Australia, MediaSentry vive

L'agenzia investigativa zombi prediletta dai colossi dei contenuti si aggira in Oceania. Per rastrellare studenti a favore della major

Roma – C’è chi perde il pelo ma mai il vizio, e poi c’è chi come MediaSentry viene apparentemente scaricata da RIAA ma ritorna poi alla ribalta perché ancora impegnata nel diramare denunce, minacce e missive persecutorie al limite della legalità.

Sarà forse vero che la maggiore organizzazione delle major del disco statunitensi (RIAA appunto) non si serve più di quella che una volta era la sua cimice prediletta, ma a quanto pare le singole etichette discografiche proprio non ce la fanno a cambiare le vecchie abitudini di tracciare, scaricare e poi minacciare: secondo quanto riportato da P2Pnet , Breno Cavalheiro, studente domiciliato nella città australiana di Brisbane, sarebbe stato cacciato fuori dal suo dormitorio in seguito a una denuncia di Sony per presunta infrazione del copyright.

Che c’entra MediaSentry? La nota organizzazione anti-file sharing entra in gioco se si analizzano gli indirizzi IP in entrata come ha fatto un lettore di P2Pnet : quei range di IP (bloccati dal tool di filtering PeerGuardian ) apparterrebbero appunto alla società incriminata, che starebbe ancora utilizzando le sue risorse di rete in terra statunitense per condurre le sue insinuanti indagini nei confronti di utenti presenti su un territorio distante qualche migliaio di chilometri.

Come evidenzia ancora P2Pnet , MediaSentry non ha ricevuto alcuna autorizzazione a operare da parte della Australian Securities and Investments Commission ( ASIC ), l’organizzazione governativa indipendente che si occupa di regolare e far rispettare le leggi societarie e dei servizi finanziari allo scopo di difendere consumatori, investitori e creditori. L’azione di MediaSentry in Australia sarebbe insomma illegale come tale era stata precedentemente giudicata in alcuni tribunali statunitensi, giusto prima che RIAA decidesse di scaricarla.

