BBA, stravincono Carlucci e Facebook

Sono i più acclamati eroi in negativo, sono coloro che sono stati giudicati la maggiori minacce per il diritto alla privacy del cittadino. La consegna dei premi avverrà il 23 maggio

Roma – La giuria si è espressa, il verdetto è stato emesso: Facebook e Gabriella Carlucci sono i pluripremiati eroi in negativo dell’edizione 2009 dei Big Brother Awards . Lo hanno annunciato i rappresentanti del Progetto Winston Smith nel corso di una conferenza stampa alla Camera dei Deputati.

Il premio per la Tecnologia più invasiva ? Ha vinto Facebook , già assegnatario del premio Lamento del popolo attribuito con la sola votazione dei netizen: a parere dei giurati il social network è un coacervo di tecnologie standard, assemblate affinché inducano il netizen a “riversare i propri dati in Rete”. La policy del social network, spiega la giuria, ” permette qualsiasi tipo di utilizzo di tutti i dati, testuali, immagini relazioni e navigazione che vi vengano riversati”. Profilazione e controllo sarebbero dietro l’angolo, agevolati dalla possibilità di monitorare le relazioni che si intessono fra gli utenti.

Facebook si è guadagnato anche il premio per la Peggiore azienda privata : si arrogherebbe diritti che spettano agli utenti, negando ai cittadini della rete la possibilità di controllare i propri dati, non presterebbe abbastanza attenzione, questo il motivo della nomination, a coloro che rivendicano il proprio account in seguito a furti di identità o blocchi imposti da Facebook stesso.

Ad aggiudicarsi due premi è invece l’onorevole Gabriella Carlucci : non ci sono precedenti, nessun singolo individuo ha mai raggranellato due Big Brother Award. Le è stata assegnato il riconoscimento di Minaccia da una vita per aver essere stata prima firmataria, ma probabilmente non autrice, del DDL 2195 : ispirato alla protezione in rete di minori insidiati da loschi figuri, sembra essersi rivelato uno strumento per tutelare i detentori dei diritti e l’industria dei contenuti. Il DDL prevede di istituire un’autorità che vigili sulla rete: potrebbe diventare, a parere dei giurati, “un Piccolo Fratello italiano che irreggimenti ed identifichi tutti, distruggendo in Italia la Rete come oggi la conosciamo, in modo che siano salvi ed intatti i diritti di proprietà intellettuale”.

All’Onorevole Carlucci è altresì stato assegnato il premio Bocca a stivale : ad averle garantito i voti della giuria è stata una sortita segnalata da un netizen nella fase di formulazione delle nomination. “È arrivato il momento di combattere ed eliminare l’anonimato su Internet – avrebbe dichiarato Carlucci a commento di un fatto di cronaca – Ancora una volta anonimi delinquenti usano Internet per diffamare, dileggiare, schedare, offendere, denunciare. Questa volta ad essere colpite sono state addirittura le forze dell’ordine, schedate e offese da un blogger anonimo. L’ennesimo inaccettabile caso di uso improprio della rete che dimostra quanto urgente e necessaria sia una normativa che impedisca ai farabutti di usare la rete per finalità eversive, coprendosi dietro il paravento dell’anonimato”.

Il premio per il Peggiore ente pubblico se lo è aggiudicato il Ministero dell’Interno , promotore di iniziative quali la schedatura dei bimbi rom a mezzo prelievo coatto di impronte digitali.

Ma esistono anche degli Eroi della Privacy : Electronic Frontier Foundation è il vincitore 2009. L’associazione, che da anni si batte per la tutela dei diritti dei netizen, ha difeso strenuamente il diritto dei cittadini a manifestare il proprio pensiero e ad informarsi con la mediazione della rete.

