto da: Allibito
          - Scritto da: attonito

          - Scritto da: evilripper


          Certo che per rivendere giochi acquistati su


          steam non è molto agevole bisognerebbe creare
          un


          account per ogni


          gioco.



          steam nasce apposta per tenerti per le palle.

          preferisco tenere il mio scroto lontano dalle

          lora avide mani e comprare solo roba che una

          volta in mio possesso, ne posso fare quel che mi

          pare. installarla rivenderla regalarla bruciarla

          senza dove rendere conto a

          nessuno.
          Non esistono opere o sw che puoi farne quel che
          vuoi, diciamo che tu fai quel che vuoi, ma
          permetterlo è altra
          cosa.scherzi, a parte che quello di cui parla attonito puoi farlo su qualsiasi opera in europa (vale il diritto di primo acquisto), ma in generale esistono opere rilasciate sotto licenze che ti permettono di fare quello che ti pare (senza contare le opere in pubblico dominio)
        • krane scrive:
          Re: Videogiochi usati
          - Scritto da: Allibito
          - Scritto da: attonito

          - Scritto da: evilripper


          Certo che per rivendere giochi acquistati


          su steam non è molto agevole bisognerebbe


          creare un account per ogni gioco.

          steam nasce apposta per tenerti per le palle.

          preferisco tenere il mio scroto lontano dalle

          lora avide mani e comprare solo roba che una

          volta in mio possesso, ne posso fare quel che

          mi pare. installarla rivenderla regalarla

          bruciarla senza dove rendere conto a nessuno.
          Non esistono opere o sw che puoi farne quel che
          vuoi, diciamo che tu fai quel che vuoi, ma
          permetterlo è altra cosa.In realta' e' il contrario: non esistono opere che non permettano di fare quello che vuoi, quello che i produttori sognano e' appunto un loro sogno.(rotfl)
    • Funz scrive:
      Re: Videogiochi usati
      - Scritto da: evilripper
      Certo che per rivendere giochi acquistati su
      steam non è molto agevole bisognerebbe creare un
      account per ogni
      gioco.Suppongo che ora Steam sarà obbligata a fornire il sistema per cedere i giochi acquistati ad un altro utente, almeno in Europa. Sbaglio?Prevedo XXXXXX :p
      • evilripper scrive:
        Re: Videogiochi usati
        ma secondo me se il prezzo fosse molto basso su steam non ci sarebbe manco più il problema della rivendita. Un concetto antico un pò come mettere dei gettoni in un coinop... :-D
  • afa scrive:
    Ci mancherebbe...
    E ci mancherebbe anche che io non possa rivendere ciò che ho acquistato con i miei soldi ed ora è diventato mio. Non ci sarà legge balorda a questo mondo, pagata con i soldi dei colossi parassiti, che mi possa impedire di rivendere ciò che è mio.
    • Allibito scrive:
      Re: Ci mancherebbe...
      - Scritto da: afa
      E ci mancherebbe anche che io non possa rivendere
      ciò che ho acquistato con i miei soldi ed ora è
      diventato mio. Non ci sarà legge balorda a questo
      mondo, pagata con i soldi dei colossi parassiti,
      che mi possa impedire di rivendere ciò che è
      mio.Ma niente diventa tuo, stai pagando la licen d'uso non l'opera. Nello stesso modo in cui paghi l'ingresso a un concerto che vale per quella sera, con un dvd o un sw paghi l'uso personale, privato, domenstico illimitato o a scadenza di quel bene e vale solo per una persona, altrimenti il suo prezzo sarebbe ben diverso.
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Ci mancherebbe...

        Ma niente diventa tuo, stai pagando la licen
        d'uso non l'opera.Allora, se niente diventa mio, nemmeno i miei soldi diventeranno tuoi.Se ammetti che non vendi niente, non verrai nemmeno pagato niente. E non potrai nemmeno parlare di mancata vendita, visto che non è una vendita.
        Nello stesso modo in cui paghi
        l'ingresso a un concerto che vale per quella
        sera, con un dvd o un sw paghi l'uso personale,
        privato, domenstico illimitato o a scadenza di
        quel bene e vale solo per una persona, altrimenti
        il suo prezzo sarebbe ben
        diverso.No: in un concerto, se entra una persona o se ne entrano mille per l'organizzatore è diverso. Per un file, se tu ne produci una copia, non ti cambia nulla se la usa una persona o se la usano mille.Comunque, se ammetti di non fornire niente, non devi stupirti se vieni pagato con niente.
      • Pirata Sanguinari o scrive:
        Re: Ci mancherebbe...
        - Scritto da: Allibito
        - Scritto da: afa

        E ci mancherebbe anche che io non possa
        rivendere

        ciò che ho acquistato con i miei soldi ed ora è

        diventato mio. Non ci sarà legge balorda a
        questo

        mondo, pagata con i soldi dei colossi parassiti,

        che mi possa impedire di rivendere ciò che è

        mio.
        Ma niente diventa tuo, stai pagando la licen
        d'uso non l'opera. ...e infatti rivendendo un software o quant'altro cedo la licenza d'uso, non l'opera.
      • misterx scrive:
        Re: Ci mancherebbe...

        Nello stesso modo in cui paghi
        l'ingresso a un concerto che vale per quella
        sera, con un dvd o un sw paghi l'uso personale,
        privato, domenstico illimitato o a scadenza di
        quel bene e vale solo per una persona, altrimenti
        il suo prezzo sarebbe ben diverso.Il ragionamento sul prezzo non ha nulla a che vedere, sta a chi vende regolarsi fatti loro degli usi legali che io poi ne faccio e rivendersi un DVD usato è perfettamente legale, e altrettanto per i casi di licenze immateriali che si equiparano alla vendita perché di durata illimitata:
      • Videoteca Krane Rossa scrive:
        Re: Ci mancherebbe...
        - Scritto da: Allibito
        - Scritto da: afa

        E ci mancherebbe anche che io non possa
        rivendere

        ciò che ho acquistato con i miei soldi ed ora è

        diventato mio. Non ci sarà legge balorda a
        questo

        mondo, pagata con i soldi dei colossi parassiti,

        che mi possa impedire di rivendere ciò che è

        mio.
        Ma niente diventa tuo, stai pagando la licen
        d'uso non l'opera. Nello stesso modo in cui paghi
        l'ingresso a un concerto che vale per quella
        sera, con un dvd o un sw paghi l'uso personale,
        privato, domenstico illimitato o a scadenza di
        quel bene e vale solo per una persona, altrimenti
        il suo prezzo sarebbe ben
        diverso.no, in europa vale il diritto di primo acquisto: se lo hai comprato puoi rivenderlo, non importa cosa dica la licenza, il diritto di primo acquisto prevale su qualsiasi eula (perlomeno in europa)
      • Freedom scrive:
        Re: Ci mancherebbe...

        Ma niente diventa tuo, stai pagando la licen
        d'uso non l'opera. Nello stesso modo in cui paghiIo compro una cosa ed è mia. Il resto sono fantasie vostre.Prova ne è che anche chi compra CD originali li riversa su lettori mp3 e cellulari senza chiedersi se è lecito.
        • zupermario scrive:
          Re: Ci mancherebbe...

