Belgio, antitrust su Apple per iPad

Gli editori si stanno organizzando, Apple lavora per offrire un'alternativa. Ma nel frattempo le autorità europee vogliono capire se il modello attualmente in piedi non avvantaggi troppo Cupertino

Roma – In attesa delle nuove forme di abbonamento per giornali e riviste vendute su iPad, il modello di vendita finora adottato da Apple è finito nel mirino dell’antitrust belga.

Secondo i termini di servizio imposti da Apple, giornali e riviste per iPad in Belgio e Olanda devono essere venduti esclusivamente via iTunes. Secondo il Ministero dell’economia belga “sembra proprio un abuso di posizione dominante”. Il ministro Van Quickenborne ha per questo chiesto all’autorità nazionale garante della concorrenza di investigare la questione, chiedendogli anche di concentrarsi sul 30 percento preteso da Apple su ogni vendita, che “può avere enormi conseguenze per i margini di profitto del settore”.

La possibilità di forme di vendita alternativa a iTunes (per esempio con abbonamenti sottoscrivibili o rinnovabili all’interno dell’applicazione del prodotto editoriale, per aggirare la necessità di scaricare una nuova app per ogni numero) è sentita da numerosi editori: se ne è iniziato a parlare quando Time e Apple sono arrivate ai ferri corti per il metodo di abbonamento sviluppato per l’app della rivista Sports illustrated , e sembra destinata a risolversi in concomitanza del lancio del The Daily di Murdoch, per cui il nuovo modello di abbonamento richiesto dagli editori sembrerebbe ormai pronto .