Se l’Australia si dibatte fra indagini e rastrellamenti, in Europa il clima non è meno incandescente. The Pirate Bay, la Baia dei pirati svedesi condannata alla galera e a multe salate da un giudice con troppi scheletri nell’armadio, non verrà estromessa dalla rete. Le major chiedevano ulteriori sanzioni e un ultimatum senza possibilità di appello con tanto di distacco della connessione. Ma il distacco rimane una misura impossibile da applicare perché l’hosting della Baia è ben lontano dalle acque agitate della Svezia, e la richiesta di nuove sanzioni immediate è stata respinta dalla corte che dice di voler passare attraverso le audizioni standard di ambo le parti prima di sentenziare alcunché.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • farncesco molinaro scrive:
    forse non è colpa della NASA
    forse agli amici che scrivono va bene Aristotele, l'universo tolemaico, la fisica pre nwetoniana, la terra piatta e forse l'inquisizione con relativa tortura.Siete dei Co...., perchè se utilizzate il computer, il telefonino, il software libero o non ecc. è grazie alle ricadute tecnologiche derivanti dalla ricerca.Allora l'inventore del martello, sempre che sia esistito, dovrebbe essere ricordato come il più grande criminale mondiale perchè tale strumento è servito a fracassare crani e non solo a infilare chiodi. Poi la Nasa ha sfornato software libero con una grande valenza scientifica, ma vai a dare perle ai porci.Cari amici il voto è due (2).Rimandati a settembre e poi respinti.Studiate di più invece di fare Ghe..ghe ghe
    • Elijah Baley scrive:
      Re: forse non è colpa della NASA
      si, hai ragione, pero' credo che tu abbia risposto al post sbagliato.comunque se alla nasa non danno i soldi e' colpa dei politici incapaci e demagoghi del suo paese.se la nasa costa troppo e' colpa dei politici del suo paese che preferiscono lasciarla sotto il totale controllo statale/militare.la colpa del rallentamento della ricerca ed esplorazione spaziale e' della politica inetta non dei ricercatori.mancano i finanziamenti un programma coordinato ed articolato, invece di andare avanti si preferisce ristagnare sul sicuro e ritirare fuori i missilozzi con le capsule alla programma APOLLO.l'occidente vive un grave periodo di decadenza e ristagno inevitabilmente ha colpito la ricerca scientifica di qualsiasi tipo, e si tende a migliorare al massimo cio' che si conosce piuttosto che tentare strade nuove.certo il rischi porta con se dei pericoli e prezzi elevati anche in vite umane.ma nella storia dell'umanita' niente di valore si e' ottenuto senza sacrificio, caratteristica che sembra latitare in queste ultime decadi.
  • Elijah Baley scrive:
    aridatece la guerra fredda...
    ...che almeno c'era competizione.ormai l'america e' diventata una societa' di quartordine il cui principale scopo e' finanziarie le proprie forze militari, unico deterrente che lega il petrolio al dollorao moneta che altrimenti dopo la soppressione della convertibilità totale in oro non avrebbe nessun valore.speriamo in cinesi ed indiani che quantomeno stanno sviluppando missioni lunari all ricerca di elio3.http://lapulcedivoltaire.blogosfere.it/2007/03/spazio-sulla-luna-per-ricavare-lelio3.html
    • corwyn scrive:
      Re: aridatece la guerra fredda...
