Brevetti, da Apple e Samsung

Esaurito il turno dell'accusa si passa alla fase della difesa: il primo si chiude con la scoperta di un accordo tra gentiluomini che lega Cupertino a Microsoft, il secondo inizia con l'esclusione dal caso di tre dispositivi coreani

Roma – Il giudice distrettuale Lucy Koh ha deciso che Galaxy Ace, Galaxy S i9000 e Galaxy S II i9100 possono essere rimossi dal processo che vede contrapposte Samsung e Apple.

I tre dispositivi che Apple ritiene in violazione di proprietà intellettuale non sono considerati parte del caso perché in effetti non sono venduti da Samsung nel paese dove si svolge il processo: una questione, insomma, di competenza.

Meno tre dispositivi di cui tenere traccia, dunque: la semplificazione, tuttavia, non basta a rendere facilmente intelligibile il quadro di tutte le accuse, i device compresi e i brevetti tirati in ballo da Apple.
Per questo Cupertino ha redatto un super-schema con lo scopo di aiutare a districarsi nella questione e nei vari intrecci che portano alla richiesta di 2,5 miliardi di dollari di danni.

Si tratta di una delle mosse con cui Apple ha chiuso la sua accusa, insieme al calcolo di quanto ritiene di aver perso, circa 2 milioni di vendite di iPhone e iPad, e di quanto stima che Samsung abbia guadagnato anche grazie alle sue tecnologie, un fatturato di 8,16 miliardi di dollari.

Cupertino ha quindi passato la parola alla tesi della difesa.

Samsung ha iniziato a sfoderare testimoni per cercare di rispondere colpo su colpo a questa mappa di accuse: ha portato come prova due prodotti software antecedenti ad iOS che riproducono alcune delle funzioni rivendicate e contestatele da Apple.
Si tratta nello specifico di due applicazione del progetto di touchscreen DiamondTouch, sviluppato nel 2001 presso il Mitsubishi Electronic Research Laboratory (MERL): attraverso di esse il sistema permette di manipolare le foto attraverso diversi tipi di tocchi sullo schermo ed offre un sistema di copia che offre un effetto molto simile al bounce-back dei device con la Mela.

Secondo la testimonianza del presidente del progetto esso è liberamente accessibile da chiunque ed in effetti ad Apple è stata fatta una dimostrazione nel 2003: secondo quanto ottenuto dai legali di Cupertino nel controinterrogatorio, tuttavia, quest’ultima funzione contestata sarebbe stata sviluppata successivamente a tale data.

Accanto a questa testimonianza, Samsung ha iniziato a presentare memo e email scambiate dai suoi dirigenti in cui si legge l’intenzione non di copiare da Apple, ma di imparare da essa , “senza fare qualcosa di identico”. Una necessità sentita dai dirigenti una volta rilevato come l’interfaccia di iOS fosse molto simile alla propria.