          Io compro una cosa ed è mia. Il resto sono
          fantasie
          vostre.
          Prova ne è che anche chi compra CD originali li
          riversa su lettori mp3 e cellulari senza
          chiedersi se è
          lecito.Ah ecco, questa si' che e' una prova, LOL! Ma quanti anni hai, 10? :-) :-)
      • paoloholzl scrive:
        Re: Ci mancherebbe...


        ciò che ho acquistato con i miei soldi ed ora è

        diventato mio. Non ci sarà legge balorda a
        questo

        mondo, pagata con i soldi dei colossi parassiti,

        che mi possa impedire di rivendere ciò che è

        mio.
        Ma niente diventa tuo, stai pagando la licen
        d'uso non l'opera. Nello stesso modo in cui paghi
        l'ingresso a un concerto che vale per quella
        sera, con un dvd o un sw paghi l'uso personale,
        privato, domenstico illimitato o a scadenza di
        quel bene e vale solo per una persona, altrimenti
        il suo prezzo sarebbe ben
        diverso.Purtroppo spesso é proprio così.Ovviamente questo non accade per le licenze Open Source, per le closed si può fare sicuramente con il software sotto Ethic License.Per il software sotto EULA purtroppo molto spesso é così.
        • krane scrive:
          Re: Ci mancherebbe...
          - Scritto da: paoloholzl


          ciò che ho acquistato con i miei soldi ed ora
          è


          diventato mio. Non ci sarà legge balorda a

          questo


          mondo, pagata con i soldi dei colossi
          parassiti,


          che mi possa impedire di rivendere ciò che è


          mio.

          Ma niente diventa tuo, stai pagando la licen

          d'uso non l'opera. Nello stesso modo in cui
          paghi

          l'ingresso a un concerto che vale per quella

          sera, con un dvd o un sw paghi l'uso personale,

          privato, domenstico illimitato o a scadenza di

          quel bene e vale solo per una persona,
          altrimenti

          il suo prezzo sarebbe ben

          diverso.

          Purtroppo spesso é proprio così.
          Ovviamente questo non accade per le licenze Open
          Source, per le closed si può fare sicuramente con
          il software sotto Ethic
          License.
          Per il software sotto EULA purtroppo molto spesso
          é così.E la gente non ci sta piu: purtroppo e' cosi...Quindi se non cambia l'offerta per quella attuale (le licenze) la gente non e' piu' interessata a spendere.
    • Rover scrive:
      Re: Ci mancherebbe...
      Visto che scrivi sai sicuramente leggere. Prendi la licenza d'uso (e già questo termine ti dovrebbe insospettire) di un qualsiasi software e leggila.Poi cerca, se lo trovi, il contratto di acquisto.Quando lo avrai trovato ce lo fai sapere.
  • Marco scrive:
    Solo seconda mano?
    Non si capisce perché il primo acquirente può rivendere e i successivi no. Come se io non potessi rivendermi l'auto, magari ad un collezionista, perché l'ho acquistata di seconda, o terza, quarta mano. Posto che è legittima (condivisibile o meno) la volontà di vendere tanto a copia e di non consentire la duplicazione e redistribuzione indiscriminata, rivendere/redistribuire nel senso di trasferire i diritti di uso (quindi cancellare o non usare più la propria copia), si può fare o no? Se no, in base a quale assurdo principio?In ogni caso queste tematiche stanno perdendo importanza, visto che il software diventa sempre più SAAS, accessibile solo da browser o da app-store. E finché non si farà nulla, questo è il vero spettro che sta già distruggendo la nostra libertà.
    • Allibito scrive:
      Re: Solo seconda mano?
      - Scritto da: Marco
      Non si capisce perché il primo acquirente può
      rivendere e i successivi no. Come se io non
      potessi rivendermi l'auto, magari ad un
      collezionista, perché l'ho acquistata di seconda,
      o terza, quarta mano. Posto che è legittima
      (condivisibile o meno) la volontà di vendere
      tanto a copia e di non consentire la duplicazione
      e redistribuzione indiscriminata,
      rivendere/redistribuire nel senso di trasferire i
      diritti di uso (quindi cancellare o non usare più
      la propria copia), si può fare o no? Se no, in
      base a quale assurdo
      principio?

      In ogni caso queste tematiche stanno perdendo
      importanza, visto che il software diventa sempre
      più SAAS, accessibile solo da browser o da
      app-store. E finché non si farà nulla, questo è
      il vero spettro che sta già distruggendo la
      nostra
      libertà.Perchè non acquisti mai un'opera ma solo una licenza d'uso, mi sembra logico. Se vuoi l'opera puoi comprarla, lo sfruttamento per l'HE di twilight è costato 800.000 a quel punto ne regali quante ne vuoi.
      • Marco scrive:
        Re: Solo seconda mano?

        Perchè non acquisti mai un'opera ma solo una
        licenza d'uso, mi sembra logico.
        Fin qui c'ero arrivato persino io :-) Il problema è che sarà anche logico, ma non è giusto.
        Se vuoi l'opera
        puoi comprarla, lo sfruttamento per l'HE di
        twilight è costato 800.000 a quel punto ne
        regali quante ne
        vuoi.
        Non lo trovo giusto. Come dire che se voglio rivendermi (o regalare) la Astra, mi debbo compare i brevetti, i documenti progettuali, le linee di montaggio, o magari tutta la Opel. Sarà legale, ma non è giusto, consegna nelle mani del titolare dei diritti troppo potere e troppo vantaggio economico. E meno male che la giustizia è almeno in parte d'accordo con questo.
        • attonito scrive:
          Re: Solo seconda mano?
          - Scritto da: Marco

          Perchè non acquisti mai un'opera ma solo una

          licenza d'uso, mi sembra logico.


          Fin qui c'ero arrivato persino io :-) Il problema
          è che sarà anche logico, ma non è giusto .Questa frase sintetizza tutto. Ecco perche continuero' a vendere/comprare giochi usati, anche di terza (o quarta etc) mano.
          • Marco scrive:
            Re: Solo seconda mano?
            Si, ma questo non è fare giustizia, è farsi i c.zzi propri, non mi interessa più di tanto.
        • uno qualsiasi scrive:
          Re: Solo seconda mano?
          - Scritto da: Marco

          Perchè non acquisti mai un'opera ma solo una

          licenza d'uso, mi sembra logico.


          Fin qui c'ero arrivato persino io :-) Il problema
          è che sarà anche logico, ma non è
          giusto.
          Non comprare licenze d'uso, allora.E comincia a renderti conto che chi vuole venderti una licenza d'uso ti sta imbrogliando (nota: allibito vende e noleggia licenze!)
          Non lo trovo giusto. Come dire che se voglio
          rivendermi (o regalare) la Astra, mi debbo
          compare i brevetti, i documenti progettuali, le
          linee di montaggio, o magari tutta la Opel. Sarà
          legale, ma non è giusto, consegna nelle mani del
          titolare dei diritti troppo potere e troppo
          vantaggio economico. E meno male che la giustizia
          è almeno in parte d'accordo con
          questo.Infatti la astra è tua.E se compri un software, o un film, anche quelli devono essere tuoi. Altrimenti non li stai comprando... e se non compri, non devi nemmeno pagare.
          • Gianluca70 scrive:
            Re: Solo seconda mano?
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: Marco



            Non lo trovo giusto. Come dire che se voglio

            rivendermi (o regalare) la Astra, mi debbo

            compare i brevetti, i documenti progettuali,
            le

            linee di montaggio, o magari tutta la Opel.
            Sarà

            legale, ma non è giusto, consegna nelle mani
            del

            titolare dei diritti troppo potere e troppo

            vantaggio economico. E meno male che la
            giustizia

            è almeno in parte d'accordo con

            questo.