      scusa se mi permetto, ma così, per curiosità, ho dato un occhiata al sito da te segnalato......ma cosa si sono fumati prima di scrivere?cito:"Niente neutroni come prodotti di reazione, semplificando enormemente la progettazione di un reattore e rendendo impossibile qualunque uso bellico."[perchè alimentare una portaerei per esempio non è un uso bellico?]e ancora"Gli scienziati pensano ad un suo utilizzo come alimento per centrali a fusione nucleare senza emissioni di gas serra."[che c'entra il gas serra con una centrale nucleare? è ovvio che una centrale nucleare sia senza emissioni di gas serra]poi la più bella:prima dicono:"L'elio-3 è un isotopo contenuto nella polvere lunare, disponibile sulla Luna in quantità illimitate."poi chiudono dicendo:"e tutte le riserve lunari sarebbero sufficienti per circa mille anni"ma le riserve non erano illimitate?ma hai citato un sito comico o seriamente pensavi di aver letto una notizia?scusate l'OT ma non ho resistito...
      • Elijah Baley scrive:
        Re: aridatece la guerra fredda...
        Mica l'ho scritto io l'articolo, che in realta' e' pure vecchio.nel frattempo l'india ad esempio ha deciso di andare avanti da sola sputando in bocca ai pulciari morti de fame senza testicoli americani.
      • Simone scrive:
        Re: aridatece la guerra fredda...
        In 1000 anni si spera di avere qualcosa di più cazzuto di un reattore a fusione. Magari uno che giri con H che si trova sulla terra o perché no un bel reattore materia antimateria che fa tanto star trek ma é pensabile.
  • fra Martino scrive:
    basta con queste geremiadi
    la nasa c'ha cacato. è solo capace di ciucciare quattrini e piangersi addosso a prescindere dall'entità dei finanziamenti (che sono sempre limitati).adesso chiederanno i finanziamenti pure a noi italiani.
    • zaadum scrive:
      Re: basta con queste geremiadi
      ripeto: "accendere il cervello prima di fare la solita figura di............"se non ci fosse stata la NASA gente come voi crederebbe ancora che la terra è piatta(mhh forse proprio così sprovveduti no{!?}, non lo crede più neppure la chiesa... il che è sicuramente un passo avanti)e che la velocità del suono non è superabile!oppure che un essere vivente non può sopravvivere a gravità zero....credi che senza la NASA e l' esplorazione spaziale ci sarebbero i chip, la banda larga, le celle a combustibile, i filtri chimici per la co2 ecc. ecc. ecc.e poi di grazia, avete mai speso una lira per colpa della NASA?...noe allora tornatevene nel buco da dove siete usciti e smettetela di offendere l' intelligenza di chi ha la sventura di leggere i vostri post!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 27 maggio 2009 14.24----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 27 maggio 2009 14.57-----------------------------------------------------------
  • a n o n i m o scrive:
    fermate gli shuttle
    onore e glorie alle macchine più complesse mai costruite dall'uomo, ma è ora che gli shuttle vadano in pensione.costa di più la revisione e il bollo che un veivolo nuovo...
  • marco scrive:
    eppure
    eppure basterebbe tagliare il 10% delle spese militari americane per avere una montagna di soldi , tanti da arrivare su marte in 10 anni .....
    • Simone scrive:
      Re: eppure
      Effettivamente, sarebbero circa 60 mld di dollari, roba che sommata ai 19 attuali fa quasi ottanta. Effettivamente ci si potrebbe fare tanto e bene.
  • Andrea scrive:
    CHIUDIAMO LA NASA !!
    * NON SERVE A NULLA !* NELLO SPAZIO CI VANNO A FARE ESPERIMENTI STUPIDI COI TOPI* COSTA UN BOTTO AL CITTADINO* SONO LI SOLO A TIRARE AL 27 DEL MESEERGOCHIUDIAMO LA NASA !!!
    • paky scrive:
      Re: CHIUDIAMO LA NASA !!
      - Scritto da: Andrea
      * COSTA UN BOTTO AL CITTADINOscusa, paghi le tasse negli stati uniti tu??
      • Pao scrive:
        Re: CHIUDIAMO LA NASA !!
        - Scritto da: paky
        - Scritto da: Andrea

