Brevetti software, appello ai ministri italiani

Il mondo del software libero rivolge una nuova lettera aperta a quei ministri italiani che possono fare la differenza nell'impedire che la UE si doti dei brevetti selvaggi all'americana


Roma – In una lettera aperta inviata nelle scorse ore ad alcuni ministri-chiave del nostro Governo, Italian Linux Society , Associazione Software Libero e Free Software Foundation Europe hanno chiesto una presa di posizione importante che contribuisca a scongiurare l’introduzione in Europa dei brevetti all’americana sul software.

La lettera, inviata a Marzano (Attività produttive), Moratti (Istruzione e ricerca), Buttiglione (Politiche comunitarie) e per conoscenza a Stanca (Innovazione) e Baldassarri (vice Economia), racconta il legame tra lo sviluppo di nuova conoscenza, e di nuove tecnologie, e la possibilità per l’Europa di crescere e competere sul piano economico e sociale.

Le tre importanti associazioni del mondo del software libero fanno anche notare ai ministri come l’Europa, in certi settori, negli ultimi anni abbia saputo competere alla pari con le realtà statunitensi “che tradizionalmente dominano” il mercato dell’informatica. Si tratta di una crescita che va tutelata mentre “l’eventuale approvazione della Direttiva Europea sulla brevettabilità delle invenzioni attuate per mezzo di elaboratori elettronici costituirebbe una seria battuta d’arresto per tutta l’economia europea”.

Ai ministri italiani, dunque, nel rispetto del voto dell’Europarlamento (poi stravolto dal Consiglio dei ministri europeo), il mondo del software libero chiede “di riconfermare in maniera inequivocabile l’intenzione dell’Italia di non accettare che anche l’Europa diventi un campo minato di brevetti software”.

Il rischio, come paventato di recente persino dalla Federal Trade Commission americana, è quello di creare un mercato impossibile per gli sviluppatori indipendenti e le piccole imprese, dominato invece dalle multinazionali del software, capaci di gestire sia sul piano economico che sul piano del portafoglio brevetti, uno sviluppo “condizionato”.

Nella lettera si ricorda come due milioni di piccole e medie imprese europee abbiano già detto no ai brevetti e si sottolineano le posizioni già espresse di Stanca e Baldassarri, assai critiche verso la brevettabilità del software. Infine vengono ricordati i giudizi di “prestigiosi istituti economici e finanziari” che, nel tempo, hanno dichiarato la pericolosità del sistema che si vuole introdurre. La speranza, evidentemente, è che nel futuro iter europeo sulla questione l’Italia sappia far pesare la propria contrarietà ai brevetti sul software.

Il testo integrale della lettera è accessibile qui

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Licenziamento giusto
    Ma scusate, una che è pagato migliaia di euro al mese dallo stato e invece di lavorare si va a guardare i siti di vacanze o qualsiasi altro sito "extra" lavorativo compie una truffa allo stato.licenziamento giusto... altrimenti domani tutti su punto-informatico e vediamo quando per un documento della P.A. ci vuole un mese cosa dite....
  • Anonimo scrive:
    Re: frustrati
    rispondo allo sfogo un pò superficiale che mi precede. "sto quì invece che sbrigare le pratiche..." ecc.Credo che chi abbia scritto non sappia nemmeno lontanamente cosa fa un collaboratore di un deputato. In genere è pagato in nero (con la connivenza di camera e senato e alla faccia della legge) e passa il tempo a ricevere telefonate smistando quelle indesiderate da quelle "utili". Poi magari si occupa di rinnovare il passaporto al deputato, alla moglie, all'amico dell'onorevole, a rompere le scatole alla prefettura per far cancellare qualche multa, a prenotargli il biglietto aereo a spese dei contribuenti e informarsi quanto il convegno X è disposto a pagare per la sua presenza.... questo è il lavoro.ciao ciao
  • Anonimo scrive:
    Re: me è andata proprio così?
    - Scritto da: Anonimo

    Fisichella ha risposto con una lettera
    al

    senatore dei Verdi Fiorello Cortiana
    che lo

    Non mi pare c'entri nulla. Non ha risposto
    sulla questione dei computer e delle url che
    mi sembra l'unica interessante quiPero` lo stile aggirativo del discorso ne testimonia l'autenticita`: e` senz'altro opera di un politico di professione, dato che non sono riuscito a leggerlo tutto senza distrarmi, nemmeno riprovandoci 3 volte. :)
  • Anonimo scrive:
    Re: Cache, Proxy, Cronologia, MRU e Priv
    la verità la sappiamo dato che è stato lincenziato immediatamente dopo che quello l'ha visto nella foto
  • Anonimo scrive:
    Re: URL Filtering...
    facilmenti aggirabbili basta inserire su altavista la traduzione di quella pagina e ti vedi la pagina...
  • Anonimo scrive:
    Re: meno male
    - Scritto da: Anonimo
    devo arrivare in fondo all'articolo per
    leggere IL buon senso che tutti avremmo
    dovuto avere immediatamente ...