            Infatti la astra è tua.Dipende...Se la sua Astra fosse in leasing o noleggio lungo termine, starebbe pagando la Licenza d'Uso, non il possesso, quindi non potrebbe venderla perchè non ne ha il titolo.
            E se compri un software, o un film, anche quelli
            devono essere tuoi. Altrimenti non li stai
            comprando... e se non compri, non devi nemmeno
            pagare.Se li usi sensa comprarli devi pagare: l'autobus mica lo paghi intero, ma lo usi.Se vai a sciare, paghi la sciovia intera o ne paghi solo la licenza d'uso?Infatti il pass è personale e non cedibile.Perchè vi stupite se nel SW si applicano le stesse regole?Perchè è un bene immateriale?Infatti a furia di infrazioni e pirateria, Apple-Google-Microsoft si sono mosse verso il modello app-based, tanto pare che milioni di utonti lo apprezzino...
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Solo seconda mano?


            Dipende...
            Se la sua Astra fosse in leasing o noleggio lungo
            termine, starebbe pagando la Licenza d'Uso, non
            il possesso, quindi non potrebbe venderla perchè
            non ne ha il
            titolo.Vero. Ma in quel caso esiste un contratto, che prevede, tra l'altro, di restituire la macchina intatta alla fine.E, per la cronaca, <b
            nessuno </b
            cerca di farlo passare per una vendita.


            E se compri un software, o un film, anche quelli

            devono essere tuoi. Altrimenti non li stai

            comprando... e se non compri, non devi nemmeno

            pagare.

            Se li usi sensa comprarli devi pagare: l'autobus
            mica lo paghi intero, ma lo
            usi.Ma togli un posto a un altro: i posti sono limitati, quindi si paga.Per i beni digitali, tu non togli una copia a nessuno: crei una copia nuova.
            Se vai a sciare, paghi la sciovia intera o ne
            paghi solo la licenza
            d'uso?Paghi un servizio: servizio che viene dato a te e non a qualcun altro.
            Infatti il pass è personale e non cedibile.

            Perchè vi stupite se nel SW si applicano le
            stesse
            regole?Perchè sono inutili.
            Perchè è un bene immateriale?No, perchè è un bene <i
            infinitamente duplicabile </i
            : quindi le singole copie hanno valore pari a zero.
            Infatti a furia di infrazioni e pirateria,
            Apple-Google-Microsoft si sono mosse verso il
            modello app-based, tanto pare che milioni di
            utonti lo
            apprezzino...Quale sarebbe il modello app-based?Nel caso di google, è basato su applicazioni gratuite con pubblicità.Nel caso di apple, non ha nessuna differenza con il modello classico di vendita dei dischetti, quindi apple non si è mossa affatto.
          • Pirata Sanguinari o scrive:
            Re: Solo seconda mano?
            Sei tu che non focalizzi sul fatto che la "riproducibilità all'infinito" vale anche per il produttore. Quando tu paghi per un gioco (o quello che ti pare) <b
            non stai pagando il valore di quel lavoro </b
            , ma la speculazione che viene fatta sulla copia del lavoro originale (che ha anche un valore, ovviamente).E' un modello di business, ma dire che pagando il gioco/software in licenza paghi il lavoro che c'è dietro è una bella fesseria: proprio perché il numero di copie non è soggetto ad alcun limite per il produttore.Al contrario di quanto affermi tu, il modello proposto promuove il lavoro ed il suo valore, perché raggiunta un certo livello di saturazione, annulla il valore riconosciuto alla copia, non rendendola più redditizia, e quindi stimola la produzione di nuovi prodotti (per trarne profitto).Il modello di cui perori la causa invece, una volta sotto-pagato il lavoro di produzione campa di aria fritta, replicando all'infinito un valore che non corrisponde a realtà né limite.
          • Nickless scrive:
            Re: Solo seconda mano?

            La magggior parte dei contratti di Licenza d'Uso
            sono chiarissimida vedere se quello che contengono sia legale.
          • Izio01 scrive:
            Re: Solo seconda mano?
            - Scritto da: Gianluca70
            - Scritto da: uno qualsiasi





            Dipende...


            Se la sua Astra fosse in leasing o
            noleggio

            lungo


            termine, starebbe pagando la Licenza
            d'Uso,

            non


            il possesso, quindi non potrebbe
            venderla

            perchè


            non ne ha il


            titolo.



            Vero. Ma in quel caso esiste un contratto,
            che

            prevede, tra l'altro, di restituire la
            macchina

            intatta alla

            fine.



            E, per la cronaca, <b
            nessuno
            </b



            cerca di farlo passare per una

            vendita.

            La magggior parte dei contratti di Licenza d'Uso
            sono chiarissimi, risultano incomprensibili solo
            a chi non vuole leggerli - che alla fine ci sia o
            meno la restituzione del bene poco importa, ma
            alcuni impongono la restituzione o la distruzione
            se i termini non sono accettati, poche
            storie.
            ESATTO, ma io i soldi li ho GIA' pagati, quindi permetti che questa cosa mi dia parecchio fastidio? Ti piacerebbe comprare una macchina per poi scoprire che per usarla devi adempiere a determinati obblighi altrimenti devi distruggerla?Il fatto che ad oggi sia apparentemente legittimo fare così non lo rende più giusto. Ok pagare per il software, lo faccio senza problemi, ma niente condizioni capestro per l'utilizzo. Altrimenti, a rigor di logica, si potrebbe mettere una EULA su qualsiasi bene, materiale o immateriale, uno acquisti. Per me sarebbe assurdo.
          • Allibito scrive:
            Re: Solo seconda mano?
            - Scritto da: Gianluca70
            Se vai a sciare, paghi la sciovia intera o ne
            paghi solo la licenza
            d'uso?
            Infatti il pass è personale e non cedibile.

            Perchè vi stupite se nel SW si applicano le
            stesse
            regole?
            Perchè è un bene immateriale?

            Infatti a furia di infrazioni e pirateria,
            Apple-Google-Microsoft si sono mosse verso il
            modello app-based, tanto pare che milioni di
            utonti lo
            apprezzino...Non trovo la faccina con gli applausi, un intervento semplice che rende bene l'idea anche ai più cocciuti.
          • Allibito scrive:
            Re: Solo seconda mano?
            - Scritto da: uno qualsiasi
            - Scritto da: Marco


            Perchè non acquisti mai un'opera ma
            solo
            una


            licenza d'uso, mi sembra logico.




            Fin qui c'ero arrivato persino io :-) Il
            problema

            è che sarà anche logico, ma non è

            giusto.



            Non comprare licenze d'uso, allora.