        * COSTA UN BOTTO AL CITTADINO

        scusa, paghi le tasse negli stati uniti tu??Sicuramente no, ma le cavolate le spara in Italia :D
    • zaadum scrive:
      Re: CHIUDIAMO LA NASA !!
      io vorrei vederle in faccia le creature che sputano certe trollate... sono esseri umani?se si:- *******************************************- *******************************************- *******************************************... o sono s******è!?psautocensura,quando sento certe scemenze perdo il controllo!...comunque consiglio sempre di accendere il cervello prima di scrivere e togliere ogni dubbio...
    • Alberto scrive:
      Re: CHIUDIAMO LA NASA !!
      - Scritto da: Andrea
      * NON SERVE A NULLA !

      * NELLO SPAZIO CI VANNO A FARE ESPERIMENTI
      STUPIDI COI
      TOPItua moglie, poverina, quando si mette il rossetto mica si caga addosso ogni volta perchè probabilmente le viene lo scorbuto.Questi e altri esempi da citare che non cito.Se l'ignoranza incombe, il silenzio è la migliore arma.
  • nasa_comio scrive:
    commodore_pentium
    ...come mai ai tempi che furono, un computer della potenza di calcolo di un commodore 64 è riuscito a mandare l'uomo sulla luna e, oggi che abbiamo i pentium (diecimila volte superiori) non riusciamo più ad andare sulla luna?Allora qualcosa dev'essere andato storto??
    • attonito scrive:
      Re: commodore_pentium
      - Scritto da: nasa_comio
      ...come mai ai tempi che furono, un computer
      della potenza di calcolo di un commodore 64 è
      riuscito a mandare l'uomo sulla luna e, oggi che
      abbiamo i pentium (diecimila volte superiori) non
      riusciamo più ad andare sulla luna?Allora
      qualcosa dev'essere andato storto??con questo ragionamento, un AMD a 8 core dovrebbe farci arrivare ad Alfa del Centauro, blue gene ad Andromeda, un cluster grande come un palazzo fino alla fine dell'universo.I calcoli di balistica interplanetaria si basano sulle leggi della meccanica di Newton, e facendoti un XXXX quadrato, potresti farli anche a mano: il problema e' tutto il resto, cioe' materiali adeguati, motori sufficentemente potenti, personale preparato, etc etc.
      • Simone scrive:
        Re: commodore_pentium
        Appunto per questo. Anche io rimango attonito da questo ragionamento.Se non abbiamo un nuovo materiale usiamone uno vecchio visto che in passato ha dato nuovi risultati.. la navetta che sostituirà lo shuttle non di certo l'enterprise, è uno shuttle 2.0... sembra che una volta, quando non si sapeve molto sullo spazio, ci si andava senza problemi, ora che ci sono più conoscenze tecniche diventa un problema.
        • CHE TE LO DICO A FARE scrive:
          Re: commodore_pentium
          Questo anche perchè è aumentata la sicurezza mentre prima gli uomini venivano mandati allo sbaraglio. Lo shuttle potrebbe essere ancora utilizzato anche per le missioni del futuro ma non è unmezzo sicuro. Se poi si vuol ritornare ai tempi in cui i russi mandavano gli uomini in orbita e li lasciavano morire allora è un altro discorso
          • a n o n i m o scrive:
            Re: commodore_pentium
            - Scritto da: CHE TE LO DICO A FARE
            Questo anche perchè è aumentata la sicurezza
            mentre prima gli uomini venivano mandati allo
            sbaraglio. Lo shuttle potrebbe essere ancora
            utilizzato anche per le missioni del futuro ma
            non è unmezzo sicuro. Se poi si vuol ritornare ai
            tempi in cui i russi mandavano gli uomini in
            orbita e li lasciavano morire allora è un altro
            discorso non è mai sucXXXXX.
          • il campo nome scrive:
            Re: commodore_pentium
            DIciamo che qualche inidizio c'è...http://www.lastampa.it/_web/cmstp/tmplrubriche/scienza/grubrica.asp?ID_blog=38&ID_articolo=353&ID_sezione=243&sezione=News
          • Noos scrive:
            Re: commodore_pentium
            Esatto.Più che altro coi sovietici ci sono stati incidenti: dallo schianto della Soyuz 1, all'esplosione del razzo gigante N-1, spesso paragonato al Saturno V, ma molto più complesso, troppo. La colpa era dell'affrettare i tempi prendendo grossi rischi con tecnologie troppo acerbe e non sufficientemente testate, errori di valutazione e problemi di organizzazione (pensate che anche dalla parte americana Von Braun non avrebbe mai lanciato il Saturno V così presto).Molti rischi li hanno presi anche gli americani: tre ne sono morti a terra, l'Apollo 13 per poco non si è trasformato in tragedia, l'Apollo 11 ha rischiato più volte fino al ritorno, tanto che, se non era per la famosa penna di Aldrin, restavano sulla Luna.Poi se vogliamo dirla tutta, al giorno d'oggi due Shuttle sono esplosi (uno al lancio e uno all'ingresso nell'atmosfera) e ogni missione ha i suoi problemini: non sono affatto lanci di routine come si crede. Anzi, nel frattempo le capsule russe Soyuz, discendenti da quelle degli anni '60, dopo decenni di lanci, sono divenute il mezzo più collaudato e sicuro che ci sia per mandare esseri umani nello spazio... e con Orion gli americani ritorneranno alle capsule.
          • ninjaverde scrive:
            Re: commodore_pentium
            Stà di fatto che gli osservatori di Torino sono stati osteggiati ed anche minacciati.Il loro metodo di ascolto artigianale ma piuttosto ingenioso. Poi si suppone che certe ricezioni sia state invece partite da terra e non dallo spazio.... Ma è solo una illazione non una risposta dimostrativa.Pare che (e non è certo) che qualcuno abbia perso l'orbita, e nel caso di una donna si sia incendiata la capsula nel rientro. Poi su questo occorrerebbe una dichiarzione chiara da parte dei Russi, visto che oggi la guerra fredda è finita, così si eliminerebbero molti dubbi. Sulla vicenda, visto che non sono giovanissimo, me la ricordo molto bene ai tempi degli avvenimenti, quindi Voyager non ha fatto che riportare i fatti dell'epoca con le interviste delle persone che all'epoca avevano registrato le voci delle capsule.Ovvio che non c'è la certezza al 100%, ma... qualcosa c'è o ci potrebbe essere.
          • attonito scrive:
            Re: commodore_pentium
            - Scritto da: a n o n i m o
            - Scritto da: CHE TE LO DICO A FARE

