Bloccato webspot di TIN.it

L'Autorità Antitrust ha ordinato la sospensione di un messaggio comparativo che non trattava nel modo migliore il competitor Tiscali


Roma – La battaglia tra i grandi operatori per il mercato dell’accesso ad internet si svolge anche a colpi di ricorso, come quello che ha spinto l’Autorità Antitrust a bloccare un messaggio promozionale che è stato diffuso su Virgilio da TIN.it .

Secondo l’Antitrust , le giustificazioni di Telecom Italia per quel messaggio non sono congruenti, in quanto la nota apparsa online non è una semplice comunicazione ma è “un messaggio pubblicitario in quanto, illustrando i costi di collegamento a Internet con TIN.it, è diretta a rappresentare agli utenti la convenienza di tale collegamento tramite il numero unico con prefisso 702, inducendoli a privilegiare tale forma di abbonamento”.

L’Autorità di controllo del mercato ritiene quella pubblicità comparativa perché “realizza un confronto diretto ed esplicito tra i prezzi del servizio dell’operatore pubblicitario TIN.it e quelli del concorrente Tiscali, chiaramente identificato”. Senza però contenere “alcun riferimento al fatto che i costi indicati attengono alla connessione a Internet tramite i POP di TIN.it”. Con la conseguenze che i consumatori potrebbero essere “indotti in errore”.

Il procedimento Antitrust si conclude dunque con la richiesta di sospensione e la minaccia di sanzioni qualora il messaggio – che ha già circolato – sia riproposto.

nota: (Sul mercato del Free Internet di alta qualità è giunto in questi giorni anche Punto Informatico che propone PI+ Free Internet )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    L'aggiornamento serve a tutti.
    Il governo continua a parlare di aggiornamento continuo e di prolungamento dell'attivita' lavorativa, ma le possibilita' di formazione sono riservate solo a categorie delimitate.Io ho 50 anni, e faccio software da 30.Per restare parzialmente aggiornato spendo piu' di meta' del mio tempo (e rinuncio a piu' di meta' del mio possibile reddito) leggendo, consultando Internet, chiedendo a quei (pochi) colleghi che sono disposti a condividere le loro conoscenze.Invece si insegna solo ai giovani, solo al sud, solo ai carcerati.Giusto, necessario e utile, ma per chi ha bisogno di non essere buttato fuori dal suo lavoro non c'e' niente.I corsi privati per l'informatica sono costosissimi, tanto che solo pochi privilegiati, o imprese (non piccole) si possono permettere.
  • Anonimo scrive:
    Avanti c'è posto.....
    ...tanto, no ?Già siamo troppi in questo settore.......già è in crisi e non c'è ciccia per tutti........già non c'è niente e nessuno che certifichi ufficialmente la nostra professionalità e ci garantisca uno stipendio adeguato (senza offesa, ma mi sono rotto di prendere quanto un normale impiegato...)...e vogliamo riclicare qui una massa di disoccupati che non hanno voglia di fare altro se non smanettare su un PC, dando loro un "patentino" da informatico ?...come mai nessuno propone a questi da fare l'infermiere ? (informatevi sulla carenza e sugli stipendi...)Non basta saper appoggiare le mani sulla tastiera per usare il PC !!!!!
    • Anonimo scrive:
      Re: Avanti c'è posto.....
      secondo si perde di vista il fatto che oggigiorno il mondo dell'ict pervade qualsiasi aspetto della vita quotidiana. nessuno ha intenzione di rubare il lavoro ai tecnici, ma la specializzazione in e-content per es. è un qualcosa che a mio avviso farebbe meglio chi si occupa di ciascun singolo argomenti di riferimento. un portale del fisco, per es., avrà bisogno di un consulente in materia fiscale, mentre il sito web di chi fa ingegneria lo seguirà (sempre dal p.d.v. dei contenuti) un ing.NO?! perchè accanirsi contro chi cerca di rinnovare la professionalità degli esperti in discipline umanistiche alla luce dei cambiamenti che la società sta vivendo?
      • Anonimo scrive:
        Re: Avanti c'è posto.....

