Ballmer: il prezzo di Windows non si tocca

Il megaboss di Microsoft disillude l'industria del PC e dichiara che il prezzo di Windows non verrà tagliato di un dollaro. I desktop ultraeconomici con Linux non rappresentano ancora una minaccia. Ma per quanto ancora?
Il megaboss di Microsoft disillude l'industria del PC e dichiara che il prezzo di Windows non verrà tagliato di un dollaro. I desktop ultraeconomici con Linux non rappresentano ancora una minaccia. Ma per quanto ancora?


Lake Buena Vista (USA) – “Non chiedeteci di abbassare il prezzo di Windows agli OEM: è tale da ben otto anni”. E’ con queste parole che Steve Ballmer, CEO di Microsoft, ha risposto a quei partecipanti del Gartner Symposium/ITxpo 2002 che chiedevano una riduzione del prezzo della versione OEM di Windows, riduzione a loro dire necessaria per permettere ai produttori e assemblatori di PC di fronteggiare l’arrivo sul mercato di personal computer a bassissimo costo che adottano sistemi operativi non-Microsoft.

E’ questo il caso dei recenti PC da 199$ che Wal-Mart, la più grande catena di supermercati americana, offre con LindowsOS preinstallato . Sebbene privi di monitor e modem, questi PC costano sensibilmente meno rispetto ai modelli equipaggiati con Windows, e questo grazie soprattutto al fatto che il sistema operativo di Lindows, basato su Linux, è gratuito.

I produttori avevano chiesto a Microsoft una riduzione di prezzo di almeno 20$, ma Ballmer si è mostrato irremovibile: il prezzo di Windows non si tocca.

“Questo piccolo taglio di prezzo potrebbe davvero guidare la domanda di PC? Non credo proprio”, ha affermato deciso Ballmer. “Avrebbe soltanto l’effetto di minare la nostra capacità di sviluppare prodotti innovativi come Windows XP. E non credo che potremmo vedere un grande boom nella domanda se i computer costassero 20$ in meno”.

Ballmer ha poi sottolineato come il prezzo della versione OEM di Windows, che in USA è di circa 50$, si sia conservato più o meno tale per otto anni. “E io credo – ha affermato il boss di Microsoft – che abbia molto più valore oggi di quanto lo avesse allora”

Ballmer ha poi accantonato la questione sostenendo che i PC a 199$ di Wal-Mart non lo spaventano affatto: “questi sistemi non riflettono il vero valore dell’hardware perché vengono venduti sottocosto, inoltre sono poco rappresentativi del mercato visto che Wal-Mart non è un grosso rivenditore di PC” e Linux – si potrebbe aggiungere – nel desktop è solo un insignificante moscerino. Almeno per ora.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

10 10 2002
Link copiato negli appunti