Basta compiti in classe, si passi a Wikipedia

Perché riempire fogli di carta e quiz per dimostrare il proprio impegno universitario? Una docente statunitense ha deciso di sfidare i propri allievi: pubblicate pagine su Wikipedia, valuteremo quelle

Roma – Alzino la mano i prof che in Italia ci avevano pensato: pochi? Nessuno? Invece, la professoressa Martha Groom , dell’ Università di Washington-Bothell ha avuto proprio questa idea : perché insistere ancora con sterili mezzi di verifica didattica, superati e, soprattutto, ermetici? Tanti sforzi, salvo casi di estrema bravura, oggi restano confinati tra le mura dell’istituto didattico, quale esso sia. Perché non pensare a Wikipedia che, nelle sue varie versioni internazionali, ha tanta sete di pagine serie, sicure, affidabili, accademicamente valide? Utilizziamola , e travasiamoci le conoscenze acquisite durante lo studio, con diligenza e con tutte le verifiche del caso.

la home di Wikipedia Questa, in soldoni, l’idea della docente, impegnata anche con l’ambiente e l’ecologia. La Groom ha inserito la novità all’interno del progetto Educause 2007 , nel cui ambito, insieme al collega Andreas Brockhaus , è stata curatrice di un interessante slideshow .

E i risultati, come racconta Inside Higher Ed , sono già visibili : lanciando su Google questa ricerca (” deforestation roman “, deforestazione ai tempi dei romani), tra i primi risultati c’è questa pagina di Wikipedia, più che eloquente risultato dell’iniziativa.

Non sembra, però, che l’idea sia stata accolta con un cieco entusiasmo da Wikipedia, avverte ArsTechnica : una delle pagine inserite pare abbia resistito solo 24 ore. Altre quattro, dopo accesi battibecchi, sono state rimosse e il loro contenuto “aggiunto” ad altre preesistenti. La questione, spiega Ars , risiede anche nel fatto che Wikipedia comprende già moltissimo dello scibile umano: lo spazio per iniziative encomiabili come quella della professoressa Groom deve considerarsi limitato . Sembra poco percorribile, quindi, la strada di adottare una simile soluzione a lungo termine come gustosa alternativa evoluta degli esami di verifica periodici.

Resta indubbia la brillantezza della trovata che, con ogni migliore auspicio, potrebbe essere avvicinata anche dagli istituti di istruzione e dalle Università italiani. Magari scegliendo i temi di cui occuparsi con maggiore accuratezza.

Marco Valerio Principato

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Loris Batacchi scrive:
    Clandestini
    Sarebbe una buona idea farlo ai clandestini, non che quando li prendi gli consegni un foglio di via che cestinano 10 minuti dopo, gli prendi le impronte, che si cancellano (vedi servizi delle iene e altri).Bisognerebbe prelevare il DNA, non hai documenti, non possiamo riconoscerti, almeno lasciaci il tuo DNA, così è possibile una tua identificazione.
  • LoStraniero scrive:
    ma perchè vi preoccupate tanto di questa
    banca dati. Lo stato ha tutti i nostri dati(o se vuole se li trova per ragioni di sicurezza) nome,cognome,carte di credito,conti correnti...etc. A me non mi preoccupa il fatto che mi prendano anche il dna(o le impronte digitali) quindi sono favorevole al prelievo del dna a tutti stranieri e italiani...vi saluto,lo straniero.
    • Dr. House scrive:
      Re: ma perchè vi preoccupate tanto di questa
      Dal DNA hai subito l'LHC, dall'LHC ricavila Compatibilità tra donatori.In Italia c'è un traffico di Organi Enormie troppe morti sospette per "Coma"........Spero che nessuno abbia bisogno del tuo Cuore.
  • Mirko Spagnol scrive:
    Tutti nel DB
    Le impronte digitali e il DNA dovrebbero essere presi a TUTTI gli italiani.E' giusto che si discuta della privacy e del pericolo della clonabilità, ecc..Ma se rendesse il DB sicuro avere le impronte digitali e il DNA di tutti gli italiani risolverebbe immediatamente moltissimi casi irrisolti, e sarà molto più facile in futuro risolvere nuovi casi.Chi non ha niente da nascondere e non ha segreti non ha niente di cui preoccuparsi nel dare il proprio dna e le proprie impronte digitali.Certo che comunque il sistema dovrà essere gestito veramente in modo sicuro, non come spesso avviene quì in italia.
    • Be&O scrive:
      Re: Tutti nel DB
      Sicuro in Italia......Anche la diga del Vajont è stata venduta all'enel come SicuraAnche il Titanic era SicuroAnche il tragitto di Falcone era Sicuro...Di sicuro c'è solo che se c'è un database, questo sarà consultabile da tutti, tranne da chi ne ha veramente bisogno.Ti serve un ambulanza....qualche politico la stausando per andare in TiVu !
    • locutus II scrive:
      Re: Tutti nel DB
      -Chi Non ha niente da nascondere non ha niente da temere.- Joseph Goebbels 1936un profeta ?? ;-)
    • nonso scrive:
      Re: Tutti nel DB

      Chi non ha niente da nascondere e non ha segreti
      non ha niente di cui preoccuparsi nel dare il
      proprio dna e le proprie impronte
      digitali.
      Con pensieri di questa finezza torneremo alla dittatura nel giro di 30 anni.
      • Amen scrive:
        Re: Tutti nel DB
        - Scritto da: nonso

        Chi non ha niente da nascondere e non ha segreti

        non ha niente di cui preoccuparsi nel dare il

        proprio dna e le proprie impronte

        digitali.



        Con pensieri di questa finezza torneremo alla
        dittatura nel giro di 30
        anni.apri gli occhi: ci siamo già
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: Tutti nel DB
      contenuto non disponibile
  • Banana Joe scrive:
    Il contropaccotto sicurezza
    Prima si legalizza un movimento gestito dalle mafie di immigrati poveracci con una buona dose di avanzi di galera.Poi si lascia rosolare.Infine la tanto sospirata pezza ti devi sorbire la mappatura del DNA (ok solo agli accusati, ma un domani si sta poco ad allargare, no?) e un reato di "proposte a minorenni" che mi lascia un po' perplesso perche' un malintenzionato con accesso al tuo PC ti manda in galera come e quando gli pare, basta che si colleghi a IRC dalla tua macchina.Scacco matto.PS, la pezza arriva sull'onda dell'ultimo tremendo episodio di violenza, per una specie di provvidenza che salva regolarmente il sederino dei nostri politici. Si pensi alla differenza sul lavoro flessibile tra noi con il povero Biagi e i francesi con scioperi epici e terremoti politici. Mah.
  • VE LO DICO IO scrive:
    Gli italiani a cosa pensano? Dove sono?
    Ecco cosa pensano... e cosa fanno.. quali sono i loro veri interessi ..mentre i politici glielo allargano loro sanno sgomitare e picchiarsi per queste cose.http://it.youtube.com/watch?v=aMY7PubEpFUPer i loro diritti, non hanno voglia di sgomitare nè di svegliarsi.(rotfl)
    • TheSandman scrive:
      Re: Gli italiani a cosa pensano? Dove sono?
      Ti ringrazio per aver postato questo video, non sò se piangere o disperarmi (originariamente sarebbe ridere o piangere, ma, vista la situazione)."Qui siamo in Italia, lasciate ogni speranza voi che vi nasceste".The Sandman
  • ciccio scrive:
    E i deputati condannati?
    Il prelievo per la Banca del DNA verrà effettuato anche per i deputati condannati????
  • hackpolitik scrive:
    Il fatto è che non serve
    In Uk solo lo 0,37% dei casi sul totale dei crimini si risolve utilizzando i profili del Dna tracciati nella banca dati nazionale..Per non parlare dei 160000 minorenni schedati tra il 2006 e 2007, di cui la metà è poi risultata innocente.VA
    • Stefano Zapata scrive:
      Re: Il fatto è che non serve
      E poi, soprattutto: MA CHI LA PAGA?NOI, tanto per cambiare: non mi sembra un uso utile delle nostre tasse.Se qualcuno commette un crimine, nel 99% dei casi, chi indaga ha già dei sospetti e, se serve, può controllare il DNA dei sospetti, per cui la banca dati se la sbattono.Considerato pure il rischio che prima o poi sull'onda di qualche "emergenza" la schedatura piano piano la allargano sempre di più... Be, no grazie...
  • Fay87 scrive:
    Banca Dna e privacy
    Io non sono una genetista però ho qualche vaga nozione sul Dna e mi sembra difficile fare una mappatura tale da identificare una persona senza iserirvi tratti "sensibili", anche perchè credo che tralasciando alcune sequenze non si possa stabilire con certezza che il Dna sia di una persona o di un'altra...
  • VE LO DICO IO scrive:
    Allora l'uomo venuto dal futuro....
    ...un certo John Titor aveva ragione nel dire che ci sarebbe stato un cambiamento sociale e che si sarebbe preferita la sicurezza (DNA) alla libertà (PRIVACY).Quest'uomo ha anche azzeccato che la RUSSIA avrebbe ripreso in mano il nucleare.. e si è avverato, dopo le recenti dichiarazioni di Putin...Aveva anche descritto il conflitto in Iraq... e tante altre cose...Ed ora si sta avverando anche questo...Sarà mica anche vero che, a detta di quest'uomo proveniente dal 2036, nel 2015 scoppierà la III guerra mondiale??(newbie)
    • E io scrive:
      Re: Allora l'uomo venuto dal futuro....
      mi iscrivo ai terroristi p..
    • Marco scrive:
      Re: Allora l'uomo venuto dal futuro....
      - Scritto da: VE LO DICO IO
      ...un certo John Titor aveva ragione nel dire che
      ci sarebbe stato un cambiamento sociale e che si
      sarebbe preferita la sicurezza (DNA) alla libertà
      (PRIVACY).

      Quest'uomo ha anche azzeccato che la RUSSIA
      avrebbe ripreso in mano il nucleare.. e si è
      avverato, dopo le recenti dichiarazioni di
      Putin...

      Aveva anche descritto il conflitto in Iraq... e
      tante altre
      cose...

      Ed ora si sta avverando anche questo...

      Sarà mica anche vero che, a detta di quest'uomo
      proveniente dal 2036, nel 2015 scoppierà la III
      guerra
      mondiale??