        perchè accanirsi contro chi cerca di
        rinnovare la professionalità degli esperti
        in discipline umanistiche alla luce dei
        cambiamenti che la società sta vivendo?Perché, come già sta accadendo, tutti coloro che mettono mano su una tastiera, si ritengono super esperti di ICT.Tutti quelli che fanno un generico "corso di computer" pensano di poter fare i tecnici, i sistemisti, gli esperti ecc...Ti rendi conto che l'informatica è l'unico settore che non ha un albo ? Un qualcosa che tuteli la professionalità di chi ci lavora da 10 e più anni ?che oggi può fare un sistemista sia un ingegnere che un diplomatino di 19 anni ??Prima delineiamo le competenze, le responsabilità e gli stipendi, poi ammaestriamo i portatori di contenuti ad utilizzarli nelle nuove tecnologie...
    • Anonimo scrive:
      Re: Avanti c'è posto.....
      scherzi? a improvvisarsi infermiere si rischia di far morire qualcuno. improvvisarsi informatico è nella norma. gli orecchianti provocano giornalmente danni su danni e il crollo della new economy è anche colpa loro. di tutti quelli che venendo dal marketing, dalla pubblicità e altro hanno pensato bene di buttarsi nella tecnologia.manca la sensibilità....
  • Anonimo scrive:
    I diritti o sono di tutti o non sono di nessuno
    Se sono giusti questi corsi riservati ai residenti al meridione allora io pretendo non solo altrettarnti corsi riservati ai residenti nel Nord ma anche concorsi pubblici aperti solo ai residenti nel Nord, personale delle scuole, ospedali, poste, finanze eccetera. Non e' giusto che al meridione abbiano dei diritti e dei privilegi che al Nord non abbiamo. I diritti o sono di tutti o non sono di nessuno.
    • Anonimo scrive:
      Re: I diritti o sono di tutti o non sono di nessuno
      proprio perchè i diritti devono essere di tutti,ti ricordo che il popolo del Mezzogiorno d'Italia, così come la categoria delle donne, così come i bambini, così come gli alluvionati, così come i terremotati, ma per ragioni ben più strutturali (ovvero difficili da risolvere), soffre di un gap economico che solo le leggi nazionali, e a questo punto sovranazionali (U.E.), possono colmare.del resto qualcosa bisognerà pur fare per evitare che noi meridionali continuiamo, con la nostra preparazione culturale, a fare il bene delle aziende (e non solo) del Nord.
      • Anonimo scrive:
        Re: I diritti o sono di tutti o non sono di nessuno
        E l'unica soluzione che sapete trovare e' piangere per farvi assegnare diritti che agli altri sono negati e trasferimenti statali (pagati da quelli che lavorano e che le tasse le pagano) vero? Dopo le decine di migliaia di miliardi che il sud divora ogni anno, anche questi corsi retribuiti ne sono un tassello, avete ancora il coraggio di raccontare la barzelletta delle aziende del Nord? Veramente patetico.
      • Anonimo scrive:
        Oltre al danno la beffa
        Caro Viger oltre al danno la beffa perche' per frequentare i corsi riservati al sud non solo non si tira fuori una lira di tasca propria ma si viene pagati! Viaggio pagato e 3 euro all'ora. Vuol dire che se si fanno 6 ore al giorno si prendono 360 euro al mese, 700 mila lire! Semplicemente scandaloso.
        • Anonimo scrive:
          Re: Oltre al danno la beffa
          Sappi che sto piangendo come un bambino di tre anni a cui hanno rubato il gelato.Comunque non mi aspettavo nulla di diverso, se pensi a come funzionano (o meglio non funzionano) la Sicilia e la Sardegna (hanno fatto un interessante servizio sulle regioni autonome su Report [la trasmissione di rai tre] un po di tempo fa) non sapevo se ridere o piangere già allora.Non sono razzista, ma la notte invece di Claudia Schiffer sogno il capo del governo che dice al presidente della regione Sicilia "da adesso in poi non riceverete più un soldo dallo stato, dovete cavarvela da soli, siete o no una regione a statuto autonomo :) " poi alla mattina mi sveglio e scopro che ho solo sognato :(
          • Anonimo scrive:
            Re: Oltre al danno la beffa
            Cari Viger e Daniele se siete convinti che il sud sia il paradiso terrestre, che nessuno faccia niente (o abbia voglia di far niente) xchè tanto i soldi glieli date voi (!), che qui si abbiano più diritti che al nord (!!!), che insomma basta essere residenti in una qualsiasi regione meridionale per avere ogni possibile ed immaginabile privilegio etc. etc., beh, che cosa aspettate a trasferirvi? mi sembra da fessi non farlo con queste premesse...Se invece volete trattare l'argomento in maniera seria (e non RAZZISTA, perchè è questo il modo in cui l'avete trattato nonostante entrambi abbiate messo le mani avanti) allora possiamo anche parlare degli sprechi operati dallo stato, dalle regioni e da qualsiasi ente statale che pensava di risolvere i problemi del sud semplicemente inviando finanziamenti che in realtà chissà in quali tasche sono andati a finire.Ma venirmi a dire che chi abita al sud ha più diritti degli altri è roba da ridere e se non ci credete venite a viverci, badate, non a passarci un periodo limitato di tempo, magari per ferie, no io dico proprio a viverci, qualche mese, qualche anno... cambierete idea statene certi...Che vi costa provare? Per voi questo tanto è il paradiso terrestre, vero?ZALEUKOS
      • Anonimo scrive:
        Re: I diritti o sono di tutti o non sono di nessuno
        - Scritto da: isabella
        proprio perchè i diritti devono essere di
        tutti,
        ti ricordo che il popolo del Mezzogiorno
        d'Italia, così come la categoria delle
        donne, così come i bambini, così come gli
        alluvionati, così come i terremotati, ma per
        ragioni ben più strutturali (ovvero
        difficili da risolvere), soffre di un gap
        economico che solo le leggi nazionali, e a
        questo punto sovranazionali (U.E.), possono
        colmare.Cavolo, credevo che il problema del Meridione italiano riguardasse solo l'Italia.Sta diventanto un problema sovranazionale o adirittura mondiale?Comunque molti si stanno "meridionalizzando" anche qui e presto anche il nord Italia diventera' zona "disagiata" bisognosa di "leggi" nazionali e sovranazionali per mantenerci.
        del resto qualcosa bisognerà pur fare per
        evitare che noi meridionali continuiamo, con
        la nostra preparazione culturale, a fare il
        bene delle aziende (e non solo) del Nord.SI! ma fatelo presto.Per il momento la "preparazione culturale" dei meridionali la possiamo ammirare soprattutto nella pubblica amministrazione. ;-)
    • Anonimo scrive:
      Re: I diritti SONO SOLO DEL NORD CHE CONTINUA
      AD ARRICHIRSI.ONESTAMENTE E LA SOLITA TROVATA DI VOI CAPITALISTI DEL NORD, NE AVETE GIA SPERIMENTATE TANTE, SGRAVI FISCALI SE COSTRUIVATE AZIENDE AL SUD, AZIENDE COSTRUITE NEL PURO NIENTE CHE RIMANEVANO IN PIEDI GIUSTO IL TEMPO PER INTASCARE I SOLDI (E POI QUANDO QUALCUNO CHIEDEVE PERCHE AI CHIUSO RISPOSTA LA MAFIA), E CENTINAIA DI ALTRE TROVATE, QUESTA E L'ULTIMA DI VOI FURBONI, ISTRUIRE I GIOVANI INTELLETUALI DEL SUD PER POI FAGOCITARLI AL NORD (VISTO CHE I VOSTRI FIGLIOLI PIù CHE ANDARE PER CENTRI BENESSERE, E PARADISI TROPICALI NON SANNO FARE).
    • Anonimo scrive:
      Re: I diritti o sono di tutti o non sono di nessuno
      Sono perfettamente in accordo con quanto dice Anna, io sono una ragazza Calabrese laureata in Scienze Economiche e Bancarie a Siena e lavoro per una società di informatica a Siena, dopo la laurea sono stata in Calabria, ho seguito un corso di 2 anni finanziato dalla comunità Europea, .....per lo sviluppo in Regioni disagiate....ma ditemi ora dove sono? dove lavoro? forse in Calabria? Non di certo, il progetto era finaziato dall'UE, la società che lo gestiva Emiliana...e i miliardi per farlo sono andati nelle tasche di docenti Emiliani, Toscani, Gallesi, Australiani, etc..etc...e una buona parte di corsiste (eravamo tutte donne) siamo a lavorare al Nord o al Centro!!!Bene allora a chi serviva realmente quel corso? a chi serve realmente tenere le Regioni Meridionali sotto il giogo della disoccupazione???
    • Anonimo scrive:
      per la redazione
      avete soppresso il mio post ma il post di questo personaggio molto più razzizta e offensivo del mio e ancora qui.questa volta la redazione di PI ha toppato clamorosamente.- Scritto da: Daniele
      Se sono giusti questi corsi riservati ai
      residenti al meridione allora io pretendo
      non solo altrettarnti corsi riservati ai
      residenti nel Nord ma anche concorsi
      pubblici aperti solo ai residenti nel Nord,
      personale delle scuole, ospedali, poste,
      finanze eccetera. Non e' giusto che al
      meridione abbiano dei diritti e dei
      privilegi che al Nord non abbiamo. I diritti
      o sono di tutti o non sono di nessuno.
      • Anonimo scrive:
        Re: per la redazione
        Veramente spiega solamente che non trova giusto che un disoccupato al sud sia trattato diversamente da uno del nord, ed io essendo disoccupato del nord NON POSSO CHE DARGLI RAGIONE.Se questo è essere razzisti allora lo siamo tutti quando ci tocca di persona non credi?
        • Anonimo scrive:
          Re: per la redazione
          non posso che esser daccordo con voi. Lo skill shortage è un dato di fatto e la rivalutazione delle cosidette "lauree deboli" dovrebbe esser fatta sul tutto il territorio nazionale.... anche se questa mi puzza come il solito "contentino per far bella figura" quando qui in Italia abbiamo una situzione per l'occupazione nell'ICT abbastanza critica.byeP.S.:dimenticavo.... sono ovviamente disoccupato e del meridione ;) e nonostante ciò trovo assurdo che si propongano ancora situazioni del genere. Le iniziative o si fanno sul territorio Nazionale o non le si dovrebbero fare affatto.
      • Anonimo scrive:
        Re: per la redazione
        Io penso che il tuo post è stato icsato per via del tutto maiuscolo, che qui su PI non è tollerato, come da policy per altro.Alien lo sa bene!
      • Anonimo scrive:
        Re: per la redazione

