Brevetti, contro Apple fin dall'inizio

Contestato a Cupertino, stavolta, un titolo che rivendica un sistema di accensione rapida

Roma – Apple è stata denunciata da un’azienda della Florida, Operating System Solutions LLC (OSS LLC), che le contesta la violazione nel suo Mac OS X di un brevetto che sembra coprire un sistema di avvio rapido.

Quello descritto come “un metodo rapido per l’avvio di un sistema informatico” sarebbe coperto dal brevetto 6,434,696 le cui origini portano in Corea del Sud: OSS LLC l’ avrebbe acquistato da un’altra società, Promitus, che a sua volta l’ha ottenuto da una terza, ANPA, che l’ha comprato da Microconnect LLC che l’ha acquistata nel 2004 da LG che risulta come assegnatario originario fin dal 2002.

Alcuni osservatori , per questo, paventano la possibilità che dietro l’attacco ci sia proprio LG, vedendo in questo la prima controffensiva del fronte Android contro Apple.

Lo scontro sui brevetti mobile, d’altronde, ha raggiunto nel frattempo un nuovo livello con la conferma da parte dell’ITC delle sue investigazioni circa le denunce di Apple contro HTC.

La sudcoreana, tuttavia, avrebbe probabilmente senza problemi effettuato un attacco diretto. Più probabile, invece, l’ ipotesi che vede in OSS LLC un patent troll o il veicolo di un patent holder più grande.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Nome e Cognome scrive:
    Ecco un programma di esempio
    while (!ack){ wait_for_ack();}signal_successful_communication_to_happy_user();
  • Alvaro Vitali scrive:
    Ma non si fa prima ad usare break?
    Il C fornisce l'istruzione "break" il cui scopo è proprio quello di uscire prematuramente da un ciclo con un salto all'istruzione successiva. Quindi:if (sto girando a vuoto) break;(Ovviamente, se il programmatore sa dove mettere le mani).Uno strumento che forza incondizionatamente l'esecuzione dell'istruzione successiva ad un ciclo potrebbe essere molto pericoloso; pensiamo al caso in cui proprio all'interno del ciclo stesso siano presenti istruzioni vitali per il corretto salvataggio dei dati.
    • attonito scrive:
      Re: Ma non si fa prima ad usare break?
      - Scritto da: Alvaro Vitali
      Il C fornisce l'istruzione "break" il cui scopo è
      proprio quello di uscire prematuramente da un
      ciclo con un salto all'istruzione successiva.
      Quindi:

      if (sto girando a vuoto)
      break;
      Se non sei in grado di giustificare analiticamente la condizione "sto girando a vuoto", questa me la stampo e la metto nel faldone delle"XXXXXXX COLOSSALI TROVATE IN INTERNET"
      • Alvaro Vitali scrive:
        Re: Ma non si fa prima ad usare break?
        - Scritto da: attonito

        Se non sei in grado di giustificare
        analiticamente la condizione "sto girando a
        vuoto", questa me la stampo e la metto nel
        faldone delle
        "XXXXXXX COLOSSALI TROVATE IN INTERNET"Infatti ho scritto: "(Ovviamente, se il programmatore sa dove mettere le mani)" ...... che significa: "se il programmatore ha il sospetto che un determinato ciclo possa andare in loop infinito, può inserire apposite istruzioni diagnostiche".In C è facilissimo tempestare un programma di istruzioni diagnostiche con la possibilità poi di rimuoverle automaticamente quando il programma è pronto; bastano, ad esempio, una serie di "#ifdef".
        • attonito scrive:
          Re: Ma non si fa prima ad usare break?
          - Scritto da: Alvaro Vitali
          - Scritto da: attonito



          Se non sei in grado di giustificare

          analiticamente la condizione "sto girando a

          vuoto", questa me la stampo e la metto nel

          faldone delle

          "XXXXXXX COLOSSALI TROVATE IN INTERNET"

          Infatti ho scritto: "(Ovviamente, se il
          programmatore sa dove mettere le mani)"
          ...

