I cani che trovano i DVD pirata

Ne parla MPAA in una nota diffusa nelle scorse ore: sono due animali utilizzati per la prima volta a Londra. Sarebbero in grado di capire se nei plichi di un corriere si nascondono DVD, originali o pirata

Londra – Avrebbe tutta l’aria di una bufala primaverile la notizia che sta circolando molto in queste ore e che riguarda le singolari abilità di un nuovo corpo speciale di cani antipirateria da utilizzare per individuare pacchi o valigie che contengano DVD; ma di bufala sembra proprio non trattarsi: a diffondere la notizia è infatti l’associazione degli studios Hollywoodiani MPAA che, in una nota, si compiace dei risultati ottenuti.

MPAA spiega che nell’ambito di un progetto portato avanti con FACT , Federation Against Copyright Theft , sono stati addestrati due labrador, Lucky e Flo (vedi foto), ora capaci di “identificare DVD che possono essere inseriti in scatole, buste o altro genere di pacchi, così come dischi nascosti tra altri beni che potrebbero essere rivenduti illegalmente”. Secondo MPAA, che sperimenta le capacità dei due cani sul suolo inglese, ci sarebbe tutto un giro di DVD piratati venduti e fatti girare via corriere da grandi organizzazioni criminali.

I due labrador Da qui, dunque, l’utilità dei due quadrupedi che hanno potuto dimostrare la capacità del proprio fiuto nelle scorse ore all’aeroporto londinese di Stansted, dove hanno “preso in esame” i plichi gestiti dal corriere FedEX destinati alla consegna sul territorio britannico. E dove hanno dimostrato, a quanto pare, di saper individuare con precisione quelli che contenevano DVD .

Come ci sono riusciti? Dall’odore, evidentemente. C’è chi sostiene , ad esempio, che in effetti i DVD registrabili abbiano un loro “odore”, cosa che invece non avrebbero i DVD stampati. L’espediente dunque toglierebbe di mezzo i “piccoli pirati”, evidentemente, ma non le grandi organizzazioni che possono avere a disposizione strumenti analoghi a quelli usati dall’industria, come macchine per stampare DVD.

“Le capacità di Lucky e Flo di localizzare DVD in transito – ha dichiarato MPAA – ci offre nuovi e importanti strumenti di individuazione dei dischi contraffatti”. Ancora più entusiasti quelli di FACT secondo cui l’esperimento londinese “ha dimostrato che i cani possono lavorare per questo scopo anche in un ambiente caotico come l’aeroporto”.

C’è da dire che, nella prima giornata di lavoro, i due labrador hanno sì individuato DVD ma che questi erano tutti regolarmente acquistati e legittimamente spediti via FedEX. Tuttavia si sono detti sicuri della loro efficacia per il futuro anche i funzionari della dogana , secondo cui ora “questi cani sono uno di una serie di potenti strumenti per individuare i traffici del crimine organizzato”. La sensazione dei funzionari è che ora arriverà “un messaggio chiaro e semplice a chiunque pensi di spedire DVD contraffatti tramite FedEX: verrete individuati”.

Funzionerà? Qualche lingua maliziosa già suggerisce di infilare un DVD registrabile vuoto in tutti i pacchi spediti così da mettere in crisi l’intero sistema di controllo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Il worm più diffuso? E' winutonto...
    Che installa il software clikkando avanti e su tutte le email dove trova scritto clicca qui!!(rotfl)
  • Anonimo scrive:
    Perforza ...
    Sente gente che dice "ma funziona tuuuuttooo non ho nessun viruuuusss" ...oppure "ma io non apro mai nessun allegato di posta che arrivi da sconosciuti" parole che escono dalle bocche di persone con i computer sempre appestati ...Dovrebbero seguire l' esempio dell' australia ... hai il pc introiato spara virus e spara spam ? bene ti stacchiamo la ADSL finche' non lo metti a posto.
    • Anonimo scrive:
      Re: Perforza ...
      - Scritto da:
      Dovrebbero seguire l' esempio dell' australia ...
      hai il pc introiato spara virus e spara spam ?
      bene ti stacchiamo la ADSL finche' non lo metti a
      posto.E' così un po' in tutto il mondo, tranne per i ben noti provider che se ne fregano, tra i quali rientrano Telecom (Interbusiness) e Fastweb.
  • Madder scrive:
    Re: Il worm più diffuso? E' del 2004
    Ma cosa si aspettano ? A parte il fatto che le campagne di informazione dove dicono "installati l'antivirus" e non spiegano nulla di come comportarsi lasciano il tempo che trovano. A parte il fatto che hanno voluto un pc su ogni scrivania, anche su quella di persone che hanno ancora il videoregistratore che lampeggia su 00:00. Che antivirus ti rifilano assieme al PC nuovo di zecca ? un bel norton che oltre che a "magnarsi" risorse a gogo, dopo pochi giorni (o se va bene qualche mese) inizia a rompere che si deve pagare per l'aggiornamento. Al chè mi immagino che la maggior parte degli utenti lo disinstalla e basta. Fare un po' di pubblicità ad avg, antivir, avast, ... sembra proprio un'idea così cattiva ? madder
    • Anonimo scrive:
      Re: Il worm più diffuso? E' del 2004
      - Scritto da: Madder

      Fare un po' di pubblicità ad avg, antivir, avast,sono dei prodotti commerciali, anche se comprendono delle versioni gratuite per uso personalebeh, si potrebbe fare pubblicità per clamwin, visto che è freesoftware... ma questo non becca mai un virus e non ha nemmeno il monitor in tempo reale
      ... sembra proprio un'idea così cattiva ?