        ONESTAMENTE E LA SOLITA TROVATA DI VOI
        CAPITALISTI DEL NORD, NE AVETE GIA SPERIMENTATE Ah si? aspetta che parcheggio la ferrari, e ti rispondo.
        TANTE, SGRAVI FISCALI SE COSTRUIVATE AZIENDE AL E si, e proprio vero, qui al nord ci siamo tutti arricchiti con i contributi del Sud.
        SUD, AZIENDE COSTRUITE NEL PURO NIENTE CHE Nel puro niente?
        RIMANEVANO IN PIEDI GIUSTO IL TEMPO PER
        INTASCARE I SOLDI (E POI QUANDO QUALCUNO
        CHIEDEVE PERCHE AI CHIUSO RISPOSTA LA MAFIA), E La mafia? a si e' vero e' solo una fiaba che si racconta per spaventare i bimbetti.
        CENTINAIA DI ALTRE TROVATE, QUESTA E L'ULTIMA DI
        VOI FURBONI, ISTRUIRE I GIOVANI INTELLETUALI DEL
        SUD PER POI FAGOCITARLI AL NORD (VISTO CHE I Si e' vero, peccato che adesso stiano preferendo gli intellettuali rumeni e sudafricani.
        VOSTRI FIGLIOLI PIù CHE ANDARE PER CENTRI
        BENESSERE, E PARADISI TROPICALI NON SANNO FARE).Eh si dopo una giornata di 12 ore di lavoro, e' sempre un problema sceglire se andare al centro benessere o al paradiso tropicale o dedicarsi lavori di casa.PS:Mi sa che sta' guerra tra poveri non ci portera' lontano
        • Anonimo scrive:
          Re: per la redazione
          Hai detto bene: è una inutile guerra tra poveri... Ma quanto si tocca l'argomento nord/sud continuiamo a cascarci facendoci solo del male a vicenda...
        • Anonimo scrive:
          Re: per la redazione (ma fammi il piacere tu)
          - Scritto da: Ma mi faccia il piacere!