      (newbie)Hai piegato un bel po' quello che è stato detto da Titor alle tue esigenze... Titor dice che non sarebbero state trovate armi di distruzione di massa in Iraq e tu dici che aveva descritto il conflitto; Titor parla del fatto che la Russia pone fine alla guerra civile americana (iniziata nel 2005... mmm non me la ricordo...) con armi nucleari e tu dici che aveva previsto il riarmo. Forse non abbiamo letto lo stesso articolo. Io ho cercato su Wikipedia, tu?
      • marco scrive:
        Re: Allora l'uomo venuto dal futuro....
        eh ma l'arrivo di john dal futuro ha modificato il susseguirsi degli eventi... come hai fatto a non pensarci dopo che 3 film di ritorno al futuro ci hanno addestrato ai viaggi nel tempo??????cerchiamo di non divagare nelle stronxate quando si parla di una cosa tanto seria come questa banca del dna, che può veramente rappresentare una minaccia per la nostra privacy.
    • federico balestra scrive:
      Re: Allora l'uomo venuto dal futuro....
      Lo sanno tutti che nel 2012 cade l'asteroide e moriamo tutti.....
  • Marco scrive:
    Era l'ora!
    Finalmente questo governo ha fatto qualcosa degno di nota! Mi sembra un'ottima iniziativa per migliorare la sicurezza e tutelare i cittadini, nella quale non vedo particolari pecche o problemi.Per quanto riguarda gli altri commenti su questo forum, continuo a non capire tutta questa preoccupazione per la rilevazione di dati biologici, che fanno sempre pensare a scenari da Grande Fratello che francemente non riesco neanche lontantamente a vedere... mi sembra che si stia cadendo nell'isteria!
    • zap scrive:
      Re: Era l'ora!

      Mi sembra un'ottima iniziativa
      non vedo
      continuo a non capire
      non riesco neanche lontantamente a vedereTogliti quelle fette di salame dagli occhi e magari inizi a scorgere qualcosa.
      • Marco scrive:
        Re: Era l'ora!

        Togliti quelle fette di salame dagli occhi e
        magari inizi a scorgere
        qualcosa.Tipo? Cosa potrei scorgere? Se proprio vuoi rispondermi almeno fallo con qualche argomentazione, altrimenti evita di perdere tempo...
    • Stefano scrive:
      Re: Era l'ora!
      ricordati che stai vivendo in italia... mi sorprendo della tua tanto amata sicurezza pensando a come funzionano le cose nel nostro ( dico ancora nostro va in verita' sono andato via ) paese....
      • Marco scrive:
        Re: Era l'ora!
        - Scritto da: Stefano
        ricordati che stai vivendo in italia... mi
        sorprendo della tua tanto amata sicurezza
        pensando a come funzionano le cose nel nostro (
        dico ancora nostro va in verita' sono andato via
        )
        paese....In base a questo principio qualunque cosa venga fatta in Italia è fatta male perchè è il paese nel suo complesso a essere sbagliato. Quindi cosa dovremmo fare, rassegnarci ad andare alla deriva?
    • Santos-Dumont scrive:
      Re: Era l'ora!
      - Scritto da: Marco
      Finalmente questo governo ha fatto qualcosa degno
      di nota! Mi sembra un'ottima iniziativa per
      migliorare la sicurezza e tutelare i cittadini,
      nella quale non vedo particolari pecche o
      problemi.
      Per quanto riguarda gli altri commenti su questo
      forum, continuo a non capire tutta questa
      preoccupazione per la rilevazione di dati
      biologici, che fanno sempre pensare a scenari da
      Grande Fratello che francemente non riesco
      neanche lontantamente a vedere... mi sembra che
      si stia cadendo
      nell'isteria!Ammettere il principio che é lecito raccogliere dati biomedici dei "reietti" in forma organizzata apre la strada al concetto in sé che sia lecito farlo anche con i comuni cittadini. Ora, se tu ritieni di voler donare spontaneamente il tuo DNA a una qualsivoglia istituzione che ti possa catalogare, é una tua scelta e posso rispettarla pur non condividendola. Ma che si voglia introdurre il principio che in linea di massima chiunque (sottolineo chiunque: trovarsi nei guai con la "giustizia" é un'ipotesi molto meno remota di quanto si immagini) sia inquadrabile in una banca dati genetica, é un principio che non accetterò mai. Non serve fornire un perchè all'infuori del diritto individuale alla privacy, e se é lo stato ad essere subordinato ai cittadini anzichè il viceversa, tale orientamento non può venir meno.Non temo tanto il Grande Fratello quanto i Piccoli Fratelli manipolatori e avidi di informazioni:http://www.nazioneindiana.com/2007/10/29/occorre-davvero-temere-il-grande-fratello/#more-4567
      • Marco scrive:
        Re: Era l'ora!

        Ammettere il principio che é lecito raccogliere
        dati biomedici dei "reietti" in forma organizzata
        apre la strada al concetto in sé che sia lecito
        farlo anche con i comuni cittadini. Ora, se tu
        ritieni di voler donare spontaneamente il tuo DNA
        a una qualsivoglia istituzione che ti possa
        catalogare, é una tua scelta e posso rispettarla
        pur non condividendola. Ma che si voglia
        introdurre il principio che in linea di massima
        chiunque (sottolineo chiunque: trovarsi nei guai
        con la "giustizia" é un'ipotesi molto meno remota
        di quanto si immagini) sia inquadrabile in una
        banca dati genetica, é un principio che non
        accetterò mai. Non serve fornire un perchè
        all'infuori del diritto individuale alla privacy,
        e se é lo stato ad essere subordinato ai
        cittadini anzichè il viceversa, tale orientamento
        non può venir
        meno.
        Non temo tanto il Grande Fratello quanto i
        Piccoli Fratelli manipolatori e avidi di
        informazioni:
        http://www.nazioneindiana.com/2007/10/29/occorre-dIntanto, avere guai con la giustizia tali per cui si viene giudicati colpevoli di reati non colposi non mi sembra così probabile. Se avessero detto che al primo sospetto degli inquirenti prendevano il DNA sarebbe stato un altro discorso. Sarei poi anche favorevole a prendere a tutti i cittadini il DNA, purchè si tratti di dati che non permettono di identificare la persona! Mi spiego: leggendo i dati contenuti nel database nessuno deve essere in grado di poter riconoscere la persona in questione con alcun mezzo (riconoscendola a vista, analizzando una cartella clinica, ...). Proprio per questo ritengo fondamentali quei punti della legge che dicono che solo una porzione del DNA (quella al momento non conosciuta) verrà conservata, evitando così questo problema. Parli dell'importanza della privacy e sicuramente hai ragione sul fatto che sia un diritto estremamente importante, ma quello alla sicurezza non lo è almeno altrettanto?
        • Santos-Dumont scrive:
          Re: Era l'ora!
          - Scritto da: Marco

          Ammettere il principio che é lecito raccogliere

          dati biomedici dei "reietti" in forma
          organizzata

          apre la strada al concetto in sé che sia lecito

          farlo anche con i comuni cittadini. Ora, se tu

          ritieni di voler donare spontaneamente il tuo
          DNA

          a una qualsivoglia istituzione che ti possa

          catalogare, é una tua scelta e posso rispettarla

          pur non condividendola. Ma che si voglia

          introdurre il principio che in linea di massima

          chiunque (sottolineo chiunque: trovarsi nei guai

          con la "giustizia" é un'ipotesi molto meno
          remota

          di quanto si immagini) sia inquadrabile in una

          banca dati genetica, é un principio che non

          accetterò mai. Non serve fornire un perchè

          all'infuori del diritto individuale alla
          privacy,

          e se é lo stato ad essere subordinato ai

          cittadini anzichè il viceversa, tale
          orientamento

          non può venir

          meno.

          Non temo tanto il Grande Fratello quanto i

          Piccoli Fratelli manipolatori e avidi di

          informazioni:


          http://www.nazioneindiana.com/2007/10/29/occorre-d

          Intanto, avere guai con la giustizia tali per cui
          si viene giudicati colpevoli di reati non colposi
          non mi sembra così probabile. Se avessero detto
          che al primo sospetto degli inquirenti prendevano
          il DNA sarebbe stato un altro discorso. Sarei poi
          anche favorevole a prendere a tutti i cittadini
          il DNA, purchè si tratti di dati che non
          permettono di identificare la persona! Mi spiego:
          leggendo i dati contenuti nel database nessuno
          deve essere in grado di poter riconoscere la
          persona in questione con alcun mezzo
          (riconoscendola a vista, analizzando una cartella
          clinica, ...). Proprio per questo ritengo
          fondamentali quei punti della legge che dicono
          che solo una porzione del DNA (quella al momento
          non conosciuta) verrà conservata, evitando così
          questo problema. Parli dell'importanza della
          privacy e sicuramente hai ragione sul fatto che
          sia un diritto estremamente importante, ma quello
          alla sicurezza non lo è almeno
          altrettanto?No. Vedi la risposta che ti ho dato in precedenza, piu su nel thread. Aggiungo solo (anche se non era anarchico, ma l'intenzione é quella che conta): Chi è pronto a dar via le proprie libertà fondamentali per comprarsi briciole di temporanea sicurezza non merita né la libertà né la sicurezza. - Benjamin Franklin
    • black arrow scrive:
      Re: Era l'ora!
      fatti una iniezione di cervello dentro al cranio che ne hai più che urgente bisogno. Non considerarla una offesa, perchè come tale non è partito il mio commento.
  • Ricky scrive:
    A me sembra una "italglianata"
    Scusate ma l'uso piu' importante non era quello di BECCARE gli incensurati!?Che senso ha tenere il DNA di persone gia' straschedate di cui si sa' tutto ma NON SI PUO' FARE NIENTE per via delle leggi schifezza che abbiamo in Italia!?La banca doveva avere TUTTI i DNA dando cosi' la possibilita' a chi indaga di beccare chiunque abbia lasciato sue tracce.Ma cosi'!?Che cavolo becchi?A me pare na scemenza...
    • Loris Batacchi scrive:
      Re: A me sembra una "italglianata"
      Beh, come l'indulto ha confermato, molti di quelli usciti dal carcere sono tornati a delinquere.Con questo sistema chi ha finito di scontare la sua pensa sa che sara' molto piu' facile beccarlo se tornera' sulla cattiva strada.Credo che da questo punto di vista sia utilissimo.Per quanto riguarda prendere il DNA di tutti e' una scemenza cosi' grande che non ti rispondo nemmeno.
      • Ricky scrive:
        Re: A me sembra una "italglianata"
        Bhe pensaci bene a rispondere perche' in AMERICA,che solitamente e' qualche anno avanti a noi in molte cose (giuste o ingiuste che siano), stanno pensando proprio a questo.TUTTI SCHEDATI , nessuno escluso.MA da noi non accadra' mai...troppa gente ha la coda di paglia per far passare simili pericolosissime idee...E usa il cervello... il problema non e' scoprire tra qulle persone che gia' conosci e di cui magari hai gia' prelevato il DNA per controlli vai, chi e' il colpevole ma scoprirlo A PRIORI usando un database che ti identifichi univocamente gente MAI VISTA PRIMA E DI CUI ALTRIMENTI NONSAPRESTI UN FICO.Il database dei conosciuti...quello di Pulcinella...Comunque sia non sono contento di questo andazzo...alla fine chi e' sconosciuto alla legge e all'immigrazione avra' il passaporto per fare quello che gli pare, tanto chi lo scopre?E poi se usassimo DNA altrui per depistare le ricerche?O per mettere nei casini qualcuno?
        • Loris Batacchi scrive:
          Re: A me sembra una "italglianata"
          Il cervello usalo tu... schedare tutti è una violazione della privacy che nessuno stato democratico può permettersi.Il database del dna per chi ha compiuto reati (non tutti, ma direi solo quelli violenti) è un modo per dire al criminale quando esce di galera che può essere beccato moooooooolto facilmente, quindi di pensarci bene. Insomma un deterrente. E siccome i colpevoli di crimini violenti tendono a ripetere i loro crimini direi che è un'iniziativa molto sensata.
  • Lepaca scrive:
    1 - 3 anni
    come sempre, in italia, le pene fanno ridere i polli...gia', max 3 anni sono pochi, poi, considerando gli "abbuoni" vari, sostanzialmente non sconti nessuna pena...
    • Caleb scrive:
      Re: 1 - 3 anni
      Concordo, è una fesseria ...Ci vorrebbero delle sanzioni almeno ragguagliate alla gravità del reato per cui si procede contro il destinatario del prelievo genetico.
      • Lepaca scrive:
        Re: 1 - 3 anni
        per far capire bene la situazione della giustizia in italia...ho letto da poco, la notizia di un dipendente del catasto che ha manomesso alcuni dati per permettere ad alcuni conoscenti, di pagare meno tasse.scoperto, lo hanno licenziato, ma il giudice del lavoro ha stabilito che non e' licenziabile ed e' stato reintegrato.al danno la beffa... il funzionario non e' stato denunciato penalmente, perche', per licenziarlo, avrebbero dovuto aspettare la sentenza penale, che, con i tempi italiani, si sarebbe risolta in una prescrizione.
  • Quylo scrive:
    Poi si parla degli USA
    A questo punto smettiamola di criticare gli Usa, l'Italia sta diventando molto peggio.Purtroppo in questo governo la sinistra italiana sta dando il peggio di se ed è inutile dire che questa non è politica di sinistra visto che quelli che spesso votano contro la linea del governo non sono i comunisti ma Di Pietro e Mastella..
    • anonimo01 scrive:
      Re: Poi si parla degli USA
      - Scritto da: Quylo
      A questo punto smettiamola di criticare gli Usa,
      l'Italia sta diventando molto
      peggio.abbiamo idee originali, si :D
      Purtroppo in questo governo la sinistra italiana
      sta dando il peggio di se ed è inutile dire che
      questa non è politica di sinistra visto che
      quelli che spesso votano contro la linea del
      governo non sono i comunisti ma Di Pietro e
      Mastella..bah, continuare a considerare una parte migliore dell'altra imho è da sciocchi
      • m00f scrive:
        Re: Poi si parla degli USA
        E' quello che serve agli illuminati, dare da bere che ci siano 2 scelte mentre sono in realtà 2 facce della stessa moneta. LA LORO.nazismo e comunismo hanno creato nel secolo scorso le stesse identiche paure, attrocità, guerre.hanno così potuto imporre un unico modo di vedere la libertà: il capitalismo degl USA. Attraverso il quale hanno creato l'Impero. Ed ora che esso è creato, ha bisogno di regole da regime, e non certo da democrazia.Preparatevi a vedere svettare in cielo formazioni di migliaia di aerei che rilasciano sostanze "sconsciute" nell'aria.SVEGLIATEVI !
  • MandarX scrive:
    spero che lo applicheranno...
    spero che lo applicheranno anche hai politici corrotti
  • asd! scrive:
    NWO
    Benvenuti nel Nuovo Ordine Mondiale :) Tutto procede come previsto, prima generando paura con "attentati terroristici" e guerre inutili, poi aumentando la sfiducia con un economia da schifo, condite il tutto con i bombardamenti mediatici di notizie negative che mettono i risalto terribili pericoli alla nostra incolumità, ecco a voi l'individuo di oggi: spaventato, insicuro, manipolato.Volete + sicurezza? perfetto ora abbiamo fatto in modo che voi la desideriate di + rispetto a 20 anni fa. Abbiamo pronti per voi 2 soluzioni perfette: la banca dati del DNA e il meraviglioso Chip sottopelle che vi aiuteranno a stare + tranquilli e al sicuro...
    • anonimo01 scrive:
      Re: NWO
      - Scritto da: asd!
      Benvenuti nel Nuovo Ordine Mondiale :) Tutto
      procede come previsto, prima generando paura con
      "attentati terroristici" e guerre inutili, poi
      aumentando la sfiducia con un economia da schifo,
      condite il tutto con i bombardamenti mediatici di
      notizie negative che mettono i risalto terribili
      pericoli alla nostra incolumità, ecco a voi
      l'individuo di oggi: spaventato, insicuro,
      manipolato.
      Volete + sicurezza? perfetto ora abbiamo fatto in
      modo che voi la desideriate di + rispetto a 20
      anni fa. Abbiamo pronti per voi 2 soluzioni
      perfette: la banca dati del DNA e il meraviglioso
      Chip sottopelle che vi aiuteranno a stare +
      tranquilli e al
      sicuro...(furti e rapine calati di un terzo rispetto ad 8 anni fa - percezione della sicurezza crollata negli ultimi 3 anni.nwo is coming)
    • m00f scrive:
      Re: NWO
      E' giusto che gli idioti siano schedati e sottomessi, e trovo altrettanto giusto che NOI persone intelligenti e con la conoscenza combattiamo insieme contro il NWO contro gli Illuminati e contro il Maligno creatore di questo mondo.Non possiamo vincere, non da soli, ma è sempre meglio un giorno da leone che cento da pecora.La piramide si avvicina e l'occhio al suo vertice, che gli stolti credono di Dio, si rivela sempre più essere quello di Lucifero. Ma ora è troppo vicino, ormai vi hanno INCULATO!
    • Beppe_X scrive:
      Re: NWO
      di sicuro esistono delle elite che riuniscono e creano i potenti della terra e che formano un "governo ombra" mondiale, ma se si danno informazioni farneticanti senza uno straccio di prova si fa solo il loro gioco. Anzi probabilmente esisteno persone incaricate da loro di fare disinformazione su internet come stai facendo tu ora.Per chi fosse interessato a sapere come funziona veramente il potere in Italia e nel mondo consiglio questo articolo, e altri simili:http://www.pressante.com/content/view/187/32/Leggere l'elenco :http://www.aspeninstitute.it/AspenWeb/AspenWeb.nsf/esecutivo?OpenForm&Lingua=I&Area=10000
  • Lemon scrive:
    Non sono favorevole
    Già il concetto è sbagliato: se nel database ci finiscono solo alcuni allora non è un trattamento uguale per TUTTI anzi, chi è dentro è o è stato già colpevole di qualcosa!Visto che nel DB ci sono dati comunque non sanitari, io ci metterei dentro tutti. Chi ha visto i vari CSI (per quanto eventi di fantasia) dovrebbe sapere che una prova non solo può condannare ma anche scagionare qualcuno.Tra l'altro, se io fossi coinvolto in qualche brutto affare, preferirei sapere che le forze dell'ordine hanno qualche strumento in più che in meno (se fossi innocente).Poi non capisco (e vorrei che qualcuno mi spiegasse) quali problemi per la privacy ci sono. Ad esempio, l'anagrafe Italiana è già centralizzata e contiene dati molto più sensibili di una sequenza di DNA. A me non sembra che un DB simile leda la privacy di qualcuno più di quanto lo sia il DB dell'anagrafe, della motorizzazione ed decine di altri ancora. Allora per coerenza dovremmo protestare anche contro la cartà di identità, le mappe catastali ecc ecc.Se poi mi si dice "ho paura di un abuso" allora è un altro discorso.
    • Mubanga scrive:
      Re: Non sono favorevole
      stai scherzando spero .... se il tuo datore dilavoro scoprisse che hai una malattia che tipotrebbe far assentare in futuro dal lavoroper lunghi periodi di tempo quale pensi sarebbela sua reazione ?In america gia' succede (non col dna)
      • Lemon scrive:
        Re: Non sono favorevole
        - Scritto da: Mubanga
        stai scherzando spero .... se il tuo datore di
        lavoro scoprisse che hai una malattia che ti
        potrebbe far assentare in futuro dal lavoro
        per lunghi periodi di tempo quale pensi sarebbe
        la sua reazione ?

        In america gia' succede (non col dna)Ma se è stato scritto e riscritto che non ci sono info riguardo malattie!E poi può e deve essere consultato dalle forze dell'ordine, mica da chiunque.
        • Caleb scrive:
          Re: Non sono favorevole
          - Scritto da: Lemon
          Ma se è stato scritto e riscritto che non ci sono
          info riguardo malattie!
          E poi può e deve essere consultato dalle forze
          dell'ordine, mica da chiunque.Ahahahah, e questo chi te lo garantisce? la legge?Alla tua età dovresti sapere che un conto sono i comportamenti umani reali e un conto sono i comportamenti prescritti da norme.La cosa si presta a grossissimi abusi: interesse di gruppi che gestiscono il database, corruttela (datori di lavoro, assicurazioni quanto ci mettono prima di allungare una busta a chi di competenza), non assoluta certezza della corrispondenza tra DNA e persona (lo 0,1% di errore non mi sembra trascurabile), tempi troppo lunghi di conservazione, non distruggibilità in caso di assoluzione con formula diversa o di proscioglimento, scandali su alcuni esponenti delle forze dell'ordine sono purtroppo all'ordine del giorno (es. intercettazioni), pena troppo bassa (1-3 anni di reclusione sono ridicoli per una materia tanto delicata), ecc...Ti basta o devo continuare?
          • Marco scrive:
            Re: Non sono favorevole