Intanto dal processo continuano ad emergere rivelazioni sulla globalità del settore ICT: a quanto pare lo stesso accordo di licenza presentato a Samsung nel 2010 lo avrebbe accettato Microsoft . Con una clausola reciproca in più in base a cui Redmond e Cupertino si impegnano a non sviluppare “prodotti cloni”. In ogni caso il prossimo tablet Surface dovrebbe essere a prova di denunce da parte di Apple.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ... scrive:
    abbiamo scoperto il fuoco!
    ora andare sulla luna e' solo questione di affinare la tecnica.
    • ruttolo scrive:
      Re: abbiamo scoperto il fuoco!
      LOL :)
    • MacGeek scrive:
      Re: abbiamo scoperto il fuoco!
      Ogni tanto questi laboratori IBM se ne escono con queste 'scoperte'.Non ho capito se lo fanno per giustificare la loro esistenza (a loro stessi, ai loro boss, al mondo) o effettivamente hanno importanza reale.Di applicazioni pratiche però non se ne vedono quasi mai.Un'eccezione però c'è: il microscopio elettronico ad effetto tunnel.
  • Enjoy with Us scrive:
    Molto lontani dalle applicazioni...
    ...pratiche?E' usare un eufemismo!Questi devono risolvere ancora un numero enorme di problemi... tipo la temperatura prossima allo zero assoluto impiegata e certo non di prevedibile uso a livello commerciale...
  • prova123 scrive:
    Lo spin
    Lo spin non è legato alla rotazione ed è un fenomeno puramente quantistico, per questo motivo è definito come "momento angolare intrinseco", è conosciuto dagli inizi del 1900, dire una cosa simile nel 2012 è veramente ridicolo.http://it.wikipedia.org/wiki/Esperimento_di_Stern-Gerlach
    • prova123 scrive:
      Re: Lo spin
      Spero per la spintronica che questa descrizione dello spin sia un ecXXXXX di semplificazione altrimenti è una vera e propria bufala.
      • benkj scrive:
        Re: Lo spin
        Guarda che Nature non e' punto informatico...Non vedo niente di male nello spiegare lo spin ai non addetti ai lavori con l'analogia di una rotazione dell'elettrone attorno al proprio asse. Per particelle di spin 1/2 come gli elettroni non ha senso, mentre se consideri particelle con spin molto grosso una visione semiclassica come quella della rotazione e' accurata.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 16 agosto 2012 11.02-----------------------------------------------------------
        • prova123 scrive:
          Re: Lo spin
          Lo so, ma dopo circa 100 anni non si può più dire che lo spin è relazionato alla rotazione dell'elettrone. E' una idea errata che deve essere dimenticata altrimenti si fa disinformazione scientifica. Poi ci lamentiamo della scarsa cultura scientifica delle persone, quel poco di divulgato è anche sbagliato.
          • benkj scrive:
            Re: Lo spin
            Scusa ma non ti capisco... lo spin può essere visto a livello approssimato come una rotazione al proprio asse. Tuttavia dal punto di vista classico due cose sono inspiegabili:- L'origine dello spin, capita solo con l'equazione di Dirac. Qualsiasi altra interpretazione dello spin come dovuto ad un qualche dipolo magnetico classico porta a contraddizioni- La quantizzazione, va beh questa e' la solita zolfa.Cio' non toglie che alla fine lo spin a livello concettuale lo schematizzi come una "freccina", la cui *origine* e' prettamente quantistica e che ruota con le sue leggi (torna all'origine solo dopo una rotazione di 4pi ecc...)Comunque ribadisco che, secondo me, per spiegare lo spin ai non addetti ai lavori la schematizzazione della rotazione attorno al proprio asse (senza saperne l'origine) e' ok-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 16 agosto 2012 15.26-----------------------------------------------------------
          • prova123 scrive:
            Re: Lo spin
            Se fai i conti con la meccanica quantistica il risultato non è compatibile con quanto ottenuto con la rotazione dalla meccanica classica. La rotazione fa parte dei primi tentativi di associare questo fenomeno quantistico a qualcosa di classico, ma quantitativamente le cose non tornano. Poi non ha senso parlare di valori grandi dello spin degli elettroni: gli elettroni sono fermioni ed il valore dello spin assume esclusivamente i valori -1/2 e +1/2.
          • benkj scrive:
            Re: Lo spin
            - Scritto da: prova123
            La rotazione fa parte dei primi tentativi di
            associare questo fenomeno quantistico a qualcosa
            di classico, ma quantitativamente le cose non
            tornano. Non tornano perché non si considera la quantizzazione ed il valore semi-intero. Non importa fare conti poi per capire che la pittura e' sbagliata:- Lo spin non accelera/decelera, cambia solo direzione- La visione della rotazione presuppone che l'elettrone sia qualcosa dotato di forma (sferica) che appunto ruota. Cosa che per quanto ne so non ha senso.Tuttavia tutta la terminologia dello spin ed il nome stesso si rifa' alla rotazione attorno ad un asse (asse di quantizzazione, asse di spin ecc..). E' una pittura che aiuta a schematizzare e vedere le cose, purche' si consideri che e' solo una pittura molto rozza. Basta cercare quantum spin su google immagini per vedere una sacco di trottole. Anche wikipedia:"As the name suggests, spin was originally conceived as the rotation of a particle around some axis. This picture is correct so far as spins obey the same mathematical laws as quantized angular momenta do."Riguardo gli spin grossi ovviamente non mi riferivo agli elettroni. Ma approssimando uno spin quantistico con una freccina (angoli theta,phi) commetti un errore dell'ordine di 1/s, piccolo per s