          ONESTAMENTE E LA SOLITA TROVATA DI VOI

          CAPITALISTI DEL NORD, NE AVETE GIA
          SPERIMENTATE

          Ah si? aspetta che parcheggio la ferrari, e
          ti rispondo.cosa dire che sei limitato non guardare al particolare ma guarda al totale e ovvio che non tutti quelli del nord sono ricchi e sfruttano il sud quindi cerca di farmi il favore tu di starte zitto.

          TANTE, SGRAVI FISCALI SE COSTRUIVATE
          AZIENDE AL

          E si, e proprio vero, qui al nord ci siamo
          tutti arricchiti con i contributi del Sud.una buona parte si.


          SUD, AZIENDE COSTRUITE NEL PURO NIENTE CHE

          Nel puro niente?come chiami un azienda costruita in una vallata senza neanche strade di accesso e infrastutture.

          RIMANEVANO IN PIEDI GIUSTO IL TEMPO PER

          INTASCARE I SOLDI (E POI QUANDO QUALCUNO

          CHIEDEVE PERCHE AI CHIUSO RISPOSTA LA
          MAFIA), E

          La mafia? a si e' vero e' solo una fiaba che
          si racconta per spaventare i bimbetti.no e il solito mezzo per giustificare i fallimenti programmati.