            Ahahahah, e questo chi te lo garantisce? la legge?
            Alla tua età dovresti sapere che un conto sono i
            comportamenti umani reali e un conto sono i
            comportamenti prescritti da
            norme.Ergo, in base al tuo ragionamento, non deve essere tenuto nessun dato che possa essere manipolato a vantaggio di qualcuno. E quindi come facciamo? L'unica cosa che possiamo fare è aumentare i controlli e rendere indipendenti quanto possibile le varie fasi di un processo. Ad es., nello specifico della banca del DNA, chi analizza i campioni e li inserisce nel database non ha diritto a leggerli, proprio per evitare commistioni strane tra le due funzioni. Ci sarà da migliorare i controlli? Non so, forse si, ma questo non è un buon motivo per dire che tutto il pacchetto è da buttare.
            La cosa si presta a grossissimi abusi: interesse
            di gruppi che gestiscono il database, corruttela
            (datori di lavoro, assicurazioni quanto ci
            mettono prima di allungare una busta a chi di
            competenza), Vedi sopra: quindi nessuno al mondo deve poter accedere per nessun motivo ai dati (di qualunque tipo essi siano) di nessun altro. E i dati sul reddito di una persona, per poter calcolare le imposta, come si fa a gestirli?
            non assoluta certezza della
            corrispondenza tra DNA e persona (lo 0,1% di
            errore non mi sembra trascurabile),Alternative possibili: analisi del DNA trovato sul posto, comparato a quello di eventuali imputati (la probabilità di errore è la stessa, quindi questo metodo non va bene), confronto con le impronte digitali (la probabilità di errore è superiore a quella del DNA, quindi non va bene), testimonianze (probabilità di errore anni luce superiore a quella del DNA, quindi andrebbero abolite), cos'altro per poter far funzionare un processo?
            tempi troppo
            lunghi di conservazione, Non so, ma ci posso stare, cmq è un particolare poco rilevante rispetto alla legge nel suo complesso.
            non distruggibilità in
            caso di assoluzione con formula diversa o di
            proscioglimento,A me sembra giusto che se uno viene prosciolto per prescrizione i dati vengano tenuti, cmq anche su questo punto non voglio insistere (nè è così importante rispetto alla legge nel suo complesso).
            scandali su alcuni esponenti
            delle forze dell'ordine sono purtroppo all'ordine
            del giorno (es. intercettazioni)Quindi cosa facciamo, aboliamo le forze dell'ordine perchè il alcuni casi dei singoli non si sono comportati correttamente? Continui a criticare ma non fornisci mai un suggerimento in positivo. E' molto più facile distruggere che creare, sai?
            , pena troppo
            bassa (1-3 anni di reclusione sono ridicoli per
            una materia tanto delicata),
            ecc...Ok, su questo ci sto.
            Ti basta o devo continuare?Non hai detto nulla, quindi penso che dovresti iniziare!
          • Caleb scrive:
            Re: Non sono favorevole
            Uhmm, semplicemente non sono convinto che uno strumento del genere sia bilanciato rispetto ai dubbi che fa sorgere.Invece per migliorare la giustizia si potrebbe:- Investire su un'adeguata preparazione professionale specifica teorica e pratica (oggi spesso assente) degli appartenenti a sezioni e servizi di polizia giudiziaria e alla magistratura inquirente.- Stabilire il divieto assoluto di riduzioni di pena e liberazione condizionale per buona condotta e/o decorso del tempo, se non ancorate ad un completo risarcimento del danno o remissione in pristino (a seconda che gli effetti del reato siano irreversibili o reversibili).- Stabilire un periodo ragguagliato a quello di condanna in cui il condannato sia costretto ad intraprendere, sotto sorveglianza e con l'ausilio di strutture di assistenza sociale adeguata (che oggi mancano), un percorso di risocializzazione.- Stabilire sanzioni interdittive più forti e protratte per un tempo adeguato al termine dell'espiazione di pena, in presenza di reati di particolare gravità.- Inasprire pesantemente le pene per recidiva.- Facilitare la collaborazione della cittadinanza con le Forze dell'Ordine, stabilendo meccanismi incentivanti in presenza di informazioni in concreto utili alla condanna (in caso di falsa testimonianza, calunnia e affini, la sanzione però deve essere inflitta con il massimo rigore).- Prevedere la possibilità di arruolamento, come succede in altri Paesi, di persone di condotta morale e penale specchiata, aventi un precedente impiego nelle forze dell'Ordine (p.es. come ausiliari di leva), con determinati incentivi ma senza uno stipendio vero e proprio, che possano collaborare con le FF.d.O in caso di necessità, per manifestazioni di ordine pubblico o altro.- Prevedere la possibilità di tirocini presso procure e tribunali di praticanti avvocati, secondo criteri rigorosi, al fine di assistere l'autorità giudiziaria per l'istruzione di fascicoli e/o preparazione della documentazione.- Mettere in opera il tanto decantato "ufficio del giudice/del processo", con adeguato personale amministrativo e di cancelleria/segreteria, in modo da supportare le decisioni del giudice con una struttura tecnica.- prevedere la custodia cautelare obbligatoria e automatica in caso di convalida dell'arresto in flagranza di reato.- limitare i casi di appello di una sentenza a ragioni strettamente codificate (corruzione del giudice, prove dichiarate false, subornazione di testimoni ecc...).- depenalizzare reati che non sono più percepiti come di apprezzabile allarme sociale e che hanno esaurito da molto i loro effetti, per sfoltire parte dell'arretrato.- distinguere chiaramente gli istituti penaitenziari per condannati, da quelli per indagati/imputati detenuti.- innalzare le sanzioni per oltraggio/vilipendio/violenze/minacce a Forze dell'Ordine e magistratura, come deterrente alle dilaganti aggressioni fisiche e verbali degli ultimi anni a cui sono esposti più di altri.Credo che ci siano molti margini di miglioramento del funzionamento della giustizia penale italiana, senza per questo introdurre questa porcheria.P.S. non sono proprio il tipo che pensa male delle FF.d.O., tutt'altro, ma la carne è debole e gli stipendi come saprai sono risicati, quindi la possibilità di abusi c'è ...
          • Privacy? scrive:
            Re: Non sono favorevole
            - Scritto da: Marco

            Ahahahah, e questo chi te lo garantisce? la
            legge?

            Alla tua età dovresti sapere che un conto sono i

            comportamenti umani reali e un conto sono i

            comportamenti prescritti da

            norme.

            Ergo, in base al tuo ragionamento, non deve
            essere tenuto nessun dato che possa essere
            manipolato a vantaggio di qualcuno.

            Ti basta o devo continuare?

            Non hai detto nulla, quindi penso che dovresti
            iniziare!Quoto
      • il_Mav scrive:
        Re: Non sono favorevole
        - Scritto da: Mubanga
        stai scherzando spero .... se il tuo datore di
        lavoro scoprisse che hai una malattia che ti
        potrebbe far assentare in futuro dal lavoro
        per lunghi periodi di tempo quale pensi sarebbe
        la sua reazione ?

        In america gia' succede (non col dna)Menomale che ci sei tu a fare terrorismo psicologico, sennò l'Italia potrebbe anche rischiare di funzionare meglio!
      • RegMaster scrive:
        Re: Non sono favorevole
        Se l'Italia piano piano va a pu..ane è xkè esiste molta gente che la pensa come te, senza preoccuparsi dei problemi reali.Al datore di lavoro frega di trovare uno che lavori bene, se tra 10 anni quel qualcuno schiatta...tra 10 anni si porrà il problema di sostituire la risorsa...Per la serie, oggi ti fanno solo proposte di lavoro a tempo indeterminato, ne?!?....ma dove caXXo vivi???
        • gerry scrive:
          Re: Non sono favorevole
          - Scritto da: RegMaster
          Al datore di lavoro frega di trovare uno che
          lavori bene, se tra 10 anni quel qualcuno
          schiatta...tra 10 anni si porrà il problema di
          sostituire la
          risorsa...Se schiattasse e basta... Se ogni tre mesi fa un assenza di un mese per curarsi, tu lo assumeresti?
    • Caleb scrive:
      Re: Non sono favorevole

      Se poi mi si dice "ho paura di un abuso" allora è
      un altro
      discorso.Be' scusa se è poco, stai parlando della patria degli abusi e degli intrallazzi ...
  • DPG scrive:
    Hash della sequenza di DNA
    Per rispondere a mak77 va detto che, come ho già accennato nella discussione ad un precedente articolo sul medesimo tema, esistono tecnologie sviluppate apposta per i database di profili genetici cosiddetti di terza generazione che permettono di non inserire in realtà nessuna informazione genetica dentro il database, ma solo, per ciascun profilo, un hash tree che se da un lato consente ricerche anche sofisticate e rapide, dall'altro soprattutto rende impossibile che l'informazione venga estratta dal database a qualunque fine. La ricerca pertanto funziona solo a senso unico avendo una sequenza di cui trovare il match, senza che chi ha in mano il database possa eseguire alcuna ricerca arbitraria (pensate alle ricerche di parternità/maternità/discendenza non autorizzate, ad esempio) incrociando i dati tra di loro.
  • DPG scrive:
    Inesattezze nell'articolo
    Nel pur pregevole articolo si riscontrano alcune significative inesattezze; vi si legge, infatti:"Il database genetico, a differenza di quanto avviene in altri paesi come il Regno Unito, verrà usato esclusivamente per l'analisi dei soli 'segmenti non codificati del genoma umano, vale a dire quelli dai quali non siano desumibili informazioni sulle caratteristiche del soggetto analizzato, quali ad esempio le malattie'"Quanto contenuto nel paragrafo sopra trascritto è inesatto, poiché dà l'erronea impressione che nel Regno Unito si usino procedure di analisi differenti che contemplino l'uso di sequenze di DNA codificanti, mentre, invece, anche il sistema di 11 marcatori utilizzati nel Regno Unito (o meglio 10 marcatori + un indicatore del sesso) noto come SGM-Plus fa anch'esso uso di sequenze STR di DNA non codificante.Inoltre, ma un simile errore compare per la verità anche nel materiale redatto congiuntamente dal Ministero della Giustizia e degli Interni, non è "segmenti non codificati", bensì "segmenti non codificaNti" ossia segmenti di DNA che non codificano RNA messaggero e, pertanto, non codificano proteine.Va detto comunque che tra gli STR usati a fini identificativi, ancorché non codificanti, alcuni marcatori possono essere messi in una qual certa correlazione statistica con caratteristiche etniche e razziali, ed almeno un marcatore con la predisposizione a sviluppare il diabete.
    • anonimo01 scrive:
      Re: Inesattezze nell'articolo
      - Scritto da: DPG
      Va detto comunque che tra gli STR usati a fini
      identificativi, ancorché non codificanti, alcuni
      marcatori possono essere messi in una qual certa
      correlazione statistica con caratteristiche
      etniche e razziali, ed almeno un marcatore con la
      predisposizione a sviluppare il
      diabete.a me quelle aree di DNA risultano come "spazio di swap" dell'evoluzione, controlli d'errore, controlli di regolazione cellulare, checksum varie...di fatto ora si stanno interessando sempre di più a quelle aree che fino a poco tempo fa erano considerate "di scarto" o filler...per non parlare di RNA e RNA ribosomiale...confermi? (newbie)
    • Privacy? scrive:
      Re: Inesattezze nell'articolo

