Blizzard e il WoW pirata, tolleranza zero

Il publisher statunitense torna sulla questione Nostalrius. La chiusura del server è giustificata dalla necessità di preservare la proprietà intellettuale. Chi vuole giocare dovrà farlo sui server ufficiali
Il publisher statunitense torna sulla questione Nostalrius. La chiusura del server è giustificata dalla necessità di preservare la proprietà intellettuale. Chi vuole giocare dovrà farlo sui server ufficiali

Lasciato passare qualche giorno dalla diffida inviata al progetto Nostralrius , Blizzard è ora intervenuta direttamente nella questione giustificando una mossa che, a suo dire, era a dir poco necessaria per salvaguardare la proprietà intellettuale di World of Warcraft (WoW).

Il server Nostalrius era la “casa” scelta da centinaia di migliaia di giocatori di WoW interessati a popolare le vecchie versioni di uno degli MMORPG più longevi in circolazione, un’iniziativa in ogni caso ritenuta illegale che è stata messa a tacere dagli avvocati di Blizzard nonostante la natura dichiaratamente amatoriale – e non commerciale – del progetto.

Intervenuto sul forum ufficiale di WoW , il produttore esecutivo e vice-presidente dell’azienda con responsabilità diretta per il gioco, J. Allen Brack ha escluso in maniera perentoria la possibilità che Nostalrius venga autorizzato a risorgere: la mancata protezione dalle infrazioni alla proprietà intellettuale di WoW danneggerebbe i diritti e il business di Blizzard, ha detto Brack.

Lo stesso principio va applicato a qualsiasi iniziativa sia correlata a WoW, ha dichiarato il dirigente, inclusi i server non autorizzati come Nostalrius e i tanti altri ancora in circolazione. La concessione di una licenza operativa a un server pirata è fuori discussione.

Per quanto riguarda le esigenze specifiche di una community come quella di Nostalrius, infine, Blizzard ha fatto due calcoli e ha deciso che non ne vale la pena: l’integrazione dei server classici – con il mondo di gioco in formato “vaniglia”, senza estensioni o funzionalità recenti – nell’infrastruttura ufficiale di WoW sarebbe difficile e, in ultima istanza, anti-economica. Gli utenti interessati dovranno quindi accontentarsi dei server pirata ancora in circolazione, anche se questo Blizzard non lo dice.

Alfonso Maruccia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

02 05 2016
Link copiato negli appunti