Brevetti Nortel, l'asta si affolla

Un numero crescente di organizzazioni e grandi aziende dell'IT professano interesse per l'acquisizione del succulento pacchetto di Proprietà Intellettuali dell'ex-colosso delle telecomunicazioni

Roma – La gara ad accaparrarsi i 6.000 brevetti hi-tech messi in palio dopo il fallimento di Nortel si sarebbe dovuta concludere con l’assegnazione a Google dietro il pagamento di 900 milioni di dollari , ma a quanto pare più che di conclusione anticipata si tratterà di una gara al fotofinish destinata a veder crescere in maniera sensibile il prezzo finale.

Tutti sono interessati al “tesoro” di proprietà intellettuale dell’ex-colosso delle telecomunicazioni, un portafoglio che comprende ogni genere di ritrovato tecnologico, non ultimi gli standard di comunicazione wireless (3G, 4G, LTE). Recentemente si è venuti a conoscenza del fatto che anche Apple vuole far propri i brevetti, previa autorizzazione della divisione antitrust del Dipartimento di Giustizia (DoJ) americano che ha messo sotto stretta osservazione questo “interesse particolare” di Cupertino.

Ora quell’autorizzazione è arrivata e il DoJ ha dato via libera alla Mela per la partecipazione all’asta . Assieme a Apple ci saranno poi anche Intel e Rockstar Bidco LP, stando a quanto comunica la Federal Trade Commission (FTC) – impegnata assieme al DoJ nella revisione delle offerte di acquisto in chiave antimonopolistica – via posta elettronica.

La lista delle società ammesse all’asta per i brevetti Nortel è insomma più ricca che mai, comprendendo oramai Google, Apple, RIM, Intel, e molti altri. Un altro importante partecipante alla partita dovrebbe essere RPX Corp. , organizzazione che ha come missione la “mitigazione del rischio” derivante da eventuali cause legali a mezzo brevetti con clienti società del calibro di Sony, Microsoft, Nokia, Panasonic, Acer, Dell, HP e IBM.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Angel82 scrive:
    Ed intanto noi...
    rimaniamo al palo...ricerca & sviluppo = 0Aziende con altissimo tasso di innovazione = 0Almeno l'ufficio del personale non dovrà accollarsi il problema di assumere un hacker e darne una spiegazione!
    • si tav scrive:
      Re: Ed intanto noi...
      - Scritto da: Angel82
      rimaniamo al palo...

      ricerca & sviluppo = 0

      Aziende con altissimo tasso di innovazione = 0

      Almeno l'ufficio del personale non dovrà
      accollarsi il problema di assumere un hacker e
      darne una
      spiegazione!Cosa?????? :@ :@ :@ :@ :@ E della tav cosa mi dici??? :@ :@ :@ :@ :@ Non è forse innovazione PURA quella!?!?!? :@ :@ :@ :@ :@
  • tom grande scrive:
    vergogna
    Per un minimo di etica e per correttezza professionale un delinquente non dovrebbe essere premiato ma punito...e se non dal datore di lavoro dagli utenti stessi
    • Sgabbio scrive:
      Re: vergogna
      Certo..... poverino lui è un criminale..... Ma va la!
    • krane scrive:
      Re: vergogna
      - Scritto da: tom grande
      Per un minimo di etica e per correttezza
      professionale un delinquente non dovrebbe essere
      premiato ma punito...e se non dal datore di
      lavoro dagli utenti stessiPerche' mai gli utenti dovrebbero punirlo in questo caso ?E quale datore di lavoro ?
    • mura scrive:
      Re: vergogna
      - Scritto da: tom grande
      Per un minimo di etica e per correttezza
      professionale un delinquente non dovrebbe essere
      premiato ma punito...e se non dal datore di
      lavoro dagli utenti stessiMa per favore va la che di delinquenti da punire prima di geohot ce ne sono a migliaia almeno lui si può definire una persona che nel suo settore ha da dare parecchio.
    • MacGeek scrive:
      Re: vergogna
      - Scritto da: tom grande
      Per un minimo di etica e per correttezza
      professionale un delinquente non dovrebbe essere
      premiato ma punito...e se non dal datore di
      lavoro dagli utenti stessiDelinquente?GeoHot è un mezzo genio e un vero hacker nello spirito. Cioè hackerava per divertimento, non per profitto.E' giusto che ora "incassi" e si comporti da grande. Anche se Facebook non mi piace e sarei andato da Google, piuttosto (dove ha comunque già lavorato per un estate).
    • bubba scrive:
      Re: vergogna
      - Scritto da: tom grande
      Per un minimo di etica e per correttezza
      professionale un delinquente non dovrebbe essere
      premiato ma punito...e se non dal datore di
      lavoro dagli utenti
      stessiConcordo!PURTROPPO tutti i dirigenti sony sono ancora a piede libero... gli utenti almeno li hanno puniti, come dici tu.
  • mi viene da vomitare scrive:
    mi viene da vomitare
    mi viene da vomitare
  • ciccio quanta ciccia scrive:
    Noooooooooooooooo
    No, ma che tristezza ma dai no...
Chiudi i commenti