            E comincia a renderti conto che chi vuole
            venderti una licenza d'uso ti sta imbrogliando
            (nota: allibito vende e noleggia
            licenze!)



            Non lo trovo giusto. Come dire che se voglio

            rivendermi (o regalare) la Astra, mi debbo

            compare i brevetti, i documenti progettuali,
            le

            linee di montaggio, o magari tutta la Opel.
            Sarà

            legale, ma non è giusto, consegna nelle mani
            del

            titolare dei diritti troppo potere e troppo

            vantaggio economico. E meno male che la
            giustizia

            è almeno in parte d'accordo con

            questo.

            Infatti la astra è tua.
            E se compri un software, o un film, anche quelli
            devono essere tuoi. Altrimenti non li stai
            comprando... e se non compri, non devi nemmeno
            pagare.Non conosci altri casi in cui paghi l'uso e non acquisti nulla? Leggi il post di Gianluca 70, ti aiuterà.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Solo seconda mano?
            Non vedi che gli ho già risposto?E impara a quotare!
          • Allibito scrive:
            Re: Solo seconda mano?
            - Scritto da: uno qualsiasi

            E comincia a renderti conto che chi vuole
            venderti una licenza d'uso ti sta imbrogliando
            (nota: allibito vende e noleggia
            licenze!)Adesso è chi vende le licenze che imbroglia, non chi non capisce come funzionano. Per tua conoscenza le licenze non si noleggiano, semmai esiste una licenza per il noleggio, che significa altro. Io non vendo licenze, le compro, pensa quanto risparmierei se facessi come te.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Solo seconda mano?

            Adesso è chi vende le licenze che imbroglia, non
            chi non capisce come funzionano.Esatto.Proprio perchè io <b
            capisco come funzionano </b
            , capisco anche che tu vuoi essere pagato per <b
            non fornirmi niente in cambio </b
            , e pretendi pure che, dopo averti pagato, io faccia quello che mi imponi tu.Io la chiamo truffa.
            Per tua
            conoscenza le licenze non si noleggianoAllora tu cosa noleggi? Aria fritta?
            , semmai
            esiste una licenza per il noleggio, che significa
            altro. Io non vendo licenze, le compro, pensa
            quanto risparmierei se facessi come
            te.Fallo, allora, così otterrai un perfetto pareggio del bilancio: entrate zero-uscite zero.
          • Marco scrive:
            Re: Solo seconda mano?
            - Scritto da: uno qualsiasi

            Infatti la astra è tua.
            E se compri un software, o un film, anche quelli
            devono essere tuoi. Altrimenti non li stai
            comprando... e se non compri, non devi nemmeno
            pagare.Non è quello che dice la sentenza oggetto di questo articolo che stiamo commentando. La quale, se ho capito bene, stabilisce che le licenze di 'uso' del software non possono impedire la rivendita (almeno non la prima), cioè implicano che paghi per qualcosa in più che un mero noleggio. Il ché mi sembra un passo avanti.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Solo seconda mano?
            - Scritto da: Marco
            - Scritto da: uno qualsiasi



            Infatti la astra è tua.

            E se compri un software, o un film, anche
            quelli

            devono essere tuoi. Altrimenti non li stai

            comprando... e se non compri, non devi
            nemmeno

            pagare.

            Non è quello che dice la sentenza oggetto di
            questo articolo che stiamo commentando. La quale,
            se ho capito bene, stabilisce che le licenze di
            'uso' del software non possono impedire la
            rivendita (almeno non la prima), cioè implicano
            che paghi per qualcosa in più che un mero
            noleggio. Il ché mi sembra un passo
            avanti.Ma cosa sarebbe questo "qualcosa"?
        • Allibito scrive:
          Re: Solo seconda mano?
          - Scritto da: Marco

          Perchè non acquisti mai un'opera ma solo una

          licenza d'uso, mi sembra logico.


          Fin qui c'ero arrivato persino io :-) Il problema
          è che sarà anche logico, ma non è
          giusto.


          Se vuoi l'opera

          puoi comprarla, lo sfruttamento per l'HE di

          twilight è costato 800.000 a quel punto ne

          regali quante ne

          vuoi.


          Non lo trovo giusto. Come dire che se voglio
          rivendermi (o regalare) la Astra, mi debbo
          compare i brevetti, i documenti progettuali, le
          linee di montaggio, o magari tutta la Opel. Sarà
          legale, ma non è giusto, consegna nelle mani del
          titolare dei diritti troppo potere e troppo
          vantaggio economico. E meno male che la giustizia
          è almeno in parte d'accordo con
          questo.La giustizia, è chiara, se acquisti un oggetto è tuo, se acquisti una licenza, ne hai solo l'uso. La legge nessuno l'ha cambiata ancora. Un'opera letteraria non è un'insieme di pagine, così come ul film non è disco.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Solo seconda mano?

            La giustizia, è chiara, se acquisti un oggetto è
            tuo, se acquisti una licenza, ne hai solo l'uso.L'uso, in molti casi (ad esempio per film e musica) è possibile anche senza licenza.Per vedere un film non occorre avere una licenza.Quindi, in tal caso, la licenza è inutile.
            La legge nessuno l'ha cambiata ancora. Un'opera
            letteraria non è un'insieme di pagine, così come
            ul film non è
            disco.Infatti la legge non impone, per leggere un libro, di avere la licenza d'uso.
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: Solo seconda mano?

        Perchè non acquisti mai un'opera ma solo una
        licenza d'uso, mi sembra logico. Visto che io voglio l'opera, non la licenza, non ho bisogno di comprarla.
        Se vuoi l'opera puoi comprarlaIo non voglio l'opera, ma solo una copia dell'opera. E quella me la posso fare da solo.
        • Allibito scrive:
          Re: Solo seconda mano?
          - Scritto da: uno qualsiasi

          Perchè non acquisti mai un'opera ma solo una

          licenza d'uso, mi sembra logico.

          Visto che io voglio l'opera, non la licenza, non
          ho bisogno di
          comprarla.


          Se vuoi l'opera puoi comprarla

          Io non voglio l'opera, ma solo una copia
          dell'opera. E quella me la posso fare da
          solo.No, non puoi, che poi lo fai lo stesso è un'altra cosa, non tutti rispettano tutte le regole.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Solo seconda mano?

