Bau Bau ai supporti pirata

Dopo la formidabile coppia di MPAA Lucky e Flo, anche in Italia i labrador sniffaDVD. Verranno condotti nelle zone a rischio contraffazione, per fiutare il policarbonato di cui sono fatti i dischi
Dopo la formidabile coppia di MPAA Lucky e Flo, anche in Italia i labrador sniffaDVD. Verranno condotti nelle zone a rischio contraffazione, per fiutare il policarbonato di cui sono fatti i dischi

Il Labrador Retriever è un animale che ha fiuto nella ricerca di esplosivi e sostanze stupefacenti. Particolarmente intelligente e facilmente addestrabile, questa razza canina verrà ora sfruttata in Italia nell’ambito dell’eterna lotta delle autorità alla pirateria, alla contraffazione di CD e DVD. Perché il Labrador Retriever non è soltanto una buona forchetta o un giocherellone, ma anche uno che sa individuare il policarbonato , materiale di cui sono fatti i supporti su cui vengono riversati, anche illegalmente, contenuti di ogni tipo.

I primi esemplari a sniffare compact disc si chiamavano Lucky e Flo, che avevano due anni a testa al momento del loro arruolamento nella divisione speciale della MPAA statunitense, presieduta da Dan Glickman. Lucky e Flo sono diventati in breve tempo delle autentiche star dell’intelligence anti-contraffazione, spediti in tournée in Europa per mostrare a tutti gli altri labrador quanto fosse gratificante fiutare film illegalmente sottratti ai legittimi detentori dei diritti.

Alquanto sorprendentemente pare che i cani – come ha spiegato l’allenatore di Lucky e Flo, Michael Buchan – non riescano a distinguere nettamente tra un DVD originale e uno fasullo, dando tuttavia una grossa mano laddove c’è anche solo un sospetto di contraffazione. In Italia, come è già successo in paesi come la Malaysia, il Messico e il Portogallo, verranno condotti nelle zone più a rischio delle città , dove proliferano magazzini e mercati illeciti. Da qui, toccherà ad un team di agenti capire se si tratti di prodotti ufficiali o meno.

La Federazione anti-pirateria audiovisiva ha precisato che si tratta di una realtà che potrebbe venire introdotta nel nostro paese entro alcuni mesi, rimanendo per ora in una fase embrionale. Particolarmente soddisfatto è stato Giorgio Assumma, recentemente rieletto alla presidenza SIAE: “Quella dei cani anti-pirateria è una novità importante perché potrebbero servire per contrastare il traffico illecito di prodotti che violano i diritti dell’attività degli artisti. Faremo pressione sulle forze pubbliche di sicurezza affinché si attrezzino nel più breve tempo possibile”.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

10 11 2009
Link copiato negli appunti