          ... che significa: "se il programmatore ha il
          sospetto che un determinato ciclo possa andare in
          loop infinito, può inserire apposite istruzioni
          diagnostiche".
          che michia di unita' di misura e' "se ha il sospetto"?riprova.
    • Francesco scrive:
      Re: Ma non si fa prima ad usare break?
      - Scritto da: Alvaro Vitali
      Il C fornisce l'istruzione "break" il cui scopo è
      proprio quello di uscire prematuramente da un
      ciclo con un salto all'istruzione successiva.
      Quindi:

      if (sto girando a vuoto)
      break;

      (Ovviamente, se il programmatore sa dove mettere
      le
      mani).
      Oppure puoi evitare di usare i cicli. È molto semplice:for (i=0; i<n; i++) do_something();diventaif (n==1) do_something();else if (n==2) { do_something(); do_something();} else if (n==3) { do_something(); do_something(); do_something();} eccetera...È anche molto più ottimizzato dal punto di vista della velocità di esecuzione.F
      • attonito scrive:
        Re: Ma non si fa prima ad usare break?
        - Scritto da: Francesco
        - Scritto da: Alvaro Vitali

        Il C fornisce l'istruzione "break" il cui
        scopo
        è

        proprio quello di uscire prematuramente da un

        ciclo con un salto all'istruzione successiva.

        Quindi:



        if (sto girando a vuoto)

        break;



        (Ovviamente, se il programmatore sa dove
        mettere

        le

        mani).



        Oppure puoi evitare di usare i cicli. È
        molto
        semplice:

        for (i=0; i<n; i++) do_something();

        diventa

        if (n==1)
        do_something();
        else if (n==2) {
        do_something(); do_something();
        } else if (n==3) {
        do_something(); do_something(); do_something();
        } eccetera...

        È anche molto più ottimizzato dal punto di
        vista della velocità di
        esecuzione.

        Fmi spiace ma gli "if" ammazzano il sistema molto piu dei "for".
        • Francesco scrive:
          Re: Ma non si fa prima ad usare break?
          - Scritto da: attonito
          mi spiace ma gli "if" ammazzano il sistema molto
          piu dei
          "for".Uhm non ne sono sicuro. A livello di codice macchina duro e puro il numero di comparazioni e di jump è lo stesso (ogni for alla fine è un JNE) e con la serie di if ti risparmi l'aritmetica di incremento del contatore...Comunque la mia era solo una provocazione, ovviamente :)
          • attonito scrive:
            Re: Ma non si fa prima ad usare break?
            - Scritto da: Francesco
            - Scritto da: attonito

            mi spiace ma gli "if" ammazzano il sistema
            molto

            piu dei

            "for".

            Uhm non ne sono sicuro. A livello di codice
            macchina duro e puro il numero di comparazioni e
            di jump è lo stesso (ogni for alla fine è un JNE)
            e con la serie di if ti risparmi l'aritmetica di
            incremento del
            contatore...in C gli if ammazzano piu dei for. provaci.
            Comunque la mia era solo una provocazione,
            ovviamente
            :)ah be allora....
          • Alvaro Vitali scrive:
            Re: Ma non si fa prima ad usare break?
            La tecnica che si utilizza in questi casi consiste nell'uso massiccio di macro come #ifdef, #ifndef, etc.Ad esempio, in fase di test di un programma:#define TEST1#ifdef TEST1 blocco_codice_1#else blocco_codice_2#endifAlla fine, quando si è sicuri che è tutto a posto, basta rimuovere la definizione di TEST1 per fare in modo che in fase di ricompilazione, il "blocco_codice_1" venga eliminato dall'eseguibile finale ...... e naturalmente, per la Legge di Murphy, possiamo stare certi che il bug che determina il loop infinito si trovava invece nel "blocco_codice_2"!
          • attonito scrive:
            Re: Ma non si fa prima ad usare break?
            - Scritto da: Alvaro Vitali
            La tecnica che si utilizza in questi casi
            consiste nell'uso massiccio di macro come #ifdef,
            #ifndef,
            etc.

            Ad esempio, in fase di test di un programma:

            #define TEST1

            #ifdef TEST1
            blocco_codice_1
            #else
            blocco_codice_2
            #endif

            Alla fine, quando si è sicuri che è tutto a
            posto, basta rimuovere la definizione di TEST1
            per fare in modo che in fase di ricompilazione,
            il "blocco_codice_1" venga eliminato
            dall'eseguibile finale
            ...