La consegna del premi avverrà sabato 23 maggio a Firenze, nel contesto del convegno e-privacy 2009 .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Kosta scrive:
    ..giudici robot?
    Prima di eseguire la sentenza il robotdovrebbe anche essere in grado di emetterla..ovvero essere in grado di giudicare lasituazione e poi di intervenire...Quindi dovremmo aspettarci che in futuroanche i processi legali vengano automatizzati...Che una volta raccolte le prove un computersia in grado di emettere una sentenza..Senz'altro ci sará una percentuale di errorenelle valutazioni, ma ci abitueremo a considerarlatrascurabile... del resto gia adesso ci siamoabituati alla "macchina della giustizia".....che per cuanto mi riguarda é gia fuori controllo...
  • battiz scrive:
    i mini terminator?
    "Per far questo i robot saranno istruiti con tutte le nozioni necessarie in materia di legge militare, e saranno preparati a una serie di situazioni tipo a cui il robot imparerà ad assegnare il diverso grado di azione/conseguenza.""Secondo lo studioso, rendere consapevoli di scelta i droni rappresenta un vantaggio, dal momento che non sono programmati per avvertire emozioni o temere di essere danneggiati irreparabilmente."io in tutta sta robotica militare nn ci vedo altro che "problemi" ...sarà che ho visto troppi film come matrix e i vari terminator ...qualcuno, nn ricordo, dove scrisse un bell'elenco di "cose fantascientifiche" da film che oggi utilizziamo quotidianamente ;Dnon è che forse bisognerebbe, prima di insegnare a questi cosi come fare la guerra TRA DI LORO, infilare qualche riga di codice circa le Tre leggi della robotica Isaac Asimove magari anche smettere di ammazzarsi ...
  • Generale Lee scrive:
    Spezzeremo le reni ai talebani!
    E senza neanche doverci sXXXXXre le mani di persona! :D :D :D :D :D Ignoranti e superstiziosi come sono, poi, crederanno di essere assaliti da dei "jinny" o dei demoni!!!(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • Lorso scrive:
    gene simmons docet
    [yt]zCZY9Z6WvSY[/yt]
  • attonito scrive:
    tu ammazza, poi vediamo.
    Al massimo chiederanno scusa per i "danni collaterali", magari diranno che lo sviluppatore della shot_it_up_32.dll non ha seguito le specifiche ed il sistema ha craschato, ripartendo in modalita provvisoria e quindi non ha caricato 3_leggi_robotica.bin.Da gente che usa proittili all'uranio impoverito che poi polverizzato entra nei polmoni e scatena malattie, tumori, e degenerazione cellulare del DNA, non ne parliamo? e dell'agente arancio in vientam?Armi letali oggi lasciano una strascico di dolore domani e per un paio di generazioni non solo a casa del nemico, ma pure a casa tua.Esportare democrazia non e' sempre una passaggiata.http://it.wikipedia.org/wiki/Agente_Aranciohttp://it.wikipedia.org/wiki/Sindrome_del_golfoAh, gia', non dimentichiamo un paio di testate nucleari sul giappone (che a dirla tutta, un po' se le metitava pure).
    • Paolo scrive:
      Re: tu ammazza, poi vediamo.

      Ah, gia', non dimentichiamo un paio di testate
      nucleari sul giappone (che a dirla tutta, un po'
      se le metitava
      pure).perdonami di dirti che, nonostante il tempo in cui accadde il fatto, ti stai sbagliando di grosso. Un qualcosa di sperimentale ha fatto in modo che per 50 anni quella gente ha sofferto per malformazioni congenite e morte dovute alle radiazioni; perciò evita di scrivere che "un pò se la meritava", immagina se fosse accaduto ad un tuo familiare che visse in quel periodo e posto.Non è da giustificare azioni simili.
      • attonito scrive:
        Re: tu ammazza, poi vediamo.

