Autorizzate in Cina le webinfo sul sesso

Per la prima volta il regime avvia un programma di informazione su sessualità e riproduzione su web, superando storiche censure. Il tutto è gestito, naturalmente, dal ministero preposto
Per la prima volta il regime avvia un programma di informazione su sessualità e riproduzione su web, superando storiche censure. Il tutto è gestito, naturalmente, dal ministero preposto


Pechino – Siamo ancora molto lontani dalla libertà di informazione ma viene salutata da più parti come un grande passo avanti la decisione delle autorità cinesi di dar vita ad un sito interamente dedicato alla sessualità e alla riproduzione. La creazione di un sito del genere per la prima volta supera gli ostacoli dovuti ad una tradizionale forte pudicizia su argomenti tanto delicati.

La scelta di sfruttare internet appare ovvia, in un paese nel quale l’accesso ha conosciuto un boom senza precedenti, tanto che oggi si stima che i cinesi che utilizzino internet siano tra i 25 e i 30 milioni di individui. Ed è senz’altro significativo che una parte delle spese del sito, e dei contenuti, siano state coperte dalle Nazioni Unite.

Secondo il China Daily, la stessa nascita del sito, che si occupa delle malattie sessualmente trasmissibili, di controllo delle nascite e più in generale di sessualità, è peraltro dettata dalla sempre più sentita esigenza di informare sulla questione soprattutto i giovani.

In Cina, infatti, l’età in cui si hanno i primi rapporti sessuali va rapidamente abbassandosi mentre crescono progressivamente i casi di patologie legate all’attività sessuale, in primis l’AIDS. Altri problemi sono quelli di sempre: controllo delle nascite, gravidanze non volute, aborto e altro ancora.

Il sito è a questo indirizzo: www.youandme.net.cn

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

14 07 2003
Link copiato negli appunti