            Questo anche perchè è aumentata la sicurezza

            mentre prima gli uomini venivano mandati allo

            sbaraglio. Lo shuttle potrebbe essere ancora

            utilizzato anche per le missioni del futuro ma

            non è unmezzo sicuro. Se poi si vuol
            ritornare
            ai

            tempi in cui i russi mandavano gli uomini in

            orbita e li lasciavano morire allora è un altro

            discorso


            non è mai sucXXXXX.Diciamola meglio: non si e' mai saputo.In una attivita' pionieristica come quella, con la pressione di fare piu in fretta degli altri, un errore ci puo' scappare, sopratutto perche non si parla di roba facile ma di attivita' mai tentate prima.Solo gli americani dicevano "oggi ne spediamo su un altro" giornali, diretta televisiva, etc. Se poi si spetasciava al suolo, ecco la figura di merden.i sovirtici non davano mai pubblicita' preventiva: i bollettini di solito dicevano "ieri ne abbiamo spedito su un'altro", ma non ho mai visto annunci "ieri abbiamo provato ma e' esploso sulla rampa di lancio".
          • a n o n i m o scrive:
            Re: commodore_pentium
            - Scritto da: attonito
            - Scritto da: a n o n i m o

            - Scritto da: CHE TE LO DICO A FARE


            Questo anche perchè è aumentata la sicurezza


            mentre prima gli uomini venivano mandati allo


            sbaraglio. Lo shuttle potrebbe essere ancora


            utilizzato anche per le missioni del futuro ma


            non è unmezzo sicuro. Se poi si vuol

            ritornare

            ai


            tempi in cui i russi mandavano gli uomini in


            orbita e li lasciavano morire allora è un
            altro


            discorso





            non è mai sucXXXXX.

            Diciamola meglio: non si e' mai saputo.
            In una attivita' pionieristica come quella, con
            la pressione di fare piu in fretta degli altri,
            un errore ci puo' scappare, sopratutto perche non
            si parla di roba facile ma di attivita' mai
            tentate
            prima.

            Solo gli americani dicevano "oggi ne spediamo su
            un altro" giornali, diretta televisiva, etc. Se
            poi si spetasciava al suolo, ecco la figura di
            merden.

            i sovirtici non davano mai pubblicita'
            preventiva: i bollettini di solito dicevano "ieri
            ne abbiamo spedito su un'altro", ma non ho mai
            visto annunci "ieri abbiamo provato ma e' esploso
            sulla rampa di
            lancio".ripeto: non è mai sucXXXXX di disperdere qualc'uno sullo spazio.ah, i sovietici erano spiati 24/7 dagli americani e viceversa, tutti i lanci sono catalogati.
          • petengy scrive:
            Re: commodore_pentium
            e con tutta l'aria fritta che avete fatto ci siamo cucinati una pignatta di polenta e brasato.lo staff ringrazia ah aha aha ah
          • zaadum scrive:
            Re: commodore_pentium
            cosa sei... un agente dellì' NKWD poi KGB e ora dio solo sa cosa....o forse sei solo un po' pandolo
          • pingladen scrive:
            Re: commodore_pentium
            mica era intenzionale la cosa.Anzi, i russi avevano bisogno di gente viva da sbandierare in faccia agli americani, come gagarin
        • Noos scrive:
          Re: commodore_pentium
          - Scritto da: Simone
          la navetta che sostituirà lo shuttle
          non di certo l'enterprise, è uno shuttle 2.0...Non sarà niente del genere, anche se riutilizzerà qualche tecnologia degli shuttle. Orion sarà una capsula, quindi semmai un Apollo 2.0
          sembra che una volta, quando non si sapeve molto
          sullo spazio, ci si andava senza problemi, ora
          che ci sono più conoscenze tecniche diventa un
          problema.Negli anni '60 ci si andava invece con un sacco di problemi e prendendo anche parecchi rischi per battere l'avversario sul tempo. Ci sono stati innumerevoli incidenti sia da parte americana, che sovietica, e c'è scappato anche qualche morto.Al giorno d'oggi si va nello spazio con meno azzardo e più consapevolezza, eppure la NASA ha perso due navette, di cui l'ultima, il Columbia, proprio in questo decennio. Per non parlare delle sonde che hanno fatto cilecca (tipo molte sonde marziane) o quelle di cui si è salvata parte della missione facendo i salti mortali (tipo la Galileo che trasmetteva con un'antennina a basso guadagno), anche se a volte ci sono "miracoli" cone Spirit e Opportunity o la ex stazione Mir, che sono durati molte volte di più di quanto progettato e usati fino a che non cadevano a pezzi.
    • Putacaso scrive:
      Re: commodore_pentium
      - Scritto da: nasa_comio
      ...come mai ai tempi che furono, un computer
      della potenza di calcolo di un commodore 64 è
      riuscito a mandare l'uomo sulla luna e, oggi che
      abbiamo i pentium (diecimila volte superiori) non
      riusciamo più ad andare sulla luna?Allora
      qualcosa dev'essere andato
      storto??La differenza la fanno le motivazioni: all'epoca delle missioni Apollo, c'era la volonta delle allora grandi potenze di raggiungere risultati strabilianti per appagare una sfrenata sete di supremazia in qualsiasi campo.Oggi i conti li si fà prima con l'economicità delle missioni. Andare sulla luna oggi con i concetti di sicurezza odierni richiederebbe una montagna di soldi...
      • Bepaski Laraski scrive:
        Re: commodore_pentium
        In effetti uno dei pochi, per non dire l' unico, dei vantaggi derivati da 40 anni di guerra fredda è stata proprio l'enorme accellerazione della "esplorazione spaziale" e delle tecnologie ad essa collegate.- Scritto da: Putacaso
        - Scritto da: nasa_comio