    grazie cortiana che affermi

    "...e faccio notare come non sia possibile
    affermare che siano stati effettuati
    collegamenti con siti del tutto estranei
    agli interessi di un ufficio pubblico di un
    organo costituzionale senza vederne i
    contenuti".


    e facciamolo notare subito, per diana!!!!!
    è ovvio! ovvio??!anche se i siti visitati si possono riconoscere dal dominio?se il tipo si è collegato più volte a siti come (sparo) www.rotten.com oppure www.supersex.com non serve andare a visitarli.. cosa che comunque si può fare da un altro pc, una volta che si ha la lista degli indirizzi visitati...
  • Anonimo scrive:
    Re: cosa normale
    - Scritto da: Anonimo
    Non vedo cosa c'è di strano se il
    Senato ha un log dei siti che i suoi
    dipendenti visitano. E' cosa normale in ogni
    azienda.uhm mica tanto
    L' azienda ha il diritto di sapere cosa ci
    fanno i suoi dipendenti con gli attrezzi che
    gli mette a disposizione, mi risulta non sia stato ancora abrogato lo statuto dei lavoratori ne gli articoli di legge contro la sorveglianza occulta sui luoghi di lavoro.Indi puoi fare i log ma solo dopo aver informato e in taluni casi ottenuto il consenso dal lavoratore... A meno che ovviamente tu non sia l'Autortita' Giudiziaria con regolari mandati etc.soprattutto
    perché questi possono farci cose
    illegali, tipo condividere foto pedofile e
    così via......

    il Cortiana farebbe bene a stracciarsi le
    vesti per altre cose....Mah il rispetto delle leggi nelle sedi delle piu' alte istituzioni mi pare importante...
  • samu scrive:
    Re: meno male
    - Scritto da: Anonimo
    devo arrivare in fondo all'articolo per
    leggere IL buon senso che tutti avremmo
    dovuto avere immediatamente ...

    grazie cortiana che affermi

    "...e faccio notare come non sia possibile
    affermare che siano stati effettuati
    collegamenti con siti del tutto estranei
    agli interessi di un ufficio pubblico di un
    organo costituzionale senza vederne i
    contenuti". scommettiamo che e' andata cosi' ?i pc erano della segreteria, con monoutente (tipo username pippo, passwordpippo) usato da tutti.Semplicemente un giorno hanno visto che il tiziostava palesemente cazzeggiando su un sitodi suonerie o una chat qualunque, mentreaveva mancato 18 consegne e doveva fare del lavoro..Al che e' arrivato il super esperto, che, aprendola cronologia di internet explorer ha vistoche il tipo si collegava al portale dei wareze si scaricava gta s.andreas.ovviamente le mie sono ilazioni, ma vorreisottolineare come anche una cosa del generepossa rientrare in cio' che viene descrittoessere accaduto
  • Anonimo scrive:
    Re: Cache, Proxy, Cronologia, MRU e Priv
    se l'hanno licenziato perche' invece di lavorare chattava o altre cazzate hanno fatto bene, se l'hanno licenziato perche' e' andato ad una festa gay hanno fatto male, ma la verita' non la sapremo mai!fine della storia
  • Anonimo scrive:
    Re: me è andata proprio così?