            ... e naturalmente, per la Legge di Murphy,
            possiamo stare certi che il bug che determina il
            loop infinito si trovava invece nel
            "blocco_codice_2"!e quindi non serve a un cippirimerlo.secondo me e' un buco nell'acqua, vedremo i tizi del MIT quale coniglio estrarranno dal cappello del mago....
      • came88 scrive:
        Re: Ma non si fa prima ad usare break?
        Per l'efficienza a questo punto fai una ricerca binaria tra 1 e n che ha tempo di esecuzione logaritmico, e sei messo molto meglio che non una ricerca lineare come nell'esempio.Poi voglio vederti però...if n==100// k righe di codice prima volta// k righe di codice (le stesse) seconda volta...// k righe di codice 100 voltaQuesto per ogni n ammissibile...Qualche problema:- 1 ti passa la voglia di scrivere tutto il codice, fai prima a scrivere un programma che ti scriva il codice (ma non dovevano pensarci i compilatori a questo tipo di ottimizzazioni?),- 2 non so se a occhio riesci a distinguere il caso 98 da quello 99- 3 il codice sorgente esplode- 4 l'eseguibile è enorme
        • Francesco scrive:
          Re: Ma non si fa prima ad usare break?
          - Scritto da: came88
          Per l'efficienza a questo punto fai una ricerca
          binaria tra 1 e n che ha tempo di esecuzione
          logaritmicoGiusto, buona idea! :)
          Qualche problema:Ovviamente la cosa è infattibile (a mano, come giustamente hai notato tu i compilatori già fanno questo tipo di ottimizzazioni), la mia era solo una provocazione in risposta all'uso di break per evitare i loop infiniti...
    • OldDog scrive:
      Re: Ma non si fa prima ad usare break?
      - Scritto da: Alvaro Vitali

      if (sto girando a vuoto)
      break;
      (Ovviamente, se il programmatore sa dove mettere le mani).Ehm, no: se il programmatore fosse in grado di prevedere ogni possibile condizione di funzionamento potrebbe gestire ogni possibile reazione via codice. E' facile capire che non può essere in condizione di essere onnisciente, a meno che esca dritto dritto dalla trilogia di Matrix o da qualche strana religione Nerd. :-)
    • luca scrive:
      Re: Ma non si fa prima ad usare break?
      - Scritto da: Alvaro Vitali
      Il C fornisce l'istruzione "break" il cui scopo è
      proprio quello di uscire prematuramente da un
      ciclo con un salto all'istruzione successiva.
      Quindi:

      if (sto girando a vuoto)
      break;

      (Ovviamente, se il programmatore sa dove mettere
      le
      mani).

      Uno strumento che forza incondizionatamente
      l'esecuzione dell'istruzione successiva ad un
      ciclo potrebbe essere molto pericoloso; pensiamo
      al caso in cui proprio all'interno del ciclo
      stesso siano presenti istruzioni vitali per il
      corretto salvataggio dei
      dati.Non credo sia semplice come la fai tu. I loop infinito è una tecnica di programmazione usata ad esempio dai video giochi e credo sia complicato capire se è voluto o no. Bisogna anche vedere poi che impatto ha sul sistema il monitoraggio dei processi per vedere se sono in loop o no
    • Robot Pulitore scrive:
      Re: Ma non si fa prima ad usare break?
      - Scritto da: Alvaro Vitali
      Il C fornisce l'istruzione "break" il cui scopo è
      proprio quello di uscire prematuramente da un
      ciclo con un salto all'istruzione successiva.
      Quindi:

