Big Brother Award, vince solo Julian Assange

Assegnato al founder di Wikileaks il premio Winston Smith - Eroe della privacy. Niente onorificenze in negativo, causa diffide
Assegnato al founder di Wikileaks il premio Winston Smith - Eroe della privacy. Niente onorificenze in negativo, causa diffide

“Per la sua indefessa opera a favore della trasparenza e della public disclosure , nuova frontiera per la difesa dei diritti civili digitali”. Quest’anno, il premio Winston Smith – Eroe della privacy è stato assegnato al founder di Wikileaks Julian Assange , che ha così trionfato nel corso dell’ultima edizione del Big Brother Award (BBA), iniziativa abbinata ad e-privacy e nata per eleggere chi più ha danneggiato la privacy nell’anno in corso.

In verità, è stata una manifestazione molto diversa da quella celebrata negli anni precedenti: la cerimonia di premiazione dei BBA non ha assegnato alcun riconoscimento in negativo. “Gli usuali contatti che vengono presi, ove possibile, con i nominati e/o i premiati, hanno provocato ammonimenti da uffici legali che ventilavano possibili denunce”, si legge in un recente post sul sito bba.winstonsmith.org .

E così dopo corpose edizioni 2010 e 2011 , dal momento che gli organizzatori di BBA hanno preferito evitare premi negativi e limitarsi al solo eroe della privacy . Anche qui una novità: dopo aver perso di un soffio contro Stefano Rodotà, Julian Assange era di fatto l’unico – “meritatissimo” – nominato per la targa assegnata dal Progetto Winston Smith.

“L’immancabile ma nuovo personaggio a sorpresa ha perciò provveduto a ritirare il trofeo, dato che l’indirizzo attuale di Julian Assange è ben noto (Ambasciata dell’Ecuador a Londra) – si legge ancora nel post – non essendo la sua mancata presenza volontaria, è stata decisa una campagna per fargli avere il premio”. Chiunque potrà inviare un file contenente l’attestato agli indirizzi forniti dalla stessa crew di BBA.

Mauro Vecchio

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

25 06 2012
Link copiato negli appunti