BSA: gli utenti li educhiamo noi

L'associazione spiega qual è l'attitudine dell'utente finale e racconta i risultati ottenuti dal sistemone automatico che - afferma la BSA - trova i pirati online


Roma – Più di un terzo degli utenti internet americani ha scaricato software commerciale dalla rete senza però pagare tutte le copie che ne ha fatto. Da un campione di 1.026 utenti quasi la metà ha scaricato software e l’81 per cento di chi l’ha fatto non ha pagato la copia. Il 57 per cento di chi scarica software di rado non paga quello che scarica.

Queste le cifre diffuse dall’associazione dei produttori di software proprietario BSA e relative ad uno studio che ha commissionato all’osservatorio di Ipsos-Reid. Numeri che la BSA definisce “inquietanti”.

Stando allo studio , il 12 per cento di coloro che scaricano software ammettono di aver effettuato operazioni di pirateria informatica. “Questa è la prima volta – ha spiegato Robert Holleyman, presidente e CEO di BSA – che abbiamo studiato l’attitudine dell’utente finale riguardo al furto online. E quello che abbiamo trovato è una tendenza comportamentale che ci disturba, che viola le leggi sul copyright e che ogni anno costa miliardi di dollari e centinaia di migliaia di posti di lavoro”.

Tra le contraddizioni che la BSA sostiene di aver portato alla luce anche quella secondo cui il 95 per cento dell’utenza ritiene che chi realizza software debba essere pagato per quello che fa e l’85 per cento è allineato sul modello proprietario considerando fondamentale proteggere i diritti di proprietà intellettuale prima di tutto per finanziare ricerca e sviluppo.

Secondo Holleyman è incoraggiante che gli utenti si rendano conto della centralità della proprietà intellettuale ma “ora dobbiamo continuare nello sforzo di aiutarli a capire che il download illegale fa danni a quelle aziende e a quegli sviluppatori che ritengono di proteggere”.

Ma quasi la metà degli utenti ha dichiarato che la scelta di scaricare dalla rete un software commerciale senza pagarlo dipende dalle circostanze. Una risposta che fa arrabbiare la BSA, secondo cui ci vuole non solo educazione ma anche sistemi che facciano valere davvero il copyright.

Uno di questi sistemi, spiega la BSA, è quello messo a punto per il web.


“Per ridurre la disponibilità di software pirata online – ha spiegato Bob Kruger, vicepresidente delle politiche repressive della BSA – la BSA ha sviluppato nuovi strumenti come la soluzione automatica di MediaForce, che gira sul web per individuare copie pirata dei prodotti delle aziende associate a BSA. Per il grande pubblico, l’educazione è la chiave a promuovere il rispetto online della proprietà intellettuale”.

Il sistema MediaSentry di MediaForce utilizzato dalla BSA, stando a quanto dichiarato dall’associazione, lavora scansionando non solo il web ma anche i sistemi di scambio-file peer-to-peer, le chat di IRC, i newsgroup e i siti che mettono a disposizione FTP pubblici.

Secondo la BSA, nei tre mesi da quando MediaSentry è stato attivato nel programma di lavoro della BSA sono stati notificati più di 8.500 avvisi di diffida ad altrettanti provider, vale a dire 5.200 avvisi in più di quelli diramati dalla BSA in tutto il 2001.

Secondo Kruger la pirateria via internet è in qualche modo insita nel mezzo perché gli utenti possono contare sulla sensazione di anonimato che offre la connessione, su banda sempre più larga, sulla popolarità raggiunta dai siti d’aste. “E’ chiaro da questo studio – spiega – che se da un lato gli utenti possono capire che chi sviluppa dipende dalle licenze per lavorare, dall’altro non vedono come il proprio comportamento danneggi il lavoro degli sviluppatori”.