      if (sto girando a vuoto)
      break;Ah ah ah ah ah... questa è bella. "Se sto girando a vuoto, allora esco"... ma che razza di programmazione sarebbe questa? Cos'è, il linguaggio autocosciente? (rotfl)(rotfl)(rotfl) Ma perché allora non ci metti anche un'instruzione tipo:if (non funziona) riprova in un altro modo;(rotfl)(rotfl)(rotfl)Su su dai, se non sai neanche i concetti basilari dei linguaggi di programmazione forse è meglio che te li studi prima invece di uscire con simili castronerie.
  • Franck scrive:
    Andava bene hai tempi di Windows 95/98
    Un defribrillatore come quello poteva andare bene hai tempi di Windows 95/98 dove i programmi andavano in crash molto facilmente portndosi spesso dietro anche il sistema operativo costringendo ad un reset forzato del PC.Oggi Microsoft ha migliorato parecchio i programmi si inchiodano molto meno rispetto al passato ed il Sistema operativo fortunatamente non si inchioda almeno per qunto riguarda lo stand alone in ambito server il discorso è un pochettino piu' complesso ma non si negano notevoli miglioramenti anche in ambito aziendale. Con Windows XP e Windows 7 la MS ha fatto notevoli passi avanti. Poi se ci tenete a criticare fatelo quanto volete tanto la fate sempre!!
    • Sgabbio scrive:
      Re: Andava bene hai tempi di Windows 95/98
      ieri pomeriggio, mi era partita la connessione, windows 7 nel tentativo di riconnettersi a mandato in frezee exploer e non rispondeva più :(
    • attonito scrive:
      Re: Andava bene hai tempi di Windows 95/98
      - Scritto da: Franck
      Un defribrillatore come quello poteva andare bene
      hai tempi di Windows 95/98 dove i programmi
      andavano in crash molto facilmente portndosi
      spesso dietro anche il sistema operativo
      costringendo ad un reset forzato del
      PC.il. problema. e'. concettuale. e. NON. eliminabile. NON. e'. un. problema. di. sistema. operativo. tutti. i. soft/sistemi. operativi. ne. sono. e ne saranno. sempre. affetti.sei piu tranquillo, ora?
    • vampirla scrive:
      Re: Andava bene hai tempi di Windows 95/98
      - Scritto da: Franck
      Un defribrillatore come quello poteva andare bene
      hai tempi di Windows 95/98 dove i programmi
      andavano in crash molto facilmente portndosi
      spesso dietro anche il sistema operativo
      costringendo ad un reset forzato del
      PC.
      Oggi Microsoft ha migliorato parecchio i
      programmi si inchiodano molto meno rispetto al
      passato ed il Sistema operativo fortunatamente
      non si inchioda almeno per qunto riguarda lo
      stand alone in ambito server il discorso è un
      pochettino piu' complesso ma non si negano
      notevoli miglioramenti anche in ambito aziendale.
      Con Windows XP e Windows 7 la MS ha fatto
      notevoli passi avanti. Poi se ci tenete a
      criticare fatelo quanto volete tanto la fate
      sempre!!Penso che al MIT siano informati di questo, tutto sommato e' una delle migliori universita' al mondo e magari lo sanno anche senza consultare PI. L'articolo ovviamente non entra nel dettaglio della ricerca perche', da quanto si e' capito, e' piuttosto tecnica. Il problema della terminazione di un'applicazione e' ben noto in Informatica ed e' chiaro che un'Universita' cosi' prestigiosa stia lavorando per trovare soluzioni teoriche/pratiche, magari parziali, al suddetto. Un risultato - ANCHE PARZIALE - in questo senso e' pacifico che avrebbe parecchie importanti implicazioni nel nostro settore, e NON SOLO per la terminazione dei programmi.
    • Nome e Cognome scrive:
      Re: Andava bene hai tempi di Windows 95/98

      Oggi Microsoft ha migliorato parecchio i
      programmi si inchiodano molto meno rispetto al
      passato ed il Sistema operativo fortunatamente
      non si inchioda almeno per qunto riguarda lo
      stand alone in ambito server il discorso è un
      pochettino piu' complesso ma non si negano
      notevoli miglioramenti anche in ambito aziendale.mio cuggino una volta è morto
  • uno qualsiasi scrive:
    C'era già, questa funzione
    Sul buon vecchio GWBasic: il comando <b
    CONT </b
    • vampirla scrive:
      Re: C'era già, questa funzione
      - Scritto da: uno qualsiasi
      Sul buon vecchio GWBasic: il comando <b

      CONT </b

      No dai! Ti faceva ripartire il programma dopo un break...
      • attonito scrive:
        Re: C'era già, questa funzione
        - Scritto da: vamXXXXX
        - Scritto da: uno qualsiasi

