Bonifici istantanei in euro senza costi aggiuntivi

Bonifici istantanei in euro senza costi aggiuntivi

Il Parlamento europeo ha approvato le nuove regole che prevedono l'accredito del denaro inviato con bonifici istantanei in euro entro 10 secondi.
Bonifici istantanei in euro senza costi aggiuntivi
Il Parlamento europeo ha approvato le nuove regole che prevedono l'accredito del denaro inviato con bonifici istantanei in euro entro 10 secondi.

Il Parlamento europeo ha approvato in via definitiva le nuove regole per i pagamenti rapidi. Il denaro inviato con bonifici istantanei dovrà essere accreditato sul conto del beneficiario entro 10 secondi. I costi non possono essere superiori a quelli applicati ai bonifici ordinari.

Aumenta il costo dei bonifici ordinari?

L’obiettivo principale del nuovo regolamento proposto dalla Commissione europea a fine ottobre 2022 è velocizzare il trasferimento di denaro. Cittadini e aziende devono ricevere i pagamenti nel minor tempo possibile, quindi banche e PSP (Payment Service Provider) saranno obbligati ad offrire i bonifici istantanei.

Il testo, già concordato con il Consiglio, è stato approvato in via definitiva dal Parlamento con 599 voti a favore, 7 contrari e 35 astensioni. In base alle nuove norme, che aggiornano quelle del 2012, i bonifici istantanei dovranno essere processati in qualsiasi giorno e a qualsiasi ora. Il denaro dovrà arrivare sul conto corrente del beneficiario entro 10 secondi.

Sembrerebbe quindi un’ottima notizia per cittadini privati e aziende. Ma come si dice in questi casi, il diavolo è nei dettagli. Nel comunicato stampa è scritto:

Gli oneri applicati da un PSP alle operazioni di bonifico istantaneo in euro non possono essere superiori a quelli applicati alle operazioni di trasferimento di credito “non istantanee” in euro.

Molti conti correnti (soprattutto quelli online) offrono bonifici ordinari gratis, mentre quelli istantanei costano fino a 2 euro (e oltre se effettuati allo sportello). In base alle nuove regole, anche questi ultimi dovrebbero essere gratis.

Durante un’audizione alla Commissione Finanze e Tesoro del Senato, ABI (Associazione Bancaria Italiana) aveva evidenziato che i bonifici istantanei richiedono un’infrastruttura in grado di processare i pagamenti in tempo reale, quindi i costi di gestione sono molto più alti rispetto a quelli per i bonifici ordinari.

ABI afferma quindi che le commissioni per i bonifici istantanei non possono essere allineate a quelle dei bonifici ordinari. Dato che le nuove regole impongono costi non superiori per i bonifici istantanei, le banche potrebbero aumentare le commissioni per i bonifici ordinari.

Le norme entreranno in vigore 20 giorni dopo la pubblicazione sulla Gazzetta ufficiale. I PSP avranno quindi 9 mesi per adeguare i sistemi alla ricezione dei bonifici istantanei e 18 mesi per l’invio. Gli Stati membri dovranno recepire il nuovo regolamento entro 12 mesi.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Pubblicato il 9 feb 2024
Link copiato negli appunti