Batteria indossabile, non impermeabile

Ricercatori canadesi annunciano la creazione di accumulatori energetici flessibili, integrabili con il tessuto per veicolare centinaia di volt. Serviranno a defibrillatori e gadget tecnologici
Ricercatori canadesi annunciano la creazione di accumulatori energetici flessibili, integrabili con il tessuto per veicolare centinaia di volt. Serviranno a defibrillatori e gadget tecnologici

I ricercatori del Politecnico di Montreal comunicano di aver realizzato una batteria flessibile integrabile nei tessuti. Diversamente dagli accumulatori “indossabili” sin qui creati, però, quella canadese sarebbe la prima a non usare alcuni elettrolito allo stato liquido.

L’unità accumulatrice creata dagli scienziati impiega infatti un elettrolito solido di ossido di polietilene, compresso fra un catodo di litio ferro fosfato e un anodo di litio titanato. Uno dei vantaggi del mix è la possibilità di allungare e stendere gli accumulatori una volta riscaldati, così da poterli integrare nel tessuto.

I ricercatori sono riusciti a realizzare un composto tessuto-batteria capace di produrre una corrente elettrica di “centinaia di volt”: “Abbiamo sufficiente energia da emettere una potente scarica elettrica o anche salvare una vita defibrillando un paziente”, ha spiegato il principale responsabile della ricerca Maksim Skorobogatiy.

Tra i potenziali scenari di impiego della tecnologia vi sono infatti applicazioni di tipo medico, prima ancora del fantomatico wearable computing promesso da qualche lustro a questa parte. Prima di integrarla nei vestiti o negli accessori indossabili, la batteria flessibile canadese necessita di sviluppare una qualche sorta di impermeabilità all’acqua.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

09 02 2012
Link copiato negli appunti