        Sul buon vecchio GWBasic: il comando
        <b


        CONT </b



        No dai! Ti faceva ripartire il programma dopo un
        break...il bello e' che sta gente va contro teoremi di logica (e ci va pure a passo di carica), rompendocisi le corna e facendo delle catastrofiche figure di XXXXX. uno spettacolo :) grazie PI per darci i nostri idioti quotidiani :D:D:D
      • uno qualsiasi scrive:
        Re: C'era già, questa funzione
        Appunto: se il programma andava in loop infinito, premevi control-c, lo fermavi, e lo facevi poi continuare.Alla peggio, uscivi dal break con un goto alla linea successivaDi fatto, puoi farlo anche adesso, con un debugger-disassembler. Probabilmente, il sistema descritto fa la stessa cosa, con la differenza che dovrebbe trovare da solo il ciclo che si è bloccato, e la prima istruzione fuori dal ciclo (cosa che, altrimenti, devi fare a mano guardando il disassemblato). Poi, blocchi il programma, sposti il puntatore alla prima istruzione successiva al loop, e riparti.Ma ... voglio vederti poi a usarlo, tale programma; ci saranno di sicuro memory leaks, operazioni non completate (e che il programma <i
        crede </i
        di aver completato), XXXXXX con lo stack pointer e altri errori simili. Il programma potrebbe piantarsi da un momento all'altro, o fornire risultati errati, o scrivere sul file sbagliato (magari era andato in tilt quando ti chiedeva il nome del file su cui salvare: sbloccandolo, salta tale parte, e quindi invece di chiederti il nome scrive sull'ultimo file usato).Insomma: un tool del genere concettualmente è interessante, ma rischia di fare più male che bene (soprattutto se lasciato in mano all'utonto, che dice "oooohhh, si è piantato! Dice di cliccare qui per sbloccarlo, cheffaccio, clicco? Massì!")
  • sentinel scrive:
    [CTRL]+[ALT]+[CANC]...
    ...E passa la paura. p)
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: [CTRL]+[ALT]+[CANC]...
      Sì, ma ti chiude il programma di brutto. Se non avevi salvato... vabbè, spero tu abbia messo l'autosave
      • MacGeek scrive:
        Re: [CTRL]+[ALT]+[CANC]...
        - Scritto da: uno qualsiasi
        Sì, ma ti chiude il programma di brutto. Se non
        avevi salvato... vabbè, spero tu abbia messo
        l'autosaveCon Lion non servirà più salvare.
  • attonito scrive:
    L'uomo vince sulla Macchina (di turing)
    Finche' le Macchine saranno Macchine di Turing, solo un intervento umano potra' decidere se un programma e' interrompipile o meno.Uomo: 1 Skynet: 0
    • HappyCactus scrive:
      Re: L'uomo vince sulla Macchina (di turing)
      - Scritto da: attonito
      Finche' le Macchine saranno Macchine di Turing,
      solo un intervento umano potra' decidere se un
      programma e' interrompipile o
      meno.

      Uomo: 1 Skynet: 0...sulla base del proprio ragionamento e del contesto, e con i propri tempi, ma questo lo esporrà ad un rischio, non potrà mai esser sicuro al 100% di aver fatto la cosa giusta.Quindi dire:Uomo 0.01 Skynet 0, solo perché l'uomo è in grado di prendersi la responsabilità della decisione.
      • attonito scrive:
        Re: L'uomo vince sulla Macchina (di turing)
        - Scritto da: HappyCactus
        - Scritto da: attonito

        Finche' le Macchine saranno Macchine di
        Turing,

        solo un intervento umano potra' decidere se
        un

        programma e' interrompipile o

        meno.



        Uomo: 1 Skynet: 0

        ...sulla base del proprio ragionamento e del
        contesto, e con i propri tempi, ma questo lo
        esporrà ad un rischio, non potrà mai esser sicuro
        al 100% di aver fatto la cosa
        giusta.

        Quindi dire:

        Uomo 0.01 Skynet 0, solo perché l'uomo è in grado
        di prendersi la responsabilità della
        decisione.0.01 rispetto a 0 e' infinito.
        • HappyCactus scrive:
          Re: L'uomo vince sulla Macchina (di turing)
          - Scritto da: attonito
          0.01 rispetto a 0 e' infinito.Quindi verresti a lavorare per me a 0.01 centesimi al mese?
          • attonito scrive:
            Re: L'uomo vince sulla Macchina (di turing)
            - Scritto da: HappyCactus
            - Scritto da: attonito

            0.01 rispetto a 0 e' infinito.

            Quindi verresti a lavorare per me a 0.01
            centesimi al mese?non fare il furbo, il rapporto di 0.01/"n" con "n" tendente a zero, dai.
          • HappyCactus scrive:
            Re: L'uomo vince sulla Macchina (di turing)
            - Scritto da: attonito
            non fare il furbo, il rapporto di 0.01/"n" con
            "n" tendente a zero,
            dai.E dove sta scritto che il confronto va fatto sul rapporto?
          • attonito scrive:
            Re: L'uomo vince sulla Macchina (di turing)
            - Scritto da: HappyCactus
            - Scritto da: attonito

            non fare il furbo, il rapporto di 0.01/"n"
            con

            "n" tendente a zero,

            dai.


            E dove sta scritto che il confronto va fatto sul
            rapporto?e dove sta scritto che va fatto in altro modo? se tu sei affidabile "2" e io sono affidabile "5" io sono affidabile 2.5 volte te.Se tu sei affidabile "X" e io sono affidabile "0" allora tu sei infinitamente piu' affidabile di me."L'orbo e' re in un paese di ciechi"
          • HappyCactus scrive:
            Re: L'uomo vince sulla Macchina (di turing)
            - Scritto da: attonito
            e dove sta scritto che va fatto in altro modo? Appunto: possiamo andare avanti all'infinito.Il problema è che ti sei messo a discutere sul punteggio (che era ovviamente una battuta) e non sul contenuto (che era serio).Vedi tu.
          • attonito scrive:
            Re: L'uomo vince sulla Macchina (di turing)
            - Scritto da: HappyCactus
            - Scritto da: attonito

            e dove sta scritto che va fatto in altro
            modo?


