Blog italiani, online il questionario di DiarioAperto

La prima indagine collaborativa sul blogging procede: realizzato grazie a molti contributi giunti in queste settimane, il questionario aperto a tutti i blogger e ai frequentatori di blog è ora online e pronto per l'uso

Roma – Finalmente è online il questionario della ricerca DiarioAperto sui blog. Dopo una prima fase di raccolta di domande che ha visto un’ampia partecipazione del pubblico dei blogger, parte in modo ufficiale la ricerca, nata da una sinergia tra la società di ricerche Swg, l’Università di Trieste, il primo servizio di blogging Splinder e il leader dell’informazione digitale Punto Informatico.

Il questionario, a cui tutti possono rispondere già ora , unico nel suo genere per completezza e accuratezza, si rivolge al mondo della blogosfera, un mondo fatto autori/lettori che ogni giorno riversano in digitale il proprio quotidiano, i propri pensieri e la propria finestra sul mondo.

La ricerca si concentra proprio sulla vita online dei blogger e dei loro lettori, tentando di sondare quattro aree d’inchiesta principali:

– il rapporto tra blogger e nuove tecnologie
– il rapporto tra il mondo dei blog e la sfera pubblico/politica
– il rapporto tra blogger e consumo di prodotti culturali
– ciò che lega la blogosfera alla società dei consumi e al comportamento d’acquisto

Abbiamo scelto dei contatti importanti nella nostra ricerca per non trascurare nessun aspetto peculiare della società digitale: l’agenzia new media AdMaiora, gli specialisti di BlogBabel, il blog dedicato alle donne di Grazia, la directory BlogItalia, la web agency Prodigi e gli strateghi politici di Running per un’analisi a tutto tondo del panorama italiano.

Il questionario è online da oggi sul sito ufficiale di DiarioAperto . All’interno del questionario, i navigatori potranno anche dire la loro, in particolare su 15 blog selezionati in base a diversi indici di popolarità, tipologia e nicchie particolari di pubblico.

Il questionario avrà un’esposizione pubblica di 6 settimane. Partecipate!

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Massimo Cominetti scrive:
    Ricarica fallita
    Ho provato a ricaricre con una ricaricard, per ben due volte mi dopo aver digitato il cod. segreto, (operazione fallita) la terza volta, altro fallimento con esaurimento delle pssibilità di ricarica.ora come posso feare?codiali saluticomi1937@hotmail.it
  • Anonimo scrive:
    Oste! Com'è il vino?
    Buono, ci macherebbe altro!
  • Anonimo scrive:
    Aggiungo....
    Aggiungo alcune altre indagini...Secondo una indagine commissionata da Microsoft:Il S.O. Windows XP è il più sicuro al mondo.Secondo una indagine commissionata da Romano Prodi:Il governo ha il consenso positivo da parte dell'85% del paese.Secondo una indagine commissionata dalla SIAE:Gli artisti stanno morendo di fame.
  • Anonimo scrive:
    Cittadini Cavia ?
    Come al solito : il beta-test dei prodotti fallati lo fanno gli utenti, ai quali si vende un prodotto per completo, quando invece di problemi da risolvere ce ne sono a decine.Succede per la telefonia, con centraline nocive alla salute e cellulari che fanno danni a distanza di anniSuccede con gli alimenti OGM, che daranno i loro risultati tra 10 e piu anni di consumoSuccede con i farmaci, testati alla buona e immessi sul mercatoSuccede con i materiali per uso domestico, vedasi casi dei ciucciotti di plastica poi tolti dal commercio perche' tossiciSuccede con i "valorizzatori termici" ovvero gli inceneritoriSuccede con tutto, e quindi anche con i telefoni.
    • Anonimo scrive:
      Re: Cittadini Cavia ?
      - Scritto da:

      Succede per la telefonia, con centraline nocive
      alla salute e cellulari che fanno danni a
      distanza di
      anniE chi lo dice? Tu? o l'OMS?