            1
          • axel scrive:
            Re: Lo spin
            - Scritto da: prova123
            Se fai i conti con la meccanica quantistica il
            risultato non è compatibile con quanto ottenuto
            con la rotazione dalla meccanica classica. La
            rotazione fa parte dei primi tentativi di
            associare questo fenomeno quantistico a qualcosa
            di classico, ma quantitativamente le cose non
            tornano. Poi non ha senso parlare di valori
            grandi dello spin degli elettroni: gli elettroni
            sono fermioni ed il valore dello spin assume
            esclusivamente i valori -1/2 e
            +1/2.lo sai bene come si traduce la parola "spin". se lo si chiama ancora così c'è un motivo. il problema del divulgatore è "tradurre" fenomeni non intuitivi (se non addirittura contro-intuitivi, dal momento che noi, alla nostra scala, facciamo esperienza quotidiana di fenomeni che seguono le regole della meccanica classica) con figure intuitive. la "rotazione" degli elettroni, intorno al nucleo e su se stessi, è una di queste figure. scandalizzarti perché tu ne sai di più è un po' da snob
          • prova123 scrive:
            Re: Lo spin
            E' da snob dire che farsi le pippe non si diventa ciechi? :D
          • prova123 scrive:
            Re: Lo spin
            Il motivo per cui si chiama così è solo storico, serve solo a definire una proprietà quantistica di una particella il cambiarlo non cambia la proprietà.Secondo il tuo ragionamento allora una donna che ha il cognome XXXXX la da a tutti quelli che passano? ... vai a scrivere queste trollate sulla sabbia :D
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Lo spin
            occhio, che quello che sta trollando non è lui: arrivare qui e dire che lo spin non è una rotazione, che il professor salXXXXX l'ha dimostrato, e sciorinare competenze (legittime e rispettabili) è più vicino al trollare di una altrettanto legittima semplificazione ;)sta di fatto che se spieghi a una persona a digiuno che lo spin è una proprietà dell'elettrone, che può essere immaginata come se ruotasse in una direzione o l'altra sul suo asse, trovi il modo per farglielo capirepoi puoi dirgli: occhio, che è una semplificazione e che non è che l'elettrone ruoti, e anzi non è manco una pallina - ma se almeno ha capito che ci sono in ballo queste variabili, si fa un'idea: se poi deve fare un libro di fisica, allora è il caso si documenti, altrimenti va bene che almeno sappia che esiste lo spin e che è una proprietà dell'elettrone e che in linea di massima in quel caso ha senso che sia zero o 1altrimenti come gli spieghi, senza matematica, i fermioni, lo spin 1/2, il nastro di moebius, dirac, pauli e tutto il resto?
          • prova123 scrive:
            Re: Lo spin
            Argomento: elettroni. Per gli elettroni al 100% lo spin non corrisponde ad una rotazione, ha uno spin frazionario. La meccanica quantistica è nata proprio per le carenze della meccanica classica altrimenti non era necessaria un'altra teoria quando c'era una che giustificava tutto. Di alcuni argomenti senza matematica non si giustifica nulla e se non si entra nel dettaglio matematico tutti i concetti restano posticci, è meglio non conoscere qualcosa che conoscerla male. Perchè quando non si conosce qualcosa il giorno in cui si ha la necessità di utilizzarla uno si mette e ci ragiona, invece quando la si conosce in modo errato si pensa di conoscere qualcosa e quello che uno ha imparato pensando che fosse giusto diventa un ostacolo.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Lo spin
            io lo sapevova beh, amenripeto, sei un fisico e non ho motivo di dubitare che tu conosca la materiain quanto a didattica, direi che non ci siamo :)
          • prova123 scrive:
            Re: Lo spin
            Pazienza :)
          • MacGeek scrive:
            Re: Lo spin
            Mi dispiace 123prova, ma..."Non hai veramente capito qualcosa finché non sei in grado di spiegarlo a tua nonna-- Albert Einstein"Tutte le nonne qui stanno aspettando...
          • prova123 scrive:
            Re: Lo spin
            Purtroppo non avendo più nonne, sono disponibile a chiarimenti personalizzati per le nonne under 43 :D
    • Luca Annunziata scrive:
      Re: Lo spin
      ma no, l'atomo è fatto di pallini colorati e gli elettroni sono dei pallini più piccoli che girano, tra l'altro percorrono delle orbite disegnate a matita, sempre uguali(ghost)
      • benkj scrive:
        Re: Lo spin
        Gia'... e gli acceleratori di particelle sono "trabiccoli che sbatacchiano palline ad energie inverosimili" (cit un mio prof.) :)
        • tucumcari scrive:
          Re: Lo spin
          - Scritto da: benkj
          Gia'... e gli acceleratori di particelle sono
          "trabiccoli che sbatacchiano palline ad energie
          inverosimili" (cit un mio
          prof.)
          :)Sbatacchiano?Casomai Sparacchiano!Se proprio vuoi esagerare "sparacchiano nella speranza che collidano".... :D
          • benkj scrive:
            Re: Lo spin
            - Scritto da: tucumcari
            - Scritto da: benkj