          CENTINAIA DI ALTRE TROVATE, QUESTA E
          L'ULTIMA DI
          VOI FURBONI, ISTRUIRE I GIOVANI
          INTELLETUALI DEL
          SUD PER POI FAGOCITARLI AL
          NORD (VISTO CHE I

          Si e' vero, peccato che adesso stiano
          preferendo gli intellettuali rumeni e
          sudafricani.infatti invece di aiutare queste popolazioni nello sviluppo i capitalisti come voi cosa fanno semplice depredano le conoscenze in paesi del terzo mondo, che spendono soldi per istruire la loro classe dirigente del futuro, ma a causa delle sirene capitaliste non hanno nessun rientro, anzi contribuiscono ad aumentare la richezza dei paesi gia ricchi. VERGOGNA

          VOSTRI FIGLIOLI PIù CHE ANDARE PER CENTRI

          BENESSERE, E PARADISI TROPICALI NON SANNO
          FARE).

          Eh si dopo una giornata di 12 ore di lavoro,
          e' sempre un problema sceglire se andare al
          centro benessere o al paradiso tropicale o
          dedicarsi lavori di casa.
          cosa dire del tuo ultimo intervento, semplice se uno del nord come te non capisce la metafora che stava dietro al mio intervento significa che state messi molto male in fatto d'inteliggenza.
          • Anonimo scrive:
            Re: per la redazione (ma fammi il piacere tu)

            cerca di farmi il
            favore tu di starte zitto.Ti piacerebbe che gli altri stessero zitti ad ascoltare le tue sparate eh? :-D



            TANTE, SGRAVI FISCALI SE COSTRUIVATE

            AZIENDE AL



            E si, e proprio vero, qui al nord ci siamo

            tutti arricchiti con i contributi del Sud.

            una buona parte si.:-DDDDDDDProva a cercare i nomi e cognomi di quelli che amministrano queste aziende tutti di orignine valdostana :-DDDDD

            no e il solito mezzo per giustificare i
            fallimenti programmati.Bhe, se ne sei convinto... avrai i tuoi motivi.

            infatti invece di aiutare queste popolazioni
            nello sviluppo i capitalisti come voi cosaSi e' vero qui al nord siamo tutti capitalisti pieni di soldi e tutti hanno la loro piccola piantagione di cotone dove lavorano gli intelettuali del Sud :-DDDDDDMa fammi un favore va!!
            fanno semplice depredano le conoscenze in
            paesi del terzo mondo, che spendono soldi
            per istruire la loro classe dirigente del
            futuro, ma a causa delle sirene capitaliste
            non hanno nessun rientro, anzi
            contribuiscono ad aumentare la richezza dei
            paesi gia ricchi.
            VERGOGNAAttualmente la richiesta di intellettuali e' molto in ribasso, al Nord siamo pienissimi di intelettuali, le aziende cercano operai specializzati.



            VOSTRI FIGLIOLI PIù CHE ANDARE PER CENTRI


            BENESSERE, E PARADISI TROPICALI NON SANNO

            FARE).



            Eh si dopo una giornata di 12 ore di
            lavoro,

            e' sempre un problema sceglire se andare
            al

            centro benessere o al paradiso tropicale o

            dedicarsi lavori di casa.


            cosa dire del tuo ultimo intervento,
            semplice se uno del nord come te non capisce
            la metafora che stava dietro al mio
            intervento significa che state messi molto
            male in fatto d'inteliggenza.Meno male che ci sei tu che strabordi intelligenza da tutte le parti e basti e avanzi per tutti :-DDDDMeno male che i razzisti siamo noi:-DDDD
  • Anonimo scrive:
    per cortesia non usiamo il settore dell'informatic
    a per reciclare persone con titoli di studio non spendibili.Bisogna inculcare nelle menti di chi fa queste pensate che se un settore presenta carenze di personale, non e detto che debba essere usato per riconvertire qualunque persona (motivata forse solo dalla voglia di avere un posto di lavoro).e facile fare questo al costo di svalutare un settore già strapieno di smanettoni e ignurant.chiedo a chi realizza queste genialate di sforzarsi un po di più e aiutare chi non riesce a trovare un lavoro, indirizzandoli verso percorsi più congeniali al loro titolo di studio, in fondo sono pagati per questo (pensare ma a quanto pare non è il loro forte)
    • Anonimo scrive:
      Re: per cortesia non usiamo il settore dell'informatic
      in effetti questa è una cosa che capita spesso.l'informatica è vista come un riciclo.forse perchè è considerato un settore giovane ma in realtà la new economy (piaga del XX/XXI secolo) ha dato una visione contorta del settore.Il concetto della professionalità non è ancora associato all' informatica. Chissà quando lo sarà.
  • Anonimo scrive:
    Il link non funziona
    Il link proposto nell'articolo non funziona!
Chiudi i commenti