        ...come mai ai tempi che furono, un computer

        della potenza di calcolo di un commodore 64 è

        riuscito a mandare l'uomo sulla luna e, oggi che

        abbiamo i pentium (diecimila volte superiori)
        non

        riusciamo più ad andare sulla luna?Allora

        qualcosa dev'essere andato

        storto??

        La differenza la fanno le motivazioni: all'epoca
        delle missioni Apollo, c'era la volonta delle
        allora grandi potenze di raggiungere risultati
        strabilianti per appagare una sfrenata sete di
        supremazia in qualsiasi
        campo.

        Oggi i conti li si fà prima con l'economicità
        delle missioni. Andare sulla luna oggi con i
        concetti di sicurezza odierni richiederebbe una
        montagna di
        soldi...
    • MegaJock scrive:
      Re: commodore_pentium
      - Scritto da: nasa_comio
      ...come mai ai tempi che furono, un computer
      della potenza di calcolo di un commodore 64 è
      riuscito a mandare l'uomo sulla luna e, oggi che
      abbiamo i pentium (diecimila volte superiori) non
      riusciamo più ad andare sulla luna?Allora
      qualcosa dev'essere andato
      storto??No. E' che l'umanità ha perso gli attributi. Non c'entra la tecnologia, c'entrano le p@113.
      • Pao scrive:
        Re: commodore_pentium
        - Scritto da: MegaJock
        - Scritto da: nasa_comio

        ...come mai ai tempi che furono, un computer

        della potenza di calcolo di un commodore 64 è

        riuscito a mandare l'uomo sulla luna e, oggi che

        abbiamo i pentium (diecimila volte superiori)
        non

        riusciamo più ad andare sulla luna?Allora

        qualcosa dev'essere andato

        storto??

        No. E' che l'umanità ha perso gli attributi. Non
        c'entra la tecnologia, c'entrano le
        p@113.Falso, mancano motivazioni (e soldi)
        • MegaJock scrive:
          Re: commodore_pentium
          - Scritto da: Pao

          No. E' che l'umanità ha perso gli attributi. Non

          c'entra la tecnologia, c'entrano le

          p@113.