      madder
      • Anonimo scrive:
        Re: Il worm più diffuso? E' del 2004
        avg free per winzozz va alla grande...ma io sono megalomane linaro, per cui uso slackware con clamav e firewall di serie.così tutti i "tiFormattoL'HddEtiDoFuocoAcasaDaRemoto-VIRUS-WORM-TROJAN_&_MIGNOTTAN" malware del mondo se la prendono inderposto...MI-TI-CO :D
  • Anonimo scrive:
    No, e' del 1982 !!!
    Anno in cui tale billo si mise intesta di fare i sistem per picci !da allora e' nato vindov, il vormpiu longevo, che ancora impesta il 90%dei puter, e che, a sua volta, e'giustamente aperto a qualsiasipestilenzatanto paga mononeuropantalone
  • juppadj scrive:
    Re: Il worm più diffuso? E' del 2004
    Scrivi un virus potenzialmente "longevo" come Netsky? Ti arrestano e ti processano? Nessun problema, anzi... Poi tanto ti prendono a lavorare come esperto di security. In effetti... Mi sa che comincerò a fare il virus writer d' ora in poi!!! L' unico problema è che sono un sistemista e non mi intendo abbastanza di programmazione!
    • Anonimo scrive:
      Re: Il worm più diffuso? E' del 2004
      - Scritto da: juppadj
      Scrivi un virus potenzialmente "longevo" come
      Netsky? Ti arrestano e ti processano? Nessun
      problema, anzi... Poi tanto ti prendono a
      lavorare come esperto di security. In effetti...
      Mi sa che comincerò a fare il virus writer d' ora
      in poi!!! L' unico problema è che sono un
      sistemista e non mi intendo abbastanza di
      programmazione!Ah, ma non serve mica un gran cultura sai?I primi virus erano macro di word, tanti sono scritti ancora in visual basic.Ormai i virus non devono infilarsi nel boot sector o nella parte finale dei file exe basta che si spaccino per dll e con qualche hook ed il contributo dell'utonto fanno tutto quello che vogliono utilizzando direttamente le classi MFC.Come al solito e' piu' facile far danni che cose utili. :@
      • Anonimo scrive:
        Re: Il worm più diffuso? E' del 2004
        - Scritto da:

        - Scritto da: juppadj

        Scrivi un virus potenzialmente "longevo" come

        Netsky? Ti arrestano e ti processano? Nessun

        problema, anzi... Poi tanto ti prendono a

        lavorare come esperto di security. In effetti...

        Mi sa che comincerò a fare il virus writer d'
        ora

        in poi!!! L' unico problema è che sono un

        sistemista e non mi intendo abbastanza di

        programmazione!

        Ah, ma non serve mica un gran cultura sai?
        I primi virus erano macro di word, tanti sono
        scritti ancora in visual
        basic.
        Ormai i virus non devono infilarsi nel boot
        sector o nella parte finale dei file exe basta
        che si spaccino per dll e con qualche hook ed il
        contributo dell'utonto fanno tutto quello che
        vogliono utilizzando direttamente le classi
        MFC.Beh, prova a chiedere queste cose ad un campione di 1000 persone, vediamo quanti capiscono quello che dici...poi vediamo se ci vuole cultura o meno...
        • Anonimo scrive:
          Re: Il worm più diffuso? E' del 2004
          - Scritto da:

          - Scritto da:



          - Scritto da: juppadj


          Scrivi un virus potenzialmente "longevo" come


          Netsky? Ti arrestano e ti processano? Nessun


          problema, anzi... Poi tanto ti prendono a


          lavorare come esperto di security. In
          effetti...


          Mi sa che comincerò a fare il virus writer d'

          ora


          in poi!!! L' unico problema è che sono un


          sistemista e non mi intendo abbastanza di


          programmazione!



          Ah, ma non serve mica un gran cultura sai?

          I primi virus erano macro di word, tanti sono

          scritti ancora in visual

          basic.

          Ormai i virus non devono infilarsi nel boot

          sector o nella parte finale dei file exe basta

          che si spaccino per dll e con qualche hook ed il

          contributo dell'utonto fanno tutto quello che

          vogliono utilizzando direttamente le classi

          MFC.

          Beh, prova a chiedere queste cose ad un campione
          di 1000 persone, vediamo quanti capiscono quello
          che
          dici...

          poi vediamo se ci vuole cultura o meno...Guarda che l'autore del post sosteneva proprio questo
        • Anonimo scrive:
          Re: Il worm più diffuso? E' del 2004

          Beh, prova a chiedere queste cose ad un campione
          di 1000 persone, vediamo quanti capiscono quello
          che
          dici...

          poi vediamo se ci vuole cultura o meno...1000 persone tra sistemisti e tecnici del settore con laurea in informatica o esperienza.Per tutti gli altri, i cosiddetti "script kiddies" esistostono configuratori semplici da utilizzare che preparano virus pronti da inviare sulla rete, ovviamente questi software omettono di far notare che comportamenti di questo genere possono venire sanzionati penalmente.Molte volte chi e' in grado di creare virus e' anche piuttosto attento a non essere lui a divulgarlo per evitare guai e trova facilmente qualcuno piu' ingenuo che fa questo lavoro in vece sua.Attenzione quindi se pensate che sia divertente avere una "net bot" ai propri ordini per infastidire questo o quel sito, o come accade piu spesso, infastidire i server irc, la cosa puo' portarvi grosse grane.Se vi bannano da un server irc mettete su uno vostro ed invitate solo le persone che vi stanno simpatiche piuttosto che tentare di bloccare i servizi altrui.
Chiudi i commenti