Basta con i nudi via internet

Nel Wisconsin potrebbe diventare legge una norma che vieta di riprendere uomini e donne nudi senza consenso. Per bloccare il voyeurismo online


Madison (USA) – Una legge che può sembrare ovvia, ma che viene giustificata come necessità di “arginare internet”, è all’attenzione del governatore dello Stato del Wisconsin, Scott McMallun.

Il provvedimento mette fuori legge ogni ripresa video e qualsiasi fotografia venga scattata a persone nude senza che queste diano il loro consenso. Una norma che mira a impedire che attraverso newsgroup e siti una violazione dell’intimità e della privacy possa trasformarsi in un problema irrisolvibile per chi viene ripreso senza volerlo.

La legge, appoggiata tanto dai Democrats che dai Republicans, mira a imporre sanzioni pesanti contro – parole dei senatori del Wisconsin – “i depravati che si divertono videoregistrando vittime innocenti nei loro momenti privati”. “Oggi chi compie questi abusi – dicono i maggiori ‘sponsor’ del provvedimento – può far danni infiniti inviando quelle immagini di nudo su internet. Dobbiamo anticipare questi pervertiti dell’alta tecnologia”.

L’obiettivo della norma è superare quei pregiudizi di incostituzionalità per i quali la Corte Suprema del Wisconsin aveva bocciato in passato un provvedimento molto simile. Quel che colpisce è che nello stato già esiste una legge contro la videoregistrazione voyeuristica. “La nuova norma – spiega il senatore che ha presentato il progetto – migliora la legge attuale assicurandosi che i voyeur che producono immagini siano ritenuti responsabili al pari di coloro che le riproducono. E rende il tutto un reato penale, così che risulti maggiormente difendibile da ogni appello al Primo Emendamento che cerchi di farla considerare incostituzionale”. Non è chiaro però come verrebbero considerati quegli utenti internet che si trovassero a inoltrare ad amici o conoscenti foto di sconosciuti recuperate dai newsgroup, senza avere alcun indizio sull’origine legale o meno delle immagini.

Va detto che l’assemblea del Wisconsin appare sempre più attiva nell’affrontare le “questioni internet”. Solo pochi giorni fa ha approvato una legge per l’opt-out che prevede sanzioni fino a 10 dollari per messaggio a tutti coloro che inviino email non richieste ad un utente che abbia espresso la volontà di non riceverle.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Direi...
    ...che la soluzione dovrebbe trovare daccordo +o- tutti, anche se poi bisogna vedere in base a quali motivi il magisrato dara' l'autorizzazione!
Chiudi i commenti