    Fisichella ha risposto con una lettera al
    senatore dei Verdi Fiorello Cortiana che loNon mi pare c'entri nulla. Non ha risposto sulla questione dei computer e delle url che mi sembra l'unica interessante qui
  • Anonimo scrive:
    me è andata proprio così?
    Vista la cronica diffidenza sia nei confronti dei giornalisti che dei politici sono andato a vedere per trovare la dichiarazione di Fisichella ... questo è riportato da GayNewsFisichella ha risposto con una lettera al senatore dei Verdi Fiorello Cortiana che lo aveva sollecitato a chiarire la vicenda. ''Non ho alcuna difficolta' a precisarti - scrive Fisichella - che, in questa vicenda, nessuna considerazione sugli orientamenti sessuali del dottor Mattiello (a me ignoti e mai indagati), ne' sui suoi piu' complessivi interessi mi ha indotto a interrompere la sua collaborazione con la segreteria particolare del sottoscritto, quale vicepresidente del Senato''.''E' semplicemente venuto meno, per ragioni diverse - aggiunge Fisichella - quel vincolo fiduciario che da sempre lega noi parlamentari, e in particolare i componenti del consiglio di presidenza, ai nostri piu' diretti collaboratori''. Fisichella rimanda tutto alla decisione che sara' presa dall'ufficio del lavoro al quale si e' rivolto il suo collaboratore licenziato: ''Le sedi procedurali competenti consentiranno nelle forme dovute di valutare il fondamento della mia decisione''.
  • Icefox scrive:
    Cache, Proxy, Cronologia, MRU e Privacy
    Partiamo dall'ultimo punto, la privacy su un computer aziendale è un argomento difficile da trattare: il mio utente è libero di fare quello che vuole nella sua sessione? Per quanto riguarda l'azienda per cui lavoro, no e come amministratore devo poter accedere al pc (in sessione amministratore) e verificare (solo in caso di contaminazione da virus o eventuale denuncia dall'esterno) cosa è successo sul tale pc.Su cache, cronologia e MRU credo non ci siano dubbi, basta poco per verificare l'attività di un pc su internet (volete tutelarvi??? scaricatevi l'ottimo MRUBlaster).Ultimo punto, di solito i pc aziendali passano attraverso un server proxy che solitamente tieni log di tutto ciò che si visita (anzo ne tiene copia... server a quello no? ;) )Mi sembra una interrogazione bufala e gonfiata da persone che ignorano il funzionamento di una rete...==================================Modificato dall'autore il 12/11/2004 9.21.44
  • Anonimo scrive:
    Vi manteniamo....
    o lavorate o andate a casa, e quale privacy ??? sei sul lavoro, lavora e non ci sono problemi, io ti devo mantenere per farti i cavoli tuoi ???
  • Anonimo scrive:
    (OT) GRANDE Cortiana !(e grazie!)
    Ciao.Sono un webmaster come tanti. A parte la notizia in oggetto su P.I., devo "deragliare" dal tema per riportare questa qui.Ciao!!A proposito di:http://www.wineathomeit.com/vajont2003/indice.html (la pagina principale) che ospita la denuncia della vergogna nazionalehttp://www.wineathomeit.com/vajont2003/sfratto.htmlDopo aver avuto la solidarietà di http://www.ilbarbieredellasera.com/article.php?sid=12372via e-mail iero ho ricevuto, e volentieri comunico:================ COMUNICATO STAMPA =======================TRAGEDIA DEL VAJONT, CORTIANA: NO ALL' INFAME SFRATTO DEL COMITATO PER I SOPRAVVISSUTI AL DISASTRO"Siamo di fronte ad un vergognoso atto da parte dell'amministrazione comunale di Longarone, paese già vittima della tragedia della diga del Vajont, quando si contarono 2000 morti in quel disastro dell'autunno del '63", lo afferma il Senatore dei Verdi Fiorello Cortiana."E' fuori da ogni comprensione umanamente possibile il fatto che proprio coloro, in questo caso l'amministrazione comunale di Longarone, che dovrebbero erigersi a difensori e promotori dello spirito di rinascita e di memoria storica del proprio stesso disgraziato paese, vessato dall'uomo e della natura, mentre ostentano una retorica animata da finto rispetto, inviano, motivando tranquillamente con insulse e formali giustificazioni, una lettera di sfratto al Comitato per i Sopravvissuti del Vajont, associazione costituita con scopi di solidarietà e conservazione della memoria dei fatti accaduti"Conclude Cortiana: "Ho scritto a proposito un'interrogazione alla Presidenza del Consiglio, sperando di contrastare questi indegni atti di indegne istituzioni".Roma 11/11/04Ufficio StampaSen. Fiorello CortianaTel 06 67064104Fax 06 67063487 INTERROGAZIONE AL PRESIDENTE DEL CONSIGLIOPremesso che:memori della tragedia della diga del Vajont, quando, con orrore, quel 9 ottobre del 1963 vedemmo spazzar via un intero paese, Longarone, a seguito della frana che dal Monte Toc provocò, precipitando nel lago sottostante, un'inondazione che uccise 2000 persone,venne creato nel novembre 2001 il Comitato per i Sopravvissuti del Vajont costituito con lo scopo di solidarietà e sostegno morale e psicologico