Berners-Lee: Apple e Facebook soffocano il web

In un lungo articolo apparso tra le pagine di Scientific American l'allarme sul world wide web in pericolo. Minacciato da ecosistemi isolati di dati o piattaforme recintate e proprietarie

Roma – Si intitola Lunga vita al Web , ed è un lungo articolo che verrà pubblicato sul numero di dicembre della rivista statunitense Scientific American . Un saggio apparso in anteprima sul sito dello stesso magazine a stelle e strisce, firmato dal padre del www, sir Tim Berners-Lee. Sei pagine per spiegare al mondo perché Internet sia un sinonimo di libertà e democrazia , ma anche come un pugno di nuovi protagonisti della Rete minacci quegli stessi principi che da più di un decennio ne rappresentano l’intima forza.

“Il web si è evoluto in uno strumento potente e ubiquo – ha esordito Berners-Lee – dal momento che è stato costruito su principi di uguaglianza nonché sul lavoro di migliaia di individui, università e aziende. Che hanno agito sia in maniera individuale che collettiva come parte del World Wide Web Consortium, affinché lo stesso web potesse espandere le sue possibilità”. Ma il web attuale sarebbe in pericolo, minacciato sotto diversi aspetti.

Alcuni dei nuovi protagonisti dell’IT avrebbero cioé gettato più di un’ombra su un principio fondamentale per la Rete, quello relativo alla sua universalità. Il web rischierebbe così di frammentarsi in una sorta di arcipelago, fatto di tante isole separate , ambienti chiusi in se stessi e dunque slegati da quello che invece dovrebbe essere un unico, gigantesco universo fatto di bit. Ma di quali isole ha parlato Tim Berners-Lee?

Innanzitutto da quelle potenzialmente create da social network come Facebook e Friendster. Siti il cui valore si baserebbe sulle informazioni fornite dagli utenti , aggregate in giganteschi database in attesa di un inevitabile sfruttamento commerciale. “Ognuno di questi siti rappresenta come un silo – ha spiegato Berners-Lee – separato rispetto agli altri. Una volta che si immettono dei dati verso uno di questi servizi, non è facile riutilizzarli in un altro spazio”.

Come dire che le varie pagine personali rimangono presenti in un unico ambiente web, mentre tutte le informazioni inviate o i contenuti postati vengono recintati in quello che in lingua inglese viene chiamato walled-garden . Un ambiente recintato, contrassegnato dalla effe in blu di Facebook o dai profili curriculari di LinkedIn. Ma non di soli social network ha parlato il padre del web. Una decisa stoccata è arrivata a colpire operatori del cavo e provider della Rete .

Il tema è di quelli delicati. “Cosa succederebbe se il vostro provider vi offrisse una connettività più veloce per raggiungere un determinato negozio online di scarpe e al contempo vi complicasse l’accesso agli altri? – si è chiesto Berners-Lee a proposito di neutralità della Rete – Sarebbe un controllo molto potente. Cosa succederebbe se il vostro provider vi complicasse l’accesso a determinati siti, che parlino di una fazione politica o di una particolare religione?”.

Il baronetto del web si è poi scagliato contro Apple, rea di promuovere una visione proprietaria della Rete . In particolare, la piattaforma iTunes rinchiuderebbe i propri utenti in una sorta di mercato obbligatorio, invece di indirizzarli verso un ambiente aperto. L’evoluzione futura dello stesso web sarebbe così limitata ad un pensiero indotto da società come quella di Cupertino. Berners-Lee ha dunque sottolineato come gli indirizzi interni alla piattaforma di Apple inizino sempre con itunes: piuttosto che con http:

“Non si può linkare a qualsivoglia informazione nel mondo di iTunes – si può leggere ancora – Non si può inviare quel link a qualcun’altro. Non si è più sul web”. Web che andrebbe invece preservato, sempre secondo Berners-Lee, proprio nella sua integrità e universalità. La strada da percorrere andrebbe perciò verso gli standard aperti, non verso ecosistemi chiusi e centralizzati come quelli social o al gusto Mela.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Ghostdog scrive:
    ignoranza giudici
    non poter fare quello che l'ingiunzione comanda loro", vale a dire far cessare urbi et orbi la circolazione del codice open source di LimeWire in qualunque forma possibile.fantastico!!è qui si palesa l'ignoranza dei giudici nel trattare la materia... mi chiedo come possano pronunciarsi e scrivere un ingiunzione se non sanno di cosa stanno parlando, dovrebbero fare come qul giudice inglese tempo fa con torrent, dichiarando di non comprendere a fondo la materia a passato la palla ad uno più giovane.
    • ovvero scrive:
      Re: ignoranza giudici
      tipo te, che sai tutto, e che ogni giorno ti rubi software, giochi e film che avresti dovuto pagare ma, non si capisce per quale diritto divino, pensi di meritarli gratis e visto che ci sei anche di sparlare contro questo o quello che non ti vogliono lasciar rubare in pace, povero ciccio, e poi andate a fare gli stage a 200 euro al mese e non capite come sia potuto succedere. Sara' perche' il paese e' pieno di gente come te che pensa di avere solo diritti e nessun dovere?non rispondermi, tanto gia' so che idiozie scriveresti e mi molesterei nel leggerle
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: ignoranza giudici
        Ti rispondo io: sì, i beni digitali devono essere gratuiti.Tu pensi forse di meritarti i soldi a scrocco, senza lavorare?
        • ovvero scrive:
          Re: ignoranza giudici
          e che bello lui, tu pensi di avere la autorita' di stabilire che una cosa e' gratuita anche se non l'hai fatta tu? e chi sei? il re?nessuno ti da questa autorita' che appartiene a chi il bene digitale lo fa, e se non ti sta bene non te lo comprare
          • uno qualsiasi scrive:
            Re: ignoranza giudici
            - Scritto da: ovvero
            e che bello lui, tu pensi di avere la autorita'
            di stabilire che una cosa e' gratuita anche se
            non l'hai fatta tu?L'originale non è gratuito.Ma la copia posso farmela io. Quindi pretendo che la copia sia gratuita.
            e chi sei? il re?Sono uno qualsiasi.
            nessuno ti da questa autorita' che appartiene a
            chi il bene digitale lo fa, e se non ti sta bene
            non te lo
            comprareInfatti scaricando una copia non c'è bisogno di comprare nulla. Non ti sta bene? Non divulgare il bene digitale! Nessuno ti obbliga.
          • ovvero scrive:
            Re: ignoranza giudici
            quelli come te si chiamano ladri
  • brunoliegib astonliegi scrive:
    e sì
    Il problema del filesharing è la pedoXXXXXgrafia.Interessante.Forse perchè le major non hanno ancora trovato il modo di farci dell'utile.
  • suocmel scrive:
    L'OpenSource diventerà illegale
    è chiaro come dietro alla pedoXXXXXgrafia e alle violazioni del copiright ci sia la responsabilità di Stallaman e soci che hanno dato vita al movimento freesoftware e opensource consentendo la libera circolazione e tutela di codice pirata!
  • Guybrush Fuorisede scrive:
    Limewire - RIAA edition
    Dopo questa sparata, quella di Riaa contro limewire mi verrebbe da suggerire una versione "RIAA" o "MAFIAA" approved.Pirata per pirata perche' non invitare i suddetti signori a fare causa a se stessi? Fosse la volta buona...Ok era solo per farsi due risate eh? Di sicuro non saro' io a pubblicare una versione coi loghi della RIAA sopra. Avrebbe un aspetto poco rassicurante.GTFS
Chiudi i commenti