            Appunto: possiamo andare avanti all'infinito.
            Il problema è che ti sei messo a discutere sul
            punteggio (che era ovviamente una battuta) e non
            sul contenuto (che era serio).
            Vedi tu.ah be, se mettevi la faccina capivo subito.
          • Sky scrive:
            Re: L'uomo vince sulla Macchina (di turing)
            La differenza fra l'uomo e la macchina (skynet) non sta nell'intelligenza ma nel fatto che l'uomo si rompe le scatole prima di aver verificato il mil...esimo caso e decide (di solito a caxxo)... ma decide! :D
    • Alan Turing scrive:
      Re: L'uomo vince sulla Macchina (di turing)

      Finche' le Macchine saranno Macchine di Turing,
      solo un intervento umano potra' decidere se un
      programma e' interrompipile o meno.1. Il cervello umano potrebbe esssere una macchina di Turing.2. Oltre una certa complessità un umano non è in grado di capire come si comporta un programma.
      • attonito scrive:
        Re: L'uomo vince sulla Macchina (di turing)
        - Scritto da: Alan Turing

        Finche' le Macchine saranno Macchine di
        Turing,

        solo un intervento umano potra' decidere se
        un

        programma e' interrompipile o meno.

        1. Il cervello umano potrebbe esssere una
        macchina di Turing.occhio a non confondere "cervello" con "mente"
        2. Oltre una certa complessità un umano non è in
        grado di capire come si comporta un programma.hai qualche esempio?
    • OldDog scrive:
      Re: L'uomo vince sulla Macchina (di turing)
      - Scritto da: attonito
      Finche' le Macchine saranno Macchine di Turing,
      solo un intervento umano potrà decidere se un
      programma e' interrompibile o
      meno.

      Uomo: 1 Skynet: 0Come insegna Terminator, Skynet "interromperà" ogni essere umano preventivamente e "a prescindere", quindi:Uomo (rimasto vivo): zero, Skynet (padrone del mondo): uno:-)
    • Nome e Cognome scrive:
      Re: L'uomo vince sulla Macchina (di turing)
      - Scritto da: attonito
      Finche' le Macchine saranno Macchine di Turing,A dirla tutta, l'unica macchina di Turing che io abbia mai visto è l'universo... quella con cui hai scritto sta roba qua sopra ha memoria finita.
  • attonito scrive:
    ora sono arrivato alla fine dell'articol
    "La prima versione di Jolt non è in grado di rilevare tutte le condizioni che possono portare al blocco di un software in esecuzione e non può controllare i cicli di loop dei programmi più avanzati senza appesantire il sistema."Aggiungiamo pure che NEMMENO la prossima, quella dopo, quella dopo ancora etc versione sara in grado di rilevare etc etc, con quona pace del MIT. E' tentare di creare una immagine speculare di una figura a 2 dimensioni SENZA passare dalla terza.... Povero vecchio Alan, sigh...
    • HappyCactus scrive:
      Re: ora sono arrivato alla fine dell'articol
      - Scritto da: attonito
      E' tentare di creare una immagine speculare di
      una figura a 2 dimensioni SENZA passare dalla
      terza....Anche te, con gli esempi, però... quanti dei lettori l'avrà capito?
      Povero vecchio Alan, sigh...giaggià....
      • attonito scrive:
        Re: ora sono arrivato alla fine dell'articol
        - Scritto da: HappyCactus
        - Scritto da: attonito

        E' tentare di creare una immagine speculare
        di

        una figura a 2 dimensioni SENZA passare dalla

        terza....

        Anche te, con gli esempi, però... quanti dei
        lettori l'avrà capito?i soliti 7-8: per gli altri, c'e' la "plaistascion" per consolarsi....
        • lul scrive:
          Re: ora sono arrivato alla fine dell'articol
          - Scritto da: attonito
          - Scritto da: HappyCactus

          - Scritto da: attonito


          E' tentare di creare una immagine
          speculare

          di


          una figura a 2 dimensioni SENZA passare
          dalla


          terza....



          Anche te, con gli esempi, però... quanti dei

          lettori l'avrà capito?

          i soliti 7-8: per gli altri, c'e' la
          "plaistascion" per
          consolarsi....cosi tanti?logicamente era un esempio provocatorio per quei pochi ma per nulla sbagliato visto il contesto
        • kalus scrive:
          Re: ora sono arrivato alla fine dell'articol
          - Scritto da: attonito
          - Scritto da: HappyCactus

          - Scritto da: attonito


          E' tentare di creare una immagine
          speculare

          di


          una figura a 2 dimensioni SENZA passare
          dalla


          terza....



