Blu in TIM? C'è chi protesta

Sono quei dipendenti che hanno deciso di mantenere e promuovere un sito dedicato all'operazione con cui, dicono, vengono calpestati i loro diritti. I dettagli
Sono quei dipendenti che hanno deciso di mantenere e promuovere un sito dedicato all'operazione con cui, dicono, vengono calpestati i loro diritti. I dettagli


Roma – Dicono di essere le 600 persone che lavoravano in Blu e che si sono trovate coinvolte nell’ operazione di spezzatino che ha trasformato il quarto operatore GSM italiano in succulente porzioni per i suoi competitor. Sebbene sia difficile affermare se dietro al sito Blupeople vi siano davvero 600 persone, le poche pagine di quello spazio web attaccano a spada tratta l’operazione coordinata da TIM.

“600 persone – si legge sul sito – che senza polemiche gratuite non vogliono vedere gettate al vento le proprie competenze, professionalità e i propri diritti. 600 persone che non vogliono sottostare a un gioco più grande di loro. 600 persone che non si considerano oggetti ma professionisti che sanno sfidare il mercato”.

Secondo gli autori del sito, ad alcuni dipendenti Blu destinati a confluire in TIM, quest’ultima sta facendo proposte “che non si possono rifiutare” e “pretende le dimissioni da Blu e riassunzioni in Tim prima della scadenza del 27 dicembre”. E si sostiene che tutto questo è illegale “specie se si considera che accettando “l’insistente proposta” si deve rinegoziare lo stipendio e perdere tutti i diritti garantiti nel codice civile dall’art. 2112, che tratta appunto delle fusioni aziendali”.

Per farsi un’idea, è comunque possibile leggere sul sito sia la proposta di assunzione in TIM che il “verbale di intesa” con Blu.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

16 12 2002
Link copiato negli appunti