        perdonami di dirti che, nonostante il tempo in
        cui accadde il fatto, ti stai sbagliando di
        grosso. Un qualcosa di sperimentale ha fatto in
        modo che per 50 anni quella gente ha sofferto per
        malformazioni congenite e morte dovute alle
        radiazioni; perciò evita di scrivere che "un pò
        se la meritava", immagina se fosse accaduto ad un
        tuo familiare che visse in quel periodo e
        posto.
        Non è da giustificare azioni simili.Non sono giustificabili, ma vanno inquadrate nel contesto storico.Dresda fu distrutta da 3 giorni di bombardamenti contnui, anche se non era un centro nevralgico militare, era solo una "vendetta" degli usa sulla germania. Circa 130.000 morti.Cosi come i Russi non andarono certo per il sottile contro la Germania.I giapponesi avevano "pugnalato alle spalle" (per usare la frase in voga a quel tempo) gli USA nel dicembre 41 e gli USA avevano il dente avvelenato con i "musi gialli".L'invasione del giappone, nelle previsioni dei pianificatori, sarebbe costata un milione di morti. Nell'area asiatica, come conseguenza indiretta della guerra, i morti erano in ragione di 200.000 al mese.Certo, si sarebbe potuto "assediare" il giappone ocn un blocco navale. Quanto tempo sarebbe stato necessario alla capitolazione in questo modo? Qunati morti in piu ci sarebbero stati per fame, malattie, bombardamenti convezionali? Le bombe del 6 e 9 agosto, nella loro terribile inumanita', fecero arrendere il giappone il 14 agosto.L'argomento della bombardamento atomico, con i suoi pro e contro, a generato discussioni prima, ora e lo fara' in futuro. Per altri dettagli vedi http://it.wikipedia.org/wiki/Bombardamento_atomico_di_Hiroshima_e_Nagasaki
    • Gino Gini scrive:
      Re: tu ammazza, poi vediamo.
      pero' se la democrazia oggi esiste, cio' non è dovuto nè a Stalin ne a Hitler ne' al Giappone
      • attonito scrive:
        Re: tu ammazza, poi vediamo.
        - Scritto da: Gino Gini
        pero' se la democrazia oggi esiste, cio' non è
        dovuto nè a Stalin ne a Hitler ne' al
        GiapponeVero, la inventarono i Greci un enne-mila anni fa.
        • Peppe scrive:
          Re: tu ammazza, poi vediamo.
          Scenario inquietante, i metodi di riconoscimento saranno mai affidabili come quelli umani? O meglio, lo saranno prima delle manie conquistatrici di generali, capi di stato e lobbysti di multinazionali, accecati dal potere e dalla voglia di averne dell'altro?Si potrebbe puntare su progetti di assistenza ad anziani e malati (Robocare), cosi' da non dover sfurttare piu' badanti rumene.Si potrebbe puntare su robot che fanno lavori in fabbirca pericolosi per l'uomo, cosi' non si manda a morire un operaio.Si potrebbe puntare su robot pompieri, che assistono i pompieri veri facendo il lavoro piu' pericoloso (Resecue Robots).No, buttiamo soldi a dare armi ai robot, e a vedere la devastazione che combinano quando il baco salta fuori. Magari ci infiliamo in un ciclo while ed il robot spara all'infinto. Oppure, mentre il robot tiene una granata, il sistema operativo crasha e il coso si accascia a terra, facendo esplodere la granata.Oppure li possiamo bellamente dotare di armi chimiche, tossiche e porcherie varie, e razziare i villaggi casa per casa. Tanto un robot non respira i gas merdosi che queste armi sparano, inoltre non avra' nessun sentimento di pieta', di paura, di disgusto o di pentimento che fermera' la sua (inconsapevole) furia omicida.Certa gente sara' felice solo quando tutti gli esseri umani si saranno estinti, allora saranno gli unici dominatori supremi e non se ne faranno una mazza visto che la civilta' sara' finita, che palle!Non avevo mai pensato che un sentimento potesse prevenire l'esecuzione di efferatezze da parte di un "agente", ne terro' conto....
      • Sandro scrive:
        Re: tu ammazza, poi vediamo.
        ... democrazia ... il sistema di governo meno stabile ...LOL
  • Magilla scrive:
    kor1@libero.it
    Ma iRobot da quando esiste? E quanto è grande? Non voglio scatenare flame, ma mi chiedevo come mai non fosse stata citata da apple per il nome, visto che mi pare lo abbia fatto per i-aziende anche più vecchie (potrei essere smentito, eh, non son sicuro).
    • pabloski scrive:
      Re: kor1@libero.it
      iRobot fu fondata nel 1990 da Rodney Brooks, un mostro sacro dell'IA, professore del MIT e creatore del famoso robot Cogè gente che fa maledettamente sul serioho paura che entro il 2013 vedremo sui campi di battaglia i famigerati Gekko della serie Metal Gear Solid 4 :D
Chiudi i commenti