            No, non puoi, che poi lo fai lo stesso è un'altra
            cosa, non tutti rispettano tutte le
            regole.Perchè non posso? Se esiste una regola che dice che non posso farmi una copia, sei pregato di citarmela.
      • Nickless scrive:
        Re: Solo seconda mano?
        - Scritto da: Allibito
        Perchè non acquisti mai un'opera ma solo una
        licenza d'uso, mi sembra logico. e il giudice sta sentenziando sul fatto che si possa o meno vendere e rivendere la sola licenza d'uso
        Se vuoi l'opera
        puoi comprarla, lo sfruttamento per l'HE di
        twilight è costato 800.000 a quel punto ne
        regali quante ne vuoi.ma non diciamo scemenze: nessuno ha parlato di licenza di diritto di sfruttamento, si parlato di diritto di rivendere la propria copia, che non aumenta il numero totale di copie in circolazione o altre restrizioni di uso (vedi non usabile su altri PC oltre quello di acquisto collegato).Se tu mi vendi un software come OEM capisco mi dici che è vincolata la PC, ma se compro una scatola con un software su DVD a prezzo pieno è mio e lo rivendo quando voglio. E qui il giudice dice che vale lo stesso se il software e venduto come se fosse venduto su supporto fisico permanente e non una licenza a tempo.E quello che ce scritto nel contratto che scatta quando apri la scatola vale circa zero, perché la maggior parte sono norme vessatorie che sono vietate in Europa e rendono automaticamente l'accordo che tu pretendi di fare valere, automaticamente nullo.Faccio un esempio: in tutti i software della terra c'è scritto che è vietato fare il reverse engineering del software: bene in Europa questa è un'operazione consentita se serve integrare un prodotto comprato con altri di mio proprietà o fatti in casa, ma è illegale se si vuole fare un prodotto alternativo.
      • Nickless scrive:
        Re: Solo seconda mano?
        - Scritto da: Allibito
        Perchè non acquisti mai un'opera ma solo una
        licenza d'uso, mi sembra logico. e il giudice sta sentenziando sul fatto che si possa o meno vendere e rivendere la sola licenza d'uso
        Se vuoi l'opera
        puoi comprarla, lo sfruttamento per l'HE di
        twilight è costato 800.000 a quel punto ne
        regali quante ne vuoi.ma non diciamo scemenze: nessuno ha parlato di licenza di diritto di sfruttamento, si parlato di diritto di rivendere la propria copia, che non aumenta il numero totale di copie in circolazione o altre restrizioni di uso (vedi non usabile su altri PC oltre quello di acquisto collegato).Se tu mi vendi un software come OEM capisco mi dici che è vincolata la PC, ma se compro una scatola con un software su DVD a prezzo pieno è mio e lo rivendo quando voglio. E qui il giudice dice che vale lo stesso se il software e venduto come se fosse venduto su supporto fisico permanente e non una licenza a tempo.E quello che ce scritto nel contratto che scatta quando apri la scatola vale circa zero, perché la maggior parte sono norme vessatorie che sono vietate in Europa e rendono automaticamente l'accordo che tu pretendi di fare valere, automaticamente nullo.Faccio un esempio: in tutti i software della terra c'è scritto che è vietato fare il reverse engineering del software: bene in Europa questa è un'operazione consentita se serve integrare un prodotto comprato con altri di mio proprietà o fatti in casa, ma è illegale se si vuole fare un prodotto alternativo.
    • Osvy scrive:
      Re: Solo seconda mano?
      - Scritto da: Marco
      Non si capisce perché il primo acquirente può
      rivendere e i successivi no.Perché stiamo parlando di "cavilli", di cose strane... ;-)Le norme hanno poco a che vedere con il buonsenso, bisogna leggere i contratti e soprattutto le scritte piccoline :-)
    • Osvy scrive:
      Re: Solo seconda mano?
      - Scritto da: Marco
      Non si capisce perché il primo acquirente può
      rivendere e i successivi no.Perché stiamo parlando di "cavilli", di cose strane... ;-)Le norme hanno poco a che vedere con il buonsenso, bisogna leggere i contratti e soprattutto le scritte piccoline :-)
  • panda rossa scrive:
    Il re e' nudo...
    Ed ecco qua un'altra sentenza che scardina quello che le major parassite stanno cercando di propinare da anni.Un passettino per volta e ci avvicineremo alla cruda realta': la copia deve essere libera, e liberamente distribuibile alla faccia di tutti gli intermediari che strillano e pestano i piedi.
    • amldc scrive:
      Re: Il re e' nudo...
      Forse ti è sfuggito l'ultimo paragrafo.
      • Osvy scrive:
        Re: Il re e' nudo...
        - Scritto da: amldc
        Forse ti è sfuggito l'ultimo paragrafo.Mi sa anche a me. In effetti l'articolo l'ho capito poco (tra l'altro, andrebbe limato da numerosi errori di digitazione, ma questa è mera forma), sarà colpa mia ovviamente che non sono in grado di comprendere le "arditezze giuridiche", però mi pare che il titolo contraddica in buona parte il contenuto.In sostanza, se ho compreso, il giudice ha detto "il primo acquirente lo può rivendere, il secondo invece no", ho capito male?...:"e quindi che "in caso di rivendita del diritto di utilizzazione della copia di un programma per elaboratore, il secondo acquirente non può invocare l'esaurimento del diritto di distribuzione di tale copia per procedere alla riproduzione del programma realizzando una nuova copia, nemmeno qualora il primo acquirente abbia cancellato la propria o non la utilizzi più".
      • attonito scrive:
        Re: Il re e' nudo...
        - Scritto da: amldc
        Forse ti è sfuggito l'ultimo paragrafo.E a te e' sfuggito dove lui dice "passettino" :)
        • amldc scrive:
          Re: Il re e' nudo...
          Il fatto che sia sancito il diritto alla rivendita del software (o meglio della licenza) non mi sembra un passettino verso la liberalizzazione della copia selvaggia. Rimango dell'idea che i produttori (distributori ecc.) abbiano tutto il diritto di chiedere un prezzo per i propri prodotti e che rivendicare a tutti i costi la 'libertà della cultura ecc.' sia spesso una grossa ipocrisia. Non mi piace pagare per cui utilizzo software gratuito; quando necessario mi adeguo alle bizzarrie di alcuni software non commerciali o mi arrangio con quello che riesco a fare da me.Mi sento molto più libero di chi si ostina ad utilizzare fraudolentemente dei software commerciali rimanendo schiavo della ricerca degli stessi, dei crack aggiornati e balle varie. Chi è veramente interessato alla libertà del software dovrebbe rifiutarsi di usare prodotti commerciali invece di arrogarsi il diritto di utilizzali senza pagare, altrimenti dimostra solo di non voler pagare il lavoro altrui.
          • Sgabbio scrive:
            Re: Il re e' nudo...
            - Scritto da: amldc
            Il fatto che sia sancito il diritto alla
            rivendita del software (o meglio della licenza)
            non mi sembra un passettino verso la
            liberalizzazione della copia selvaggia. Rimango
            dell'idea che i produttori (distributori ecc.)
            abbiano tutto il diritto di chiedere un prezzo
            per i propri prodotti e che rivendicare a tutti i
            costi la 'libertà della cultura ecc.' sia spesso
            una grossa ipocrisia. Non mi piace pagare per cui
            utilizzo software gratuito; quando necessario mi
            adeguo alle bizzarrie di alcuni software non
            commerciali o mi arrangio con quello che riesco a
            fare da
            me.
            Mi sento molto più libero di chi si ostina ad
            utilizzare fraudolentemente dei software
            commerciali rimanendo schiavo della ricerca degli
            stessi, dei crack aggiornati e balle varie. Chi è
            veramente interessato alla libertà del software
            dovrebbe rifiutarsi di usare prodotti commerciali
            invece di arrogarsi il diritto di utilizzali
            senza pagare, altrimenti dimostra solo di non
            voler pagare il lavoro
            altrui.Peccato che non è quello il nocciolo della questione.
    • Amedeo scrive:
      Re: Il re e' nudo...
      Sono d'accordo sulla sentenza, ma non coprendo la tua frase sconnessa dall'articolo (parli di copia): "la copia deve essere libera, e liberamente distribuibile alla faccia di tutti gli intermediari che strillano e pestano i piedi."Diciamo ok per gli intermediari, che oggi sono sempre meno per via della distribuzione online ( che comunque comporta non poche spese che devono essere coperte: infrastruttura, sicurezza, certificati,... )... ma gli sviluppatori ? Chi lavora ha diritto ad essere pagato
      • panda rossa scrive:
        Re: Il re e' nudo...
        - Scritto da: Amedeo
        Sono d'accordo sulla sentenza, ma non coprendo la
        tua frase sconnessa dall'articolo (parli di
        copia): "la copia deve essere libera, e
        liberamente distribuibile alla faccia di tutti
        gli intermediari che strillano e pestano i
        piedi."