      Inoltre, ma un simile errore compare per la
      verità anche nel materiale redatto congiuntamente
      dal Ministero della Giustizia e degli Interni,
      non è "segmenti non codificati", bensì "segmenti
      non codificaNti" ossia segmenti di DNA che non
      codificano RNA messaggero e, pertanto, non
      codificano proteine.Ma allora è come pensavo... Non è distrazione, ma ignoranza pura!!! Ma allora siamo alle solite.............. :-(
      Va detto comunque che tra gli STR usati a fini
      identificativi, ancorché non codificanti, alcuni
      marcatori possono essere messi in una qual certa
      correlazione statistica con caratteristiche
      etniche e razziali, ed almeno un marcatore con la
      predisposizione a sviluppare il
      diabete.E' già. Anche perché il DNA non-codificante è circa il 95-97% del totale...
  • Santos-Dumont scrive:
    M. Moore aveva ragione
    E' solo la "sinistra", sono i "democratici" a mettertela nel cuxo di nascosto.Voglio vedere ora i commenti di chi si definisce di sinistra. Posso osare pensare che siano peggiori di quelli che avrebbero rivolto alla "destra", qualora fossero stati questi ultimi a porre in atto simili misure? Per coerenza, dovrebbero, ma il condizionale è d'obbligo.
    • mr_setter scrive:
      Re: M. Moore aveva ragione
      - Scritto da: Santos-Dumont
      E' solo la "sinistra", sono i "democratici" a
      mettertela nel cuxo di
      nascosto.
      Voglio vedere ora i commenti di chi si definisce
      di sinistra. Posso osare pensare che siano
      peggiori di quelli che avrebbero rivolto alla
      "destra", qualora fossero stati questi ultimi a
      porre in atto simili misure? Per coerenza,
      dovrebbero, ma il condizionale è
      d'obbligo.La verita' e' che fino ad oggi VERE ISTANZE DI SINISTRA questo governo non le ha mai fatte vedere (se esistono) a parte qualche "mosca bianca" soprattutto di rifondazione o dei comunisti italiani che ha tentato(inutilmente) di sollevare o almeno a far ricordare cosa fosse stato scritto "di sinistra" nel famigerato programma di 282 pagine dell'unione! Per il resto la delusione e' piena, palese e totale e mi da un fastidio terribile che si continui a chiamare questo "accrocchio governativo" di centro-sinistra perche' li' dentro di SINISTRA non c'e' proprio niente, ma NIENTE!!!! @^LV&P O)
      • Lontra scrive:
        Re: M. Moore aveva ragione
        - Scritto da: mr_setter
        - Scritto da: Santos-Dumont

        E' solo la "sinistra", sono i "democratici" a

        mettertela nel cuxo di

        nascosto.

        Voglio vedere ora i commenti di chi si definisce

        di sinistra. Posso osare pensare che siano

        peggiori di quelli che avrebbero rivolto alla

        "destra", qualora fossero stati questi ultimi a

        porre in atto simili misure? Per coerenza,

        dovrebbero, ma il condizionale è

        d'obbligo.

        La verita' e' che fino ad oggi VERE ISTANZE DI
        SINISTRA questo governo non le ha mai fatte
        vedereNon e' vero, questo governo e' perfettamente di sinistra, per quanto ti dia fastidio. Sei tu ad esserti bevuto le balle che ti hanno raccontato in merito a quante meravigliose istanze ci siano a sinistra. Sono balle elettorali, propaganda, come appunto e' il programma di 282 pagine o il "milione di posti di lavoro" dell'opposizione. La vera sinistra e' questa, controllo autoritario. Sono in doppio petto, vestono prada e si battono il petto per la demmocrazia, ma ne cuore sono dei piccoli dolci cari entusiasi bolscevichi.Vi hanno insomma ingannato tutti a dovere con le loro frottole. Ve lo meritate.
        • mr_setter scrive:
          Re: M. Moore aveva ragione
          - Scritto da: Lontra
          - Scritto da: mr_setter

          - Scritto da: Santos-Dumont


          E' solo la "sinistra", sono i "democratici" a


          mettertela nel cuxo di


          nascosto.


          Voglio vedere ora i commenti di chi si
          definisce


          di sinistra. Posso osare pensare che siano


          peggiori di quelli che avrebbero rivolto alla


          "destra", qualora fossero stati questi ultimi
          a


          porre in atto simili misure? Per coerenza,


          dovrebbero, ma il condizionale è


          d'obbligo.



          La verita' e' che fino ad oggi VERE ISTANZE DI

          SINISTRA questo governo non le ha mai fatte

          vedere


          Non e' vero, questo governo e' perfettamente di
          sinistra, per quanto ti dia fastidio. Sei tu ad
          esserti bevuto le balle che ti hanno raccontato
          in merito a quante meravigliose istanze ci siano
          a sinistra. Sono balle elettorali, propaganda,
          come appunto e' il programma di 282 pagine o il
          "milione di posti di lavoro" dell'opposizione. La
          vera sinistra e' questa, controllo autoritario.
          Sono in doppio petto, vestono prada e si battono
          il petto per la demmocrazia, ma ne cuore sono dei
          piccoli dolci cari entusiasi
          bolscevichi.
          Vi hanno insomma ingannato tutti a dovere con le
          loro frottole. Ve lo
          meritate.Non so quale sia il tuo concetto di sinistra e mi auguro tu non lo abbia assimilato da Emilio Fede per cui il concetto di sinistra come quello di no-global, di pacifisti etc. viene automaticamente e strumentalmente visto con una accezione esclusivamente negativa. Diviene cioe' assimilabile, per chissa' quale sconclusionata logica deduttiva, ai terroristi, agli antidemocratici e via diffamando.Ripeto che per me in questo governo di autenticamente di sinistra, inteso come il REALE prevalere dell'interesse e dei DIRITTI dei molti nei confronti dei pochi, non vedo proprio nulla!Detto inter nos e per quanto possa valere saperlo: non ho votato ne' per Prodi ne' per nessun altro dell'attuale governo, anche se e' certo che provo una naturale avversione per lo psiconano e per tutti i suoi confratelli di sventura...A proposito di bolscevichi, non e' che siano esattamente equiparabile ai nazisti, qualche distinguo credo vada fatto anche solo per correttezza storica. I bolscevichi non sono stati ne' Stalin ne' Beria ma Lenin sicuramente SI!http://it.wikipedia.org/wiki/BolscevismoLV&P O)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 31 ottobre 2007 05.59-----------------------------------------------------------
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: M. Moore aveva ragione
            contenuto non disponibile
          • Io.... scrive:
            Re: M. Moore aveva ragione
            Non vedo molta differenza tra tutti questi ... "politici" che hanno creato la storia ma solo un sacco di morti innocenti... E in quanto a questo governo...è esattamente di sinistra... perche i comunisti "dividono il pane e poi mangiano tutte e due le metà"... quello che fa questo governo.Ossequi... Io
          • Lontra scrive:
            Re: M. Moore aveva ragione

            Ripeto che per me in questo governo di
            autenticamente di sinistra, inteso come il REALE
            prevalere dell'interesse e dei DIRITTI dei molti
            nei confronti dei pochi, non vedo proprio
            nulla!Ma per forza, ti illudi! Il governo attuale E' di sinistra, solo che nella sinistra non esiste un reale prevalere dell'interesse e dei diritti dei molti nei confronti dei pochi.La sinistra PROPAGANDA questo ma NON E' questo. E' statalista e centralista, con propaganda democratica. Ci sei cascato insomma.Adesso non vedi nulla di quello che credi di sinistra nel governo e non ti capaciti, ma pur di non cambiare l'idea di cosa sia la sinistra, che HAI DAVANTI, dici che il governo non lo e'. Fai come gli struzzi. Non vuoi vedere.
            A proposito di bolscevichi, non e' che siano
            esattamente equiparabile ai nazistiIn effetti sono stati diversi e spesso peggiori.
            qualche
            distinguo credo vada fatto anche solo per
            correttezza storica. I bolscevichi non sono stati
            ne' Stalin ne' Beria ma Lenin sicuramente
            SI!Si, quel criminale di LeninQuello che ad esempio ha rubato le terre ai kulaki e li ha deportati a forza a zappare il permafrost con le mani fino a che morte non segua.Quello che imponeva livelli cosi' alti di raccolto che i contadini non ce la facevano e venivano incarcerati con l'accusa tradimento.
          • Lontra scrive:
            Re: M. Moore aveva ragione
            E siccome me lo dirai, no non mi confondo con Stalin. Stalin fece lo stesso e peggio, ma inizio' Lenin con le requisioni, gli arresti, le deportazioni, i lavori forzati in fabbrica e i sequestri in misura tale che i contadini smisero di coltivare la terra e si arrivo' alla (prima) carestia del 1918-22 con una stima incerta di 2, forse 5 milioni di morti. Altre migliorie introdotte dal criminale Lenin, il lavoro forzato, divieto di sciopero, censura, pena di morte, eccetera.
        • Santos-Dumont scrive:
          Re: M. Moore aveva ragione
          - Scritto da: Lontra
          - Scritto da: mr_setter

          - Scritto da: Santos-Dumont


          E' solo la "sinistra", sono i "democratici" a


          mettertela nel cuxo di


          nascosto.


          Voglio vedere ora i commenti di chi si
          definisce


          di sinistra. Posso osare pensare che siano


          peggiori di quelli che avrebbero rivolto alla


          "destra", qualora fossero stati questi ultimi
          a


          porre in atto simili misure? Per coerenza,


          dovrebbero, ma il condizionale è


          d'obbligo.