          Falso, mancano motivazioni (e soldi)Ma soprattutto le p@113.
    • Funz scrive:
      Re: commodore_pentium
      - Scritto da: nasa_comio
      ...come mai ai tempi che furono, un computer
      della potenza di calcolo di un commodore 64 è
      riuscito a mandare l'uomo sulla luna e, oggi che
      abbiamo i pentium (diecimila volte superiori) non
      riusciamo più ad andare sulla luna?Allora
      qualcosa dev'essere andato
      storto??Soldi, tanti, e ragioni di prestigio che ti spingono a spenderli. Oggi mancano entrambe.Comunque, per rispondere allo sciocco qui sotto, molto meglio spendere miliardi nel progresso del sapere che buttare un euro in clientelismi, corruzione, malaffare.
    • Pao scrive:
      Re: commodore_pentium
      - Scritto da: nasa_comio
      ...come mai ai tempi che furono, un computer
      della potenza di calcolo di un commodore 64 è
      riuscito a mandare l'uomo sulla luna e, oggi che
      abbiamo i pentium (diecimila volte superiori) non
      riusciamo più ad andare sulla luna?Allora
      qualcosa dev'essere andato
      storto??Paragone insensato....
    • Enrico Richetti scrive:
      Re: commodore_pentium
      In effetti , come ho letto in altri post, il problema non sono i computer, anche se mi pare che quelli dello shuttle non siano all'attuale stato dell'arte.Il problema sono i materiali e le tecnologie costruttive.Lo shuttle e' pesante, nonche' protetto dal calore del rientro da un sistema obsoleto e "facilmente" danneggiabile, vedi la fine del Columbia.Ho letto di sperimentazoni su nuovi tipi di materiali e teconologie costruttive per alleggerire il sistema, condotti dal Cira: http://usv.cira.it/index.php?option=com_content&task=view&id=1&Itemid=12 ,ancora in alto mare, comunque.Risolti i problemi suddetti, rimane solo piu' questione di soldi e motivazioni.E nessuno mi venga a dire che prima bisogna pensare a risolvere i problemi qui sulla terra, che gli stampo un cartone sul naso :) !!
      • pingladen scrive:
        Re: commodore_pentium
        emh, lo direi io. Diciamo che si dovrebbero fare le cose contemporaneamente.In particolare arrestare la crescita demografica planetaria.
        • Enrico Richetti scrive:
          Re: commodore_pentium
          - Scritto da: pingladen
          emh, lo direi io.
          Diciamo che si dovrebbero fare le cose
          contemporaneamente.
          In particolare arrestare la crescita demografica
          planetaria.Eeeee... ci sarebbero tante cose da fare!Purtroppo molto difficili.Se Vi interessa segnalo il sito www.tdf.it in merito alla questione.In effetti hai ragione ... bisognerebbe riuscire a fare le cose contemporaneamente.Ciao
      • nome cognome scrive:
        Re: commodore_pentium
        Comunque se può interessarvi il PC che gestiscel'ISS è paragonabile ad un Pentium 4. Non è la potenza di calcolo il parametro critico, ma la gestione dell'errore. Qualcuno a volte si dimentica che fuori dell'atmosfera terrestre ci sono le radiazione.
      • Noos scrive:
        Re: commodore_pentium
        - Scritto da: Enrico Richetti
        In effetti , come ho letto in altri post, il
        problema non sono i computer, anche se mi pare
        che quelli dello shuttle non siano all'attuale
        stato
        dell'arte.In effetti, se non erro, usa proXXXXXri 8086...
        Il problema sono i materiali e le tecnologie
        costruttive.
        Lo shuttle e' pesante, nonche' protetto dal
        calore del rientro da un sistema obsoleto e
        "facilmente" danneggiabile, vedi la fine del
        Columbia.Il problema dello Shuttle, oltre all'aumentato peso degli aggiornamenti rispetto al progetto iniziale, limando poi qui e là, come il rivestimento del serbatoio esterno ecc. è che si trova "appeso" al serbatoio: al lancio, se qualcosa si stacca dal serbatoio (e si stacca sempre una quantità di materiale ad ogni lancio), può colpire la navetta e in certi casi danneggiarla seriamente. Nel caso del Columbia infatti venne colpita una parte dell'ala, creando una fessurazione: rientrando nell'atmosfera, l'aria ad altissima temperatura (per l'attrito del rientro) si fece strada lì finché i sistemi della navetta prima e l'aerodinamica poi vennero compromessi e addio shuttle.http://science.ksc.nasa.gov/shuttle/missions/sts-107/movies/sts107a.rm
    • Undertaker scrive:
      Re: commodore_pentium
      - Scritto da: nasa_comio
      ...come mai ai tempi che furono, un computer