            Gia'... e gli acceleratori di particelle sono

            "trabiccoli che sbatacchiano palline ad energie

            inverosimili" (cit un mio

            prof.)

            :)
            Sbatacchiano?
            Casomai Sparacchiano!
            Se proprio vuoi esagerare "sparacchiano nella
            speranza che collidano".... :DSbatacchiare = far sbattere urtando ripetutamente Quei cosi collidono anche troppo ed a casaccio, da cui la difficolta' nel capire quello che e' sucXXXXX.
          • tucumcari scrive:
            Re: Lo spin
            - Scritto da: benkj
            - Scritto da: tucumcari

            - Scritto da: benkj


            Gia'... e gli acceleratori di
            particelle
            sono


            "trabiccoli che sbatacchiano palline ad
            energie


            inverosimili" (cit un mio


            prof.)


            :)

            Sbatacchiano?

            Casomai Sparacchiano!

            Se proprio vuoi esagerare "sparacchiano nella

            speranza che collidano".... :D
            Sbatacchiare = far sbattere urtando ripetutamenteNaaahhhh ripetutamente 'na ceppa!Una particella è già tanto se collide una volta!Fidati....Sparacchiano! non sbatacchiano!So di cosa parlo per esperienza diretta anche se ormai molto remota!
      • tucumcari scrive:
        Re: Lo spin
        - Scritto da: Luca Annunziata
        ma no, l'atomo è fatto di pallini colorati e gli
        elettroni sono dei pallini più piccoli che
        girano, tra l'altro percorrono delle orbite
        disegnate a matita, sempre
        ugualimhhhh sempre uguali???ho capito!Werner Karl Heisenberg era un XXXXXXXXX! ;)
        • Luca Annunziata scrive:
          Re: Lo spin
          [img]http://chzlolcats.files.wordpress.com/2012/07/funny-cat-pictures-schrdinger-you-bastard.jpg[/img]
          • tucumcari scrive:
            Re: Lo spin
            - Scritto da: Luca Annunziata
            [img]http://chzlolcats.files.wordpress.com/2012/07Veramente il povero Schrödinger (e relativo gatto) hanno poco a che fare con la matita!Al limite ha a che fare con la cosiddetta interpretazione di Copenaghen (Niels Bohr) il paradosso del gatto fu escogitato da Schrödinger proprio per dimostrare che l'interpretazione data da Bohr aveva conseguenze insostenibili!Comunque lasciamo perdere (oggi sono buono perchè domani vado in ferie)...La mia era ovviamente una battuta se vuoi ti lascio una bibliografia sulle discussioni (moltissime interessanti e di tipo essenzialmente epistemologico) che la introduzione della fisica quantistica, per tutta la prima metà del 900, ha causato tra i fisici dell'epoca.C'è persino (Einstein) chi parlò esplicitamente di "rinuncia alla conoscenza".Certo... è roba di fisico (al più da filosofo o matematico) non proprio da "ingegnere"... :DE ridi un po' che ti rinfresca! ;)
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Lo spin
            e secondo te io metto un lolcat per piangere? :D
      • prova123 scrive:
        Re: Lo spin
        Preferisco il cosiddetto modello a panettone, soprattutto a natale! :D
        • Luca Annunziata scrive:
          Re: Lo spin
          sentiamo, allora come vogliamo spiegarla la proprietà dello spin :)
          • prova123 scrive:
            Re: Lo spin
            Semplicemente lo spin è una proprietà quantistica delle particelle. Non ha equivalente nella rappresentazione classica.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Lo spin
            perfetto: allora la prossima volta che scrivo un articolo su questo argomento scriverò "lo spin, una proprietà quantistica delle particelle che non ha equivalente nella rappresentazione classica" - son certo che i lettori saranno entusiasti ...
          • prova123 scrive:
            Re: Lo spin
            Purtroppo l'articolo è relativo all'informazione scientifica e c'è poco da entusiasmare in un pubblico eterogeneo, ma se affianco all'articolo ci metti una bella gnocca in lingerie l'entusiasmo ne gioverebbe :)
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Lo spin