          La verita' e' che fino ad oggi VERE ISTANZE DI

          SINISTRA questo governo non le ha mai fatte

          vedere


          Non e' vero, questo governo e' perfettamente di
          sinistra, per quanto ti dia fastidio. Sei tu ad
          esserti bevuto le balle che ti hanno raccontato
          in merito a quante meravigliose istanze ci siano
          a sinistra. Sono balle elettorali, propaganda,
          come appunto e' il programma di 282 pagine o il
          "milione di posti di lavoro" dell'opposizione. La
          vera sinistra e' questa, controllo autoritario.
          Sono in doppio petto, vestono prada e si battono
          il petto per la demmocrazia, ma ne cuore sono dei
          piccoli dolci cari entusiasi
          bolscevichi.Fine umorista! (rotfl)Dove sono tutti i vantaggi dei regimi bolscevichi tipo lavoro garantito per tutti?
          Vi hanno insomma ingannato tutti a dovere con le
          loro frottole. Ve lo
          meritate.Tutti ci meritiamo sia la "destra" che la "sinistra" che abbiamo. Continueremo a meritarcele fino a quando... Unite i puntini da 1 a 22... 8)
    • Lemon scrive:
      Re: M. Moore aveva ragione
      - Scritto da: Santos-Dumont
      E' solo la "sinistra", sono i "democratici" a
      mettertela nel cuxo di
      nascosto.
      Voglio vedere ora i commenti di chi si definisce
      di sinistra. Posso osare pensare che siano
      peggiori di quelli che avrebbero rivolto alla
      "destra", qualora fossero stati questi ultimi a
      porre in atto simili misure? Per coerenza,
      dovrebbero, ma il condizionale è
      d'obbligo.Parti dal concetto che la bnaca dati è sbagliata, spiega le tue ragioni
      • Santos-Dumont scrive:
        Re: M. Moore aveva ragione
        - Scritto da: Lemon
        - Scritto da: Santos-Dumont

        E' solo la "sinistra", sono i "democratici" a

        mettertela nel cuxo di

        nascosto.

        Voglio vedere ora i commenti di chi si definisce

        di sinistra. Posso osare pensare che siano

        peggiori di quelli che avrebbero rivolto alla

        "destra", qualora fossero stati questi ultimi a

        porre in atto simili misure? Per coerenza,

        dovrebbero, ma il condizionale è

        d'obbligo.

        Parti dal concetto che la bnaca dati è sbagliata,
        spiega le tue
        ragioniSarò breve.Privacy.Impossibilità di mantenere il controllo.Hanno chiesto il nostro consenso?Sono ragioni più che sufficienti.
        • Marco scrive:
          Re: M. Moore aveva ragione

          Privacy.La privacy è tutalata dal fatto che nessuna informazione sensibile può essere tratta dalla porzione di DNA che viene conservata. Infatti solo la parte del DNA non ancora studiata e riconducibile a caratteristiche fisiche, malattie, ... può essere conservata.
          Impossibilità di mantenere il controllo.Perchè? E' una banca dati come ce ne sono molte per gli scopi più svariati. Cos'ha questa di particolare?
          Hanno chiesto il nostro consenso?Non serve chiedere il consenso ogni volta che si fa una legge, a quanto mi risulta... Al limite è possibile chiedere, anche per iniziativa popolare, il referendum abrogativo.
          • Santos-Dumont scrive:
            Re: M. Moore aveva ragione
            - Scritto da: Marco

            Privacy.

            La privacy è tutalata dal fatto che nessuna
            informazione sensibile può essere tratta dalla
            porzione di DNA che viene conservata. Infatti
            solo la parte del DNA non ancora studiata e
            riconducibile a caratteristiche fisiche,
            malattie, ... può essere
            conservata.Esisterà bene qualche associazione tra i dati anagrafici e la porzione di DNA conservata! Io non chiamo questa "privacy", d'altronde diffido di _qualsiasi_ governo cosiddetto "democratico" o assolutista che sia quando si tratta di controllo del popolo.

            Impossibilità di mantenere il controllo.

            Perchè? E' una banca dati come ce ne sono molte
            per gli scopi più svariati. Cos'ha questa di
            particolare?Contiene dati critici che non voglio divulgare.

            Hanno chiesto il nostro consenso?

            Non serve chiedere il consenso ogni volta che si
            fa una legge, a quanto mi risulta... Al limite èE invece si, per come la vede numero crescente di persone che aspirano alla democrazia diretta (io incluso, ovvio).
            possibile chiedere, anche per iniziativa
            popolare, il referendum
            abrogativo.Stiamo su due pianeti diversi, non c'è verso.Non concedo più nessuna fiducia a nessun governo: Chiunque mi metta le mani addosso per governarmi è un usurpatore e un tiranno: io lo proclamo mio nemico. - Pierre-Joseph Proudhon -----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 31 ottobre 2007 17.54-----------------------------------------------------------
    • MandarX scrive:
      Re: M. Moore aveva ragione

      Voglio vedere ora i commenti di chi si definisce
      di sinistra. Posso osare pensare che siano
      peggiori di quelli che avrebbero rivolto alla
      "destra", qualora fossero stati questi ultimi a
      porre in atto simili misure? Per coerenza,
      dovrebbero, ma il condizionale è
      d'obbligo.credo che non esistano piu destra o sinistra ma solo una manica di ingordi e incompetenti
      • anonimo01 scrive:
        Re: M. Moore aveva ragione
        - Scritto da: MandarX

        Voglio vedere ora i commenti di chi si definisce

        di sinistra. Posso osare pensare che siano

        peggiori di quelli che avrebbero rivolto alla

        "destra", qualora fossero stati questi ultimi a

        porre in atto simili misure? Per coerenza,

        dovrebbero, ma il condizionale è

        d'obbligo.


        credo che non esistano piu destra o sinistra ma
        solo una manica di ingordi e
        incompetentiquoto 100%
      • Nome e cognome scrive:
        Re: M. Moore aveva ragione
        - Scritto da: MandarX
        credo che non esistano piu destra o sinistra ma
        solo una manica di ingordi e
        incompetentiQuoto tristemente..
    • m00f scrive:
      Re: M. Moore aveva ragione
      tutto questo fa parte di un progetto ideato così tanto tempo fa che tu neppure immagini, come la massa di pecorelle che si autocontrollano, senza neppure bisogno di un pastore o di un cane.
      • Santos-Dumont scrive:
        Re: M. Moore aveva ragione
        - Scritto da: m00f
        tutto questo fa parte di un progetto ideato così
        tanto tempo fa che tu neppure immagini, come la
        massa di pecorelle che si autocontrollano, senza
        neppure bisogno di un pastore o di un
        cane.Proverbio cinese: "date alla vacca un'ampio pascolo in cui pascolare, in tal modo l'avrete sotto controllo nel senso più ampio del termine."
    • Stefano Zapata scrive:
      Re: M. Moore aveva ragione
      Si, infatti io li ho votati ma il mio voto, per il futuro, se lo sono bruciato in questo preciso istante.
    • MiMi PD scrive:
      Re: M. Moore aveva ragione
      IO sn di sinistra.. e nn ho certo paura a risponderti... questo decreto elaborato dal governo (dove ci sn sia politici di sinistra che di destra, a quanto pare) anche se dimiuirà la nostra privacy, cioè andrà a schedarci.. è qualcosa da vedere con occhi diversi.. perchè cn questo nuovo metodo riusciremo a trovare immediatamente il colpevole in qualunque reato, nn staremo più ad assistere a quelle telenovelas mediatiche sui vari omicindi(è stato lui o non è stato lui.. ecc), tempi di indagine lunghissimi ke avvolte sfociano in strade sbagliate... l'unica limitazione, ma ho letto ke il governo ci ha pensato bene, che venga fatto un uso illecito di questi dati... ma credo ke un pò di fiducia bisogna riporla... altrimenti rimarremo quel che siamo e non saremo quel che vogliamo!!!
      • unaDuraLezione scrive:
        Re: M. Moore aveva ragione
        contenuto non disponibile
        • Stefano Zapata scrive:
          Re: M. Moore aveva ragione
          Quoto e straquoto!La prova del DNA non è una specie di sfera di cristallo: guarda pure il caso di quella povera Chiara Poggi, con tutte le prove e controprove non riescono a stabilire niente di definitivo...Milioni di euro delle tasse buttati nel cesso + rischio che la "banca dati" venga estesa in futuro = non vale la pena di beccare 1 criminale in più ogni 10 anni!
  • Angelone scrive:
    Banca DNA e Indulto
    due facce della stessa medaglia.Io ci vedo solo interessi. Voi?
    • mak77 scrive:
      Re: Banca DNA e Indulto
      - Scritto da: Angelone
      due facce della stessa medaglia.

      Io ci vedo solo interessi. Voi?sull'indulto sono contrario, la pena deve essere giusta e deve essere espiata FINO IN FONDO, senza sconti.sulla banca del DNA posso essere favorevole, anzi sarei per il dna prelevato alla nascita direttamente in ospedale, in fondo direi che chi non ha niente da nascondere non dovrebbe obiettare. Il tutto a patto che il database sia accessibile in modo più che sicuro solo alle forze dell'ordine e con richieste del tipo "ho questo campione di dna (hash_numerico), di chi è", e non con richieste del tipo "mi dai il dna di tizio?"
      • tryertyerty er scrive:
        Re: Banca DNA e Indulto
        - Scritto da: mak77
        - Scritto da: Angelone

        due facce della stessa medaglia.



        Io ci vedo solo interessi. Voi?

        sull'indulto sono contrario, la pena deve essere
        giusta e deve essere espiata FINO IN FONDO, senza
        sconti.

        sulla banca del DNA posso essere favorevole, anzi
        sarei per il dna prelevato alla nascita
        direttamente in ospedale, in fondo direi che chi
        non ha niente da nascondere non dovrebbe
        obiettare. Il tutto a patto che il database sia
        accessibile in modo più che sicuro solo alle
        forze dell'ordine e con richieste del tipo "ho
        questo campione di dna (hash_numerico), di chi
        è", e non con richieste del tipo "mi dai il dna
        di
        tizio?"hai mai pensato di farti una vasectomia? pensaci prima di riprodurti
        • Santos-Dumont scrive:
          Re: Banca DNA e Indulto
          - Scritto da: tryertyerty er
          - Scritto da: mak77

          - Scritto da: Angelone


          due facce della stessa medaglia.





          Io ci vedo solo interessi. Voi?



          sull'indulto sono contrario, la pena deve essere

          giusta e deve essere espiata FINO IN FONDO,
          senza

          sconti.



          sulla banca del DNA posso essere favorevole,
          anzi

          sarei per il dna prelevato alla nascita

          direttamente in ospedale, in fondo direi che chi

          non ha niente da nascondere non dovrebbe

          obiettare. Il tutto a patto che il database sia

          accessibile in modo più che sicuro solo alle

          forze dell'ordine e con richieste del tipo "ho

          questo campione di dna (hash_numerico), di chi

          è", e non con richieste del tipo "mi dai il dna

          di

          tizio?"

          hai mai pensato di farti una vasectomia? pensaci
          prima di
          riprodurti(ROTFL)
        • anonimo01 scrive:
          Re: Banca DNA e Indulto
          - Scritto da: tryertyerty er
          - Scritto da: mak77

          - Scritto da: Angelone


          due facce della stessa medaglia.