      Succede con gli alimenti OGM, che daranno i loro
      risultati tra 10 e piu anni di
      consumoPerché mai dovrebbero fare dei danni? Se mangio un manzo con il DNA di un topo, o un coniglio con un tumore, mica mi ammalo! Non è che l'alterazione del DNA si ripercuote sull'individuo che si nutre di quel cibo. A meno che non mi dici una pubblicazione scientifica SERIA (cioè, non copiandomi link dei siti anti-OGM) che spieghi come un DNA alterato possa nuocere ad un organismo che se ne nutre.
      Succede con i farmaci, testati alla buona e
      immessi sul
      mercatoSe anche lo testassi molto di piu', ci sarebbero comunque statisticamente dei morti. Ieri e' morto un signore per essersi sottoposto alla TAC: il liquido di contrasto gli ha fatto allergia. Eppure ormai sono milioni che hanno subito quell'esame senza conseguenze. Tutti (pure tu) avresti logicamente concluso che quel liquido era gia' sufficientemente testato. Non per quel poveretto.L'unico modo e' tornarsene all'età della pietra, dove si moriva a 25-30 anni. No, grazie, preferisco la mia epoca. L'età media è comunque in crescita, pur con tutto questo allarmismo da parte dei vari Greenpeace e delle associazioni anti-OGM. Infatti è stupido sostenere che la società si sta avvelenando con le sue stesse mani e poi scoprire che l'età media mondiale è sempre cresciuta, anzi soprattutto nei paesi piu' inquinanti e industrializzati.
      • Anonimo scrive:
        Re: Cittadini Cavia ?
        Concordo abbastanza con quanto detto, e mi (vi) chiedo: che senso ha bloccare lo sviluppo tecnologico, sulla scia di paure che nulla hanno di razionale? Perché non cominciamo invece (ad esempio) a limitare fortemente l'uso delle automobili, visto che sappiamo con certezza che l'inquinamento atmosferico causa migliaia di morti ogni anno?
        • Anonimo scrive:
          Re: Cittadini Cavia ?
          - Scritto da:
          Concordo abbastanza con quanto detto, e mi (vi)
          chiedo: che senso ha bloccare lo sviluppo
          tecnologico, sulla scia di paure che nulla hanno
          di razionale? Nessun senso, infatti non ho mai detto di voler bloccare lo sviluppo tecnologico, ho affermato invece che sarebbe piu' opportuno (prima di immettere qualunque cosa sul mercato) fare dei test seri e previsti dalla legge.Se siete davvero informati su quanto accade (anche in Italia) saprete sicuramente, ad esempio, che le case farmaceutiche "fregano" sui test di immissione e sicurezza dei farmaci per aumentare le vendite (questo non lo dicono i soliti due sitini anti-ogm, ne hanno parlato fonti autorevoli, anche di recente, come Elio Veltri (medico-chirurgo, professore d'ateneo a Pavia e politico per molti anni :http://it.wikipedia.org/wiki/Elio_Veltri )Qui c'e' l'intervista fatta di recente sul blog di Grillo :http://www.youtube.com/watch?v=zxrUTCPMYxEE quello sopra e' solo uno dei tantissimi esempi disponibili, vi basta cercare qualche minuto con google...
          Perché non cominciamo invece (ad
          esempio) a limitare fortemente l'uso delle
          automobili, visto che sappiamo con certezza che
          l'inquinamento atmosferico causa migliaia di
          morti ogni
          anno?Giustissimo.30 anni fa nelle citta' c'erano i famosi "tram eletrici", con tanto di binari incassati nella pavimentazione cittadina.Costo praticamente zero, alimentati a corrente dalla rete cittadina, non inquinavano direttamente (ovvio l'elettricita' si produce con il petrolio, quindi indirettamente un po' inquinavano..) ed erano un'ottima alternativa al traffico congestionato di oggi.Sono stati tolti, perche', come nel caso dei prodotti immessi precomente sul mercato, considerati poco "redditizi".La Fiat voleva vendere macchine alla gente, non tram elettrici dalla vita eterna.E poi sono arrivati i grandi distributori di benzine rosse e gasolio...
          • Anonimo scrive:
            Re: Cittadini Cavia ?
            Il link esatto è http://it.wikipedia.org/wiki/Minimo_di_MaunderScusate l'errore.
Chiudi i commenti