Oltre all’esordio di The Daily e all’ edicola targata Android annunciata da Google, sul fronte riviste per tablet sembra affacciarsi all’orizzonte la possibilità di vedere un altro contenitore di riviste per tavolette, uno spazio sviluppato da Next Issue Media , una joint venture tra cinque aziende media (tra cui Conde Nast, Hearst Corp, Meredith Corp e News Corp) che servirà per vendere abbonamenti: dopo l’iniziale appeal per il nuovo mezzo, tra problemi di modelli di vendita, prezzi e novità le vendite di riviste su iPad hanno subito una notevole flessione e gli editori stanno cercando di porvi rimedio.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • fear_factor y84 scrive:
    e in italia?
    invece in italia nulla?Fujitsu mi ha risposto "ti attacchi" per un notebook di un amico, lo stesso ha fatto anche Hp con un altro notebook..
  • ROBYONE scrive:
    METTERLE NEL FORNO- QUALCUNO HA PROVATO?
    Questo ragazzo le mette nel forno e le ripara. Io ho un portatile identico a quello del video e quando la mia scheda sfarfalla e da problemi mi vengono i brividi al solo pensiero di perderla completamente.http://www.youtube.com/watch?v=wDXGouSv_X8Se avete il portatile che vedete nel video e provate, potete dirmi se effettivamente questo metodo è efficace e risolutivo?Grazie
    • pr-staff scrive:
      Re: METTERLE NEL FORNO- QUALCUNO HA PROVATO?
      Si, forse funzionano per alcune ore massimo giorni...poi punto e a capo.Il procedimento industriale per le saldature su stagno pcb free Rohs è basato su stringenti profili termici vs tempo.Difficilmente ottenibili con un forno per arrosti...
  • pr-staff scrive:
    Non solo Nvidia...
    Il problema è un pò più complesso e non riguarda solo le GPU Nvidia incriminate (che scaldavano decisamente troppo), ma riguarda in misura anche minore GPU Ati, chipsets Intel e molti altri componenti SMD in formato BGA, qper capirci quelli saldati sulle piastre con delle palline di stagno che non si vedono dall'esterno.La causa è dovuta all introduzione della direttiva Rohs (2006), che ha bandito il piombo (in quanto tossico) da qualunque prodotto in commercio, compreso lo STAGNO prima usato per le saldature dei componenti summenzionati; pertanto la classica lega di stagno precedentemente utilizzata Stagno-Piombo è stata rimpiazzata da una nuova lega Stagno-Argento-Rame e altre varianti cd Lead free ...Il problema è che lo stagno Lead Free è molto sensibile ai cicli termici e poco malleabile,meno morbido rispetto allo stagno "preistorico", in quanto tende a cristallizzare ... e fratturarsi ... ecco perchè alla lunga i componenti perdono il contatto con le piste/piazzole alle quali sono saldati.Perciò oggi ci troviamo di fronte a problemi gia' descritti da alcuni lettori, vedi i vari sony vaio,hp pavilion,apple,dell xps, insieme a un altra pletora di aggeggi elettronici tipo xbox (3 rings of death),ps3,wii, cellulari che MUOIONO in quanto chip critici quali gpu/chipsets/memorie si staccano dai circuiti.Saluti.
  • Renato Romano scrive:
    Sony VAIO
    Ho un Sony Vaio che ha presentato questo difetto, praticamente col caldo il chip video si dissalda...Noi italiani siamo sempre ultimi?
    • Classico Nvidia scrive:
      Re: Sony VAIO
      Sembra in toto la storia drammatica di tutta la serie 8000 e 9000 per desktop...Saldature scadenti... dopo un paio di annetti artefatti a manetta con corrispettivo crash, tanto che uno un giorno l'ha messa in forno pe 10 minuti a 200C°ridando vita alla scheda....l'ho fatto anch'io su una 8800 gts 512 morta, è ritornata in vita.....
  • fear_factor y84 scrive:
    apple..
    apple entro 4 anni te lo sostituisce a gratis, anche in italia (viene sostituita la scheda madre). Te lo posso confermare in quanto ha fatto da cavia un amico..Tanto il pc glielo hai già pagato un paio di volte all'inizio... ci sono già rientrati con i soldi!
    • Sgabbio scrive:
      Re: apple..
      E' sempre stata nella loro politica, se c'è un difetto di progetto o di un componente verso un loro fornitore, ti fanno la sostituzione gratuita anche fuori garanzia.
      • pippO scrive:
        Re: apple..
        - Scritto da: Sgabbio
        E' sempre stata nella loro politica, se c'è un
        difetto di progetto o di un componente verso un
        loro fornitore, ti fanno la sostituzione gratuita
        anche fuori
        garanzia.Vorrei ben vedere, con quello che si fanno strapagare!
      • hahaha scrive:
        Re: apple..
        questo vale per qualunque produttore, in Italia, è la legge ad imporlo non Apple ad essere brava&buona
        • Nome e cognome scrive:
          Re: apple..
          bella XXXXXXX fra 10/10
        • il signor rossi scrive:
          Re: apple..
          - Scritto da: hahaha
          questo vale per qualunque produttore, in Italia,
          è la legge ad imporlo non Apple ad essere
          brava&buonaah ah ah... per prima cosa la garanzia vale 2 anni e non 4, poi prova a farti SOSTITUIRE un oggetto in garanzia e vedi... se sei fortunato ti riparano l'oggetto, se sei sfortunato te ne danno uno di valore inferiore sostenendo che dopo un tot di mesi il tuo oggetto pagato fior di quattrini si è deprezzato, in barba alla legge che regola la garanzia. Lo possono fare, ovviamente, perché siccome sanno che siamo nel paese di Arlecchino e Pulcinella nessuno proverà neanche lontanamente a far valere i suoi diritti tramite la legge...
  • pippO scrive:
    apple???
    Qualcuno ha detto apple?Ma come usa gli stessi componenti "scadenti" di HP e DELL???
    • bubba scrive:
      Re: apple???
      - Scritto da: pippO
      Qualcuno ha detto apple?
      Ma come usa gli stessi componenti "scadenti" di
      HP e
      DELL???e' quello che ho pensato anchio. I costosissimi Apple MacBook Pro da 17'' avevano delle becere nvidia come un HP qualsiasi? e' uno scandalo!:)
    • eppl scrive:
      Re: apple???
      è vero, dovrebbero usare gpu provenienti dalla stella vega, tanto il fax con il teletrasposto l'hanno già mandato alla dott.sa Ellie Arroway.
  • FRancesco Musti scrive:
    e gli acquirenti italiani ....
    che hanno acquistato un prodotto fallato cosa potranno fare ??? nulla come al solito se non soffrire ... notebook hp dv9003 (1.200 dell'epoca) rotto per gpu nvidia difettosa dopo 1 mese della scadenza della garanzia, riparazione in garanzia rifiutata dall'inflessibile assistenza dell'hp e abbandonato per antieconomicità dell'intervento ... vorrei vivere in un paese normale
    • Paolo Nocco scrive:
      Re: e gli acquirenti italiani ....
      Siamo in 2: toshiba SP100-237, Scheda Nvidia GO 7900 GTX, Bruciate per ben 2 volte consecutive le saldature della ram video. 500 a botta. Alla fine ho desistito. Oramai mi sono arreso per quell'intervento. Mai più portatili potenti, poco ma sicuro.
      • r1348 scrive:
        Re: e gli acquirenti italiani ....
        Fortunatamente invece il mio Santech X3610 con 8600M GT funziona ancora benissimo. Quando si vene a conoscenza del problema, contattai il loro supporto e mi dissero che dai loro controlli risultava che le GPU utilizzate non erano parte dei lotti fallati. Effettivamente dopo tre anni e mezzo funziona ancora benissimo!
        • LordAzuzu scrive:
          Re: e gli acquirenti italiani ....
          Anche io ho un Dell Vostro 1500 dal dicembre 2007, con una 8600GT, e funziona alla perfezione (fortunatamente).
          • dont feed the troll/dovella scrive:
            Re: e gli acquirenti italiani ....
            - Scritto da: LordAzuzu
            Anche io ho un Dell Vostro 1500 dal dicembre
            2007, con una 8600GT, e funziona alla perfezione
            (fortunatamente). Eh intanto un Fujitsu-Siemens con 8600M-GS ha fuso la scheda viedo ed è dovuto essere riparato (in garanzia) il suo gemello, invece, benchè sfruttato molto di + è ancora vivo e vegeto.A volte ci vuole anche fortuna.
    • gohan scrive:
      Re: e gli acquirenti italiani ....
      ringrazia chi ha fatto l'attuale legge (praticamente inutile) per la class action italiana.
Chiudi i commenti