          Anche te, con gli esempi, però... quanti dei

          lettori l'avrà capito?

          i soliti 7-8: per gli altri, c'e' la
          "plaistascion" per
          consolarsi....Attonito forse gli "altri" cioè gli ignoranti che sanno solo "plaistascionare" leggono questi messaggi per imparare qualcosa da chi ne dovrebbe sapere di più, e non leggere solo "stupide critiche" da personaggi "saputelli" come te che si credono PADRETERNI dell'informatica. Più informazione e formazione che smargiassate sarebbero gradite dai "plaistascionari" e da chi come me che non ha Plaistascion ma cerca di apprendere. Buona giornata e buona lettura a TUTTI
          • attonito scrive:
            Re: ora sono arrivato alla fine dell'articol
            - Scritto da: kalus
            - Scritto da: attonito

            - Scritto da: HappyCactus


            - Scritto da: attonito



            E' tentare di creare una immagine

            speculare


            di



            una figura a 2 dimensioni SENZA
            passare

            dalla



            terza....





            Anche te, con gli esempi, però...
            quanti
            dei


            lettori l'avrà capito?



            i soliti 7-8: per gli altri, c'e' la

            "plaistascion" per

            consolarsi....
            Attonito forse gli "altri" cioè gli ignoranti che
            sanno solo "plaistascionare" leggono questi
            messaggi per imparare qualcosa da chi ne dovrebbe
            sapere di più, e non leggere solo "stupide
            critiche" da personaggi "saputelli" come te che
            si credono PADRETERNI dell'informatica. Più
            informazione e formazione che smargiassate
            sarebbero gradite dai "plaistascionari" e da chi
            come me che non ha Plaistascion ma cerca di
            apprendere. Buona giornata e buona lettura a
            TUTTICaro HAppyCactus, il "plaistascionaro" che legge e non capisce ha differenti possibilita':1. si interroga, cerca, trova-
            legge-
            capisce-
            impara.2. se ne frega e carica il prossimo gioco3. si arrabbia e fa un post come il tuoio ho buttato l'indizio, e' responsabilita' del plaistascionaro decidere se evolvere, non tocca a me.e poi: il plaistascionaro che viene su PI per imparare? su PI?!?!? quiu si viene per il cazzeggio.ok, ammetto che la possibilita' sia maggiore di zero, ma tu ammetti che parliamo di numeri tipo dieci alla meno 8...
          • attonito scrive:
            Re: ora sono arrivato alla fine dell'articol
            - Scritto da: attonito
            - Scritto da: kalus

            - Scritto da: attonito


            - Scritto da: HappyCactus



            - Scritto da: attonito




            E' tentare di creare una
            immagine


            speculare



            di




            una figura a 2 dimensioni
            SENZA

            passare


            dalla




            terza....







            Anche te, con gli esempi, però...

            quanti

            dei



            lettori l'avrà capito?





            i soliti 7-8: per gli altri, c'e' la


            "plaistascion" per


            consolarsi....

            Attonito forse gli "altri" cioè gli
            ignoranti
            che

            sanno solo "plaistascionare" leggono questi

            messaggi per imparare qualcosa da chi ne
            dovrebbe

            sapere di più, e non leggere solo "stupide

            critiche" da personaggi "saputelli" come te
            che

            si credono PADRETERNI dell'informatica. Più

            informazione e formazione che smargiassate

            sarebbero gradite dai "plaistascionari" e da
            chi

            come me che non ha Plaistascion ma cerca di

            apprendere. Buona giornata e buona lettura a

            TUTTI

            Caro HAppyCactus, il "plaistascionaro" che legge
            e non capisce ha differenti
            possibilita':

            1. si interroga, cerca, trova-
            legge-

            capisce-

            impara.
            2. se ne frega e carica il prossimo gioco
            3. si arrabbia e fa un post come il tuo

            io ho buttato l'indizio, e' responsabilita' del
            plaistascionaro decidere se evolvere, non tocca a
            me.