        Diciamo ok per gli intermediari, che oggi sono
        sempre meno per via della distribuzione online (
        che comunque comporta non poche spese che devono
        essere coperte: infrastruttura, sicurezza,
        certificati,... )... ma gli sviluppatori ? Chi
        lavora ha diritto ad essere
        pagatoLo sviluppatore viene pagato.Dal committente, o dal datore di lavoro.Una volta.Per il tempo che ha impiegato nello sviluppo.Esattamente come si fa per l'idraulico, il muratore, per chi fa le pulizie, etc...
        • Osvy scrive:
          Re: Il re e' nudo...
          - Scritto da: panda rossa
          Lo sviluppatore viene pagato.
          Dal committente, o dal datore di lavoro.
          Una volta.
          Per il tempo che ha impiegato nello sviluppo.
          Esattamente come si fa per l'idraulico, il
          muratore, per chi fa le pulizie, etc...Quindi se tu compri Autodesk lo dovresti pagare per il tempo che è stato necessario a svilupparlo... tipo un milione di euro, per dire (che ne sai tu quante copie ne vendono? magari una sola)
          • panda rossa scrive:
            Re: Il re e' nudo...
            - Scritto da: Osvy
            - Scritto da: panda rossa

            Lo sviluppatore viene pagato.

            Dal committente, o dal datore di lavoro.

            Una volta.

            Per il tempo che ha impiegato nello sviluppo.

            Esattamente come si fa per l'idraulico, il

            muratore, per chi fa le pulizie, etc...

            Quindi se tu compri Autodesk lo dovresti pagare
            per il tempo che è stato necessario a
            svilupparlo... Non sto parlando di autodesk, sto parlando di procedure server-side.
            tipo un milione di euro, per dire
            (che ne sai tu quante copie ne vendono? magari
            una
            sola)A te serve forse un tool tipo autodesk?Commissionalo.Non ce la fai da solo? Consorziati con altri disegnatori.Oppure utilizza prodotti open.
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Il re e' nudo...
            - Scritto da: panda rossa
            A te serve forse un tool tipo autodesk?
            Commissionalo.
            Non ce la fai da solo? Consorziati con altri
            disegnatori.Ancora con queste scemenze? Perché non CONVIENE! Ecco perché.Meglio prendere un prodotto già fatto e diffuso sul mercato che aspettare anni per averne uno commissionato e che ti costa molto, ma molto di più per poi funzionare peggio.

            Oppure utilizza prodotti open.Non ci sono alternative PROFESSIONALI open in TUTTI i settori.
          • zerobyte scrive:
            Re: Il re e' nudo...
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            Ancora con queste scemenze? Perché non CONVIENE!
            Ecco
            perché.
            Meglio prendere un prodotto già fatto e diffuso
            sul mercato che aspettare anni per averne uno
            commissionato e che ti costa molto, ma molto di
            più per poi funzionare
            peggio.Usando questa teoria, oggi saremmo fermi al PONG e al Wordstar...
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Il re e' nudo...
            - Scritto da: zerobyte
            - Scritto da: Dottor Stranamore

            Ancora con queste scemenze? Perché non
            CONVIENE!

            Ecco

            perché.

            Meglio prendere un prodotto già fatto e
            diffuso

            sul mercato che aspettare anni per averne uno

            commissionato e che ti costa molto, ma molto
            di

            più per poi funzionare

            peggio.

            Usando questa teoria, oggi saremmo fermi al PONG
            e al
            Wordstar...Ma cosa cosa c'entra l'evoluzione del software?Lui dice che se hai bisogno di un software tipo Autocad devi andare da uno e commissionarglielo così te lo fa lui a manina.
          • zerobyte scrive:
            Re: Il re e' nudo...
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            Ma cosa cosa c'entra l'evoluzione del software?
            Lui dice che se hai bisogno di un software tipo
            Autocad devi andare da uno e commissionarglielo
            così te lo fa lui a
            manina.Beh...generalmente si tende a "creare" software anche se già presentesul mercato per differenti motivi :- apportare migliorie a mancanze di prodotti esistenti- effettuare soluzioni alternative (+economiche?) per applicazioni esistenti e generalmente costose- entrare su un mercato potenzialmente appetibile e senza troppi concorrenti.Detto questo, non credo che 3DStudio, Maya, Autocad o altri ( che ora non mi vengono in mente perchè non mi occupo di tale settore ), siano nati perche' pensavano di non aver concorrenti. E' solo una questione puramente imprenditoriale, quella cosa che OVVIAMENTE (a sentire i discorsi di SIAE & co. ) in Italia manca.Siamo tutti bravi a fare i "rivenditori" ( zero spese, zero rischi, tutto guadagno ), ma pessimi nell'aprire un'azienda per la _creazione_ dei prodotti.E' questo cio' che ci sta rovinando e la Cina man mano ci sta rendendo schiavi del loro impero.(Sono andato leggermente OT, chiedo venia)
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Il re e' nudo...
            - Scritto da: zerobyte
            - Scritto da: Dottor Stranamore


            Ma cosa cosa c'entra l'evoluzione del
            software?

            Lui dice che se hai bisogno di un software
            tipo

            Autocad devi andare da uno e
            commissionarglielo

            così te lo fa lui a

            manina.

            Beh...generalmente si tende a "creare" software
            anche se già
            presenteNessuno ha detto il contrario. Il discorso era questo: c'è Panda Rossa che dice "Ti serve il tal programma? Vai da uno e lo commissioni". Cosa che può andar bene per certe cose, ma non per molte altre, non può certo essere applicato come dogma assoluto come vuol far intendere lui.Per i prodotti nuovi ci pensa il mercato con le aziende in competizione tra loro. Se uno ha bisogno di Autocad è più conveniente sia sotto il profilo economico, ma anche quello pratico, comprare la licenza. Se poi un giorno ci sarà un prodotto migliore passerà a quello. Ma tranne casi specifici non gli converrà farselo fare su commissione.
          • krane scrive:
            Re: Il re e' nudo...
            - Scritto da: Dottor Stranamore
            - Scritto da: zerobyte

            - Scritto da: Dottor Stranamore


            Ma cosa cosa c'entra l'evoluzione del

            software?


            Lui dice che se hai bisogno di un
            software

            tipo


            Autocad devi andare da uno e

            commissionarglielo


            così te lo fa lui a


            manina.