            mi è sfuggito un punto: da quando fare divulgazione equivale a fare informazione scentifica?
          • prova123 scrive:
            Re: Lo spin
            Ai fini del pubblico cui ci si rivolge sì, per chi è digiuno di una cultura scientifica divulgazione e informazione scientifica sono equivalenti. Quindi se ascoltano un tuo discorso o quello di uno scienziato per loro è equivalente ecco perchè magari bisogna essere molto più precisi sui concetti "divulgativi" di quelli relativi alla "informazione scientifica" propriamente detta che si rivolgono a persone che hanno le basi per comprendere anche le approssimazioni grossolane. E' paradossale ma è più difficile fare divulgazione che informazione scientifica.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Lo spin
            a mio avviso, dare l'idea a chi non sa altro che quanto ha studiato a scuola (ovvero l'atomo è fatto di palline) che oltre ad avere una carica l'elettrone ruota pure mi pare un'ottima ideapoi certo ci sono i fisici, i matematici e gli ingegneri che hanno qualcosa da ridire al riguardoma ne ne faccio una ragione: perché se provo a spiegarlo così a una classe di bambini lo capiscono cos'è lo spin, se gli spiego che il fisico cip&ciop nel 1920 ha fatto un esperimento per dimostrare la non dimostrabilità della natura particellare della banana, mi guarderanno un filo perplessie poi mi tireranno i coppetielli (ma quello lo faranno lo stesso)
          • prova123 scrive:
            Re: Lo spin
            Se gli dici che lo spin è un abilità degli elettroni come le abilità dei pokemon ti capiranno benissimo senza raccontare cose sbagliate. :)
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Lo spin
            risposta: quale abilità? i fulmini come pikachu? come si vede 'sta abilità?senza offesa, ho idea che tu sia preparato sulla fisica ma molto meno sulla didattica...
          • prova123 scrive:
            Re: Lo spin
            Si vede facendo un esperimento che la evidenzi.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Lo spin
            certo, alle scuole mediesuvvia, non sempre ci sono strumenti fisici e matematici adeguatile semplificazioni servono proprio a quello, ed è questo il motivo per cui i libri delle scuole primarie e secondarie ne sono pieni
          • prova123 scrive:
            Re: Lo spin
            Anno 1978 alle scuole medie inferiori in una scuola di un paese di 1500 anime avevamo un piccolo laboratorio dove venivano fatti "esperimenti" di meccanica classica, con qualche conticino di velocità media ed una macchina di Van de Graaff per fare vedere le cariche elettriche tramite il loro effetto, ma nessuno aveva la pretesa di parlare a dei bambini del Principio di esclusione di Pauli o dello spin. Se proprio uno vuole fare capire ai ragazzi delle scuole medie superiori concetti più evoluti un insegnante può contattare l'università per qualche esperimento ad hoc per i ragazzi, per la didattica nell'università c'è sempre qualcuno disponibile, bisogna solo avere voglia di darsi da fare anzichè leggere il libro e ripeterlo.
          • Luca Annunziata scrive:
            Re: Lo spin
            fammi indovinare: alle scuole elementari ti hanno spiegato dirac?ma davvero sei convinto che sia tutto possibile? ma ci hai messo piede mai in una scuola italiana? :) e, sia chiaro, non è un problema di persone nella stragrande maggioranza dei casi, ma di risorse
          • prova123 scrive:
            Re: Lo spin
            No, sono uscito dalle elementari che sapevo leggere, scrivere e risolvere i problemi di geometria solida. Facciamo le cose per passi, è inutile perdere tempo a cercare di spiegare Dirac ad un bambino delle elementari con degli esempi poco calzanti, quando poi lo stesso all'uscita dalla scuola media superiore ha ancora difficoltà con i problemini del tipo "La mamma va al mercato e compra 6 uova ..." e sono ancora molto buono. Facciamo che alla fine delle elementari sappia fare il minimo sopra indicato, poi si vedrà per il resto. Il mettere tanta carne al fuoco e male alla fine il suddetto bambino alla fine delle elementari sa che la materia è fatta di pallini, ma se va a comprare 4 uova gli fregano il denaro senza che se ne accorga.