      della potenza di calcolo di un commodore 64 è
      riuscito a mandare l'uomo sulla luna e, oggi che
      abbiamo i pentium (diecimila volte superiori) non
      riusciamo più ad andare sulla luna?Allora
      qualcosa dev'essere andato
      storto??non vedi come va l'economia in Usa ?Negli anni '60 é iniziata l'integrazione ed i "diritti civili" di neri e minoranze, sono diventati multirazziali......e puntualmente il risultato é che la nazione va a rotoli !(ditemi UN paese "multirazziale" che non sia un arretrato immondezzaio)
      • zaadum scrive:
        Re: commodore_pentium
        Roma, sia sotto la repubblica che nel suo periodo imperiale.La Cina..... da sempreL' India da sempre....razzista e anche ignorante! (nolove)
      • zaadum scrive:
        Re: commodore_pentium
        il Brasile, il Canada, il Regno Unito, la Germania, l' URSS, la Jugoslavia, il Belgio, i paesi scandinavi(quelli dove ci sono gli esquimesi)..............la diversità è ricchezza, e non è retorica...sei veramente sicuro di saperne qualcosa di genetica? davvero!?dovrebbero filtrarti l' IP, sei sempre disgustoso!
        • nasa_comio scrive:
          Re: commodore_pentium
          MMM.E SE LO DICE UN WRIGHT la parola "disgustoso" c'è da crederci davverO! ...la verità sullo spazio è che siamo stati ingannati per decenni , se fosse vero a quest'ora non saremmo quì a discuterne.STOP , THREAD CHIUSO
          • zaadum scrive:
            Re: commodore_pentium
            comprendo la confusione ma proprio perchè la terra è uno dei miei terreni di pascolo posso assicurarti che nutrirsi di un cinese, un africano o un bavarese non fà nessuna differenza...per la nasa invece a me non importa niente... più restate nello stesso posto e più mi diverto-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 28 maggio 2009 09.36-----------------------------------------------------------
    • Giuseppe Rossi scrive:
      Re: commodore_pentium
      Ma non siamo mai andati sulla luna, che sia chiaro !Tutti montaggi video, e fotografici, il basalto si trova ovunque è bastato fare finta di riportarlo dalla luna e tutti ci hanno creduto.dì di no !
      • zaadum scrive:
        Re: commodore_pentium
        dimostralo!...fanatico del complotto del #@][@]per prendere sonno cosa fai... guardi x files?oppure ascolti radioM.........(la seconda che hai detto)almeno fornisci una fonte valida che confermi i tuoi argomenti!se non bastasse, visto che tutti parlano di guerra fredda un po' a vanvera, dammi un solo motivo per il quale i Russi, gabbati sonoramente dagli Stati Uniti, non avrebbere dovuto prima di te portare delle prove in grado di dimostrare il non avvenuto sbarco sulla Luna. Almeno in Russia... così per fare un po' di propaganda!-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 29 maggio 2009 11.09-----------------------------------------------------------
    • -ToM- scrive:
      Re: commodore_pentium
      - Scritto da: nasa_comio
      ...come mai ai tempi che furono, un computer
      della potenza di calcolo di un commodore 64 è
      riuscito a mandare l'uomo sulla luna e, oggi che
      abbiamo i pentium (diecimila volte superiori) non
      riusciamo più ad andare sulla luna?Allora
      qualcosa dev'essere andato storto??perchè non siamo andati sulla luna. ;)
      • zaadum scrive:
        Re: commodore_pentium
        le missioni lunari sono un dato di fatto...se credi il contrario hai l' obbligo della prova;dimostra oltre ogni dubbio che l' essere umano non è mai andato sulla Luna!
        • -ToM- scrive:
          Re: commodore_pentium
          - Scritto da: zaadum
          le missioni lunari sono un dato di fatto...
          se credi il contrario hai l' obbligo della prova;
          dimostra oltre ogni dubbio che l' essere umano
          non è mai andato sulla
          Luna!ironia no eh?
          • zaadum scrive:
            Re: commodore_pentium
            se intendevi il contrario ti porgo le mie scuse...è venerdì e sono cotto!ho bisogno di una birra (rotfl)
          • -ToM- scrive:
            Re: commodore_pentium
            - Scritto da: zaadum
            se intendevi il contrario ti porgo le mie scuse...
            è venerdì e sono cotto!
            ho bisogno di una birra (rotfl)"io sò dei tua" si dice dalle mie parti.Infatti prima ero al Lidl a comperare 10 birre per questo fine settimana.PS.: Sabato esco e Domenica non bevo, fai due conti ;)
Chiudi i commenti