            Beh...generalmente si tende a "creare"
            software

            anche se già

            presente
            Nessuno ha detto il contrario. Il discorso era
            questo: c'è Panda Rossa che dice "Ti serve il tal
            programma? Vai da uno e lo commissioni". Cosa che
            può andar bene per certe cose, ma non per molte
            altre, non può certo essere applicato come dogma
            assoluto come vuol far intendere lui.Secondo te con autocad com'e' andata ? Il signor Autodesk ha scritto la versione 1 tutto da solo ? E ora e' ancora li' da solo che e' arrivato alla versione attuale ? Oppure e' un imprenditore che ha commisionato il software ad un team, prendendosi il suo rischio di impresa, per poi farci quello che voleva ?
            Per i prodotti nuovi ci pensa il mercato con le
            aziende in competizione tra loro.Automagicamente ?
            Se uno ha bisogno di Autocad è più conveniente
            sia sotto il profilo economico, ma anche quello
            pratico, comprare la licenza. Se poi un giorno ci
            sarà un prodotto migliore passerà a quello. Ma
            tranne casi specifici non gli converrà farselo
            fare su commissione.
          • Osvy scrive:
            Re: Il re e' nudo...
            - Scritto da: Osvy
            Quindi se tu compri AutodeskAutocad, ovviamente..
          • krane scrive:
            Re: Il re e' nudo...
            - Scritto da: Osvy
            - Scritto da: Osvy


            Quindi se tu compri Autodesk

            Autocad, ovviamente..Ah, non Autodesk per farsi pogrammare Autocad ?(rotfl)
          • Osvy scrive:
            Re: Il re e' nudo...
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: Osvy

            - Scritto da: Osvy




            Quindi se tu compri Autodesk



            Autocad, ovviamente..

            Ah, non Autodesk per farsi pogrammare Autocad ?
            (rotfl)dipende dal proprio portfolio... se po' ffà...
          • Dottor Stranamore scrive:
            Re: Il re e' nudo...
            - Scritto da: Osvy
            - Scritto da: Osvy


            Quindi se tu compri Autodesk

            Autocad, ovviamente..Pensavo ti riferissi ad Autodesk Inventor.
        • Allibito scrive:
          Re: Il re e' nudo...
          - Scritto da: panda rossa
          - Scritto da: Amedeo

          Sono d'accordo sulla sentenza, ma non
          coprendo
          la

          tua frase sconnessa dall'articolo (parli di

          copia): "la copia deve essere libera, e

          liberamente distribuibile alla faccia di
          tutti

          gli intermediari che strillano e pestano i

          piedi."



          Diciamo ok per gli intermediari, che oggi
          sono

          sempre meno per via della distribuzione
          online
          (

          che comunque comporta non poche spese che
          devono

          essere coperte: infrastruttura, sicurezza,

          certificati,... )... ma gli sviluppatori ?
          Chi

          lavora ha diritto ad essere

          pagato

          Lo sviluppatore viene pagato.
          Dal committente, o dal datore di lavoro.
          Una volta.
          Per il tempo che ha impiegato nello sviluppo.
          Esattamente come si fa per l'idraulico, il
          muratore, per chi fa le pulizie,
          etc...Ma come si fa a dire certe cose? Il lavoro per creare un'opera d'ingegno spesso richiede anni e tu vorresti liquidarlo con una ciotola di riso?Come si valuta un lavoro che interessa a qualche decina di utenti da uno che ne coinvolge milioni? Un disco dei Jalisse vale come uno di XXXXXXX? Il compenso degli artisti e degli autori è proporzonato alle vendite che seguiranno per tutta la vita e in seguito agli eredi. Per quanto riguarda la possibilità di poter rivendere, basta leggere l'ultimo paragrafo del servizio, deve essere consentita, ma solo una volta e solo dopo aver cancellato la propria copia dal pc. Non cambia nulla se l'opera sia su supporto fisico o sia un file, la licenza è chiara, concede l'uso per il tempo stabilito, diventa proprietà se il tempo è illimitato ma è sempre legato all'uso contemporaneo su un solo pc. Nel mio studio ho 11 pc con 11 licenze per alcune cose e licenze multiple per altre ma che coprono sempre il numero delle macchine, non ne compro una e moltiplico.
          • panda rossa scrive:
            Re: Il re e' nudo...
            - Scritto da: Allibito
            Ma come si fa a dire certe cose? Il lavoro per
            creare un'opera d'ingegno spesso richiede anni e
            tu vorresti liquidarlo con una ciotola di
            riso?Anche una asportazione di una appendicite richiede anni di studi prima di poter prendere in mano il bisturi, ma il costo dell'operazione si paga a ore, come tutte le prestazioni d'opera.La situazione attuale e' un abominio.Qualunque opera deve avere un costo di materiale piu' manodopera.Se ci vogliono anni per realizzarla, si pagheranno quegli anni all'autore.Dopodiche' l'opera e' fatta e non deve essere versato un centesimo di piu'.
            Come si valuta un lavoro che interessa a qualche
            decina di utenti da uno che ne coinvolge milioni?Costo orario per il tempo impiegato.
            Un disco dei Jalisse vale come uno di XXXXXXX? A vedere i prezzi di voi videotecari, direi proprio di si.Tutti i cd costano uguali.O forse tu pratichi prezzi differenziati?
            Il
            compenso degli artisti e degli autori è
            proporzonato alle vendite che seguiranno per
            tutta la vita e in seguito agli eredi.E questo e' l'abominio da smontare.Il compenso degli artisti e' il tempo che hanno impiegato a comporre e glielo paga il committente.In aggiunta a questo l'artista SI ESIBISCE e la gente paga il biglietto.
            Per quanto
            riguarda la possibilità di poter rivendere, basta
            leggere l'ultimo paragrafo del servizio, deve
            essere consentita, ma solo una volta e solo dopo
            aver cancellato la propria copia dal pc.Come tu ben sai, la cancellazione fisica e' praticamente impossibile.Quindi io cancello, usando il comando di sistema (che tipicamente sposta nel cestino), vendo, come il giudice ha stabilito, e poi casualmente trovo nei files nel cestino a mia insaputa, che va tanto di moda come alibi.Nel frattempo aspettiamo anche la sentenza che consentira' di vendere le copie acquistate come usate, e completiamo il cerchio.
            Non
            cambia nulla se l'opera sia su supporto fisico o
            sia un file,Cambia si. Se sta su supporto fisico, io vendo il supporto.
            la licenza è chiara, concede l'uso
            per il tempo stabilito,La licenza non puo' andare contro i diritti del consumatore.
            diventa proprietà se il
            tempo è illimitato ma è sempre legato all'uso
            contemporaneo su un solo pc.Siamo nel 2012, non esiste piu' un solo pc.Oggi c'e' il cloud, ci sono altre tecnologie.Non ci sono neanche piu' i lettori di dischi...Non si puo' restare nella preistoria perche' ci sono delle licenze da rispettare.
            Nel mio studio ho 11
            pc con 11 licenze per alcune cose e licenze
            multiple per altre ma che coprono sempre il
            numero delle macchine, non ne compro una e
            moltiplico.E' una tua libera scelta, sbattere via i tuoi soldi come preferisci.
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: Il re e' nudo...

