BigG, policy e polveroni

Su richiesta dell'autorità giudiziaria, Google fa sapere alla Procura di Milano che i dati degli utenti non sempre vanno rivelati. C'è chi invoca un intervento dell'Unione Europea

Roma – Google si riserva il diritto di decidere se e quali dati degli utenti fornire alle autorità giudiziarie nel caso in cui fosse richiesto. È quanto ha fatto sapere Nicole Wong, general counsel di BigG.

La Procura di Milano avrebbe ricevuto una lettera da parte di Wong in cui la dirigente avrebbe dichiarato che anche “in presenza di specifiche circostanze di emergenza che implicano un imminente pericolo di morte o di gravi lesioni fisiche”, Google si assume la responsabilità di subordinare alla “propria discrezione” la comunicazione dei dati in questione.

E non è tutto. I dati, avrebbe aggiunto Wong, sono in ogni caso conservati da BigG solo per 30 giorni.

Sulle dichiarazioni contenute nella lettera si è alzato un polverone e sarebbero proprio tali dichiarazioni a imporre un intervento legislativo europeo. O almeno è quanto affermato da Tiziano Motti, europarlamentare del Ppe. “Lo scontro in atto fra Google e le autorità giudiziarie italiane – ha dichiarato Motti – è la prova concreta della necessità di un intervento legislativo chiaro, rapido e determinante non solo dell’Italia ma anche e soprattutto dell’Unione Europea per la tutela dei diritti del cittadino.”

L’obiettivo da raggiungere secondo Motti sarebbe quello di difendere il cittadino dai reati di concorso in diffamazione commessi con la mediazione della Rete.

Altra dichiarazione rimproverata a Nicole Wong è quella che riguarda la conservazione dei dati degli account da parte di BigG. Come già detto, Google, nonostante quanto deciso a livello europeo, avrebbe fatto sapere di mantenerli solo 30 giorni, cosa che sarebbe contraria alla normativa italiana che, spiega Motti in una nota, ne prevede la conservazione per 12 mesi.

A complicare la faccenda contribuisce il fatto che tali dichiarazioni sopraggiungano alla vigilia dell’udienza che vede quattro dirigenti di BigG imputati di concorso in diffamazione e violazione della privacy. L’accusa si riferisce alla pubblicazione su Google Video nel 2006 di una clip in cui veniva mostrato un bambino disabile vessato da coetanei. L’associazione Vividown si era subito fatta avanti per l’avvio di un procedimento legale contro Google.

In ogni caso, in merito al polverone alzato dalle dichiarazioni di Nicole Wong, BigG ha appena fatto sapere di aver sempre cooperato con le autorità nazionali e che dunque non sussisterebbe alcun braccio di ferro tra i due soggetti. Inoltre, nella replica diffusa oggi, BigG sottolinea di aver “sempre collaborato per l’individuazione di gesti criminosi e, nello stesso tempo, per la tutela della privacy dei cittadini onesti”.

Federica Ricca

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ruppolo scrive:
    Una minaccia che non riguarda l'iPhone
    Una minaccia che non riguarda l'iPhone, che è il più utilizzato in Internet, quindi, di fatto, il malware mobile non è una minaccia.
    • cinghia scrive:
      Re: Una minaccia che non riguarda l'iPhone
      Ah bè se lo dici tu allora ci credo, e corro a comprarmi l'iPhone.
      • ciao scrive:
        Re: Una minaccia che non riguarda l'iPhone
        - Scritto da: cinghia
        Ah bè se lo dici tu allora ci credo, e corro a
        comprarmi
        l'iPhone.Lo dice lui, lo dico io e te lo dicono altri 20 milioni di possessori di iPhone
        • pippO scrive:
          Re: Una minaccia che non riguarda l'iPhone

          - Scritto da: cinghia

          Ah bè se lo dici tu allora ci credo, e corro a

          comprarmi

          l'iPhone.

          Lo dice lui, lo dico io e te lo dicono altri 20
          milioni di possessori di
          iPhoneride bene...
  • Anonymous scrive:
    E' tutta colpa del Norton..
    .. no, niente polemiche. Mi è capitato semplicemente, anni fa, d'aver installato le versioni di Norton Utilities per Win95A (o forse 3.1) su Win95B. Il sistema, misteriosamente, vedeva solo 1 Gbyte di memoria, su di un HD da 6,5. Tolto quello, è tornato tutto apposto.Frase finale: "Tutta colpa del Norton".
  • attonito scrive:
    nokia 5110
    rubrica, calcolarice, snake e basta.macch'e' java, malware e menate varie: voglio un telefono che telefoni e basta.SMARTphone? MORONphone, direi.PS: i minchionazzi soliti che attaccano la XXXXX del "ma sei rimasto alle caverne", "quelli come te fermano l'innovazione", etc etc si possono accomodare 4ff4ncul0, please.
  • MeX scrive:
    adesso forse...
    si capisce perché Apple ha creato l'appStore? ah tra l'altro...http://www.apple.com/pr/library/2009/09/28appstore.html
  • Ballmer scrive:
    E' tutta colpa di linux
    Come al solito, la diffusione di virus, malware e compagnia bella è tutta colpa di linux. Oltre ad essere pesante come un mattone, costare una cifra, blindato da DRM ecc... è anche bucato come un groviera!Ah, per fortuna che sul mio server ho Windows Server 2008, e sto tranquillo!
    • Chuck Norris scrive:
      Re: E' tutta colpa di linux
      Ah ah ah! Per un attimo ho pensato che scrivessi seriamente! Carina anche quella del Windows Server 2008 sicuro!! Brillante!! :)
    • Funz scrive:
      Re: E' tutta colpa di linux
      - Scritto da: Ballmer
      Come al solito, la diffusione di virus, malware e
      compagnia bella è tutta colpa di linux. Oltre ad
      essere pesante come un mattone, costare una
      cifra, blindato da DRM ecc... è anche bucato come
      un
      groviera!

      Ah, per fortuna che sul mio server ho Windows
      Server 2008, e sto
      tranquillo!Ecco, qui sei già migliorato, almeno si capisce che ci prendi per il cu*o :D 7/10Devi ancora lavorare sul nick, però
    • iRoby scrive:
      Re: E' tutta colpa di linux
      Intanto è colpa di Windows e della tua ignoranza se hai scritto E' con apostrofo invece che È con l'accento. Se avessi usato Linux ti sarebbe bastato accendere il caps lock per avere l'accentata corretta.Poi si dice che Linux è limitato e la Microsoft con tutti i suoi milioni non riesce neppure a farti scrivere un'accentata corretta...Alt+0200 Èle altre trovatele da solo...
Chiudi i commenti