            e poi: il plaistascionaro che viene su PI per
            imparare? su PI?!?!? quiu si viene per il
            cazzeggio.
            ok, ammetto che la possibilita' sia maggiore di
            zero, ma tu ammetti che parliamo di numeri tipo
            dieci alla meno
            8...scrivevo a kalus, non happycactus, scusate il refuso.
    • attonito scrive:
      Re: ora sono arrivato alla fine dell'articol
      ance se cassano i post, Alan era un "diversamente etero" (chissa perche PI ha il terrore di lasciare post sui "fru fru"... questa ipocrisia pelosa e' terribile.
      • Francesco scrive:
        Re: ora sono arrivato alla fine dell'articol
        - Scritto da: attonito
        ance se cassano i post, Alan era un "diversamente
        etero" (chissa perche PI ha il terrore di
        lasciare post sui "fru fru"... questa ipocrisia
        pelosa e'
        terribile.Scusa, hai fatto un interessante post prima, ma cosa c'entrano le preferenze sessuali di Turing con tutto questo? IMHO hanno fatto anche bene a cassarlo.
  • attonito scrive:
    ho letto solo il titolo ma...
    so gia che quella XXXXXX fradicia di Turing si sta ribaltando nella tomba... ha fatto bene a suicidarsi, avrebbe rischiato di leggere questo articolo.
  • Marameo scrive:
    SERVE SOLO...
    ... per applicazioni sviluppate di Microsoft. Gli altri sto problema non ce l'hanno !
    • il signor rossi scrive:
      Re: SERVE SOLO...
      - Scritto da: Marameo
      ... per applicazioni sviluppate di Microsoft. Gli
      altri sto problema non ce l'hanno
      !in verità anche linux non è esente da problemi di questo tipo... naturalmente dire linux vuol dire tutto e niente, ma proprio l'altro giorno ho dovuto resettare una macchina perché gnome mi era rimasto piantato su una finestra senza evidente motivo, non rispondeva né a ctrl-alt-canc né si riusciva a terminarlo con ctrl-alt-del né si riusciva a passare su una console testuale con ctrl-alt-f1...Ci sono rimasto abbastanza male! :) Più che altro era frustrante non riuscire neanche a terminarlo o a passare sul terminale.E sarò sincero... Gnome non è certo la prima volta che si pianta mentre fa qualcosa...
    • attonito scrive:
      Re: SERVE SOLO...
      - Scritto da: Marameo
      ... per applicazioni sviluppate di Microsoft. Gli
      altri sto problema non ce l'hanno
      !Falso. Il vincolo e' concettuale, non dipende dal sistema operativo o dal programma.
  • Alan Turing scrive:
    Halting problem
    Halting problemhttps://secure.wikimedia.org/wikipedia/en/wiki/Halting_problem
    • collione scrive:
      Re: Halting problem
      imho il grosso problema è capire qual'è la condizione che ha dato origine al loop infinito e quindi capire se è sicuro uscire al ciclo o noio posso benissimo modificare al volo il codice per fargli interrompere il ciclo ma poi i dati? si corrompono? la condizione che ha generato il blocco creerà altre inconsistenze da qualche altra parte?
      • krane scrive:
        Re: Halting problem
        - Scritto da: collione
        imho il grosso problema è capire qual'è la
        condizione che ha dato origine al loop infinito e
        quindi capire se è sicuro uscire al ciclo o
        no

        io posso benissimo modificare al volo il codice
        per fargli interrompere il ciclo ma poi i dati?
        si corrompono? la condizione che ha generato il
        blocco creerà altre inconsistenze da qualche
        altra parte?A me sembra una nuova porta per dei buffer overflow (rotfl)
    • came88 scrive:
      Re: Halting problem
      Attenzione: il fatto che non esista un algoritmo per sapere se un qualsiasi programma con qualsiasi input termini non significa che un simile algoritmo esista per il 99% dei programmi per il 99% degli input...[Pedantic on]Come calcolare le percentuali su insieme infiniti (sebbene numerabili) è un altro paio di maniche, qui le ho sparate.Altro paio di maniche ancora è il costo computazionale di un simile algoritmo.[Pedantic off]
      • Alan Turing scrive:
        Re: Halting problem

        il fatto che non esista un algoritmo
        per sapere se un qualsiasi programma con
        qualsiasi input termini non significa che un
        simile algoritmo esista per il 99% dei programmi
        per il 99% degli input...In realtà per molti programmi si può sapere per il 100% degli input.
        • Luca F scrive:
          Re: Halting problem
          In realtà per la maggior parte dei programmi (esclusi quelli banali) non si sa. L'unico modo è utilizzare degli strumenti matematici per definire la correttezza del programma, attività non sempre possibile e sopratutto estremamente onerosa anche per sistemi molto semplici (questi approcci si seguono di solito per alcune componenti sw mission critical sopratutto se legati a problemi di natura vitale per l'uomo).
Chiudi i commenti