            Ma come si fa a dire certe cose? Il lavoro per
            creare un'opera d'ingegno spesso richiede anni e
            tu vorresti liquidarlo con una ciotola di
            riso?No: se ha richiesto due anni di lavoro, lo liquidi con due anni di stipendio, e non un centesimo di più.
            Come si valuta un lavoro che interessa a qualche
            decina di utenti da uno che ne coinvolge milioni?Semplice: <b
            non lo si valuta </b
            . Se più persone lo usano, tu hai forse dovuto lavorare di più? O più duramente? No.Ti si paga il lavoro che hai fatto... e poi a te non deve interessare quanti lo useranno.Se io monto il condizionatore in una sala, non mi interessa sapere se poi in quella sala entreranno quattro gatti, o se tale sala sarà sempre affollatissima: io faccio un preventivo, e poi mi faccio pagare il lavoro che ho fatto.
            Un disco dei Jalisse vale come uno di XXXXXXX?Sì: gratis l'uno, gratis l'altro.[yt]-MLcZDAw9lQ[/yt][yt]EDwb9jOVRtU[/yt]
            il compenso degli artisti e degli autori è
            proporzonato alle vendite che seguiranno per
            tutta la vita e in seguito agli eredi.Questo è insensato: i miei eredi dovrebbero forse incassare in proporzione a quante persone entrano in una sala dove ho montato un condizionatore tre anni fa? No? E allora perchè mai l'opera del cantante andrebbe pagata a oltranza?E poi, come fai a parlare di "vendite"? Se l'opera è una, anche la vendita può essere solo una.Comunque, la risolviamo in un modo semplice: niente vendite (grazie a internet) e quindi niente guadagno. Così siamo a posto.
            Per quanto
            riguarda la possibilità di poter rivendere, basta
            leggere l'ultimo paragrafo del servizio, deve
            essere consentita, ma solo una volta e solo dopo
            aver cancellato la propria copia dal pc.Questo non ha senso: perchè mai devo distruggere la mia copia? Per far piacere a un autore che magari nel frattempo è pure morto?
            Non
            cambia nulla se l'opera sia su supporto fisico o
            sia un file, la licenza è chiara, concede l'uso
            per il tempo stabilito, diventa proprietà se il
            tempo è illimitato Falso: se diventa proprietà, significa che l'acquirente diventa il nuovo detentore dei diritti.Se racconti frottole, non stupirti se poi la gente non vuole comprare da te: nessuno compra da un truffatore.
            ma è sempre legato all'uso
            contemporaneo su un solo pc. Nel mio studio ho 11
            pc con 11 licenze per alcune cose e licenze
            multiple per altre ma che coprono sempre il
            numero delle macchine, non ne compro una e
            moltiplico.Io non ne compro proprio nessuna, di licenza; l'unica licenza che ha senso è la gpl, e quella non si compra.
      • Marco scrive:
        Re: Il re e' nudo...
        Ma infatti l'oggetto di questa sentenza non c'entra nulla col software libero o quello gratuito. La gente è libera di vendere software chiuso o costruire un business model su quello libero. E' anche libera di scegliere tra principi, interessi o addirittura di lavorare come una bestia per una software house che non gli lascia nient'altro che un lavoro da salariato, sempre più simile a quello di un operaio che non si sXXXXX, incluso uno stipendio molto inferiore ai profitti che quel lavoro genera.Ma il punto di questa sentenza è la definizione di cosa compro quando compro una licenza per usare un prodotto software. Se è come l'acquisto di un auto o una copia cartacea di un libro, oppure no. Se posso rivendere il singolo esemplare, dato che me lo sono comprato, oppure no.
        • Osvy scrive:
          Re: Il re e' nudo...
          - Scritto da: Marco
          Ma il punto di questa sentenza è la definizione
          di cosa compro quando compro una licenza per
          usare un prodotto software. Se è come l'acquisto
          di un auto o una copia cartacea di un libro,
          oppure no. Se posso rivendere il singolo
          esemplare, dato che me lo sono comprato, oppure no.Si, ma appunto se leggi la sentenza la risposta è: SI UNA VOLTA, NO dopo..(attenzione che stiamo discutendo di una licenza "precisa", non quella del Microsoft Office che compri nella scatola al Mediaworld, credo)
      • amldc scrive:
        Re: Il re e' nudo...
        Va bene il diritto ad essere pagato per il proprio lavoro ma nel momento in cui cedo la licenza ad un altro (e dico cedo, per cui io non utilizzerò più quell'applicativo) mi sembra giusto che non si debba nuovamente pagare chi lo ha sviluppato, come l'operaio non riceve ulteriori gratifiche nello stipendio ogni volta che un'automobile viene rivenduta.Inoltre il discorso dovrebbe essere valido solo se la stessa licenza non viene sfruttata per comprare la versione nuova come aggiornamento a prezzo scontato.
    • MeX scrive:
      Re: Il re e' nudo...
      niente di nuovo se vendi la LICENZA e non utilizzi il software dopo avere ceduto tale licenza non vedo nessun problema
      • MeX scrive:
        Re: Il re e' nudo...
        no.Io compro la licenza per photoshop che consiste nel numero di serie.Se io ti vendo il mio numero di serie e disinstallo Photoshop dal mio computer non violo la licenza, niente di difficile direi
        • Izio01 scrive:
          Re: Il re e' nudo...
          - Scritto da: MeX
          no.

          Io compro la licenza per photoshop che consiste
          nel numero di
          serie.

          Se io ti vendo il mio numero di serie e
          disinstallo Photoshop dal mio computer non violo
          la licenza, niente di difficile
          direiSu questo sarei d'accordo con te, ma purtroppo non è così: parecchie licenze, tra cui mi pare (ma potrei sbagliarmi) rientri quella di AutoCAD, vietano il trasferimento ad altra persona. Normalmente tu te ne freghi: disinstalli, cedi i dischi originali e pagati, e sei in pace con la coscienza, se non con i termini dell'accordo, ma con la diffusione del DRM questa cosa sta diventando man mano più difficile.
          • MeX scrive:
            Re: Il re e' nudo...
            si ma il problema non è quanto è difficile cedere una licenza, il problema è se scrivono licenze troppo restrittive
          • Izio01 scrive:
            Re: Il re e' nudo...
            - Scritto da: MeX
            si ma il problema non è quanto è difficile
            cedere una licenza, il problema è se scrivono
            licenze troppo
            restrittiveMa infatti spero che prima o poi qualche ente, possibilmente europeo, metta dei limiti a ciò che le EULA possono specificare, anche in considerazione del fatto che le leggi dopo aver pagato l'acquisto. Ma ci pensi se potessero metterle sui beni fisici? :|Dai che per una volta siamo d'accordo ;)
    • MeX scrive:
      Re: Il re e' nudo...
      niente di nuovo se vendi la LICENZA e non utilizzi il software dopo avere ceduto tale licenza non vedo nessun problema
    • MeX scrive:
      Re: Il re e' nudo...
      niente di nuovo se vendi la LICENZA e non utilizzi il software dopo avere ceduto tale licenza non vedo nessun problema
    • ThEnOra scrive:
      Re: Il re e' nudo...
      Dai! E leggiti l'articolo e non solo il titolo!
Chiudi i commenti