          Io ci vedo solo interessi. Voi?


          [cutto]
          pione di dna (hash_numerico), di chi

          è", e non con richieste del tipo "mi dai il dna

          di

          tizio?"

          hai mai pensato di farti una vasectomia? pensaci
          prima di
          riprodurti(rotfl)(rotfl)(rotfl)
      • rotfl scrive:
        Re: Banca DNA e Indulto
        - Scritto da: mak77
        in fondo direi che chi
        non ha niente da nascondere non dovrebbe
        obiettareGia', lo diceva anche Hitler... (anonimo)
      • mr_setter scrive:
        Re: Banca DNA e Indulto
        - Scritto da: mak77
        - Scritto da: Angelone

        due facce della stessa medaglia.



        Io ci vedo solo interessi. Voi?

        sull'indulto sono contrario, la pena deve essere
        giusta e deve essere espiata FINO IN FONDO, senza
        sconti.

        sulla banca del DNA posso essere favorevole, anzi
        sarei per il dna prelevato alla nascita
        direttamente in ospedale, in fondo direi che chi
        non ha niente da nascondere non dovrebbe
        obiettare. Il tutto a patto che il database sia
        accessibile in modo più che sicuro solo alle
        forze dell'ordine e con richieste del tipo "ho
        questo campione di dna (hash_numerico), di chi
        è", e non con richieste del tipo "mi dai il dna
        di
        tizio?"Sara' perche' comincio a non essere piu' tanto giovane ma questo tipo di "schedatura" che apparentemente dovrebbe permettere un miglioramento delle attivita' investigative degli organi di polizia a tutto vantaggio della sicurezza sociale aumenta al contrario il mio senso di inquietudine e perplessita'.Non sto neanche a discutere sulla possibilita' di schedatura genetica fin dalla nascita perche' ritengo che qualsiasi informazione sanitaria (ma non solo sanitaria) raccolta all'insaputa della persona stessa - in qualsiasi forma o modo cio' venga fatto - rappresenti comunque la si volgia vedere una palese restrizione della liberta' personale e per me e' inaccettabile! LV&P O)
        • Lemon scrive:
          Re: Banca DNA e Indulto

          Non sto neanche a discutere sulla possibilita' di
          schedatura genetica fin dalla nascita perche'
          ritengo che qualsiasi informazione sanitaria (ma
          non solo sanitaria) raccolta all'insaputa della
          persona stessa - in qualsiasi forma o modo cio'
          venga fatto - rappresenti comunque la si volgia
          vedere una palese restrizione della liberta'
          personale e per me e' inaccettabile!
          Allora dovresti star già parecchio male perchè le impronte digitali te le hanno prese alla visita militare e i tuoi medici hanno dati sul tuo stato di salute.
          • lllllll scrive:
            Re: Banca DNA e Indulto
            - Scritto da: Lemon
            Allora dovresti star già parecchio male perchè le
            impronte digitali te le hanno prese alla visita
            militare e i tuoi medici hanno dati sul tuo stato
            di
            salute.A me alla visita militare non hanno preso proprio nessuna impronta digitale.
          • Lemon scrive:
            Re: Banca DNA e Indulto
            - Scritto da: lllllll
            - Scritto da: Lemon

            Allora dovresti star già parecchio male perchè
            le

            impronte digitali te le hanno prese alla visita

            militare e i tuoi medici hanno dati sul tuo
            stato

            di

            salute.

            A me alla visita militare non hanno preso proprio
            nessuna impronta
            digitale.A me si, di tutte le dita della mano sinistra mi pare. l'ho fatta intorno ai primi anni 90.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Banca DNA e Indulto
            contenuto non disponibile
          • Lemon scrive:
            Re: Banca DNA e Indulto

            Inoltre l'impronta digitale non è un dato
            sanitario: un malvivente non può determinare se
            il mio rene è compatibile col suo in base
            all'impronta
            digitale.Anche qua si parla di dati non sanitari
          • il_Mav scrive:
            Re: Banca DNA e Indulto
            - Scritto da: unaDuraLezione
            Inoltre l'impronta digitale non è un dato
            sanitario: un malvivente non può determinare se
            il mio rene è compatibile col suo in base
            all'impronta
            digitale.Neanche dall'hash dei segmenti non codificanti del DNA. In questi termini fare un DB del DNA è più o meno come fare un DB delle impronte digitali. Con due vantaggi molto evidenti però: 1) le impronte digitali in qualche modo me le posso cancellare dalle dita, il DNA no.2) se facendo un crimine uso dei guanti non lascio impronte digitali, per essere sicuro di non lasciare frammenti di DNA dovrei più o meno vestirmi con una tuta integrale completa di maschera facciale.Volete mettere?
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Banca DNA e Indulto
            contenuto non disponibile
          • gerry scrive:
            Re: Banca DNA e Indulto
            - Scritto da: unaDuraLezione
            Ora dirai, l'errore può sempre capitare: *BENE*
            che capiti a te e a chi vuole questa base dati
            allora.Beh, e se io ti porto l'esempio di uno che è stato scagionato grazie al DNA?Per esempio potresti leggere "innocente" di John GrishamSistemi a prova di errore non ne esistono, la domanda da porsi è se aumenta la precisione.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Banca DNA e Indulto
            contenuto non disponibile
          • Marco scrive:
            Re: Banca DNA e Indulto

            non c'è bisogno della banca dati per scagionare,
            basta fare l'analisi *DOPO CHE SI E' ARRIVATI AD
            AVERE UNA PLAUSIBILITA' REALE CHE UNO SIA
            COLPEVOLE*E se non ci si arriva? Vuoi un esempio? Di Unabomber ancora non sappiamo l'identità, eppure gli inquirenti hanno delle tracce di DNA che potrebbero portare a degli indiziati. Poi magari verrebbe fuori che nessuno di questi ha mai maneggiato un esplosivo in vita sua, ma perchè precludersi a priori questa possibilità?
            sicuramente aumenta la convinzione dei
            carabinieri che uno sia colpevole anche di fronte
            ad evidenze colossali che indicano il
            contrario.La convinzione dei carabinieri conta fino a un certo punto, bisogna che poi venga ratificata dalla magistratura e si traduca in una condanna, altrimenti i carabinieri possono pensare quello che credono. La giustizia italiana è molto garantista, anzi la critica che più spesso le viene mossa è di esserlo troppo, al punto che ci commette reato non viene punito come dovrebbe.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Banca DNA e Indulto
            contenuto non disponibile
          • Marco scrive:
            Re: Banca DNA e Indulto

            Se non ci si arriva sarebbe ora di togliere un
            po' di personale della polizia/carabinieri dalla
            scrivania ( dove non fanno altro che fare le
            query a campi incrociati da database
            inattendibili e incompleti) e metterli in strada
            a
            pattugliare/indagare/quant'altro.Risposta molto semplicistica, che parte dal presupposto che le possibilità di risolvere un caso aumentano costantemente all'aumentare degli inquirenti coinvolti. Purtroppo non è così semplice. Concordo cmq sul fatto che polizia e carabinieri dovrebbero essere più presenti sul territorio, anche se il problema è probabilmente più dovuto alla scarsità di finanziamenti che al fatto che qualcuno si nasconde dietro la scrivania.
            Peccato che nel frattempo fanno un bell'articolo
            con la tua foto, il tuo nome e ti arrestano come
            misura
            cautelare.L'arresto cautelare non è che viene introdotto da questa norma, per tua informazione. Purtroppo già oggi delle persone vengono messe alla gogna mediatica prima che si sia verificata che sono colpevoli di un qualche reato. E' un problema serio, che la banca del DNA in una qualche misura attenua, invece di accentuare. Se infatti nel 99% dei casi il test del DNA è veritiero e permette di scagionare un innocente, avremo 99 persone in meno falsamente accusati dai media a fronte di 1 che senza la banca del DNA non sarebbe stato sottoposto a questo fatto vergognoso . Il fatto poi che i media gettano in prima pagina, definendoli colpevoli, dei semplici indiziati (come tutti possiamo essere senza aver fatto niente) e poi non si prende nemmeno la briga di rettificare (o lo fa in 32esima pagina scrivendo in Arial 4), dovrebbe farti pensare a quanti errori vengono commessi, anche gravi e grossolani, sugli articoli di giornale, a cui tu sembri invece dare estrema fiducia negli altri tuoi post.
            *TUTTO IRRILEVANTE SECONDO TE*, ovviamente lo
            auguro a te a tuoi
            cari.Mai detto che la gogna mediatica è irrilevante, anzi è un fatto gravissimo. Non capisco poi perchè devi fare questi auguri a me e ai miei cari per il solo fatto che non condividiamo la stessa opinione. Sii un po' meno puerile e vedi di argomentare e confrontarti con chi la pensa diversamente da te, c'è sempre, dico SEMPRE, da imparare qualcosa dalle opinioni altrui.
          • Marco scrive:
            Re: Banca DNA e Indulto