alle persone sopravvissute alla tragedia del Vajont, nonché con il fine di diffondere la conoscenza e conservare la memoria dei fatti accaduti,Considerato che:il giovane Sindaco di quello stesso paese, Longarone, sta liquidando con una semplice lettera di sfratto il Comitato per i Sopravvissuti del Vajont, motivando l'allontanamento previsto per il 1°dicembre 2004 alla luce di una concessione non ancora formalizzata e della necessità, da parte dell'amministrazione comunale, di usufruire dei locali, finora utilizzati dal Comitato, per il raggiungimento delle proprie finalità,codeste affermazioni provengono proprio da parte di quelle Istituzioni che dovrebbero, al contrario, per ovvi motivi, promuovere e sostenere lo spirito di rinascita e di memoria storica che il Comitato per i Sopravvissuti del Vajont incarna concretamente,si chiede di sapere:-se la S.V. sia conoscenza di tali fatti;-se la S.V., constatando quanto rilevato, abbia intenzione di porre in essere azioni correttive e preventive di simili atti.Roma, 11/11/04Sen. Fiorello Cortiana===================== FINE comunicato ============C'è vita, sul pianeta!!Ringrazio chi si è attivato per questa cosa!Mi scuso per l'OT, ma quando ci vuole ci vuole:http://www.wineathomeit.com/vajont2003/cervelli.html(il disegnino per i meno dotati, tipo un signore sul forum http://www.vajont.net)Saluti, Tiziano Dal Farra, Udine.
  • Anonimo scrive:
    cosa normale
    Non vedo cosa c'è di strano se il Senato ha un log dei siti che i suoi dipendenti visitano. E' cosa normale in ogni azienda.L' azienda ha il diritto di sapere cosa ci fanno i suoi dipendenti con gli attrezzi che gli mette a disposizione, soprattutto perché questi possono farci cose illegali, tipo condividere foto pedofile e così via......il Cortiana farebbe bene a stracciarsi le vesti per altre cose....
  • Anonimo scrive:
    URL Filtering...
    Qualora non lo sapeste, molti Enti pubblici e privati italiani hanno già da anni la possibilità di registrare ed impedire ai propri dipendenti di accedere a determinate caterie di siti Web.Esistono infatti software come Surf Control e Web Sense specializzati nel far ciò...
  • Ottav(i)o Nano scrive:
    Maddechè!!!! E' una scusa...
    Il buon (?) Fisichella ha fatto il pasticciaccio, e mò deve trova' la scusa, solo che -come in tutte le cose abborracciate- sta ingarbugliando tutto, e ora rischia di impiccarsi con le sue stesse mani....
  • Anonimo scrive:
    frustrati
    Ma la facciano finita con sta privacy del menga!!, che centracosa guarda uno in internet,,,, il fatto è che lo guardi mentresta lavorando e se tanto mi da tanto con i nostri soldi.. importapoco se il tizio è gay o sadomasochista, coprofago oppurese gli piacciono le bionde, importa casomai se taluni giochi epassatempi ludici vengono fruiti in sede di lavoro. Ci stanno davvero sgretolando le sfere con la privacy, manica di frustratiche non sono altro, sempre pronti a menar il can per l'aia ogniqualvolta spunta sta privacy, si ricordino che far politica deveessere una cosa seria, poi se uno finito il lavoro si sollazza come gli pare penso che non sia importante. Io mi sudo ognicomponente del mio pc lavorando mentre sto qui alla faccia delle pratiche che languono si diletta (forse) nei sitini....o massa di raccattatiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii
  • Anonimo scrive:
    Se ho capito bene...
    Fisichella sostiene di aver licenziato il responsabile della segreteria (cioe', non proprio la donna delle pulizie) perche' era geloso del computer e accedeva a siti "del tutto estranei alle attivita' del ministero". Ma non sanno neppure loro quali. Magari, quindi, si tratta di Libero, Virgilio, o addirittura del sito viaggievacanze.com?Una dichiarazione del genere e' come una scoreggia in pubblico, mi fa un po' ridere e un po' schifo.
  • Anonimo scrive:
    zzzzzzzzzzzz
    zzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzzchissenefotte, onestly ;)
  • Anonimo scrive:
    meno male
    devo arrivare in fondo all'articolo per leggere IL buon senso che tutti avremmo dovuto avere immediatamente ...grazie cortiana che affermi"...e faccio notare come non sia possibile affermare che siano stati effettuati collegamenti con siti del tutto estranei agli interessi di un ufficio pubblico di un organo costituzionale senza vederne i contenuti". e facciamolo notare subito, per diana!!!!!è ovvio! l'accesso esclusivo al pc intero magari no, poi, ma l'accesso alla sua sessione è obbligatorio per legge; identificazione e password *devono* essere esclusive e conosciute solo dal diretto interessato.che poi magari i dati di lavoro comune siano accesibili in aree profilate per multutenza, è un altro paio di maniche
  • Anonimo scrive:
    Vabbe'
    Mi sembra la solita notizia gonfiata ad arte per alimentare le solite inutili polemiche
Chiudi i commenti