Kruger ritiene che molto stia nell’educazione degli utenti e anche per questo la BSA negli USA, ma anche in Europa e in Italia, si sta dando da fare per cercare di diffondere la “cultura” della proprietà intellettuale sul software e l’orrore per la pirateria informatica.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    E' sempre stato cosi e in tutta italia!
    La notizia non mi sembra cosi ecclatante, se non fosse per gli arresti!In italia è sempre stato cosi, nei mercati gli ambulanti vendono di tutto, cassette, CD e non solo... le tute della Asiksix, della Adidash, della Piuma, le scarpe della Niche, ecc... Stiano cmq tranquilli i dicografici, se non vendono gli ambulanti sicuramente non saranno loro a vendere alle feste di paese!!!! Che non vengano a dire che hanno perso X milioni di euro perchè ho visto persone che poco ci manca fanno a botte per avere il CD pirata a 6.000 anzichè 10.000 (vecchi lire) altro che 25euro per uno originale!!!
  • Anonimo scrive:
    E i vu cumprà?
    E che mi dite di certi extracomunitari che per esempio giaciono, stendono, compongono puzzle di cd copiati lungo i portici di bologna dove passa tutta la gente? non sono un pò invadenti?Strano perchè in tutta italia è così, in tutte le feste di paese belle brutte, del sud o del nord succede così.Però saranno almeno 15 anni che vedo cassette fotocopiate male che hanno l'audio storto... E questi personaggi hanno fatto storia. Bastava andare nel ritrovo dei camionisti qua vicino e con poche lire ti compravi cassettine, petardoni sveglie o orologioni di gran marca (tarocca). Era sempre li, fermo, ogni giorno. E dire che sto in Friuli...Non ce l'ho con gli extracomunitari, ma semplicemente non ho mai sentito, in 15 anni, di qualcuno che arrestasse questi venditori ambulanti così spudorati.
    • Anonimo scrive:
      Re: E i vu cumprà?
      - Scritto da: Rauz
      Non ce l'ho con gli extracomunitari, ma
      semplicemente non ho mai sentito, in 15
      anni, di qualcuno che arrestasse questi
      venditori ambulanti così spudorati.Ma se lo hai letto proprio oggi!!!Guarda bene le ultime tre righr dell'articolo
      • Anonimo scrive:
        Re: E i vu cumprà?
        Lascialo perdere poverino...forse lui abita in una zona del Friuli dove i giornali nn vengono distribuiti. NEL SUD ARRESTI/SEQUESTRI/MULTE A EXTRACOMUNITARI SONO ALL'ORDINE DEL GIORNO! Vengono addirittura riportati nei settimanli nazionali...
      • Anonimo scrive:
        Re: E i vu cumprà?
        si, 11... in 15 anni ne ho visti ben piu di 11 in giro, caro mio..Rispondo anche all'altro volpone del thread successivo a questo:al nord sono sempre li, i marocchini coi cd in mano, e ho citato bologna apposta perchè i personaggi piratosi sono gli stessi ogni periodo dell'anno in cui ci vaiiinon diamo dell'ignorante sulla fiducia alla gente per favore, ho le mie motivazioni.

        Non ce l'ho con gli extracomunitari, ma

        semplicemente non ho mai sentito, in 15

        anni, di qualcuno che arrestasse questi

        venditori ambulanti così spudorati.

        Ma se lo hai letto proprio oggi!!!
        Guarda bene le ultime tre righr dell'articolo
  • Anonimo scrive:
    DISCRIMINAZIONI GEOGRAFICHE
    cose credete che nel resto d'Italia è diverso?che ipocriti! che retorica....Weblob - Il Meglio del Peggio in Sicilia.....http://membres.lycos.fr/weblob
    • Anonimo scrive:
      Re: DISCRIMINAZIONI GEOGRAFICHE
      Non solo il resto d'italia ma anche il mondo..ogni posto e' diverso...la pirateria esiste ovunque ma in percentualidiverse! Questo e' il dato, poi le conclusionifatele voi.
  • Anonimo scrive:
    Dapperttutto è così...
    Da che mondo è mondo, io al mercato ho sempre sempre visto e saputo di commercio, prima di cassette copiate, ora di cd...Ma poi spudoratamente!...Non stupiamoci + d tanto, su...
    • Anonimo scrive:
      Re: Dapperttutto è così...
      - Scritto da: Max Murdock
      Da che mondo è mondo, io al mercato ho
      sempre sempre visto e saputo di commercio,
      prima di cassette copiate, ora di cd...
      Ma poi spudoratamente!...
      Non stupiamoci + d tanto, su...Ma alle feste di PAESE!!!!!
      • Anonimo scrive:
        Re: Dapperttutto è così...
        - Scritto da: miticica
        - Scritto da: Max Murdock

        Da che mondo è mondo, io al mercato ho

        sempre sempre visto e saputo di commercio,

        prima di cassette copiate, ora di cd...

        Ma poi spudoratamente!...

        Non stupiamoci + d tanto, su...

        Ma alle feste di PAESE!!!!!Gia il patrono si rivolterà nella tomba!
  • Anonimo scrive:
    Carceri d'oro
    Bastano le carceri italiane a contenere tutte le centinaia di persone arrestate ,in questi ultimi tempi ,per spaccio di droghe leggere e vendita di cd piratati?
Chiudi i commenti