            I Carabinieri *SANNO* che è lui
            I Carabinieri *SANNO* che è lui
            I Carabinieri *SANNO* che è lui
            Ma finissero loro in prigione con le loro fottute
            certezze!Il problema di fondo di quello che dici è che stai facendo riferimento a un articolo di giornale, in cui probabilmente non sono state riportate le parole di alcun carabiniere, ma solo un adattamento più o meno romanzato di quello che i carabinieri hanno dichiarato. Credo che in nessun caso un carabiniere dovrebbe affermare di essere sicuro, visto che alla fine la sicurezza in merito al reato deve essere espressa dalla magistratura.Inoltre dal tuo ragionamento si potrebbe pensare che qualunque prova dovrebbe essere eliminata perchè potenzialmente potrebbe far andare in galera un innocente. Allora eliminiamo il DNA in toto dalle indagini, visto che presenta una certa percentuale di errore. E le impronte digitali? C'è una probabilità, per quanto ridotta, che le impronte di due persone diverse sia uguali (o magari sufficientemente simili da essere considerata identiche ai fini di un'analisi investigativa), allora dobbiamo eliminare anche quelle. Le testimonianze poi non dovrebbero nemmeno essere prese in considerazione, vista la loro soggettività. E allora come si fa a fare le indagini? Si tira la monetina??? Purtroppo un certo margine di errore esiste ed esisterà sempre, l'obiettivo è di ridurlo quanto più possibile. La banca del DNA permette di ridurre questo margine, quindi è un elemento positivo.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Banca DNA e Indulto
            contenuto non disponibile
          • Marco scrive:
            Re: Banca DNA e Indulto

            al contrario, nell'esmepio reale che ho fatto, ha
            ampliato la rosa dei possibili falsi
            colpevoli.E allora? Riduce cmq il margine di errore. Se aggiungi un colpevole per via del DNA ma poi lo scagioni per varie altre prove, il DNA non ha fatto niente di male. Se invece il DNA aggiunge 3 nuovi possibili colpevoli e 1 di questi è quello vero allora è stato determinante.Ogni tipo di prova aggiunge dei possibili colpevoli indipendentemente dalle altre. Il problema degli inquirenti è trovare quello che viene indicato da tutte le prove. Tu hai fatto l'esempio di uno che è stato indicato dal DNA come imputato, poi dal riscontro con altre prove è stato verificato che non aveva fatto nulla. Cosa è successo che non va?E soprattutto, perchè a tutte le obiezioni che ho sollevato hai risposto solo con 3 parole che niente avevano a che vedere con quello che avevo detto io?
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Banca DNA e Indulto
            contenuto non disponibile
          • Marco scrive:
            Re: Banca DNA e Indulto

            ma hai letto gli articoli?
            Se il tizio avesse avuto residenza in Italia
            sarebbe in
            galera.
            E mi dici che il DNA 'non ha fatto niente di
            male'?
            Mettiamo la tua faccia e il tuo nome sul primo
            articolo, che tanto 'non è niente di
            male'.Ma chi te lo dice che sarebbe in galera??? Che ne puoi sapere te??? Tutta la tua informazione è basata su un paio di articoli che, come il 90% (arrotondo per difetto) degli articoli, presenta inesattezze, quando non errori grossolani.
            E' successo che nel primo aritcolo si parla di
            certezzaz del 99.9 periodico e da quella
            'certezza' è stato solo un caso che ci fossero
            evidenze
            dell'innocenza.
            Guarda che uno può essere innocente anche se non
            può
            dimostrarlo...
            Se il tizio non avesse avuto 30 (trenta) alibi di
            ferro (visto che lavorava in un bar) sarebbero
            dstati cazzi
            suoi.Visto che di matematica un po' ne ho studiata, 99,9 periodico = 100 (forse ti sembra strano, ma è così). Quindi intanto ridimensionerei la certezza che esprimi. Se poi il tizio invece di 30 alibi di ferro ne avesse avuto 1 che sarebbe cambiato? Inoltre ti faccio notare che in Italia bisogna dimostrare che uno è colpevole, non è lui a dover dimostrare preventivamente di essere innocente. E poi ancora con queste probabilità di errore, ma non lo capisci che un processo si basa su tutta una serie di elementi, ognuno dei quali ha una certa probabilità di errore, che è maggiore di quella del DNA??? A cosa servono le testimonianze, se non ammettiamo nemmeno un errore infinitesimale?
            non mi interessa discutere argomenti teorici
            aleatori quando io ho portato fatti reali che
            mostrano il danno
            reale.Hai portato un fatto reale che non dimostra nulla e visto che non sai cosa dire eviti di rispondere. Complimenti, belle argomentazioni!
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Banca DNA e Indulto
            contenuto non disponibile
          • Marco scrive:
            Re: Banca DNA e Indulto

            prego ALLORA riportami i fatti reali visto che
            fai intendere che li
            conosci.
            GRAZIE.Ho detto che i giornali quasi sempre riportano inesattezze, prendi un qualunque articolo di cui puoi verificare i dati e vedrai che è così. Uno degli aspetti positivi di internet è proprio la possibilità, prima sostanzialmente non data, di verificare le informazioni fornite dai media tradizionali. O credi davvero a tutto quello che dicono i media? Credi davvero che quello che loro riportano tra virgolette siano le esatte parole dell'intervistato?
            ma allora non li hai neanche letti gli
            articoli!!!!!
            il 99.9 periodico è una citazione delle
            dischiarazioni dei
            carabinieri.
            LORO ERANO SICURI AL 99,9 PERIODICO.Se "loro" si riferisce ai giornalisti, allora ok, ai carabinieri non credo (non perchè non fosse scritto sull'articolo, che ho letto giusto per passare 5 minuti, non perchè cambi niente).
            Un alibi si compra (come detto da un carabiniere
            dall'articolo che continui a non avere letto, ma
            che, per qualche ragione dici che 'è
            sbagliato').In base a quello che dici (scusa, che il giornalista ha scritto che il carabiniere dici, sennò continui a protestare che prendo per tue le cose scritte sull'articolo), allora anche 30 alibi si comprano, quindi magari il tizio è colpevole! In ogni caso se un alibi viene comprato la magistratura dovrà verificare la fondatezza dell'alibi per poter condannare una persona, non è che il DNA da solo è sufficiente!
            dimostra che la pista del DNA è costata soldi
            allo stato, sofferenze ad un innocente e ha
            conferito un incredibile falsa sicurezza a chi
            doveva fare le indagini (con tutti i danni che ne
            derivano).Questo è vero, ma eviti di pensare a tutti i casi in cui il DNA è sì costato dei soldi, ma ha permesso di NON far soffrire un innocente e di NON conferirire falsa sicurezza a chi doveva fare le indagini. Visto che nel 99% dei casi il DNA dice il vero, quale credi che sia la situazione che si verifica più di frequente? Se per ogni persona che soffre inutilmente (e poi viene scagionata) 99 non soffrono inutilmente (mentre senza DNA sarebbero state inquisite) quale pensi che sia la soluzione migliore, al di là del fatto ovviamente che io o tu potremmo avere la sfiga di essere l'eccezione che conferma la regola?
            Chiudo qui, visto che nemmeno li hai letti i tre
            articoli che ho citato (asserisci addirittura che
            io ho fatto affermazioni che invece sono tra
            virgolette dall'articolo) e *TI* auguro di essere
            *TU* il prossimo innocente accusato perchè
            qualcuno è certo al '99.9%
            periodico'.Usanza tipica, da una conversazione su posizioni diverse si passa a offendere l'interlocutore, augurandogli le peggio cose, visto che non si hanno risposte. Impara a parlare e a confrontarti con idee diverse dalle tue invece di fare il bambino.
          • il_Mav scrive:
            Re: Banca DNA e Indulto
            unaDuraLezione... io *TI* auguro solo *UNA* cosa... di *TORNARE* sui banchi di scuola a prenderti una *DURA* lezione. Perché quello che diffondi tu in gergo si chiama FUD: "Fear, Uncertainty and Doubt".Se vai su Wikipedia in inglese trovi pure il significato dell'espressione, per prenderti la *DURA* lezione che *TI* serve.Il tuo è il tipico atteggiamento di chi mira a screditare l'operato del sistema giuridico italiano con il solo scopo di lasciare aperte falle grandi come case solo per il rischio che un innocente(?) venga anche solo coinvolto nelle indagini.Vorrei augurare a te o ai tuoi cari di trovarsi nella condizione di voler sapere chi è il colpevole di un qualsivoglia reato, anche una semplice rapina in casa. Così magari capirai cosa significa trovare il colpevole in un mese o non trovarlo mai.
          • unaDuraLezione scrive:
            Re: Banca DNA e Indulto
            contenuto non disponibile
          • lllllll scrive:
            Re: Banca DNA e Indulto
            - Scritto da: Lemon
            - Scritto da: lllllll

            - Scritto da: Lemon


            Allora dovresti star già parecchio male perchè

            le


            impronte digitali te le hanno prese alla
            visita


            militare e i tuoi medici hanno dati sul tuo

            stato


            di


            salute.



            A me alla visita militare non hanno preso
            proprio

            nessuna impronta

            digitale.

            A me si, di tutte le dita della mano sinistra mi
            pare. l'ho fatta intorno ai primi anni
            90.Io l'ho fatta nel '91 e nel '92 come rivedibile(causa macchina elettrocardiogramma difettosa) e in nessuna delle due mi hanno preso le impronte digitali.
        • Daniele scrive:
          Re: Banca DNA e Indulto
          cazzi tuoi
      • Daniele scrive:
        Re: Banca DNA e Indulto
        non sono d'accordo per il dna prelevato alla nascita in quanto diverrebbe una forma di controllo genetico sull'intera popolazione, in ogni caso sono favorevole al provvedimento del Governo di prelevarlo ai condannati (che di per sè non possono pretendere di avere gli stessi diritti delle persone incensurate). Sarà sicuramente uno spreco di soldi e ci saranno anche interessi di parte, ma magari si riesce finalmente a stoppare la pratica degli "alias", ovvero i clandestini che ad ogni arresto dichiarano un nome diverso. Col DNA non ci sono cazzi.
        • gianni scrive:
          Re: Banca DNA e Indulto

          ovvero i clandestini che ad ogni arresto
          dichiarano un nome diverso. Col DNA non ci sono
          cazzi.eccolo: clandestini, lavavetri e graffitari, questi sono i grossi problemi dell' itaGlia.Voglio un mega archivio con la lista dei 100 marocchini più pericolosi del nord-est e per finire in bellezza l' anno facciamo una bella sanatoria per evasori e strozzini.
          • Daniele scrive:
            Re: Banca DNA e Indulto
            sto parlando di ben altri clandestini che due poevracci lavavetri e due povere donne che non trovano altro metodo di sostentamento che vendere il proprio corpo...
          • Daniele scrive:
            Re: Banca DNA e Indulto
            in ogni caso è anche dando un giro di vite sui piccoli episodi che si costruisce un senso di sicurezza più elevato, poi che ci siano (ANCHE) altri problemi non lo sta mettendo in dubbio nessuno, solamente che smettetela di fare i giordano (franco) della situazione e levatevi il paraocchi
      • Be&O scrive:
        Re: Banca DNA e Indulto
        Il DNA può anche rivelare la "Compatibilità dei Donatori"pensa che bello, finalmente la Camorra e Mafia avrà un beldatabase con indirizzo da dove "prelevare" gli organi di"fabisogno" con una compatibilità mai conosciuta prima.
      • Be&O scrive:
        Re: Banca DNA e Indulto
        O del tipo, mi serve un rene, mi dai indirizzo ditizio che ha 6/6 di compatibilità ?Devo solo chiedergli se gentilmente me ne presta UNO !IO ALLA SICUREZZA COME E' GESTITA IN ITALIA NON CI CREDO PIU' !MI SBAGLIERO' ANCHE MA....
  • Contento scrive:
    (ot) EVVAI !
    Per una volta non sono costretto ad aspettare la mezzanotte per i nuovi articoli. Grazie greenwich !!(ps. per chi è duro di comprendonio mi stò gustando gli articoli delle 23.00)
Chiudi i commenti