          • prova123 scrive:
            Re: Lo spin
            Mi ricordo un anno in cui all'università ho tenuto un seminario di elettronica applicata alla ricerca in ambito industriale. L'argomento era tecnico ed abbastanza palloso da far appisolare anche gli studenti di ingegneria (io sono un fisico). Il problema principale era tenere alta l'attenzione, allora giocai d'attacco. Alla presenza dei miei prof che furono miei relatori, dopo una brevissima presentazione esordii dicendo: oggi non è mia intenzione di parlarvi di elettronica, ma sarà l'elettronica a parlare attraverso me ... fragorosa risata e applauso dagli studenti, e poi l'argomento fu affrontato seriamente, ma con l'effetto collaterale che i ragazzi seguirono tutto l'argomento senza sbadigliare ed intervenendo con domande. Gli argomenti di tipo scientifico sono grigi ed il trucco è inserire ogni tanto un pò di colore. ;)
          • prova123 scrive:
            Re: Lo spin
            Faccio un esempio per rendere l'idea.Una rappresentazione della casa vista dall'esterno è caratterizzata da:grandezza, colore, numero di finestre, etc.Una rappresentazione più fine della casa vista dall'interno porta ad aggiungere ad esempio:Il numero di vani, il numero di porte, etc.Questi elementi aggiuntivi non hanno un equivalente della vista dall'esterno, sono semplicemente delle informazioni in più.Il vincolo di quanto definito dalla rappresentazione più fine ovviamente non può entrare in contraddizione con quanto ricavato dalla rappresentazione "grossolana", ovvero il volume della casa nei due casi deve essere lo stesso di quello della rappresentazione "grossolana", ma può avere delle informazioni in più che non hanno un equivalente "grossolano"adesso mancano solo la Suite per orchestra n.3(Bach) ed i titoli di coda di Quark :D
          • MacGeek scrive:
            Re: Lo spin
            Anche io qualche tempo fa mi chiedevo cosa significasse questo 'spin', perché la spiegazione classica che ricordavo (direzione di rotazione sul proprio asse dell'elettrone) non mi suonava affatto bene.Alla fine ho capito che sono semplicemente due 'stati' dell'elettrone, come lo sono la carica positiva e negativa. Solo che è un'altra cosa: lo 'spin', appunto.
          • rockroll scrive:
            Re: Lo spin
            - Scritto da: prova123
            Semplicemente lo spin è una proprietà quantistica
            delle particelle. Non ha equivalente nella
            rappresentazione
            classica.Te la sei cavato veramente con poco: orsù, di grazia, dai a noi comuni mortali, dotati di materia grigia ma non di conoscenze quantistiche, una qualche indicazione esplicativa sulla proprietà quantistica delle particelle chiamata "spin". Nel 2012 sarebbe gravissimo confonderla con la "rotazione" di una particella... Per porvi rimedio, gradiremmo informazione esplicativa, non ermetismo accademico, e nemmeno rimando a Wiki visto che non sarebbe affidabile e quando lo è pecca proprio dell'ermetismo suddetto.
          • prova123 scrive:
            Re: Lo spin
            Leggo nelle tue parole una leggera vena di coglionamento :D ... vabbè ...Lo spin è una proprietà quantistica degli elettroni evidenziata la prima volta con l'Esperimento di Stern-Gerlach riportato in tutti i libri di fisica sull'argomento. E' inutile descrivere qui l'esperimento perchè è necessario studiare qualcosa affinchè rimanga impressa. A titolo di semplice conoscenza questo è sufficiente, ma se vuoi fare dei conti, cioè iniziare a parlare di fisica allora ti conviene studiare per l'esame di Istituzioni di Fisica teorica dopo aver fatto gli esami propedeutici Fisiica I, Fisica II; Analisi I, Analisi II e Metodi Matematici per la fisica (Analisi III). Comunque ti posso assicurare che la longevità e la salute di un essere umano è indipendente dalla più o meno approfondita conoscenza dello spin. E come ha ricordato Crozza-Zichichi "Un corpo immerso nell'acqua si lava e un corpo immerso nel cemento sapeva troppo" ... beata ignoranza! :D
Chiudi i commenti